• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 3 123 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 34
  1. #1
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    18-02-2005
    Residenza
    Belluno
    Messaggi
    162

    regime dei minimi vs nuove attività

    c'è qualcuno che ha avviato l'attività dopo l'entrata in vigore del regime dei minimi ed ha optato per questa invece che l'agevolato triennale delle nuove attività? io non so che fare, e la bilancia pende di qua e di là a seconda delle consulenze.

    secondo voi ci si può 'arrangiare' senza commercialista? costano una cifra e se non si lavora si paga anche quello e basta

    ai più esperti: quali / quante scadenze di pagamento / versamento iva ecc. nei minimi?
    grazie fin d'ora...

  2. #2
    Partecipante L'avatar di marta978
    Data registrazione
    18-01-2005
    Residenza
    vicenza
    Messaggi
    59

    Riferimento: regime dei minimi vs nuove attività

    io ho chiesto al commercialista dell'ordine (consulenza gratuita).
    mi ha detto che conviene il regime dei minimi (a me, non so se in generale) perchè:
    .non va a sommarsi come reddito all'altro lavoro che ho
    .paghi di tasse solo se fatturi
    .non serve il commercialista
    .le prestazioni sono iva esente.

    però non si possono avere soci, e bisogna star sotto una determinata cifra annua (che io avendo lo studio 1 gg o 2 alla settimana non raggiungerò mai)
    cmq puoi chiedere al commercialista dell'ordine...
    quella del Veneto è stata super brava: mi ha dato tutte le info e addirittura mi ha dato anche la copia di tutti i documenti che mi serviranno (tipo comunicazione all'ulss di inizio attività, modello per i pazienti,...)

  3. #3
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    18-02-2005
    Residenza
    Belluno
    Messaggi
    162

    Riferimento: regime dei minimi vs nuove attività

    grazie marta, sei stata gentilissima

    anch'io avevo sentito la consul. ord. e mi aveva consigliato come te, ma altri commercialisti erano orientati per l'altra possibilità... (di qui i dubbi, inoltre avevo trovato degli esempi con redditi ipotetici ecc ecc e pareva convenisse invece l'altra opzione)
    alla fine credo opterò per i minimi...

    rispetto il modello per pz, ti riferisci a quelli sul sito del veneto (informativa, consenso) o ce ne sono anche altri? tipo hai anche il mod 'contratto' pz?

    tu (o altri) hai idea di quali/quante scadenze di pagamento (v. domanda precedente) in questo regime?
    Ultima modifica di marata59 : 21-08-2008 alle ore 22.47.24

  4. #4
    Partecipante L'avatar di marta978
    Data registrazione
    18-01-2005
    Residenza
    vicenza
    Messaggi
    59

    Riferimento: regime dei minimi vs nuove attività

    allora io ho
    .esempi di parcellazione (sia per paz che per una associazione)
    .dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (per l'ulss?)
    .fac-simile per i dati personali (che inizia così: gentile cliente, in qualità di interessato.... -forse è qs che c'è nel sito dell'ordine-)
    .promemoria adempimenti

    per quanto riguarda le scadenze proprio non saprei.
    cmq l'8 settembre ho visto che fanno un incontro nella sede dell'ordine...

  5. #5
    Partecipante Super Esperto
    Data registrazione
    26-07-2003
    Messaggi
    743

    Riferimento: regime dei minimi vs nuove attività

    Per regime minimo intendi quello fino a 30.000 euro, senza IVA e con aliquota al 20%?
    Perchè io adesso ho quello ma nei primi 3 anni il commercialista mi ha fatto usare quello per le nuove attività che, se ben ricordo, non aveva ritenuta d'acconto e aliquota al 10%.
    Io mi sono trovata benissimo con il primo... peccato durasse solo 3 anni...
    Dopo un anno di regime normale (un casino da gestire, con pagamento IVA ogni 3 mesi e maggiorazione del conto del commercialista per tutta la gestione dei fornitori) è uscito questo minimo e ci sono passata subito: ti
    conviene se fai molta formazione perchè su quella paghi l'IVA (mentre sull'attività clinica no, è SEMPRE esente a prescindere da quale regime tu abbia).
    Comunque oltre al commercialista dell'ordine sentine anche uno "tuo", che veda le tue dichiarazioni dei redditi, la tua situazione patrimoniale, ecc.: un conto sono dei consigli generali che può darti un commercialista che non ti conosce, un conto sono le singole situazioni individuali...
    Vimae

  6. #6
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    18-02-2005
    Residenza
    Belluno
    Messaggi
    162

