• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 23
  1. #1
    Partecipante Assiduo L'avatar di alexia_s
    Data registrazione
    23-08-2005
    Messaggi
    204

    Come deve essere "Lo STUDIO"?

    Ciao a tutti!
    Ho una domanda da fare:
    Ho ristrutturato una stanza in casa mia che fin ora ho usato come studio personale (vedi studiare per eds e altro)
    Ora vorrei aprire al pubblico dato che sono iscritta all'ordine da due anni e vi chiedo:

    Come deve esere la stanza?

    Ci sono normative precise (vedi ASL) per i locali? per esempio io ho il bagno ma è direttamente in studio e non ho la sala d'attesa.. possono farmi controlli?
    Cosa ne sapete voi?
    Devo avvisare il mio comune?
    Come avete fatto voi?
    Ho preparato dei volantini pubblicitari: devo per forza aspettare il nulla osta dell'ordine prima di distribuirli?

    Grazie......................................

  2. #2
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    18-02-2005
    Residenza
    Belluno
    Messaggi
    162

    Riferimento: Come deve essere "Lo STUDIO"?

    da quanto ne so, ma non sono espertissima, la nostra professione non richiede le autorizzazioni sanitarie ed i relativi controlli dei locali. uno può aprire a casa sua o dove vuole, basta che abbia un locale che si presta.
    nelle dichiarazioni di inizio attività (asl, agenzia entrate) c'è lo spazio per indicare il luogo dove ricevi. per il comune non so, forse se metti la targa fuori...ma non sei obbligata a metterla.
    io penso, ma è un'idea del tutto personale, che le persone vengono se ne hanno sentito parlare da qualcuno, con i passaparola, non perchè vedono la targa passando e si fermano o ti chiamano. qualcuno pensa che è addirittura controproducente rendersi così visibili. poi dipende dal luogo e dalla 'cultura' del posto. dalle mie parti so di molte persone che si fanno anche 100 e più km e vanno fuori provincia per non correre il rischio di 'essere visti' da qualcuno che conoscono mentre escono dallo studio...Nelle grandi città credo questo problema non sussusta
    Ultima modifica di marata59 : 24-08-2008 alle ore 12.19.51

  3. #3
    Partecipante Esperto L'avatar di larapull
    Data registrazione
    24-01-2005
    Messaggi
    439

    Riferimento: Come deve essere "Lo STUDIO"?

    ciao!concordo pienamente con marata.
    nello studio dove ricevo c'è la sala d'attesa ma non credo sia cosi importante (salvo accompagnamenti vari...)soprattutto se decidi di lasciar intercorrere qualche minuto tra un z e l'altro

  4. #4
    Partecipante Assiduo L'avatar di alexia_s
    Data registrazione
    23-08-2005
    Messaggi
    204

    Riferimento: Come deve essere "Lo STUDIO"?

    Ciao !
    La sala d'attesa mi è utile perchè sono specializzata in età evolutiva e di solito prefesrisco vedere il bambino da solo, senza i genitori.
    Davvero non ci sono limiti per lo studio?
    Secondo voi dove dovrei informarmi?

    nelle dichiarazioni di inizio attività (asl, agenzia entrate)
    c'è lo spazio per indicare il luogo dove ricevi.

    Come si fa a dichiarare l'inizio dell'attività?????????

    Per la targa avevo pensato anch'io di aspettare, per privacy (vivo in un piccolo paese e vorrei aprire li), e in quanto al passaparola... LO SPERO!

    Ho anche intenzione di fare delle brochure informative (del tipo cosa fa la psicologa, a cosa serve etc) da lasciare nello studio del medico di base. a questo riguardo avete info?
    Grazieeeeeee

  5. #5
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    18-02-2005
    Residenza
    Belluno
    Messaggi
    162

    Riferimento: Come deve essere "Lo STUDIO"?

    comunicazione avvio attività:
    - asl: ho scaricato il modulo sul sito dell'ordine, va compilato e inviato alla asl
    - agenzia entrate: contemporaneamente alla apertura partita iva su modulo specifico direttamente all'agenzia (trovi lì i modelli a seconda del regime fisc. scelto)
    - poi manca l'enpap, entro 90 gg dall'emissione 1^ fattura
    per la targa sono d'accordo con te, anche perchè costa davvero una cifra....
    per tutta la pubblicità (incluse broschure, targa, ecc) senti l'ordine...
    ciao

  6. #6
    Postatore Compulsivo L'avatar di Calethiel
    Data registrazione
    19-04-2005
    Residenza
    Roma provincia
    Messaggi
    3,590

    Riferimento: Come deve essere "Lo STUDIO"?

