• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 14 di 14

Discussione: Clonazione.

  1. #1
    Angelus_Laguna
    Ospite non registrato

    Clonazione.

    All'asta il clone di Fido: come replicare il vostro amico a quattro zampe | VIRGILIO Notizie

    Salve ragazzi, vorrei sapere cosa ne pensate della clonazione, a tutti i livelli: l'idea di replicare la vita, animale e anche umana.
    Cosa vi suscita, cosa vi fà pensare?
    Stando all'articolo gli animali clonati avranno lo stesso aspetto ma non è garantito abbiano lo stesso carattere, punto che terrei a sottolineare.

    Inizio io.

    Contrariamente alla stragrande maggioranza, l'idea della clonazione, come processo in sè, non mi causa alcun disturbo o fastidio.
    Non riesco a vedere un discorso cosi diverso , se prendiamo una persona clonata,da chi nasce con riproduzione assistita, una persona che è geneticamente identica ad un altra.
    Anzitutto per amor di scienza il fatto di poter replicare qualcosa di cosi complesso come l'ssere umano lo trovo affascinante e non mostruoso: è un notevole passo avanti della scienza.
    Quello che invece mi viene da pensare, è l'utilità del processo in sè, di chi lo vuole cioè.
    Sposto l'obiettivo non sul "clonato" ma su chi commissiona la clonazione.
    Sino ad ora la clonazione replica il corpo di un individuo creandone una copia a sè.
    Quale sarebbe l'utilità di mettere al mondo una persona che sarà identica ad un altra?
    A livello di spionaggio e via discorrendo, hanno fatto diversi film in merito, ma a livello umano?
    A livello umano lo trovo inutilmente vanesio: volere un figlio/a che fisicamente sia la copia di...chi?
    Troverei molto più utile semmai il fatto di clonare e impiantare organi singoli funzionanti,"corretti".

    Non è che molti hanno paura di una potenziale persona clonata non in tanto quale, ma perchè qualcosa di "diverso"?
    Ultima modifica di Angelus_Laguna : 28-05-2008 alle ore 09.30.43

  2. #2
    Partecipante Super Figo L'avatar di aMara835
    Data registrazione
    04-05-2008
    Residenza
    Altrove
    Messaggi
    1,587

    Riferimento: Clonazione.

    [QUOTE=Angelus_Laguna;1497751Quello che invece mi viene da pensare, è l'utilità del processo in sè, di chi lo vuole cioè.
    Sposto l'obiettivo non sul "clonato" ma su chi commissiona la clonazione.
    Sino ad ora la clonazione replica il corpo di un individuo creandone una copia a sè.
    QUOTE]

    In effetti, l'idea di clonare una persona solo perchè, ad esempio, un uomo o una donna vogliono un figlio "identico a loro" mi sembra molto stupida...io non ci capisco molto di biologia, ma la variabilità del genoma non è la cosa che conta di più ai fini dell'evoluzione?

    Se invece si sperimenta la clonazione per ottenere tessuti o organi che permettano di curare malattie ecc..., ben venga... finche si tratta di PARTI di una persona, e non di una persona completamente formata! Ok, detta così sembra fantascienza, ma l'idea di far "nascere" una piccola me per avere un rene o un fegato nuovi mi disgusta un tantino!!
    "Quando sono buona sono buona, quando sono cattiva sono meglio." (Mae West)

    THE FISHES ARE SILENT DEEP IN THE SEA,
    THE SKIES ARE LIT UP LIKE A CHRISTMAS TREE,
    THE STAR IN THE WEST SHOOTS ITS WARNING CRY:
    MANKIND IS ALIVE BUT MANKIND MUST DIE.
    (W.H. Auden, "Danse macabre")


    No one remembers the singer.
    The song remains.



  3. #3
    Angelus_Laguna
    Ospite non registrato

    Riferimento: Clonazione.

    Effettivamente l'idea di riprodurci solo per clonazione, esempio per assurdo significherebbe dire addio all'evoluzione della specie.
    L'idea però di poter avere "corpi di riserva" dove impiantare il cervello, parlo attualmente di fantascienza, però non mi sembra un idea malvagia di per sè.
    Certo, ci renderebbe pressochè immortali, tranne che per violenza...wow.
    Che sia il prossimo passo?

  4. #4
    theniaka
    Ospite non registrato

    Riferimento: Clonazione.

    ciao!

    per me la questione comincia dal cos' e' "un passo avanti" (parlando della scienza) e anche finisce li. trovo terribile che oggi come oggi c' e' un tipo di "elitismo" da parte di alcuni scienziati, non dire di scienze intere. dal mio punto di vista, anche in psicologia, si deve domandarsi "cosa e' utile? e' veramente utile? quali sarebbero le applicazioni? quali sarebbero le limitazioni?"
    l' "etica" (non parlo di questa religiosa ovviamente) e' un campo teorico -interessante e indispensabile- che c' e' in tutte le scienze, da quanto ne so. purtroppo, una gamma delle eventuali applicazioni della clonazione e' del tipo-"perche' no?". "proponerei" la domanda "perche' si?", anche in psicologia.

    a presto!

