• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 3 123 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 31
  1. #1
    Matricola L'avatar di barbybond
    Data registrazione
    16-07-2004
    Residenza
    provincia Novara
    Messaggi
    18

    Prova Pratica EVOLUTIVA (v.o. e n.o.)

    Ciao a tutti
    sono alla ricerca di altre persone che faranno il caso clinico di evolutiva.
    Le domande e i dubbi sono tanti, ma se ci fosse uno scambio di opinioni si potrebbe iniziare a chiarirsi qualche idea....
    Nell'ultimo mio messaggio (nella discussione "esame di stato a torino sessione giungno 2008") ho già trattato in parte delle questioni che potrebbero essere discusse.
    Inoltre se ci fosse qualcuno interessato si potrebbe creare un gruppetto di discussione circa qualche caso clinico di evolutiva..
    ...un lavoro di rete diciamo eh eh

    ......attendo risposte e idee

    B.

  2. #2
    Matricola L'avatar di barbybond
    Data registrazione
    16-07-2004
    Residenza
    provincia Novara
    Messaggi
    18

    Riferimento: Prova Pratica EVOLUTIVA (v.o. e n.o.)

    caspita ma tutti quelli dell'evolutiva sono desaparecidos o immersi nei libri alla ricerca di risposte o
    proporrei un caso che ho trattato se a qualcuno può interessare....

  3. #3

    Riferimento: Prova Pratica EVOLUTIVA (v.o. e n.o.)

    Ciao potresti postare il caso che hai trattato? Io sono ancora alle prese a studiare il dsm non ho ancora iniziato ad esercitarmi sui casi.... Mi farebbe piacere disuterne con te...

  4. #4
    Matricola L'avatar di barbybond
    Data registrazione
    16-07-2004
    Residenza
    provincia Novara
    Messaggi
    18

    Riferimento: Prova Pratica EVOLUTIVA (v.o. e n.o.)

    anch'io sto cercando di studiare anche se sto facendo riferimento di piu' alla divisione dell'ICD-10, perchè dove ho fatto tirocinio facevano riferimento a quello per la diagnosi, comunque dato che non abbiamo molto tempo conviene buttarsi subito sui casi ...ora posto il caso e poi proviamo a discuterlo insieme

  5. #5
    Matricola L'avatar di barbybond
    Data registrazione
    16-07-2004
    Residenza
    provincia Novara
    Messaggi
    18

    Riferimento: Prova Pratica EVOLUTIVA (v.o. e n.o.)

    Citazione Originalmente inviato da marica02 Visualizza messaggio
    Ciao potresti postare il caso che hai trattato? Io sono ancora alle prese a studiare il dsm non ho ancora iniziato ad esercitarmi sui casi.... Mi farebbe piacere disuterne con te...
    Le insegnanti di una scuola elementare segnalano allo psicologo del servizio di età evolutiva, un bambino di otto anni di nome Luca, frequentante la terza classe. Le insegnanti riferiscono che Luca è talmente irrequieto da rendere spesso difficile il normale svolgimento delle lezioni. Ha difficoltà a rimanere seduto al proprio posto e si dondola in continuazione sulla sedia, tanto che spesso finisce con un tonfo per terra, attirando l’attenzione di tutta la classe. Durante le lezioni giocherella spesso sul banco con vari oggetti e chiama qualche compagno facendolo distrarre. Non mostra interesse per nessuna materia e il suo rendimento scolastico è molto al di sotto della media anche se, a detta delle insegnanti, sembrerebbe un bambino con buone capacità.
    Quando scrive sotto dettatura fa molti errori di distrazione ed ha una pessima calligrafia, in quanto tende a scrivere velocemente. Detesta talmente disegnare che raramente si riesce a fargli produrre qualcosa. La materia che sembra gradire di più è la matematica. Quando deve lavorare da solo si distrae con facilità, lasciando incompiuto ciò che gli è stato assegnato. Durante la ricreazione corre in continuazione dentro e fuori dell’aula, urtando contro i banchi o finendo addosso a qualche compagno.
    Le maestre riferiscono inoltre che ultimamente Luca è spesso di cattivo umore ed è diventato sempre più disubbidiente, il più delle volte sembra non ascoltare quello che gli si dice ed è provocatorio anche con i compagni, con i quali spesso finisce per litigare.
    Il candidato formuli:
    • • quale potrebbe essere la prima ipotesi diagnostica;
    • • quali strumenti psico diagnostici utilizzerebbe per convalidare o eventualmente smentire la prima ipotesi diagnostica, giustificandone la scelta ed evidenziando quali indicatori (indici, livelli di scale, ecc.) dovrebbero emergere dall'applicazione degli strumenti per poter convalidare l'ipotesi formulata;
    • • quali ulteriori notizie anamnestiche ritiene di dover acquisire per completare il quadro dei dati necessari e quali altri aspetti del comportamento approfondirebbe durante i colloqui diagnostici.

