• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 15
  1. #1
    Partecipante L'avatar di David1982
    Data registrazione
    27-12-2007
    Messaggi
    35

    Corso O.s.a. Psicologia Dell'invecchiamento

    Ciao a tutti, cari colleghi! In questi giorni mi è stato proposto di fare alcune docenze (in totale 10 ore) ad un gruppo di 20 persone (prevalentemente signore di mezza età ) aventi come tema la psicologia dell'invecchiamento. Le lezioni fanno parte di un corso per OSA (ovviamente tale corso non prevede il rilascio dell'attestato alla fine) e deve quindi "formare" i presenti ad avere una giusta relazione durante l'assistenza all'anziano.
    Mi sto documentando un pò in giro (sono laureato in psy del lavoro, quindi devo trovare un pò di materiale da proporre e studicchiare), voi che cosa mi consigliereste come attività pratica da svolgere in aula? Simulazioni, casi? Oppure avete idea di qualche gioco costruttivo da suggerire come intermezzo alla lezione?

    Attendo consigli!!
    L'unica differenza tra me e un pazzo è che io non sono pazzo -Salvador Dalì-

    L'arte è magia liberata dalla menzogna di essere verità -Adorno-

  2. #2
    Partecipante Assiduo L'avatar di joconda77
    Data registrazione
    17-05-2008
    Messaggi
    163

    Riferimento: Corso O.s.a. Psicologia Dell'invecchiamento

    Più che altro come hai fatto a farti chiamare? Io vorrei insegnare per i corsi oss e osa ma non ho capito l'indirizzo giusto a cui rivolgermi...se puoi aiutarmi...

  3. #3
    Partecipante Super Esperto L'avatar di Brisa
    Data registrazione
    23-03-2004
    Messaggi
    528

    Riferimento: Corso O.s.a. Psicologia Dell'invecchiamento

    emm... al momento mi viene in mente solo un testo della erickson "vivere il tramonto", te lo segnalo perchè spesso le persone anziane sono anche morenti, o cmq pensano spesso alla morte, ma solitamente chi le assiste cerca di evitare l'argomento...

    Nel concreto di cosa devono occuparsi gli operatori che vai a formare? per caso sai quali temi verranno trattati nelle altre lezioni (nn quelle che tieni tu.. nn so se mi sono spiegata)

    PS: rilancio la domanda di jocaonda, perchè fino ad ora le associazioni che organizzano corsi osa a cui inviato il cv non mi hanno nenache risposto
    PPS:se la risp è che devi conoscere qualcuno per favore nn darmela!!

  4. #4
    Partecipante L'avatar di David1982
    Data registrazione
    27-12-2007
    Messaggi
    35

    Riferimento: Corso O.s.a. Psicologia Dell'invecchiamento

    Per quanto ne so le altre lezioni riguardano: principi di igiene, teorie basilari sulla comunicazione, elementi di geriatria, nozioni di primo soccorso.
    Di Erickson mi sto leggendo già "i cicli della vita", più che altro volevo delucidazioni su qualche attività pratica da fare in aula per rendere più leggera la lezione e per rendere direttamente applicabili i contenuti del corso visto che molte delle frequentanti andranno a fare le badanti... qualche suggerimento?

    Come ho fatto a farmi chiamare? diciamo che l'ente che mi ha chiamato è l'agenzia dove ho fatto un tirocinio qualche mese fa...
    L'unica differenza tra me e un pazzo è che io non sono pazzo -Salvador Dalì-

    L'arte è magia liberata dalla menzogna di essere verità -Adorno-

  5. #5
    Partecipante Veramente Figo
    Data registrazione
    09-05-2007
    Residenza
    liguria
    Messaggi
    1,277

    Riferimento: Corso O.s.a. Psicologia Dell'invecchiamento

    Ciao,

    alla luce della qualifica delle tue future discenti io proporrei dei giochi di ruolo sul contatto corporeo.

    Gli anziani allettati e non scarsamente vengono toccati e, per chi lavora con/su il corpo del pz geriatrico può essere (anche inconsciamente) giudicato come: ripugnante, puzzolente, brutto da vedersi; in realtà l'oss può avere un contatto anche con il corpo del pz quindi una simulata sui vissuti emotivi legati al contatto possono far emergere pregiudizi degli operatori che potrebbero danneggiare la qualità della relazione.
    Non ti so dare delle indicazioni precise su un gioco piuttosto che un altro, credo tu possa prepararlo, pensarlo da solo; io lo farei fare a coppia con un gruppo di discenti che osserva chi tocca e l'altro che osserva chi viene toccato.
    Al termine puoi chiedere a ciascun partecipante come si è sentito, che emozioni ha provato (fastidio, paura, vergogna, piacere....), dopo di che allarghi al grande gruppo sempre tenendo conto dei 2 gruppi di osservazione.
    Credo che ne usciranno delle belle per cui tu avrai tutti gli elementi per connettere gli aspetti teorici relativi:
    importanza della CNV con il pz anziano,
    importanza della congruenza tra parole e gesti nell'approccio con il pz,
    pregiudizi ed influenza degli stessi............................................ ................................................