  5. #5
    Partecipante Super Figo L'avatar di aMara835
    Data registrazione
    04-05-2008
    Residenza
    Altrove
    Messaggi
    1,587

    Riferimento: Clonazione.

    Citazione Originalmente inviato da Angelus_Laguna Visualizza messaggio
    Effettivamente l'idea di riprodurci solo per clonazione, esempio per assurdo significherebbe dire addio all'evoluzione della specie.
    L'idea però di poter avere "corpi di riserva" dove impiantare il cervello, parlo attualmente di fantascienza, però non mi sembra un idea malvagia di per sè.
    Certo, ci renderebbe pressochè immortali, tranne che per violenza...wow.
    Che sia il prossimo passo?
    Sempre parlando per ipotesi fantascientifiche, a me l'idea di "corpi di riserva" sembra assurda: per prima cosa, se li potrebbero permettere solo alcuni, e non è detto che quei pochi siano i rappresentanti migliori della specie umana. In secondo luogo, se tutti, o comunque molti, trovassero il modo per vivere non dico all'infinito ma comunque oltre il normale limite umano, ci sarebbe o una sovrappopolazione, perchè il rapporto tra nascite e morti sarebbe sbilanciatissimo, oppure nessun ricambio generazionale, perchè saremmo "sempre gli stessi".
    E poi, se davvero ci fossero questi corpi di riserva, sarebbero solo dei corpi, senza coscienza, o delle persone vive e vegete (prendi, sempre per assurdo, il film "the island")?

    Comunque complimenti per il 3d, è un argomento appassionante!!!
    "Quando sono buona sono buona, quando sono cattiva sono meglio." (Mae West)

    THE FISHES ARE SILENT DEEP IN THE SEA,
    THE SKIES ARE LIT UP LIKE A CHRISTMAS TREE,
    THE STAR IN THE WEST SHOOTS ITS WARNING CRY:
    MANKIND IS ALIVE BUT MANKIND MUST DIE.
    (W.H. Auden, "Danse macabre")


    No one remembers the singer.
    The song remains.



  6. #6
    Angelus_Laguna
    Ospite non registrato

    Riferimento: Clonazione.

    Grazia aMara ^_^
    Gisutissimo quello che dici: le speculazioni sarebbero senza fine e il problema di nascite/morti sarebbe davvero un bel problema.
    L'idea cmq di una nuova civitò di "immortali" sarebbe interessante però.
    Il problema principale sarebbe cmq il "cervello" da trapiantare: non è mica un problema da poco.
    Nella mia ignoranza posso solo immagginare che sia un intervento delicato oltre le attuali conoscenze.
    La formazione di una nuova "schiavitù" non sarebbe nemmeno fuori discussione: dei veri e propri automi di carne con le zone cerebrali legate a determinate emozioni, come la paura, per fare un esempio, i processi decisionali...insomma decisamente sarebbe complicata la situazione.
    theniaka dici benissimo riguardo l'etica e il "perchè si", il progresso curioso fine a se stesso è interessante si, ma non possiamo dimenticare che si tratta sempre di vita umana...

  7. #7
    Partecipante Leggendario L'avatar di crimson981
    Data registrazione
    19-01-2008
    Residenza
    provincia di Napoli
    Messaggi
    2,187

    Riferimento: Clonazione.

    Citazione Originalmente inviato da Angelus_Laguna Visualizza messaggio
    L'idea però di poter avere "corpi di riserva" dove impiantare il cervello, parlo attualmente di fantascienza, però non mi sembra un idea malvagia di per sè.
    Certo, ci renderebbe pressochè immortali, tranne che per violenza...wow.
    Che sia il prossimo passo?
    "ci renderebbe immortali tranne che per la violenza"...questa frase mi ha ispirato una considerazione un pò strana....secondo me, aldilà di ogni considerazione etica, teologica, ideologica, strumentale("è contro l'ordine di dio", "è contro natura", "e l'evoluzione?", "dove cazzoci ci mettiamo tutti?" ecc ecc..), questa frase è da sola un buon motivo per non auspicare l'immortalità....mi spiego, come valuteremmo filosoficamente, giuridicamente, psicologicamente, umanamente l'omicidio di un immortrale?...come si farebbe ad accettare umanamente la morte violenta di un ventenne altrimenti destinato a vivere ipoteticamente per sempre?....la morte accidentale assumerebbe un peso inconcepibile, non assimilabile psicologicamente...credo che la possibilità di morire in diecimila modi renda più sopportabile ogni singola, specifica morte....probabilmente è una cazzata, tra l'altro anche off topic, visto che non c'entra niente con la clonazione in se....ma me venuta la suggestione e la volevo condividere....
    Ultima modifica di crimson981 : 30-05-2008 alle ore 19.42.58
    John Coltrane-"Acknowledgement" (A Love Supreme part 1)
    http://www.youtube.com/watch?v=pcG7Vk_rzcA

