• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 9 di 9
  1. #1
    Matricola
    Data registrazione
    22-01-2007
    Messaggi
    15

    Dubbi sulla relazione terapeutica

    Ho iniziato da qualche mese una psicoterapia a indirizzo sistemico e oggi dopo la seduta mi sono chiesta il senso della mia terapia se probabilmente non mi fido del terapeuta. Mi spiego:all'inizio per effettuare una diagnosi mi ha somministrato dei test a cui non ha fatto seguito la restituzione dei risultati ma anche se la cosa mi ha lasciata perplessa ho continuato.Oggi invece il colloquio si è svolto in una stanza diversa dalla solita dove c'era uno specchio unidirezionale, mi ha assicurato, quando gliel'ho chiesto, che dietro non c'era nessuno, credo che sia professionalmente non corretto non dirlo ma il dubbio mi resta. Non so davvero che piega dare a questa relazione:spunti di riflessione, consigli sono ben accetti

  2. #2
    Postatore Compulsivo L'avatar di peste1987
    Data registrazione
    09-02-2008
    Residenza
    Tra le stelle e la strada (Milano City)
    Messaggi
    3,373
    Blog Entries
    216

    Riferimento: Dubbi sulla relazione terapeutica

    L'unica cosa che ti posso dire è un pezzo della mia esperienza. Anche a me non hanno fatto subito la restituzione del test..semplicemente perchè han preferito parlare di cose più importanti successe nel mentre. Oppure nel tuo caso può anche essere che li stiano ancora elaborando. Hai parlato di più test....quindi ci vorrà più tempo. Abbi pazienza.
    Per il resto non oso mettere parola. Lascio dire agli altri che sicuramente sapranno di più.
    Io creo sogni, voi li uccidete

    -----------------------

  3. #3
    Partecipante Leggendario L'avatar di kaory_78
    Data registrazione
    05-01-2008
    Messaggi
    2,324

    Riferimento: Dubbi sulla relazione terapeutica

    Perchè non ne parli con il tuo terapeuta? non aver paura di dire quello che pensi e vedrai che avrai le idee più chiare e/o nuovi spunti di riflessione.

  4. #4
    Partecipante Assiduo L'avatar di scianica
    Data registrazione
    13-11-2006
    Messaggi
    160

    Riferimento: Dubbi sulla relazione terapeutica

    Ciao Dike, sono al secondo anno della scuola sistemica, generalemente noi lavoriamo con un collega dietro lo specchio. Però dal mio punto di vista se hai dei dubbi su qualunque cosa ti conviene parlare con il tuo terapeuta altrimenti pregiudicheresti il buon andamento della terapia.

  5. #5
    Postatore Epico L'avatar di RosadiMaggio
    Data registrazione
    10-02-2006
    Residenza
    Tra le Alpi e gli Appennini
    Messaggi
    11,960

    Riferimento: Dubbi sulla relazione terapeutica

    secondo me devi parlarne ed esporgli i tuoi dubbi, non solo, tu hai diritto di sapere la verita', soprattutto se non ti fidi proprio perchè non lo sai; se c'è un collega dietro lo specchio, come si usa in qs tipo di terapia, hai semplicemente il diritto di venirne a conoscenza, o se ci sara'; perchè aumentare inutilmente ansia o creare un pregiudizio a quella che magari potrebbe essere una terapia che ti puo' aiutare?
    ciao
    Gaia

    Tessera n° 15 Club del Giallo

    Guardiana Radar del Gruppo insieme a Chiocciolina4

  6. #6
    Partecipante Esperto L'avatar di tatee
    Data registrazione
    21-10-2004
    Residenza
    Firenze
    Messaggi
    497

    Riferimento: Dubbi sulla relazione terapeutica

    Mi sembrerebbe alquanto scorretto far assistere alla terapia un collega o chi altro ben nascosto dietro lo specchio senza riferirlo al paziente.
    Prima di fare una cosa del genere ci vuole sempre il consenso!
    Datemi libri, frutta, vino francese, un buon clima e un po' di musica fuori dalla porta, suonata da qualcuno che non conosco.
    Keats

  7. #7
    Neofita
    Data registrazione
    26-05-2008
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    8

