• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 3 di 3
  1. #1
    Partecipante Affezionato L'avatar di Sally_85
    Data registrazione
    26-09-2007
    Messaggi
    85

    l'esperimento associativo in Jung

    ciao a tutti!
    ho un quesito a cui molto probabilmente non riesco a rispondere perchè non ho ben capito il concetto di COMPLESSO in Jung.

    si afferma che l'esperimento associativo di Jung è uno dei tre metodi che egli utilizza per rendere conoscibile l'inconscio (personale), per esplorarlo.
    Ora, leggendo lo svolgimento dell'esperimento associativo, si arriva alla conclusione che la reazione disturbata alla parola-stimola si verifica perchè essa ha colpito un complesso. In sostanza, l'esperimento associativo rivela tale complesso.
    Ma come arrivo da qui al concetto di inconscio?

    scusate, ho scritto in modo un po' confusionario..ma non riesco a fare di meglio!
    qualcuno mi può illuminare???help!

  2. #2
    Postatore Epico L'avatar di Johnny
    Data registrazione
    10-04-2005
    Messaggi
    9,991

    Riferimento: l'esperimento associativo in Jung

    Citazione Originalmente inviato da Sally_85 Visualizza messaggio
    Ma come arrivo da qui al concetto di inconscio?
    il complesso è inconscio.

    Complesso significa "insieme", dunque è l'insieme di certi contenuti psichici. Quando il pz ha una resistenza nelle associazioni, significa che l'analisi ha toccato materiale che appartiene ad un "complesso".

  3. #3

    Riferimento: l'esperimento associativo in Jung

    Citazione Originalmente inviato da *-ras-* Visualizza messaggio
    il complesso è inconscio.

    Complesso significa "insieme", dunque è l'insieme di certi contenuti psichici. Quando il pz ha una resistenza nelle associazioni, significa che l'analisi ha toccato materiale che appartiene ad un "complesso".

    Il complesso per Jung è un insieme organico di contenuti mentali ed emotivi non coscienti che disturbano la vita della persona, condizionandone la sua personalità in maniera negativa.
    Jung aveva ben compreso che la mente emozionale(l'inconscio) procede secondo la logica associativa e che per essa ogni singola parte di un tutto ha il potere di evocare l'intero associando le immagini in base ad elementi sommariamente omogeni. Contando il tempo con il quale una persona rispondeva a una parola Jung aveva intuito un rapporto tra il tempo impiegato per rispondere e una difficoltà della persona stessa.
    L'inconscio personale è costituito da complessi, attraverso la parola stimolo e il tempo di risposta(test associativo) individuo il complesso/i complessi che disturba/no l'attività cosciente.
    Ultima modifica di CarlGustavJung : 22-09-2008 alle ore 11.42.32

Privacy Policy