• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 7 di 7
  1. #1
    risposte77
    Ospite non registrato

    Terapia farmacologica tradizionale v/s naturopatia v/s omeopatia

    Salve, mi chiedevo che cosa ne pensate della sostituzione di una terapia farmacologica con una terapia omeopatica.. naturopata..

    Sapete come agiscono queste due tipi di medicina alternativa?
    Quali possono essere gli svantaggi? (es. l'allungamento della terapia.. la minor efficacia etc).

    In quali casi, e se, consiglierete la sostituizione?

  2. #2
    Postatore Compulsivo L'avatar di Calethiel
    Data registrazione
    19-04-2005
    Residenza
    Roma provincia
    Messaggi
    3,590

    Riferimento: Terapia farmacologica tradizionale v/s naturopatia v/s omeopatia

    certo non la sostituirei in tutte le malattie neurologiche o psichiatriche!!
    In patologie più leggere tipo allergia, allora si, potrei sostituirla o meglio integrarle.
    A quale patologie pensavi tu?

    Mentre il saggio indica la luna, lo stolto guarda il dito

    Non ti curar di loro, ma guarda oltre e passa

  3. #3
    risposte77
    Ospite non registrato

    Riferimento: Terapia farmacologica tradizionale v/s naturopatia v/s omeopatia

    Attacchi di panico ed ansia degenerati fino ad uno scompenso

  4. #4
    Postatore Compulsivo L'avatar di Calethiel
    Data registrazione
    19-04-2005
    Residenza
    Roma provincia
    Messaggi
    3,590

    Riferimento: Terapia farmacologica tradizionale v/s naturopatia v/s omeopatia

    e vorresti trattarli solo con omeopatia e naturopatia

    non mi sembra il caso....io sarei per una psicoterapia abbinata ad una terapia farmacologica corretta.

    Mentre il saggio indica la luna, lo stolto guarda il dito

    Non ti curar di loro, ma guarda oltre e passa

  5. #5
    risposte77
    Ospite non registrato

    Riferimento: Terapia farmacologica tradizionale v/s naturopatia v/s omeopatia

    Si stato questo il percorso.. ma sono 5 anni che non ci sono più crisi.. pensavo ad una sostituzione graduale del farmaco per poi lasciare tutto...

  6. #6
    Partecipante Super Figo L'avatar di Hermes Ankh
    Data registrazione
    24-05-2008
    Messaggi
    1,805
    Blog Entries
    7

    Riferimento: Terapia farmacologica tradizionale v/s naturopatia v/s omeopatia

    Citazione Originalmente inviato da risposte77 Visualizza messaggio
    Salve, mi chiedevo che cosa ne pensate della sostituzione di una terapia farmacologica con una terapia omeopatica.. naturopata..

    Sapete come agiscono queste due tipi di medicina alternativa?
    Quali possono essere gli svantaggi? (es. l'allungamento della terapia.. la minor efficacia etc).

    In quali casi, e se, consiglierete la sostituizione?
    Non credo possa esservi una risposta univoca, assoluta. Dipende dal tipo di problema.
    Non conosco più di tanto la naturopatia (ora sembra di moda, ma dietro al nome, da quello che so, si nascondono cose molto diverse e non tutte "limpide"), ma, per quanto riguarda l'omeopatia, che conosco meglio, un buon medico omeopata penso sappia dirti fino a che punto è ipotizzabile una terapia sostitutiva.
    In linea generale, in certi casi è possibile, ma in altri no. L'omeopatia funziona meglio, in genere, come prevenzione, piuttosto che come trattamento di fasi acute. E non funziona, comunque, bene per tutti i tipi di malattie. Io (che mi curo normalmente con l'omeopatia, oltre che con le terapie energetico-vibrazionali), se avessi un problema, mi rivolgerei ad un medico omeopata competente. Un medico omeopata serio (che è legato, comunque, al giuramento di Ippocrate) non ti consiglierà mai di sospendere una terapia farmacologica necessaria.

    Personalemente, poi, conosco meglio terapie di tipo energetico-vibrazionale (che ho studiato e sperimentato). Possono essere di aiuto e, in alcuni casi, possono anche dare risultati che possono essere percepiti come spettacolari, ma non vanno mai considerate come alternative ai farmaci.
    Bisogna sempre diffidare di chi chiede di sospendere la cura farmacologica per intraprendere terapie di altro genere. La sospensione (o la riduzione) di una cura va sempre concordata con il medico curante, in relazione ai progressi che possono essere compiuti utilizzando anche altre terapie di supporto. Questo è un principio cardine deontologico di ogni terapista energetico-vibrazionale.
    Fra queste terapie "di supporto", mi pare particolarmente interessante il "pranic healing", che è stato sperimentato sia in contesti di problematiche organiche, sia in contesti di problematiche di tipo più strettamente psicologico. Per problematiche lievi ti tipo psicologico può essere utile anche il Reiki (ma facendo molta attenzione, perché ci sono molti terapeuti cosiddetti reiki improvvisati che possono fare danni enormi...).
    Se sei interessata ad approfondire queste prospettive, ti inserisco due link:

    .:: Associazione Diffusione Pranic Healing ::.

    Accedi ai Segreti del Reiki di Usui e del Karuna: REIKI INFO



    "L'onda non riesce a prendere
    il fiore che galleggia:
    quando cerca di raggiungerlo
    lo allontana"

    (Rabindranath Tagore)

  7. #7
    risposte77
    Ospite non registrato

    Riferimento: Terapia farmacologica tradizionale v/s naturopatia v/s omeopatia

    Ciao Hermes! Mi vado ad informare sul panic healing! ;-)

    Per quanto riguarda il resto...

    Non sono così pazza da lasciare il farmaco senza adeguato supporto... azi.. ancor prima non sono così pazza da lasciare il farmaco se assolutamente me lo sconsigliano..

    mi sto informando in giro.. ho trovato forse uno psichiatra che usa anche medicine alternative.. vediamo un pò..

    poi continuerò con la psicoterapia.. anche se forse cambierò terapeuta! Anche se onestamente sono stanca.. però..

    Ahhh sono andata anche da un osteopata.. ho un amico che la pratica e mi ha consigliato un amico nella città in cui vivo. Ci ho fatto un paio di sedute.. ho visto che lavora sia a livello scheletrico che muscolare e sistema nervoso.
    Ho fatto un paio di sedute.. mi ha detto che ho dei tessuti che non rispondono (?!)l'ultima volta si e' molto concentrato sulla mia parte destra...

    mmma!

    Ora direi che basta! non vorrei morire d'accanimento terapeutico! scherzo ;-) però non voglio stressarmi emotivamente.. quello si...

Privacy Policy