• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 5 123 ... UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 67
  1. #1
    Partecipante
    Data registrazione
    22-01-2005
    Residenza
    cremona
    Messaggi
    57

    35 Anni: Tempo Di Bilanci

    Ciao a tutti/e.
    A settembre compirò 35 anni e, pensando a come ho speso professionalmente questa mia parte di vita, vengo presa da un grande sconforto. In questo spazio vorrei confrontarmi soprattutto con chi, come me, non è agli inizi del percorso lavorativo, e quindi non è sorretto dal naturale entusiasmo dei neofiti, ma sente di essere insoddifatto dei livello raggiunto e non sa cosa fare , perchè troppo tardi per cambiare lavoro o perchè troppo specializzato( io ho alle spalle una scuola di psicoterapia ed un master) o perchè non si sa fare altro ( ho alle spalle il liceo classico). Preciso io ho sempre lavoricchiato, dico così perchè lo stipendio non è mai stato sufficiente alla mia sussistenza economica, prima come coordinatore e ora come psicologa in diversi ambiti.Ma ogni anno la spada di damocle incombe: e se non rivincono l'appalto e mi lasciano a casa,e se non arrivano i finanziamenti e mi lasciano a casa...ecc. Ho l'impressione di non aver costruito nulla,di poter perdere tutto e l'idea di dover ricominciare di nuovo a costruirmi i contatti a fare marketing di lottare con chi, più giovane, si vende a poco, mi distrugge. Molte volte vorrei abbandonare tutto, stare a casa a fare la casalinga e farmi mantenere da mio marito, soprattutto in questo periodo che sono stata chiamata per diverse proposte ma o per mancanza di finanziamenti o perche c'è il raccomandato di turno più forte di me,mi vien detto " mi dispiace lavori bene ma..." ; io sono stufa dei " lavori bene" e poi non se ne fa niente se non conosci l'assessore, il poltico, il prete di turno. 35enni di ops qual'è la vostra situazione lavorativa, a questo punto della vita, professionalmente come vi sentite.
    Una psicologa confusa e amareggiata!!!!

  2. #2
    Postatore Compulsivo L'avatar di francesco27
    Data registrazione
    22-06-2006
    Residenza
    Long Island, N.Y.
    Messaggi
    3,732

    Riferimento: 35 Anni: Tempo Di Bilanci

    ciao, qui è un quasi trentenne di ops!
    il bilancio da me non è in rosso, è da crack cirio o parmalat!!!!
    hahahahahhahahahahahahahahaha!!!!
    La mia zona, l'Abruzzo vive una fase decisamente di regressione nel nostro ambito, chairisco sono psicologo iscritto all'ordine, corsi in psicologia del benessere e 1 anno di specializzazione cognitiva comportamentale sulle spalle e diverse qualifiche nelel risorse umane, amministrazione e gestione del personale.
    Francamente ho raccolto davvero poco, solo i call center mi amano, ma io non amo troppo loro e quindi lavoro ad intermittenza, non ti dico i lavori da educatore cosa sono, meglio chiamarli lavori da domatore di circo hahahahahahahahaha!
    Non ho contatti con la Chiesa menchè meno con i politici però ho deciso di spostarmi al nord per lavorare... un esempio, mentre nelle agenzie di lavoro qui si chiedono perchè uno psicologo faccia anche corsi di formazione in gestione Hr, in Friuli, ieri ho spedito il curriculum oggi mi hanno chiamato per uno stage... vedi tu questi quanto c**** stanno avanti!