    Riferimento: regime dei minimi vs nuove attività

    Citazione Originalmente inviato da marta978 Visualizza messaggio
    allora io ho
    .esempi di parcellazione (sia per paz che per una associazione)
    .dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (per l'ulss?)
    .fac-simile per i dati personali (che inizia così: gentile cliente, in qualità di interessato.... -forse è qs che c'è nel sito dell'ordine-)
    .promemoria adempimenti

    per quanto riguarda le scadenze proprio non saprei.
    cmq l'8 settembre ho visto che fanno un incontro nella sede dell'ordine...
    ok, allora sono le cose che ho, manca solo il 'contratto', che se ho ben capito va 'personalizzato'.
    ovviamente non posso esserci l'8/09, sono parecchio distante anche se del veneto, e poi lavoro...
    certo che avviarsi in autunno non è una buona scelta, si paga l'enpap per intero...
    anche tu hai iniziato quest'anno? e come ti pare vada? ciao

  7. #7
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    18-02-2005
    Residenza
    Belluno
    Messaggi
    162

    Riferimento: regime dei minimi vs nuove attività

    Citazione Originalmente inviato da Vimae Visualizza messaggio
    Per regime minimo intendi quello fino a 30.000 euro, senza IVA e con aliquota al 20%?
    Perchè io adesso ho quello ma nei primi 3 anni il commercialista mi ha fatto usare quello per le nuove attività che, se ben ricordo, non aveva ritenuta d'acconto e aliquota al 10%.
    Io mi sono trovata benissimo con il primo... peccato durasse solo 3 anni...
    Dopo un anno di regime normale (un casino da gestire, con pagamento IVA ogni 3 mesi e maggiorazione del conto del commercialista per tutta la gestione dei fornitori) è uscito questo minimo e ci sono passata subito: ti
    conviene se fai molta formazione perchè su quella paghi l'IVA (mentre sull'attività clinica no, è SEMPRE esente a prescindere da quale regime tu abbia).
    Comunque oltre al commercialista dell'ordine sentine anche uno "tuo", che veda le tue dichiarazioni dei redditi, la tua situazione patrimoniale, ecc.: un conto sono dei consigli generali che può darti un commercialista che non ti conosce, un conto sono le singole situazioni individuali...
    si, quello fino a 30.000, che è attivo solo dal 01/01/08.
    per ora non so se farò molta formazione (intendi come insegnamento o conduzione gruppi?), ho visto che in alcuni casi non c'è definizione univoca e non si sa bene se applicare l'iva o no;
    ma se si opta per i minimi, se non ho capito male, non c'è l'esclusione su tutto in base al ex art. 1, c. 100 L 244/07?... ho un po' di confusione...

    e purtroppo non conosco nessun commercialista...

    grazie a entrambe per gli utili contributi
    Ultima modifica di marata59 : 22-08-2008 alle ore 01.13.30

  8. #8
    Partecipante Super Esperto
    Data registrazione
    26-07-2003
    Messaggi
    743

    Riferimento: regime dei minimi vs nuove attività

    Cosa intendi per esclusione su tutto?
    Se posso darti un consiglio forse ti conviene aprire P. IVA quando inizierai ad avere proposte lavorative concrete, in modo da capire cosa sia meglio per te...
    ad esempio se ti capita un progetto in una scuola, è uno solo e di poche ore, non ti converrebbe neppure aprirla ma sarebbe meglio fare con ritenuta d'acconto (si può fino ai 5000 euro).
    Il regime per le nuove attività ad esempio dura solo 3 anni e non conviene "bruciarselo" non fatturando per tutto il primo anno...
    Anche se non conosci commercialisti prova a sentirne qualcuno tramite colleghi (è la cosa migliore: i loro commercialisti conoscono ormai bene il mondo della psicologia!) o amici.
    Un buon criterio per scegliere è l'onorario (ho sentito cifre di ogni genere, alcune decisamente sproporzionate, altre adeguate) o la vicinanza (i primi tempi avrai tante cose da chiedere e sarai lì mooolto spesso).
    Vimae

  9. #9
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    18-02-2005
    Residenza
    Belluno
    Messaggi
    162

    Riferimento: regime dei minimi vs nuove attività

    intendevo esclusione iva per le diverse prestazioni, anche quelle 'non esenti' (tipo insegnamento),
    non so se consola la mia confusione, ma un addetto all'agenzia delle entrate mi ha riferito che hanno fatto la legge (contrib. minimi) ma dopo quasi un anno sono ancora molte le cose da chiarire ed i modelli da fare, e si sta mettendo a punto 'in itinere', pensa te. se alcune cose sono poco chiare a loro figurati io...

    e purtroppo si deve aprire la piva anche per un solo pz, è questo il fatto...

