• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 10 di 10
  1. #1
    Partecipante
    Data registrazione
    13-06-2008
    Messaggi
    32

    Howard Gardner e frenologia

    Qualcuno sa se spiegando l'idea dell'intelligenza multipla, Gardner ha anche parlato delle teorie frenologiche? Se sì in quale libro?

  2. #2
    Partecipante Super Figo L'avatar di Hermes Ankh
    Data registrazione
    24-05-2008
    Messaggi
    1,805
    Blog Entries
    7

    Riferimento: Howard Gardner e frenologia

    Citazione Originalmente inviato da psicopatic Visualizza messaggio
    Qualcuno sa se spiegando l'idea dell'intelligenza multipla, Gardner ha anche parlato delle teorie frenologiche? Se sì in quale libro?
    Sicuramente in Formae mentis (vedi il cap 2: "L'intelligenza: concezioni anteriori").
    Antecedenti al concetto di intelligenze multiple sono riscontrabili, per Gardner, nella frenologia di F.J. Gall, che localizzava in area specifiche del cervello 37 facoltà ed attribuisce a ciascuna poteri mentali differenti e varietà di memorie specifiche.


    Puoi anche vedere questo intervento in cui Gardner ricostruisce le origini della sua riflessione, individuando nella frenologia uno degli antecedenti di Formae mentis:
    http://www.irrepiemonte.it/materiali...mi_20_anni.pdf

    Ciao e buona lettura.


    "L'onda non riesce a prendere
    il fiore che galleggia:
    quando cerca di raggiungerlo
    lo allontana"

    (Rabindranath Tagore)

  3. #3
    Partecipante
    Data registrazione
    13-06-2008
    Messaggi
    32

    Riferimento: Howard Gardner e frenologia

    grazie mille per la risposta. in effetti il mio interesse voleva concentrarsi sulla frenologia. Mi avevano parlato di un libro di Gardner appunto, ma magari conosci qualche testo più specializzato sul tema?

  4. #4
    Partecipante Super Figo L'avatar di Hermes Ankh
    Data registrazione
    24-05-2008
    Messaggi
    1,805
    Blog Entries
    7

    Riferimento: Howard Gardner e frenologia

    Citazione Originalmente inviato da psicopatic Visualizza messaggio
    grazie mille per la risposta. in effetti il mio interesse voleva concentrarsi sulla frenologia. Mi avevano parlato di un libro di Gardner appunto, ma magari conosci qualche testo più specializzato sul tema?
    Non mi sono interessato, in modo particolare, di "frenologia" (i miei interessi riguadano soprattutto Gardner), però potresti iniziare guardando la voce "frenologia" su Wikipedia:
    Frenologia - Wikipedia

    Potrebbe esserti, poi, di aiuto per un primo approfondimento il libro:

    Frenologia, fisiognomica e psicologia delle differenze individuali di Franz Joseph Gall. Antecedenti storici e sviluppi disciplinari
    Autore: Lombardo Giovanni P. - Duichin Marco
    Editore: Bollati Boringhieri



    "L'onda non riesce a prendere
    il fiore che galleggia:
    quando cerca di raggiungerlo
    lo allontana"

    (Rabindranath Tagore)

  5. #5
    Partecipante Super Figo L'avatar di Antopsi
    Data registrazione
    26-06-2003
    Residenza
    Ribera (AG)
    Messaggi
    1,711

    Riferimento: Howard Gardner e frenologia

    scusate, ma la frenologia non è ampiamente superata? Oggi come oggi è quasi ciarlataneria...
    http://s2.bitefight.it/c.php?uid=49195

    Is not dead what it can eaternal live, but in strange eaons even death may die...

    Io ne ho viste cose che vuoi umani non potreste immaginarvi. Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione... e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser... e tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia. E' tempo di morire.