    花は桜木人は武士
    "tra i fiori il ciliegio, tra gli uomini il guerriero".
    Nessun Metodo Come Metodo Nessun Limite Come Limite. B.Lee

  3. #3
    Matricola
    Data registrazione
    24-01-2005
    Residenza
    Fossalta di Portogruaro (VE)
    Messaggi
    20

    Riferimento: 35 Anni: Tempo Di Bilanci

    Che dire...a quasi 36 anni da compiere il 18 di questo mese, il tuo messaggio avrei potuto scriverlo io. La tua vita professionale corrisponde alla mia, esattamente così come l'hai descritta. Per giunta oggi ho deciso che non posso decisamente permettermi di proseguire la scuola di specializzazione visto che ho altre spese fisse a cui far fronte. Non mi conforta minimamente sapere che putroppo molti altri colleghi hanno le braghe altrettanto calate. La professione va reinventata, l'inutile Ordine cancellato e l'ENPAP disintegrato.
    Qui in Veneto le cose non vanno meglio che in Abruzzo.
    Che dire ragazzi, buttiamoci su qualcos'altro...oggi ho mandato gli incartamenti per un concorso che naturalmente non è per psicologo visto che per quello chi vuole esclusivamente la specializzazione più cara del mondo.
    Però non dobbiamo buttarci troppo giù, su questa terra ci dobbiamo pur stare o no?
    E che cavolo! Arriverà pur il momento che non avremo spazio sufficiente nell'agenda!
    Vorrei poterti consolare ma oggi anche io sono in una pessima giornata dal punto di vista "bilanci" ma, accidenti, non voglio arrendermi! Accidenti!
    Sentiamo di cosa ti occupi tu? Qual'è il tuo campo....immaino un po' tutti per necessità, proprio come me...dai su recuperiamo un po' di identità professionale...racconta, racconta...

  4. #4
    Matricola
    Data registrazione
    24-01-2005
    Residenza
    Fossalta di Portogruaro (VE)
    Messaggi
    20

    Riferimento: 35 Anni: Tempo Di Bilanci

    Perdono...ho scritto Abruzzo perchè ho confuso la tua località con quella del messaggio di francesco 27 ma tanto mi riferivo a entrambi...

  5. #5
    Partecipante
    Data registrazione
    22-01-2005
    Residenza
    cremona
    Messaggi
    57

    Riferimento: 35 Anni: Tempo Di Bilanci

    Grazie per la solerzia con cui mi avete risposto. é vero mi occupo di tutto e di fatti mi sento molto frammentata. Gli incarichi che riprenderò a Settembre dovrebbere essere: supervisione ad educatori per due cooperative, sembra un bel lavoro ma per arrivarci ci impiego 2 ore e quindi perdo l'intera giornata per poche ore, questo è il motivo per cui vorrei abbandonare questi lavori ma senza il sostitutivo..., consulenza per un'associazione di volontariato sempre che il progetto che ho presentato in provincia venga finanziato, consulenza per insegnanti presso una scuola, incarico al carcere di cremona alla straordinaria cifra di 17,66 euro l'ora.
    Mi sposto tantissimo, devo aggiornarmi in campi molto diversi l'uno dall'altro per poi alla dichiarazionedei redditi vergognarmi di fronte al commercialista che mi dice per consolarmi, che gli inizi sono duri per tutti ( questo è il terzo anno di partita iva, prima ero dipendente).
    Io non ho per fortuna problemi di tipo economico, la scuola me l'hanno pagata i miei e a casa viviamo con lo stipendio di mio marito, è che io non mi sento degna come lavoratrice,mi sembra di fare ancora "dei lavoretti" come se fossi una neolaureata. L'ultima considerazione è che se avessi un figli non potrei gestire la maggior parte dei miei lavoro data la distanza con la mia residenza e quindi mi dico " tanta fatica che poi potrei perdere tutto?" senza rimpianti, ovviamento, se avessi un figlio, ma comunque dovrei ricominciare d'accapo. Nelle altre professioni fai 10 anni di gavetta e puoi dire di aver costruito qualcosa noi no, ogni anno potrebbe essere un nuovo inizio.