    Per la normativa per i locali, non sono sicura che non ci siano vincoli....io mi ero iniziata ad informare tempo fa per aprire però un centro convenzionaro, e mi avevano detto che ci voleva bagno per disabili, tot metratura delle stanze ecc....per una stanza da usare come studio non so, probabilmente no...comunque ti consiglio di sentire l'ordine.
    Per la pubblicità adesso non è più necessario il nullaosta, (ci dovrebbe essere qualcosa sul sito dell'ordine ma non lo trovo) ma io eviterei i volantini, diverso per le brouchure da lasciare dal medico, quelle possono essere utili.

    Mentre il saggio indica la luna, lo stolto guarda il dito

    Non ti curar di loro, ma guarda oltre e passa

  7. #7
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di pimo_eli
    Data registrazione
    06-06-2006
    Residenza
    provincia di Varese
    Messaggi
    1,480

    Riferimento: Come deve essere "Lo STUDIO"?

    l'ordine ti può fornire tutte le notizie necessarie.
    Per quanto riguarda l'asl non so che dichiarazione si debba fare...
    La dichiarazione di inizio attività la fai nel momento in cui vai all'agenzia delle entrate e richiedi la partita iva. Io avevo inserito il domicilio fiscale, non dove ricevo.
    Dal momento in cui fai la prima fattura come psicologa, poi, devi iscriverti anche all'enpap entro 60 o 90 giorni (ti consioglio di guardare sul sito dell'enpap). Per come aprire la partita iva e quale regime fiscale fare chiedi ad un commercialista (di solito l'ordine offre unservizio gratuito di consulnza fiscale).
    Altro non so.
    Ah, sì, se vuoi mettere la targa devi fare richiesta sia all'ordine sia al comune. Di più non so.

  8. #8
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    18-02-2005
    Residenza
    Belluno
    Messaggi
    162

    Riferimento: Come deve essere "Lo STUDIO"?

    per la pubblicità non serve un nulla osta, ma va inoltrata comunque la richiesta (a parte biglietti da visita) all'ordine e si deve attendere un parere (che alla fine equivale ad una autorizzazione...). almeno nel veneto (ma non solo, pare) funziona così: non si parte se non da' l'ok l'ordine

  9. #9
    Partecipante Esperto L'avatar di moon2007
    Data registrazione
    09-10-2006
    Messaggi
    315

    Riferimento: Come deve essere "Lo STUDIO"?

    Cosa sapete di più preciso riguardo alla comunicazione da fare alla Asl?
    Conosco colleghi che hanno lo studio ma non hanno fatto comunicazioni.
    Dipende dalla regione?
    Vorrei capire meglio.........
    Grazie!!

  10. #10
    Partecipante Assiduo L'avatar di alexia_s
    Data registrazione
    23-08-2005
    Messaggi
    204

    Riferimento: Come deve essere "Lo STUDIO"?

    Ciao!
    Come consigliato ho sentito l'ordine (DELLA LOMBARDIA)
    Mi hanno detto:
    1 non è necessaria comunicare all'Asl perchè non è uno studio medico ( quindi a differenza di quento ha consigliato Marata 59 credo dipenda dalle regioni, no?)
    2 bisognerebbe sentire l'ufficio tecnico del comune per sapere se ci sono leggi comunali sugli studi di psicologia. Mi ha fatto comunque capire che non è indispensabile..
    3 pubblicità: tranne per i bigliettini da visita è necessario inviare la brochure all'ordine e ti danno un "parere". se ci fosse quelcosa da togliere lo fai tramite telefono con l'addetta. Mi ha comunque detto che non si possono scrivere i tipi di distubi (es io avevo scritto Mi occupo nello specifico di disturbi dell'apprendimento, disturbi d'ansia etc..) ma scrivere "consulenze psicologiche individuali o famigliari etc)
    Per la partita iva (che ho aperto un anno fa in un momento di esaltamento in quento sembrava avessi trovato un lavoretto, beh ormai le cose sono fatte e sentirò il commercialista)

    Qualcun'altro ha info diverse?

