• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 4 di 4

Discussione: Aai

  1. #1
    Giurato di Miss & Mister OPs L'avatar di Parsifal
    Data registrazione
    04-03-2002
    Residenza
    Nel buio vicino alle porte di Tannoiser
    Messaggi
    2,719

    Aai

    ciao cerco notizie sull'Adult Attachment Interview,chi mi consiglia qualche testo?

  2. #2
    L'AAI (Adult Attachment Interview) è stata introdotta da George, Kaplan e Main. Si basa su due assunti.
    --> la memoria autobiografica è la ricostruzione del proprio passato alla luce delle nuove esperienze
    ..> la rimozione,, la scissione e l'idealizzazione del passato (in particolare delle esperienze negative) esistono e possono essere analizzate studiando separatamente forma e contenuto dei resoconti autobiografici di natura narrativa.
    La AAI è un'intervista semistrutturata che indaga le descrizioni generali delle relazioni passate coi genitori, i ricordi specifici sul sostegno offerto dai genitori o la contradittorietà dei loro comportamenti e le descrizioni delle relazioni attuali coi genitori.
    Dopo una domanda introduttiva sulla composizione della famiglia di origine ai soggetti iene chiesto di indicare 5 aggettivi per descrivere la loro relazione con ciascun genitore nel corso dell'infanzia. Viene poi chiesto loro:
    --> perchè hanno scelto quegli aggettivi:
    --> a quale genitore si sentono più vicini:
    --> che cosa facevano (da bambini) quando erano turbati, addolorati o ammalati:
    --> cosa ricordano della separazione dei genitori:
    --> se si siano mai sentiti rifiutati dai genitori.
    Si chiede poi in che modo essi ritengono che le loro personalità adulte fossero influenzate da tali esperienze e perchè i genitori -secondo loro- si sono comportati in un dato modo e come si è modificata col tempo la relazione coi genitori.
    Inoltre, engono poste domande sulle esperienze di perdita vissuta dai soggetti in occasione della morte di persone significative, da bambini e da adulti.
    Mi pare che siano in tutto circa 20 domande, l'intervista dura circa un'ora.
    Le interviste vengono poi trascritte parola per parola e codificate secondo l'apposito sistema di codifica. Un criterio importante è la coerenza dell'intervista, definita nei termini delle massime di qualità, quantità, rilevanza e modo (cfr Grice, 1975).
    La codifica dell'intervista porta a tre distinte categorie indicanti tre differenti tipologie di attaccamento (o meglio, rappresentazionidell'attaccamento).
    --> Soggetti Ds (Distaccati svalutanti): enfatizzano la propria indipendenza, quando riconoscono aspetti negativi nella loro infanzia insistono nell'affermare di nn esserne stati influenzati. Più spesso cmq,, esprimono valutazioni estremamente positive delle proprie esperienze di attaccamento ma nn sono in grado di avvalorare tali valutazioni positive facendo riferimento ad eventi concreti indicanti un'interazione sicura. Spesso si giustificano dicendo di nn ricordare con precisione le proprie esperienze risalenti al periodo infantile. Lo stile narrativo è quindi caratterizzato da incoerenza.
    --> Soggetti F (autonomi): nn hanno problemi nell'esporre le proprie valutazioni delle relazioni di attaccamento avute né a riconoscere l'importanza che hanno avuto nello sviluppo della loro personalità. Sono in grado di descrivere coerentemente le proprie esperienze di attaccamento sia nei casi di interazioni negatie che positie.
    --> Soggetti E ( preoccupati): sono ancora molto attenti alle loro esperienze passate di attaccamento e nn sono quindi in grado di descriverle in modo coerente. La loro biografia si caratterizza per la passività e la vaghezza. Talolta ci può essere rabbia mentre parlano della loro attuale relazione coi genitori.

    I soggetti Ds e E rientrano nella tipologia di attaccamento insicuro.
    Una classificazione aggiuntiva (Main, Goldwyn, 1991), sovraordinata a quella principale è
    --> Soggetti U (irrisolti): nn c'è stata elaborazione del lutto (incoerenza nel parlare di uno specifico evento traumatico).

    da "Trasmissione intergenerazionale dell'attaccamento: una prospettiva contestuale", Marinus Van IJzendoorn, Marian J. Bakermans-Kranenburg in "Dalla diade alla famiglia: i legami di attaccamento nella rete familiare", a cura di Lucia Carli.

    In questo libro ci sono molte altre informazioni sull'AAI. Per ora è il libro che mi è capitato sottomano che ne parla più estesamente.
    [“Tutte le lettere sono d'amore”]>>Yellow Letters

  3. #3
    Giurato di Miss & Mister OPs L'avatar di Parsifal
    Data registrazione
    04-03-2002
    Residenza
    Nel buio vicino alle porte di Tannoiser
    Messaggi
    2,719
    Sì sì,il test ce l'ho, ,però sto studiando il sistema di classificazione della Crittenden ,soprattutto quindi mi servirebbero altri testi;comunque le informazioni potrebbero servirmi

  4. #4
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di alea
    Data registrazione
    11-04-2002
    Residenza
    torino
    Messaggi
    1,253
    L. CARLI, Attaccamento e rapporto di coppia, Milano, Cortina.

    è un testo che ho studiato un paio di anni fa presenta ricerche e dati utilizzando aai

    spero di esserti stata utile

    Pat
    "Il Signore, il cui oracolo è a Delfi, non dice nè cela, ma accenna" Eraclito

Privacy Policy