    Andrew Hill-"Refuge":
    http://www.youtube.com/watch?v=cJSdceL1qA4

    Andrew Hill-"Subterfuge":
    http://www.youtube.com/watch?v=ssVVhb0ILcM

  8. #8
    Angelus_Laguna
    Ospite non registrato

    Riferimento: Clonazione.

    No no, è interessante eccome, anzi.
    L'idea di un omicidio di una creatura altrimenti immortale non lo vedo "+ o - grave" , in quanto la violenza ha sempre lo stesso intento: finire subito una vita.

  9. #9
    Postatore OGM L'avatar di chiocciolina4
    Data registrazione
    12-04-2005
    Residenza
    Napoli
    Messaggi
    4,820

    Riferimento: Clonazione.

    Citazione Originalmente inviato da Angelus_Laguna Visualizza messaggio
    Non riesco a vedere un discorso cosi diverso , se prendiamo una persona clonata,da chi nasce con riproduzione assistita
    aspetta, la procreazione assistita non crea un essere con lo stesso patrimonio genetico...è solo un modo in laboratorio di far concepire un figlio.

    Citazione Originalmente inviato da Angelus_Laguna Visualizza messaggio
    L'idea però di poter avere "corpi di riserva" dove impiantare il cervello, parlo attualmente di fantascienza, però non mi sembra un idea malvagia di per sè.
    a me sembra invece un'idea molto malvagia avere dei cloni che provano sentimenti e hanno coscienza solo come una banca degli organi.
    E poi è vero, magari si raggiungerebbe l'immortalità, ma non si annullerebbe la vecchiaia, quindi immaginatevi un mondo pieno di vecchi prediconi!
    Citazione Originalmente inviato da crimson981 Visualizza messaggio
    "ci renderebbe immortali tranne che per la violenza"...questa frase mi ha ispirato una considerazione un pò strana....secondo me, aldilà di ogni considerazione etica, teologica, ideologica, strumentale("è contro l'ordine di dio", "è contro natura", "e l'evoluzione?", "dove cazzoci ci mettiamo tutti?" ecc ecc..), questa frase è da sola un buon motivo per non auspicare l'immortalità....mi spiego, come valuteremmo filosoficamente, giuridicamente, psicologicamente, umanamente l'omicidio di un immortrale?...come si farebbe ad accettare umanamente la morte violenta di un ventenne altrimenti destinato a vivere ipoteticamente per sempre?....la morte accidentale assumerebbe un peso inconcepibile, non assimilabile psicologicamente...credo che la possibilità di morire in diecimila modi renda più sopportabile ogni singola, specifica morte....probabilmente è una cazzata, tra l'altro anche off topic, visto che non c'entra niente con la clonazione in se....ma me venuta la suggestione e la volevo condividere....
    lo sai che sei molto Dickiano? effettivamente è una riflessione interessante...si probabilmente assumerebbe un peso diverso, se già adesso quando muore un bambino o un ragazzo si dice che aveva tutta la vita davanti, figurarsi con la prospettiva di una vita infinita. Inoltre io penso che aumenterebbe vertiginosamente il tasso dei suicidi.

    Un vero amico ti pugnala sempre di fronte. (O. Wilde)

    Perchè per un uomo la psicoanalisi dura meno? Non c'è bisogno di regredire all'infanzia.

    Non sono cattiva, è che mi disegnano così...! -->

    Membro del Club del Giallo e addetta all'ufficio promozione e marketing - Tessera n° 2
    (Guardiana radar del gruppo insieme a RosaDiMaggio )

    Vieni a trovarci al social group!

  10. #10
    Johnny
    Ospite non registrato

    Riferimento: Clonazione.

    sarebbe interessante poter andare nel futuro e vedere cosa se ne farà della clonazione. Qualche secolo fa la vita media era di 40 anni, un secolo fa nessuno avrebbe nemmeno immaginato di potere fare un trapianto di cuore, di volare, di andare da milano e tokio in poche ore, di poter parlare tramite un telefono con uno che sta dall'altra parte del mondo, e così via.

    Oggi siamo messi nei confronti della clonazinoe come lo erano i nostri antenati verso il primo computer, il primo telefono, ecc...non possiamo nanche immaginare come si evolverà la questione.