    Mi concentro ancora e ti scrivo cosa mi viene in mente

    Mi dici la struttura dove andranno a lavorare le OSS, potrebbe essere utile

    Grazie
    Ultima modifica di tanatoss : 23-07-2008 alle ore 14.45.41
    il silenzio è pace, è serenità. A.G.

  6. #6
    Partecipante L'avatar di David1982
    Data registrazione
    27-12-2007
    Messaggi
    35

    Riferimento: Corso O.s.a. Psicologia Dell'invecchiamento

    Siccome il corso rilascia un attestato di frequenza, ma NON un certificato per poter fare l'OSA (che serve per poter lavorare in strutture pubbliche e ASL), penso che molte delle signore frequentanti, andranno a fare le classiche badanti a domicilio...
    Riguardo al gioco che proponevi, l'idea di approfondire il tema dei vissuti emotivi legati al contatto mi sembra sicuramente buona, solo che non ho ancora ben chiare le modalità : consigli di dividere il gruppo a coppie e far impersonare ad ogni coppia il malato e l'operatore? oppure prendere 2 persone come esempio e far annotare a tutti gli altri le impressioni della simulata??
    L'unica differenza tra me e un pazzo è che io non sono pazzo -Salvador Dalì-

    L'arte è magia liberata dalla menzogna di essere verità -Adorno-

  7. #7
    Partecipante Veramente Figo
    Data registrazione
    09-05-2007
    Residenza
    liguria
    Messaggi
    1,277

    Riferimento: Corso O.s.a. Psicologia Dell'invecchiamento

    Quando faccio le simulate in un gruppo grande (25 pers per es) chiedo volontari per le simulate. Se nessuno si propone scelgo sulla base del gioco di presentazione che per me è utilissimo per farmi un'idea dell'uditorio.

    Metto due sedie una di fronte all'altra e faccio sedere i 2 volontari. Chiedo agli osservatori di mantenere il max rispetto per ciò che osserveranno, sentiranno etc quindi pretendo il max silenzio poi vado a spiegare il gioco. Nella situazione in cui ti troverai puoi pensare di dare le seguenti istruzioni:
    A) immagini di essere pesante come tre sacchi di cemento e di fare fatica a muoversi per questo necessita dell'aiuto di altri per muoversi. Rimanga in silenzio per tutta la durata del gioco
    B) Le chiedo di far alzare la persona che troverà seduta, di invitarla a fare alcuni passi, quindi di invitarla a sedersi. Se la posizione che assumerà la persona non Le sembra adeguata dovrà sistemarla in una più comoda.

    Le istruzioni le darei separatamente anche dal grande gruppo che verrà incaricato di osservare A e B a seconda di chi vedono meglio. Il grande gruppo NON deve scrivere altrimenti brucia dei momenti importanti ma deve riuscire a tenere a mente ciò che vede. Tra l'altro se osserva e non scrive si identifica di più.

    Hai mai fatto simulate David. Credo che sia necessaria esperienza altrimenti ti sarà più difficile gestire imprevisti, empasse del gioco, attacchi da parte del gruppo ai volontari.
    In genere io inizio con un gioco e solo dopo faccio la parte teorica questo per avere un gruppo con "occhi puliti", viceversa dopo comprendono meglio la parte teorica
    il silenzio è pace, è serenità. A.G.

  8. #8
    Partecipante L'avatar di David1982
    Data registrazione
    27-12-2007
    Messaggi
    35

    Riferimento: Corso O.s.a. Psicologia Dell'invecchiamento

    hai ragione: io ho 10 ore a disposizione, divise in 3 giorni. Penso di proporre il gioco che mi hai consigliato (e che mi sembra molto attinente e non troppo complicato) a metà del programma, di modo che gli possa servire come riferimento pratico della teoria che poi sarà spiegata.
    Sono alla mia seconda esperienza formativa, ho fatto simulate, role palying e focus group solo in ambito accademico... per me sarà una valida occasione per cercare di capire i punti che devo ancora sviluppare per formare al meglio il mio profilo professionale. D'altronde penso che l'esperienza insegni più di tanti libri molte volte, no?
    Grazie per i consigli!
    L'unica differenza tra me e un pazzo è che io non sono pazzo -Salvador Dalì-

    L'arte è magia liberata dalla menzogna di essere verità -Adorno-

  9. #9
    Partecipante Veramente Figo
    Data registrazione
    09-05-2007
    Residenza
    liguria
    Messaggi
    1,277

    Riferimento: Corso O.s.a. Psicologia Dell'invecchiamento

    Ottimo

    Puoi pensare anche ad un gioco sul silenzio e le emozioni che mette in gioco magari in seconda giornata. C'è famoso quello dello scompartimento ferroviario
    il silenzio è pace, è serenità. A.G.