  6. #6
    Neofita L'avatar di cisottina
    Data registrazione
    13-06-2007
    Residenza
    vicenza
    Messaggi
    6

    Riferimento: 35 Anni: Tempo Di Bilanci

    Cara trentacinquenne frustrata,
    non ti conosco, non ho idea di quale sia il tuo profilo umano ma quello professionale mi è molto familiare...mi torna.
    Non posso che essere solidale con te ed esprimerti tutta la mia sincera comprensione e vicinanza; credimi: so di cosa stai parlando.
    Ti descrivo il mio di profilo: alla vigilia dei 34 anni, sposata (per fortuna almeno lui ha un lavoro fisso ma uno stipendio non certo stratosferico!), un meraviglioso bambino da cui traggo ogni giorno la fiducia e la forza per affrontare la giornata successiva.
    Il lavoro: dopo anni di turni, di sabati e domeniche a "sfacchianare" come educatrice (retribuzione da fame), ho voluto osare, fare il grande passo...come diciamo noi psicologi...seguire il mio processo di auto-realizzazione; ho mollato l'impiego di educatrice e ho aperto p.iva con la speranza che, piano piano, contatto dopo contatto, avrei tessuto la mia rete e avrei finalmente cominciato ad esercitare il mestiere per cui ho studiato per buona parte della mia vita.
    Ah...giusto per precisare: laurea in psico, specializzazione in psicoterapia, tirocinii etc....tutto assolto!
    Bilancio dopo 2 anni di auto-priomozione (con episodi anche umilinati!):
    una mini collaborazione con una cooperativa per un monte lavorativo di 5 ore alla settimana. Il resto del tempo? lo trascorro su internet a scovare offerte di lavoro, a mandare curriculum nell'attesa che la fortuna giri anche da questa parte.
    La paura più grande? di perdere irrimediabilmente la serenità, di "inquinare" con l'ansia e il malumore che derivano da questa situazione la mia vita privata, di ammalarmi.
    Anch'io spesso vorrei ribaltare questa situazione, cambiare professione ma che cosa faccio a 34 anni senza altre qualifiche ed esperienze? Nada!
    Di questo passo quelli da curare saremo noi psicologi!
    Scusate lo sfogo ma il periodo lo richiede!

  7. #7
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di GIUNONE
    Data registrazione
    20-01-2005
    Residenza
    Iperuranio
    Messaggi
    1,443
    Blog Entries
    1

    Riferimento: 35 Anni: Tempo Di Bilanci

    Carissime colleghe, vi sono solidale e vi dico che la vostra situazione possiede comunque un elemento enormemente positivo, da non sottovalutare. Avete comunque la possibilità di fare il vostro lavoro da psicologhe in quanto la vostra famiglia/marito vi può sorreggere economicamente. Io, invece, non avendo questa possibilità, ho dovuto ABBANDONARE da anni la mia professione per fare tutt'altro e racimolare uno straccio di stipendio che consenta a me ed al mio ragazzo di andare avanti (per cercare di campare a Roma si deve lavorare in 2). E vi dico che l'amarezza, il malumore e lo scoramento si sono impadroniti della mia vita quasi totalmente.

  8. #8
    Partecipante
    Data registrazione
    22-01-2005
    Residenza
    cremona
    Messaggi
    57

    Riferimento: 35 Anni: Tempo Di Bilanci

    Cara Giunone,
    è il gran rispetto che ho per chi non può permettersi di provare a realizzare la nostra aspirazione lavorativa che mi fa andare avanti a provare e riprovare sapendo di lottare anche per chi non può permettersi di farlo.

  9. #9
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di GIUNONE
    Data registrazione
    20-01-2005
    Residenza
    Iperuranio
    Messaggi
    1,443
    Blog Entries
    1

    Riferimento: 35 Anni: Tempo Di Bilanci

    Grazie, psi. Ti faccio un grande in bocca al lupo per la tua carriera, sperando che la ruota giri anche per chi si trova nella mia stessa situazione...
    Ultima modifica di GIUNONE : 06-08-2008 alle ore 11.53.52

  10. #10
    Matricola L'avatar di ElisaPag
    Data registrazione
    14-11-2006
    Residenza
    Legnano
    Messaggi
    22