  6. #6
    Partecipante L'avatar di evelyn81
    Data registrazione
    30-06-2008
    Messaggi
    35

    Riferimento: Prova Pratica EVOLUTIVA (v.o. e n.o.)

    eccoci!!! io incomincio oggi a studiare e a guardarmi qualche caso già risolto. ma voi su quali libri studiate oltre icd10 o dsm?

  7. #7
    Matricola L'avatar di barbybond
    Data registrazione
    16-07-2004
    Residenza
    provincia Novara
    Messaggi
    18

    Riferimento: Prova Pratica EVOLUTIVA (v.o. e n.o.)

    Citazione Originalmente inviato da evelyn81 Visualizza messaggio
    eccoci!!! io incomincio oggi a studiare e a guardarmi qualche caso già risolto. ma voi su quali libri studiate oltre icd10 o dsm?

    ciao
    guarda io non studio proprio direttamente sul manuale dell'ICD-10 o dsm, ma faccio riferimenti a testi che trattano sia uno che l'altro per la parte di sviluppo. Quindi mi rivedrò degli appunti dell'Ammaniti Psicopatologia dell'Infanzia e Psicopatologia dell'adolescenza (ci dovrebbero essere ancora su ops dei riassunti di questi testi), per i test li guardo su Psicologia Clinica della Lis. Poi mi è stato prestato un libro che è Psicopatologia dello Sviluppo di Graziella Fava Vizziello e rispetto ad altri lo trovo molto piu' schematico. Inoltre in un capitolo riprende le diverse sindromi e disturbi secondo la divisione dell'ICD-10. Io non ho fatto l'università a Torino anche se faccio lì l'esame di stato, ma una mia amica mi ha fatto vedere quello che a Torino usano molto e mi ha consigliato l'acquisto di Psicopatologia del Bambino di Marcelli Daniel della Masson (c'è anche per l'adolescenza), io l'ho ordinato, ma non penso che farò in temo a vederlo per l'esame. In ogni caso poi è un po' soggettivo in base a dove uno si trova meglio a studiare, le categorie poi sono quelle.
    Se i casi risolti ce li hai su pc potresti postarli e condividerli anche per una discussione....
    Io tra poco scriverò le mie considerazioni circa il caso che ho postato ieri


    ciauuu
    B.

  8. #8
    Partecipante L'avatar di evelyn81
    Data registrazione
    30-06-2008
    Messaggi
    35

    Riferimento: Prova Pratica EVOLUTIVA (v.o. e n.o.)

    ma si può portare il dsm all'esame???

  9. #9
    Partecipante L'avatar di paciarotta
    Data registrazione
    06-04-2005
    Residenza
    torino
    Messaggi
    40

    Riferimento: Prova Pratica EVOLUTIVA (v.o. e n.o.)

    Ciao! Io sto guardando anche un libro che si chiama Guida pratica alla consultazione psicodiagnostica in etò evolutiva di Luciana Cursio...è breve, fatto bene e schematico...
    Guarderò l'ammaniti e la lis...

  10. #10
    Partecipante L'avatar di paciarotta
    Data registrazione
    06-04-2005
    Residenza
    torino
    Messaggi
    40

    Riferimento: Prova Pratica EVOLUTIVA (v.o. e n.o.)

    Per quanto riguarda il caso...così a primo impatto sembra un diturbo dell'attenzione e iperattività (HDDI si chiama?) però non si possono formulare molte ipotesi se non si ha un minimo di amamnesi sulla storia e i genitori (completamente assente).

    Per quanto riguarda gli indicatori...boh...ma si intende test? Comunque gioco libero, disegno libero, disegno della famiglia per capire il funzionamento dell'Io e lo sviluppo delle relazioni oggettuali... eventualmente test di intelligenza..ma non necessariamente.. So di un bambino con il quale si pensava necessaria la Wish ma poi nei colloqui si è rivelato inutile perchè è intelligente.

    Comunque ho risposto subito non è che ci ho pensato molto. Forseanche il Blacky??
    E voi??
    Grazie per questa possibilità comunque..Poi se volete faccio vedere il caso ad un'esperta e vi dico quel che ha detto, ok?