  10. #10
    Partecipante L'avatar di David1982
    Data registrazione
    27-12-2007
    Messaggi
    35

    Riferimento: Corso O.s.a. Psicologia Dell'invecchiamento

    Scompartimento ferroviario?
    Io ho un libro con alcuni giochi per la conduzione dei gruppi (Franco Angeli ed.), ma questo proprio nun ce sta e non ne ho mai sentito parlare... sai dirmi qualcosa di più preciso?
    Thanx
    L'unica differenza tra me e un pazzo è che io non sono pazzo -Salvador Dalì-

    L'arte è magia liberata dalla menzogna di essere verità -Adorno-

  11. #11
    Partecipante Super Esperto L'avatar di Brisa
    Data registrazione
    23-03-2004
    Messaggi
    528

    Riferimento: Corso O.s.a. Psicologia Dell'invecchiamento

    Molto carina l'idea di tanatos

    il gioco del treno probabilmente è questo:
    2 volontari... tutti gli altri osservano
    i due volontari devono far finta di trovarsi in un treno, il primo ha avuto la consegna "cerca in tutti i modi di comnicare" il secondo ha la consegna opposta "non devi comunicare".
    scopo del gioco dovrebbe essere quello di far capire che non si può non comunicare e che anche attraverso postura, sguardo ecc.. posssiamo comunicare qualcosa, anche inconsapevolmente (l'altro interpreta i nostri gesti come tentativi di comunicare qualcosa).

    cmq aspettiamo tanatos

  12. #12
    Partecipante Veramente Figo
    Data registrazione
    09-05-2007
    Residenza
    liguria
    Messaggi
    1,277

    Riferimento: Corso O.s.a. Psicologia Dell'invecchiamento

    BINGO Brisa: 10 e lode.

    Comunque lo si trova anche nei testi di Giochi Psicologici
    il silenzio è pace, è serenità. A.G.

  13. #13
    Partecipante Veramente Figo
    Data registrazione
    09-05-2007
    Residenza
    liguria
    Messaggi
    1,277

    Riferimento: Corso O.s.a. Psicologia Dell'invecchiamento

    io lo scompartimento ferroviario lo faccio fare con almeno 5 partecipanti e solo ad uno dico (separatamwente dal gruppo) di non comunicare in alcun modo.

    Al termine faccio allargare il cerchio e chiedo prima agli osservatori che cosa hanno osservato qs per far prendere fiato a chi ha giocato.
    Poi in senso orario chiedo a ciascun giocatore come si è sentito, cosa ha provato, cosa lo ha infastidito e cosa gli è piaciuto; cerco di tenere il volontario "muto" per ultimo a lui le medesime domande.
    Simulata apparentemente semplice che tuttavia può riservare degli ostacoli e dei momenti di gestione dell'aggressività.
    IMPORTANTE:
    si parla uno alla volta e non ci si sovrappone,
    si deve avere rispetto di ciò che si sente e si vede
    il silenzio è pace, è serenità. A.G.

  14. #14
    Matricola L'avatar di silvia.psico
    Data registrazione
    01-04-2008
    Residenza
    vicenza
    Messaggi
    19

    Riferimento: Corso O.s.a. Psicologia Dell'invecchiamento

    Ma come fate a fare i docenti?Ho chiamato in regione e mandato curriculum e non sono mai stata considerata!Ho chiamato anche 10min. fa e mi hanno detto ke ci vuole esperienza di 2 anni nella docenza..e li mi è venuto un nervoso e ho rispost "ma se nessuno mi offre l'opportunità, come faccio a farmela l'esperienza???!!".
    e considerato che io ho già il diploma di OSS-OSA, son laureta in servzio sociale e ora in psicologia, in + esperienza nel sociale...si può sapere che altra preparazione mi serve per poter fare docenza???
    sono arrabbiata e molto delusa dopo anni di studio, lavoro e sacrifici on ho nulla in mano!

  15. #15

Privacy Policy