    Al di là di tt, secondo me è positiva la creazione di nuovi tessuti/organi tramite le cellule staminali (anche se non so se si farà perchè andrebbero a puttane tutte le case farmaceutiche & co che non potrebbero più speculare sulla malattia).

    Sono invece contrario alla clonazione perchè a lungo andare scomparirebbe il maschio dalla specie umana, saremmo totalmente inutili ai fini della conservazione sella specie

  11. #11
    Partecipante Super Figo L'avatar di CaptiveSoul
    Data registrazione
    28-02-2006
    Residenza
    Siena - Padova
    Messaggi
    1,646

    Riferimento: Clonazione.

    Citazione Originalmente inviato da Angelus_Laguna Visualizza messaggio
    L'idea però di poter avere "corpi di riserva" dove impiantare il cervello, parlo attualmente di fantascienza, però non mi sembra un idea malvagia di per sè.
    Certo, ci renderebbe pressochè immortali, tranne che per violenza...wow.
    Che sia il prossimo passo?
    Citazione Originalmente inviato da aMara835 Visualizza messaggio
    E poi, se davvero ci fossero questi corpi di riserva, sarebbero solo dei corpi, senza coscienza, o delle persone vive e vegete (prendi, sempre per assurdo, il film "the island")?
    Citazione Originalmente inviato da Angelus_Laguna Visualizza messaggio
    La formazione di una nuova "schiavitù" non sarebbe nemmeno fuori discussione: dei veri e propri automi di carne con le zone cerebrali legate a determinate emozioni, come la paura, per fare un esempio, i processi decisionali...insomma decisamente sarebbe complicata la situazione.
    theniaka dici benissimo riguardo l'etica e il "perchè si", il progresso curioso fine a se stesso è interessante si, ma non possiamo dimenticare che si tratta sempre di vita umana...
    Clonando una persona si clonerebbe tutto il corpo incluso il cervello, non otterresti quindi un individuo non pensate-automa da utilizzare come deposito di organi o come schiavo, ma otterresti un individuo con il patrimonio genetico identico al tuo, ma che non ha avuto le tue stesse esperienze a plasmarlo, non sarebbe quindi identico a te ma non più dissimile di un tuo ipotetico gemello monozigote!
    Inoltre per quanto riguarda l'immortalità: trapiantando il cervello di una persona in un corpo clonato da lui (che non sarà identico al suo in quanto non sarà stato plasmato dalle stesse esperienze: vedi cibo ingerito, attività fisica fatta, problemi di salute avuti nel corso della vita.. e quant'altro) non ottieni l'immortlità, in quanto anche il cervello invecchia, molti neuroni degenerano e si formano placche senili, più il cervello è vecchio più sono alti rischi di alzheimer, parkinson, demenze varie, di emorragie, ictus e quant'altro.. e poi pensando che l'Alzheimer era veramente raro se non sconosciuto prima dell'allungamento della vita al livello attuale, chissà quante altre patologie, adesso rare o ignote, potrebbero insorgere prolungando in modo così innaturale la vita!
    Quindi, secondo me, se l'uomo diventasse questo quasi-immortale di cui avete parlato, il mondo sarebbe popolato da dementi (nel vero senso del termine intendo )
    "Ogni volta che una cellula nervosa muore abbiamo un neurone in meno per pensare."
    (M. Bear, B. Connors, M. Paradiso, "Neuroscienze, Esplorando il cervello", trad. it. a cura di C. Casco e L. Petrosini)




  12. #12
    Johnny
    Ospite non registrato

    Riferimento: Clonazione.

    Citazione Originalmente inviato da CaptiveSoul Visualizza messaggio
    Quindi, secondo me, se l'uomo diventasse questo quasi-immortale di cui avete parlato, il mondo sarebbe popolato da dementi

    adesso è popolato da cretini, non sarebbe un gran salto di qualità
    cmq sono d'accordo: lo sviluppo è epigenetico (50% geni e 50% ambiente/esperienze)

  13. #13
    Angelus_Laguna
    Ospite non registrato

    Riferimento: Clonazione.

    concordo con sopra effettivamente a parte la clonazione di organi specifici o parti del corpo...sarebbe inutile in effetti

  14. #14
    Partecipante Super Esperto L'avatar di fufi1986
    Data registrazione
    25-01-2006
    Messaggi
    605

    Riferimento: Clonazione.

    Citazione Originalmente inviato da CaptiveSoul Visualizza messaggio
    Quindi, secondo me, se l'uomo diventasse questo quasi-immortale di cui avete parlato, il mondo sarebbe popolato da dementi (nel vero senso del termine intendo )
    Pensa che quiete..
    There █████ █ ████ is ███ █ no █████ █ ████ conspiracy █ ████ █████
    █ ████ everything ███ █████ is█████ ████ ████ fine ████ ███ ██████
    trust ███ ██████ ███ your █████ ████ government.

Privacy Policy