  11. #11
    Partecipante Figo L'avatar di levais75
    Data registrazione
    05-12-2006
    Residenza
    milano
    Messaggi
    842

    Riferimento: Come deve essere "Lo STUDIO"?

    Ciao ragazzi, interessante la vostra discussione, anch'io sono all'inizio dell'attività e vorrei sapere se voi avete degli esempi di brochure giusto per avere un'idea di come deve essere scritta, quanto deve essere lunga etc. etc.
    levais75

  12. #12
    Partecipante Assiduo L'avatar di Lithium
    Data registrazione
    01-03-2003
    Residenza
    Milano
    Messaggi
    155

    Riferimento: Come deve essere "Lo STUDIO"?

    Per quanto riguarda Milano, avendo aperto lo studio a casa mi sono informata tempo fa se il comune prevedesse una metratura minima per gli studi (penso non esistano normative specifiche per gli studi di psicologia).
    L'art. 36. (Superficie minima utile degli ambienti) del Regolamento Edilizio del comune di Milano prevede, per il "locale studio" una superficie minima utile di mq. 7,00.
    Credo anch'io che non siano troppo fiscali su queste cose (gli Ordini, perlomeno); ad ogni modo, per chi fosse interessato questo è il link:

    Regolamento Edilizio Milano
    the Dark side Clouds everything


    -------------------------------------

    Sei uno psicologo e vuoi contribuire allo sviluppo scientifico delle applicazioni della Psicologia su Internet?
    Partecipa alla RICERCA SPERIMENTALE SUL COUNSELING PSICOLOGICO ONLINE

    Segnala questa importante iniziativa anche ai tuoi colleghi!

    Per informazioni, visita il link del progetto, oppure contattami


    -----------------------------------------------------------------

  13. #13
    Partecipante Assiduo L'avatar di Lithium
    Data registrazione
    01-03-2003
    Residenza
    Milano
    Messaggi
    155

    Riferimento: Come deve essere "Lo STUDIO"?

    Citazione Originalmente inviato da levais75 Visualizza messaggio
    Ciao ragazzi, interessante la vostra discussione, anch'io sono all'inizio dell'attività e vorrei sapere se voi avete degli esempi di brochure giusto per avere un'idea di come deve essere scritta, quanto deve essere lunga etc. etc.
    Prova a dare un'occhiata a questa:

    Link

    a me sembra molto ben fatta, con tanto di piantina e indicazioni per raggiungere lo studio, e contenutisticamente chiara ed esauriente (forse a tratti un po' ridondante). Tuttavia è di uno psicologo-psicoterapeuta, per cui l'impostazione a livello di contenuto è necessariamente diversa (immagino ad esempio che per uno psicoterapeuta non ci siano problemi a menzionare i disturbi di cui ci si occupa).

    Ciao
    the Dark side Clouds everything


    -------------------------------------

    Sei uno psicologo e vuoi contribuire allo sviluppo scientifico delle applicazioni della Psicologia su Internet?
    Partecipa alla RICERCA SPERIMENTALE SUL COUNSELING PSICOLOGICO ONLINE

    Segnala questa importante iniziativa anche ai tuoi colleghi!

    Per informazioni, visita il link del progetto, oppure contattami


    -----------------------------------------------------------------

  14. #14
    Partecipante Figo L'avatar di levais75
    Data registrazione
    05-12-2006
    Residenza
    milano
    Messaggi
    842

    Riferimento: Come deve essere "Lo STUDIO"?

    Grazie, lithium, molto interessante, spero mi possa essere utile!
    levais75

  15. #15
    Partecipante Esperto L'avatar di Andy66_rm
    Data registrazione
    11-10-2005
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    320

    Riferimento: Come deve essere "Lo STUDIO"?

    Beh... aldilà di come raggiungere lo Studio sarebbe interessante far leggere a un pò di persone "non psicologhe" cosa si fa in questo Studio e chiedere cosa e quanto hanno capito... queste sono le basi rudimentali del marketing... poi se uno si fa le brochure per sè e per addetti ai lavori questa va benissimo
    Andrea

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo

Privacy Policy