  11. #11
    Partecipante L'avatar di paciarotta
    Data registrazione
    06-04-2005
    Residenza
    torino
    Messaggi
    40

    Riferimento: Prova Pratica EVOLUTIVA (v.o. e n.o.)

    Ho un'ansia...

  12. #12
    Matricola L'avatar di barbybond
    Data registrazione
    16-07-2004
    Residenza
    provincia Novara
    Messaggi
    18

    Riferimento: Prova Pratica EVOLUTIVA (v.o. e n.o.)

    Citazione Originalmente inviato da evelyn81 Visualizza messaggio
    ma si può portare il dsm all'esame???
    purtroppo No. Non ho mai sentito nessuna commissione che facesse tenere il Dsm, quindi non penso proprio che la nostra faccia eccezioni.Non so poi tu di che commissione fai parte, ma nella commissione A non hanno fatto tenere nè il cod.deontologico non commentato, nè il dizionario dei sinonimi e contrari, ma solo e unicamente il dizionario di Italiano!


    ps: ora devo scappare quindi scriverò stasera le considerazioni sul caso...

  13. #13
    Matricola L'avatar di barbybond
    Data registrazione
    16-07-2004
    Residenza
    provincia Novara
    Messaggi
    18

    Riferimento: Prova Pratica EVOLUTIVA (v.o. e n.o.)

    quello che dici si chiama DDAI o ADHD dipende se fai riferimento all'acronimo italiano o inglese
    secondo me ci può stare anche se mancano diversi dati, comunque Io come prima ipotesi diagnostica, anche per stare un po' soft e non scrivere ADHD, avrei scritto Disturbo dell'attenzione con iperattività e in comorbidità con disturbo dell'apprendimento. comunque stasera spiego meglio gli altri passaggi d'intervento, ora devo proprio andare a presto
    ciaoo




    Citazione Originalmente inviato da paciarotta Visualizza messaggio
    Per quanto riguarda il caso...così a primo impatto sembra un diturbo dell'attenzione e iperattività (HDDI si chiama?) però non si possono formulare molte ipotesi se non si ha un minimo di amamnesi sulla storia e i genitori (completamente assente).

    Per quanto riguarda gli indicatori...boh...ma si intende test? Comunque gioco libero, disegno libero, disegno della famiglia per capire il funzionamento dell'Io e lo sviluppo delle relazioni oggettuali... eventualmente test di intelligenza..ma non necessariamente.. So di un bambino con il quale si pensava necessaria la Wish ma poi nei colloqui si è rivelato inutile perchè è intelligente.

    Comunque ho risposto subito non è che ci ho pensato molto. Forseanche il Blacky??
    E voi??
    Grazie per questa possibilità comunque..Poi se volete faccio vedere il caso ad un'esperta e vi dico quel che ha detto, ok?

  14. #14
    Matricola L'avatar di barbybond
    Data registrazione
    16-07-2004
    Residenza
    provincia Novara
    Messaggi
    18

    Riferimento: Prova Pratica EVOLUTIVA (v.o. e n.o.)

    Citazione Originalmente inviato da paciarotta Visualizza messaggio
    Per quanto riguarda il caso...così a primo impatto sembra un diturbo dell'attenzione e iperattività (HDDI si chiama?) però non si possono formulare molte ipotesi se non si ha un minimo di amamnesi sulla storia e i genitori (completamente assente).

    Per quanto riguarda gli indicatori...boh...ma si intende test? Comunque gioco libero, disegno libero, disegno della famiglia per capire il funzionamento dell'Io e lo sviluppo delle relazioni oggettuali... eventualmente test di intelligenza..ma non necessariamente.. So di un bambino con il quale si pensava necessaria la Wish ma poi nei colloqui si è rivelato inutile perchè è intelligente.

    Comunque ho risposto subito non è che ci ho pensato molto. Forseanche il Blacky??
    E voi??
    Grazie per questa possibilità comunque..Poi se volete faccio vedere il caso ad un'esperta e vi dico quel che ha detto, ok?

