• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 9 di 9
  1. #1

    scale bianche di marmo e altro....

    Ora non capita molto spesso ma fino a qualche anno fa sognavo sempre una enorme casa bianca con due scale curve che salivano al secondo piano...di marmo come quelle di casa mia...tutta la casa era di un bianco etereo...come casa mia....tanto x dare una mano a freud....ed io correvo spaventata su quelle scale cercano una via di uscita.sapevo che salendo c'erano le camere ma non le ho mai visualizzate.
    che significa?mi svegliavo davvero terrorizzata!!!!
    x aiutarvi: non avevo mangiato troppo e non avevo un abbacchio sullo stomaco
    non ho problemi ne con mia madre ne con mio padre, forse mio padre(ex militare di quelli doc!!!!) è troppo oppressivo e tende a vedermi bambina all'età di 26 anni ma ha il suo passato ed io lo apprezzo x quello che mi ha dato anche se durante l'adolescenza non era semplice capirlo...
    non ho problemi con mia sorella, più grande, con la testa sulle spalle arciplurifidanzata da più tempo di matusalemme...
    insomma sono un pò la matta di casa.....mah!fatemi sapere se ci capite qualcosa!
    ho anche il terrore degli insetti,dormo con la lucina e non mischio mai cibi nello stesso piatto se in uno c'è sugo.....aih..aih...avete pane x ivostri denti....
    che si scatenino i piccoli freud...io sono neuropsicologa di queste cose capisco raso zero!!!!!baci!!!!

  2. #2
    fotografa82
    Ospite non registrato
    mah, stranezze nel tuo post ce ne sono un bel pò:
    anzitutto il bianco è di solito un colore dicamo "aperto", perchè nn nasconde nulla. è il contrario del nero, che assorbe la luce e tutti i colori (se ti vesti tutta di nero ad agosto capirai di cosa parlo ), quindi simboleggia qualcosa di nascosto.
    il bianco invece, essendo appunto l'opposto, riflette tutti i colori, mette tutto in evidenza e lascia intravedere le cose con chiarezza, e in più è rilassante.
    forse è proprio questo che ti spaventa, mettere in mostra qualcosa di nascosto che nemmeno tu potresti ammettere a te stessa.
    poi ti sei contraddetta dicendo di nn avere problemi coi tuoi genitori, ma hai poi ammesso di averne avuti con tuo padre nell'adolescenza: forse nn li hai ancora risolti inconsciamente, o lo vedi troppo lontanto da te (magari questo può essere simboleggiato dalla scala infinita). il sogno lo fai da qualche anno, no?

    a me più che il sogno in sè hanno colpito tutte le precisazioni che hai fatto (eccetto quella dell'abbacchio che m'ha fatto morire dal ridere ), quasi a specificare che ti senti un pò estranea alla tua famiglia...

    e quella degli insetti...ti capisco, io ho l'aracnofobia, se vedo un ragno mi paralizzo letteralmente e parte la tachicardia; uno strazio che nn auguro a nessuno!!!
    ma quella cosa della roba da mangiare...sembra più una mania, secondo me nn devi preoccupartene, superabilissima.

    solo una cosa nn capisco: che vuol dire che sei neuropsicologa e capisci raso zero? scusa, è il senso grammaticale della frase che nn riesco a capire...perdonami, dopo 8 ore di lavoro davanti al pc ho il cervello un pò fuso
    Ultima modifica di fotografa82 : 02-04-2008 alle ore 21.32.23

  3. #3
    Postatore Epico L'avatar di Alessia Va
    Data registrazione
    27-10-2003
    Residenza
    Lombardia
    Messaggi
    9,415
    Blog Entries
    315
    Se vuoi puoi provare ad andare avanti nel sogno.
    Sai che ci sono le camere...bene...vai avanti...
    Senti piedi che toccano i gradini mentre corri, senti li contatto con i pavimento, guarda davanti a te...cosa vedi?
    Puoi anche usare un trucchetto e mettere una telecamerina in alto, alle tue spalle...o meglio ancora...davanti...che riprende te mentre sali le scale di corsa: cosa si vede?
    Prova...poi fammi sapere...
    Un gabbiano di Nessundove io sono, nessun lido considero mia patria, nessun luogo, nessun posto a se mi lega; è di onda in onda invece che io volo


    Trova pace in cio’ che sei e dove ti trovi.
    Le persone spesso sanno gia’ cosa fare; a te spetta il compito di mostrare loro il modo......ecco la vera saggezza.
    (Eragon – C.Paolini)