    Scegliete la vita, scegliete un lavoro, scegliete una carriera, scegliete la famiglia, scegliete un maxitelevisore del cavolo, scegliete lavatrice, macchina, lettore cd e apriscatole elettrici. Scegliete la buona salute, il colesterolo basso e la polizza vita; scegliete mutuo a interessi fissi, scegliete una prima casa, scegliete gli amici. Scegliete una moda casual e le valigie in tinta, scegliete un salotto di tre pezzi a rate e ricopritelo con una stoffa del cavolo, scegliete il fai-da-te e il chiedetevi chi siete la domenica mattina. Scegliete di sedervi sul divano a spappolarvi il cervello e lo spirito con i quiz, mentre vi ingozzate di schifezze da mangiare. Alla fine scegliete di marcire, di tirare le cuoia in uno squallido ospizio, ridotti a motivo di imbarazzo di stronzetti viziati ed egoisti che avete figliato per rimpiazzarvi. Scegliete il futuro, scegliete la vita. Ma perché dovrei fare una cosa cosí? Io ho scelto di non scegliere la vita. Ho scelto qualcos'altro. Le ragioni? Non ci sono ragioni. Chi ha bisogno di ragioni quando ha l'eroina?

    Il mio blog... Venitemi a trovare.

    Avanguardista del F.E.R.U. e Governatore della provincia di Palermo.
    I GATTI DOMINERANNO IL MONDO!

  6. #6
    Partecipante Super Figo L'avatar di Hermes Ankh
    Data registrazione
    24-05-2008
    Messaggi
    1,805
    Blog Entries
    7

    Riferimento: Howard Gardner e frenologia

    Citazione Originalmente inviato da Antopsi Visualizza messaggio
    scusate, ma la frenologia non è ampiamente superata? Oggi come oggi è quasi ciarlataneria...
    Come ho detto nel post precedente, io, personalmente, non sono interessato alla frenologia (anche perché contrasterebbe in maniera radicale con i miei presupposti filosofici ed epistemologici). L'ho incrociata solo nel corso dell'approfondimento del pensiero di alcuni autori come Gardner (intelligenze multiple).

    Costituisce, certo, oggi, parte dell'archeologia del sapere, ma ciò non toglie che il suo studio possa risultare interessante per qualcuno.


    "L'onda non riesce a prendere
    il fiore che galleggia:
    quando cerca di raggiungerlo
    lo allontana"

    (Rabindranath Tagore)

  7. #7
    Partecipante
    Data registrazione
    13-06-2008
    Messaggi
    32

    Riferimento: Howard Gardner e frenologia

    la frenologia è sicuramente superata come scienza applicata ma personalmente risulta una materia estremamente affascinante. Non solo perché ha aperto la strada alla moderna neuropsicologia (con la suddivisione del cervello per aree, anche se sbagliate), ma anche per le teorie che identificano una modificazione morfologica del cranio.
    Mi piaceva capire se questa pseudoscienza fosse caduta in disuso a causa dal velleitario utilizzo in campi pratici (come in criminologia), o se più semplicemente a causa delle scoperte di Broca e Wernicke.

    Accantonando l'interesse per la frenologia, ti ringrazio per i testi propostimi. Quello su Gardner lo prenderò sicuramente. Ma ne conosci altri dello stesso autore che trattano l'argomento del thread e che magari costano un pò meno?

  8. #8
    Partecipante Leggendario L'avatar di pinga
    Data registrazione
    09-02-2002
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    2,111

    Riferimento: Howard Gardner e frenologia

    Citazione Originalmente inviato da psicopatic Visualizza messaggio
    Mi piaceva capire se questa pseudoscienza fosse caduta in disuso a causa dal velleitario utilizzo in campi pratici (come in criminologia), o se più semplicemente a causa delle scoperte di Broca e Wernicke.
    credo sia caduta in disuso non appena si è iniziato a capire il discorso dei network cerebrali.

  9. #9
    Partecipante Esperto L'avatar di Bellatrix
    Data registrazione
    30-01-2006
    Residenza
    Bologna
    Messaggi
    296

    Riferimento: Howard Gardner e frenologia

    Citazione Originalmente inviato da pinga Visualizza messaggio
    credo sia caduta in disuso non appena si è iniziato a capire il discorso dei network cerebrali.
    soprattutto questo, perchè oggi non si parla di "zone dell'intelligenza" per esempio ma di circuiti neuronali

  10. #10
    theduke84
    Ospite non registrato

    Riferimento: Howard Gardner e frenologia

    Anch'io mi sono interessato alla teoria di Gardner..però, a parte il fatto che alcuni studiosi l'abbiano trovata ampiamente criticabile (es. Cornoldi e anche R.A. Fabio, nel suo libro "Intelligenza potenziale"), a me sembra caratterizzata tanto da idee innovative quanto da considerazioni difficili da dimostrare e da sostenere in termini teorici...voi che ne pensate?

Privacy Policy