    Riferimento: 35 Anni: Tempo Di Bilanci

    ciao psi, ciao a tutti!
    io ho 28 anni e lavoro come educatrice, pagata pochissimo, devo fare un mucchio di sacrifici e la notte proprio quando il giorno dopo ho scuola di psicoterapia (e non vi dico..mi tocca tenere gli occhi aperti con le mani)..
    Da quel che sento tutti (tranne i più fortunati..o come dite voi, magari, alcuni "immanicati") sono un pò messi come noi/voi. Vi dico che a volte mi verrebbe voglia di piantare lì la scuola di psicoterapia (anche se è quello che ho sempre sognato di fare: scelta emotiva) e di fare altro..almeno metterei da parte 20.000 euro per il mio futuro, anzichè spenderli per una scuola che non mi dà una speranza sicura di poter trovare un lavoro (ripiego razionale). Eppure no, ci provo..qualcosa mi dice di andare avanti.
    Ma, ditemi voi, ne vale la pena o no? Davvero non c'è lavoro anche dopo la scuola?
    Quanti di quelli che conoscete voi hanno aperto uno studio con successo o trovato lavoro nel pubblico..quanti e soprattutto come ce l'hanno fatta?
    Proviamo a capirlo insieme!

  11. #11
    Postatore OGM L'avatar di willy61
    Data registrazione
    20-09-2004
    Residenza
    Albino (BG)
    Messaggi
    4,192
    Blog Entries
    281

    Riferimento: 35 Anni: Tempo Di Bilanci

    Ciao a tutti/e.

    La mia situazione è abbastanza differente da quella della maggior parte di voi. Ho 46 anni, un diploma di perito chimico industriale, laurea in psicologia, master in psicologia culturale, due anni di scuola di psicoterapia.
    Lavoro dove ho sempre lavorato, in un'industria di produzione cemento. Adesso sto in provincia di Cuneo, a sostituire il responsabile della produzione che è in ferie.
    Lavoro da psicologo? Tutti i giorni. In fondo, il mio lavoro qui è di coordinamento, formazione e verifica dei risultati. Motivazione del personale, gestione dei conflitti, formazione alla sicurezza... tutte cose per le quali la laurea in psicologia clinica mi è stata utilissima.
    Certo, qualcosa come psicologo clinico lo faccio. Un paio di pazienti, corsi di formazione in bioenergetica. A settembre parto con le classi di esercizi in collaborazione con l'ARCI di Bergamo. Ho la mia partita IVA e vivo decentemente.
    La questione di fondo, secondo me, è che non capisco come mai tanti di voi accettano di venire presi a pesci in faccia da cooperative e call-center piuttosto che cercare lavoro come operai in qualche industria. Anche lì sarebbero contratti a tempo determinato, almeno all'inizio. Ma, almeno qui al nord, si passa rapidamente a tempo indeterminato. E si guadagna bene (vedo periti agrari lavorare in fabbriche di tessuti, a tempo determinato ma con stipendi da 1200 euro netti al mese, quindi vi dico, non è che il titolo di studio, in certe realtà conti chissà quanto. L'importante è la disponiblità ad imparare e la capacità di mettersi in gioco).
    Non so, sono curioso di capire cosa faccia sì che tante persone intelligenti e capaci scelgano costantemente lavori sottopagati. Ma è meglio essere un conduttore di impianti con la tuta ma con un buono stipendio e una decente considerazione a livello sociale, o un educatore sottopagato e con scarsi riconoscimenti anche al di fuori del lavoro?
    Sono io che vedo le cose con gli occhiali rosa? Sono io che mi sbaglio e, magari, queste strade le avete già percorse senza successo? Può darsi. E sarei curioso di capire meglio.

    Buona vita

    Guglielmo
    Dott. Guglielmo Rottigni
    Ordine Psicologi Lombardia n° 10126

  12. #12
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di GIUNONE
    Data registrazione
    20-01-2005
    Residenza
    Iperuranio
    Messaggi
    1,443
    Blog Entries
    1