    Dunque direi prima di tutto che bisogna vedere una serie di elementi che andrebbero approfonditi che possono far sorgere una serie di interrogativi, ma che non possono comunque darci delle risposte certe perchè nel protocollo non ci sono. Cioè a mio avviso andrebbero comunque segnati, per far comprendere alla commissione che stiamo ragionando sul caso e stiamo prendendo in considerazioni piu' variabili...Ad esempio per prima cosa il caso viene segnalato dalle insegnanti, questo cosa ci fa dire...? forse che il bambino in questione ha genitori non molto attenti e un po' carenti verso i suoi bisogni?....questo va approfondito in fase anamnestica. Oppure che i problemi segnalati dalla scuola non sono presenti a casa o che loro non li vivono come un problema da segnalare?
    Circa la presenza di comportamenti iperattivi va innanzitutto verificato se, in che misura e in quali momenti sono presenti nei contesti extrascolastici.
    Sempre comunque durante il colloquio di anamnesi con i genitori va fatto presente che bisognerebbe ripercorrere tutte le tappe di sviluppo evolutivo del bambino, soffermandosi oltre che su dati soprattutto su vissuti, sulle autonomie raggiunte, sulle modalità relazionali con i familiari e con il gruppo dei pari. In parallelo, previo consenso dei genitori, si mantiene un contatto di scambio con il gruppo insegnanti della scuola del bambino, per acquisire informazioni utili nel processo diagnostico e poi per monitorare l'evoluzione dei comportamenti e degli apprendimenti del bambino.
    Il percorso con il bambino inizierebbe con degli incontri di colloquio durante i quali sarebbe possibile osservare le modalità relazionali del bambino nel nuovo contesto, come si muove nello spazio, che tipo di linguaggio usa, come si rivolge allo psicologo, cosa sa del motivo per cui è giunto al servizio, quali sono le sue motivazioni (solo estrinseche o anche intrinseche, invia dei segnali di richiesta d'aiuto, vive questa situazione come problematica o ciò che preoccupa le insegnanti non coincide con le sue di preoccupazioni?!).
    Seguendo poi la spontanea apertura del bambino indagare certe aree (quali ad esempio interessi, relazioni con i compagni, giochi, scuola, genitori, fratelli o sorelli, nonni ect...) per far emergere i vissuti del bambino circa queste aree. Importante far emergere l'area circa le paure e le rabbie, anche se è possibile che durante il primo incontro il bambino sia piu' difeso ed emergano piu' facilmente con l'ausilio di altri canali come il gioco o il disegno. Oltre all'osservazione e al colloquio gli strumenti che verranno introdotti per la valutazione diagnostica potranno essere gioco, Test grafici, prima sempre un disegno spontaneo e poi gli altri (ex.famiglia e disegni delle emozioni). Sebbene il bambino "detesti disegnare" non è detto che ciò possa essere dovuto ad una bassa autostima circa questa modalità e quindi va rinforzato o può anche darsi che sia dovuto ad una incapacità di mantenere un attenzione prolungata e quindi disegnando di fretta non riesca a portare a termine anche questo "compito" in maniera adeguata e che di conseguenza non si senta "capace" (collegato di conseguenza al discorso autostima). E' tuttavia un'area che va sperimentata perchè ci può dire molto di come reagisce il bambino e sulle sue modalità di affrontare questa prova. Ad esempio ci può dire che non si sente "capace nel compito" o che non tollerara la frustrazione.
    Il test intelletivo (WISC III R) andrebbe comunque somministrato prima del proiettivo, anche questo non darebbe soltanto un valore quantitativo del QI verbale, di performance e totale, ma fornirebbe anche dei dati qualitativi circa le modalità in cui affronta prove nuove che non conosce. E' presente ansia di fronte alle prove e se sì verso quali? come reagisce quando non riesce nella prova? se risultasse normo e bendotato come utilizza le sue capacità? la sfera emotiva-affettiva è ben controllata o inficia le capacità cognitive?
    Si potrebbe poi passare ad un test proiettivio per l'indagine più approfondia delle aree circa il sè e affettivo-relazionali (ad esempio CAT o Blacky).
    Eventualmente con i genitori ed insegnati si potrebbero anche far compilare dei questionari come ad esempio la scala per il comportamento infantile (CBCL) e la checklist per la ADHD (SDAI per gli insegnanti e SDAG per i genitori).


    Per l'esame vorrei mettere giù le risposte ai quesiti richiesti magari in modo più organizzato e per punti, comunque queste sono alcune considerazioni che ho fatto io sul caso in questione, vorrei sentire le vostre idee e opinioni....


    Ultima modifica di barbybond : 08-07-2008 alle ore 02.33.52

  15. #15
    Partecipante L'avatar di evelyn81
    Data registrazione
    30-06-2008
    Messaggi
    35

    Riferimento: Prova Pratica EVOLUTIVA (v.o. e n.o.)

    Poniamo il caso che io ho scritto all'inizio che farò riferimento all'approccio psicodinamico...poi mi ritrovo il caso di un bambino che ha una fobia...posso suggerire come intervento la desinsibilizzazione sistematica...che invece è una tecnica cognitivo comportamentale ma mi sembra la più appropriata????

Pagina 1 di 3 123 UltimoUltimo

Privacy Policy