    Riferimento: Dubbi sulla relazione terapeutica

    Cara Dike,
    Provo a comprendere il tuo disagio e nel farlo mi unisco a quanti ti consigliano un confronto diretto con il tuo terapeuta.Trovare il coraggio di affrontare ciò che ti rende perplessa,ti permetterà di risolvere molti dubbi.Intendo dire che nel momento stesso in cui avrai forza di porre le "tue domande" al terapeuta,comprenderai ciò che lui rappresenta per te!Sono i momenti di verità e autenticità , (quelli in cui compiamo in terapia ogni sforzo possibile per essere un pò di più noi stessi)quelli che danno l'inshight, e ciò al di là della risposta che potresti avere.In altre parole credo che dovresti metterti alla prova e concentrarti su ciò che provi tu (e non solo ciò che fa lui...).Terapie e setting sono inoltre un luogo lontano dalle perfette procedure descritte sui libri.Sei un essere umano ,ma lo è inevitabilmente anche il tuo terapeuta..Per concludere credo che lo sforzo più grande sia la fiducia ,accettare questa persona così com'è,ricordandoti che il suo progetto è comunque quello di aiutarti!Dunque ,non esitare parlagli...,vedrai ne avrai un gran giovamento!!!

  8. #8
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di pecorellablu
    Data registrazione
    28-05-2002
    Messaggi
    1,308

    Riferimento: Dubbi sulla relazione terapeutica

    Dike già il fatto che ora tu nutra dei dubbi nei confronti del tuo terapeuta è un chiaro segnale che la fiducia dentro di te sta andando sciamando e che questo potrebbe inclinare il rapporto e quindi la terapia in atto. Non andrebbero mai fatti cambiamenti di setting di per sè, figuriamoci se non motivati e in presenza di uno strumento come lo specchio unidirezionale che qualche pensierino te lo fa venire a te paziente(ricordiamoci che ci vuole il consenso informato sempre e cmq ),oltretutto la cosa della non restituzione dei risultati la vedo parecchio strana. Se senti di non poterti fidare e ti senti in qualche modo tenuto all'oscuro di qualcosa cambia in fretta terapeuta.
    Ultima modifica di pecorellablu : 15-06-2008 alle ore 02.22.52
    Nel momento in cui uno si impegna a fondo, infinite cose accadono per aiutarlo, cose che altrimenti non sarebbero mai avvenute...Qualunque cosa tu possa fare, o sognare di poter fare, incominciala. L'audacia ha in sè genio, potere e magia.Incominciala adesso!


  9. #9
    Postatore Epico L'avatar di RosadiMaggio
    Data registrazione
    10-02-2006
    Residenza
    Tra le Alpi e gli Appennini
    Messaggi
    11,960

    Riferimento: Dubbi sulla relazione terapeutica

    Non è detto che una terapeuta, solo perchè tale, debba "a priori", essere meritevole della fiducia dei suoi pz; egli deve sia lavorare per costruirla e porre la basi per un eventuale, successivo affidarsi e collaborare, sia mantenerla. Inoltre, se sono previsti cambiamenti di setting, essi devono essere tempestivamente comunicati al paziente, motivandoli e se dietro lo specchio unidirezionale, ci dovesse essere un altro collega, la persona -scusami, ora non ricordo a mente il tuo nome- lo deve sapere, non solo ma deve anche autorizzare qs nuova modalita'; per quanto ci si giri intorno, cosi' stanno le cose.
    Quindi, ti riconsiglio di provare a parlarne e porgli domande specifiche che vogliono risposte pecise; questa interazione, qualsiasi siano i contenuti che ne emergeranno, potra' anche darti una misura della fiducia che realmente nutri, altro possibile argomento, se sentissi che ne vale la pena ed eventualmente della rotta da prendere, considerando che non conta solo il fatto che un terapeuta voglia aiutarti, bisogna che sappia farlo in modo a te funzionale, che non significa che una terapia non debba o possa creare problemi, ma certi cambiamenti particolari, in certe terapie, si fanno alla luce del sole, con firma che lo autorizzi oppure lo neghi.
    ciao
    Gaia

    Tessera n° 15 Club del Giallo

    Guardiana Radar del Gruppo insieme a Chiocciolina4

Privacy Policy