    Riferimento: 35 Anni: Tempo Di Bilanci

    Citazione Originalmente inviato da ElisaPag Visualizza messaggio
    ciao psi, ciao a tutti!
    io ho 28 anni e lavoro come educatrice, pagata pochissimo, devo fare un mucchio di sacrifici e la notte proprio quando il giorno dopo ho scuola di psicoterapia (e non vi dico..mi tocca tenere gli occhi aperti con le mani)..
    Da quel che sento tutti (tranne i più fortunati..o come dite voi, magari, alcuni "immanicati") sono un pò messi come noi/voi. Vi dico che a volte mi verrebbe voglia di piantare lì la scuola di psicoterapia (anche se è quello che ho sempre sognato di fare: scelta emotiva) e di fare altro..almeno metterei da parte 20.000 euro per il mio futuro, anzichè spenderli per una scuola che non mi dà una speranza sicura di poter trovare un lavoro (ripiego razionale). Eppure no, ci provo..qualcosa mi dice di andare avanti.
    Ma, ditemi voi, ne vale la pena o no? Davvero non c'è lavoro anche dopo la scuola?
    Quanti di quelli che conoscete voi hanno aperto uno studio con successo o trovato lavoro nel pubblico..quanti e soprattutto come ce l'hanno fatta?
    Proviamo a capirlo insieme!

    Ciao elisa, la scuola non ti dà sicuramete garanzie di inserimento ma ti dà maggiori opportunità come ad esempio per molti concorsi. Della mia classe chi lavora, lo fa poco ed a sprazzi ed è mantenuto dalla famiglia. Bisogna perseverare sicuramente nella ricerca e provare più concorsi possibili.

  13. #13
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di GIUNONE
    Data registrazione
    20-01-2005
    Residenza
    Iperuranio
    Messaggi
    1,443
    Blog Entries
    1

    Riferimento: 35 Anni: Tempo Di Bilanci

    Aggiungo una osservazione:
    durante un convegno organizzato dalla mia Scuola, il vice sindaco della mia città, dopo un bellissimo sproloquio sull'utilità e l'indispensabilità della ns professione terminò ammonendoci in tal modo con voce stentorea: "Mi raccomando, NON ACCETTATE UN LAVORO CHE NON SIA IL VOSTRO!! NON DOVETE FARLO ASSOLUTAMENTE!!" ripetendolo 5-6 volte..
    Mi volevo alzare e menarla!!

  14. #14
    Partecipante Assiduo L'avatar di paolaluna
    Data registrazione
    22-10-2006
    Residenza
    roma
    Messaggi
    194

    Riferimento: 35 Anni: Tempo Di Bilanci

    Cari amici,
    ho 48 anni, lavoro da 25 anni in un'azienda di informatica, settore amministrativo, azienda che ha subito in questi anni una ristrutturazione dopo l'altra e noi impiegati, pur essendo inquadrati con un contratto a tempo indeterminato, non sappiamo mai cosa ci toccherà l'anno successivo, siamo passati attraverso cassa integrazione, contratti di solidarietà, cessioni di ramo d'azienda ,acquisizioni varie, vi assicuro che pur trattandosi di una grossa azienda (eravamo 15000 ora siamo 2500 dipendenti) la precarietà ed il senso di incertezza lo viviamo da anni sulla nostra pelle con tutto ciò che comporta.
    Sono psicologa, ma pur avendo fatto una scelta lavorativa diversa che speravo mi garantisse un po' di sicurezza, questa sicurezza non l'ho mai avuta e convivo comunque con la frustrazione che mi deriva dal fare un lavoro che non amo.
    A me i vs 35 anni sembrano così pochi... penso magari li avessi io, potrei ancora dare un corso diverso alla mia vita... non so... vorrei dirvi di non arrendervi e seguire quella che sentite essere la vs strada, tempo per i rimpianti c'e sempre e qualunque scelta si faccia.
    Baci

  15. #15
    Partecipante Assiduo L'avatar di fabypsy22
    Data registrazione
    25-06-2008
    Residenza
    Potenza
    Messaggi
    144

    Riferimento: 35 Anni: Tempo Di Bilanci

    Ciao ragazzi, vi abbraccio tutti!
    Io comincio solo ora ad affacciarmi al mondo del lavoro e sto amaramente constatando quanto dite. La situazione è grigia e magra ovunque.
    Vi auguro tutto il bene del mondo!

Pagina 1 di 5 123 ... UltimoUltimo

Privacy Policy