  10. #10
    Partecipante L'avatar di marta978
    Data registrazione
    18-01-2005
    Residenza
    vicenza
    Messaggi
    59

    Riferimento: regime dei minimi vs nuove attività

    credo che non sia più così CHE IL REGIME DURA SOLO 3 ANNI. mi sembra duri finchè uno non supera la soglia economica fissata... almeno così c'è scritto nel foglietto che mi han dato.

    per quanto riguarda l'aprire in autunno... forse non è la scelta migliore ma ci son comunque 4 mesi fino a dicembre e l'enpap per i primi anni di iscrizione all'albo o cmq con redditi ridotti fa pagare meno (non mi sembrava tantissimo).
    poi ho pensato che se non inizio ora, non inizierò più...
    speriam di avere tanti pazienti così paghiam tutto!!!!!

  11. #11
    Partecipante Super Esperto
    Data registrazione
    26-07-2003
    Messaggi
    743

    Riferimento: regime dei minimi vs nuove attività

    Citazione Originalmente inviato da marta978 Visualizza messaggio
    credo che non sia più così CHE IL REGIME DURA SOLO 3 ANNI. mi sembra duri finchè uno non supera la soglia economica fissata... almeno così c'è scritto nel foglietto che mi han dato.
    Interessante, e qual è la soglia economica fissata?
    Comunque se per il momento si lavora solo con pazienti si tratta di attività clinica e quindi già esente da IVA.
    Per insegnamento si intende l'insegnare solo in corsi di formazione come psicologo: se cioè ti chiama una scuola può farti un contratto a progetto o assumerti a tempo determinato come insegnante (anche se insegni psicologia agli alunni), se invece prepari un corso per insegnanti/educatori o altro... allora lo fai come psicologa e devi mettere l'IVA.
    Anche se ho sentito di scuole che, per non pagare l'IVA con la scusa che tanto non avevano modo di scaricarla, chiedevano che la prestazione fosse messa sotto la voce sportello d'ascolto (esente dall'IVA).
    Vimae

  12. #12
    Partecipante Affezionato L'avatar di Psicopa!
    Data registrazione
    19-01-2008
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    69

    Riferimento: regime dei minimi vs nuove attività

    Ciao a tutti.
    Anche io vorrei provare ad avviare un'attività privata.
    Vorrei chiedervi maggiori informazioni sulla dichiarazione da rendere alla USL? a che serve? è obbligatoria? che cosa dovrei comunicargli?
    Siamo obbligati a fare firmare il consenso per la privacy anche se i dati vengono usati esclusivamente per la terapia?
    Grazie di ogni aiuto e indicazione che potete darmi!!
    L'essenziale è invisibile agli occhi

  13. #13
    Partecipante L'avatar di marta978
    Data registrazione
    18-01-2005
    Residenza
    vicenza
    Messaggi
    59

    Riferimento: regime dei minimi vs nuove attività

    allora...
    qui il foglietto della commercialista dice:
    requisiti di accesso al regime agevolato:
    .compensi annui inferiori a 30.000euro
    .nessun dipendente o collaboratore
    .investimenti in beni strumentali inferiori a 15.000 euro nell'ultimo triennio
    .nessuna partecipazione in associazioni professionali,...

    per l'ulss non so se è obbligatoria,... non so nemmeno dove bisogna inviarla, ma è un foglietto, meglio mandarlo...

    per la privacy credo invece sia obbligatorio sempre...

  14. #14
    Partecipante Super Esperto
    Data registrazione
    26-07-2003
    Messaggi
    743

    Riferimento: regime dei minimi vs nuove attività

    Oddio sto andando in confusione: quello sotto i 30.000 euro so che non ha scadenza (e non ha IVA e aliquota fissa al 20%), è quello per l'apertura delle nuove attività che io sapevo avere una scadenza di 3 anni (ed è quello che ha l'IVA ma l'aliquota è del 10% e non ha ritenuta d'acconto).
    Forse stiamo parlando di 2 cose diverse?
    Perchè secondo me converrebbe, se si fa solo attività clinica, iniziare con quello per l'apertura nuove attività (anche se hai l'IVA in realtà la applichi su pochissime prestazioni, però paghi il 10% di tasse su quanto fatturi e non il 20).
    Terminati i 3 anni invece conviene passare all'agevolato (perchè l'aliquota è del 20% invece del normale 23%).
    Ovviamente parlo per le informazioni che ho (io ho aperto p. IVA nel 2004, magari le cose erano diverse), tanto che ora dopo i 3 anni del primo regime sono passata al secondo (fino a 30,000 euro, tanto con la nostra professione non c'è pericolo di sforare...), anche perchè io faccio tanta formazione e quindi mi sarebbe convenuto non avere l'IVA.
    Vimae

  15. #15
    Partecipante L'avatar di marta978
    Data registrazione
    18-01-2005
    Residenza
    vicenza
    Messaggi
    59

    Riferimento: regime dei minimi vs nuove attività

    io stavo parlando del regime dei minimi...
    cmq dal 2004 le cose sono sì cambiate.... addirittura son cambiate da gennaio di qs anno...
    però dell'altra modalità non so niente

Pagina 1 di 3 123 UltimoUltimo

Privacy Policy