  4. #4
    Ciao e grazie x l'interpretazione!!
    Forse devo essere + chiara...il sogno non lo faccio già da qualche anno ma da piccola ero terrorizzata....
    sicuramente hai ragione e c'è qualcosa che il mio inconscio non voleva proprio farmi vedere ma...chi non ha un inconcio un pò ribelle?
    credimi se ti dico che non ho problemi con i miei...penso che l'atteggiamento di mio padre sia ne più ne meno quello di qualsiasi padre che cerca di dare il massimo alla propria figlia...ha sofferto tanto nella sua vita ma non me lo ha mai fatto pesare...adesso non sta bene ed ha sviluppato un parkinson.Per fortuna me ne sono accorta in tempo ed è in terapia...ma so che nonostante le mie spiegazioni questa malattia lo spaventa...
    Mi piace la tua interpretazione delle scale e del bianco...non ci avevo proprio pensato!!!
    Indagherò....
    Ah!riguardo al fatto che non capisco molto di interpretazione dei sogni anche se mi piacerebbe ciò è dovuto al fatto che studiando neuropsicologia non abbiamo fatto FREUD ne successori neanche sommariamente e dunque le mie conoscenze si limitano a qualche libro letto di mia spontanea volontà.Ci occupiamo solo di disturbi cognitivi e riabilitazione alzheimer,parkinson,demenze frontali ecc...
    Grazie tante...mi hai dato degliottimi spunti di riflessione!

  5. #5
    Se lo rifarò in futuro cercherò di focalizzarmi sulle tue indicazioni e poi riferirò......
    Uau!la tecnologia nel sogno...
    Grazie!

  6. #6
    Postatore Epico L'avatar di Alessia Va
    Data registrazione
    27-10-2003
    Residenza
    Lombardia
    Messaggi
    9,415
    Blog Entries
    315
    Ma guarda che non c'e' bisogno di aspettare di rifare il sogno: puoi fare questo lavoro anche subito.
    Il sogno te lo ricordi no?
    Puoi lavorare sul ricordo che hai.
    Riosserva la scena e usa questi trucchetti...
    Fammi sapere.
    Un gabbiano di Nessundove io sono, nessun lido considero mia patria, nessun luogo, nessun posto a se mi lega; è di onda in onda invece che io volo


    Trova pace in cio’ che sei e dove ti trovi.
    Le persone spesso sanno gia’ cosa fare; a te spetta il compito di mostrare loro il modo......ecco la vera saggezza.
    (Eragon – C.Paolini)



  7. #7
    fotografa82
    Ospite non registrato
    Citazione Originalmente inviato da eternaindecisa Visualizza messaggio
    credimi se ti dico che non ho problemi con i miei...penso che l'atteggiamento di mio padre sia ne più ne meno quello di qualsiasi padre che cerca di dare il massimo alla propria figlia...ha sofferto tanto nella sua vita ma non me lo ha mai fatto pesare...
    ma io infatti nn lo colpevolizzavo nella mia "analisi", pensavo solo che potesse aver avuto una forte influenza su di te e che in quel sogno magari cercavi di sfuggire da quello che lui voleva che fossi per arrivare ad essere quello che tu volevi essere...è un pò contorto come concetto, ma quando l'hai chiaro è molto importante...
    cmq sono contenta di esserti stata d'aiuto. e segui il consiglio di AlessiaVa; il sogno lo ricordi ancora, quindi vuol dire che c'è un messaggio recondito che devi trovare.
    facci sapere come è andata!!!

  8. #8
    Partecipante Super Figo L'avatar di Hermes Ankh
    Data registrazione
    24-05-2008
    Messaggi
    1,805
    Blog Entries
    7

    Riferimento: scale bianche di marmo e altro....

    Citazione Originalmente inviato da eternaindecisa Visualizza messaggio
    Ora non capita molto spesso ma fino a qualche anno fa sognavo sempre una enorme casa bianca con due scale curve che salivano al secondo piano...di marmo come quelle di casa mia...tutta la casa era di un bianco etereo...come casa mia....tanto x dare una mano a freud....ed io correvo spaventata su quelle scale cercano una via di uscita.sapevo che salendo c'erano le camere ma non le ho mai visualizzate.
    che significa?mi svegliavo davvero terrorizzata!!!!
    Reagisco a ruota libera, esternando quello che mi viene in mente (forse fantasie). Ci tengo solo a precisare che (anche se ho fatto un training di 4 anni di analisi freudiana classica) non mi ritengo freudiano.

    La casa, vista dall'esterno, ha spesso a che fare, simbolicamente, con la personalità, con ciò che mostriamo esternamente. Il bianco e il marmo esprimono i due caratteri di questa personalità: l'esigenza di totalità e di integralità (raffigurate dal bianco, sintesi di tutti i colori) e una certa esteriorità e freddezza (raffigurate dal marmo).

    Le camere interne, che sai che esistono, ma che non visualizzi, costituiscono la dimensione interiore della casa-persona, ciò che va al di là di quello che gli altri vedono esternamente, e, quindi, rappresentano il senso di intimità, di protezione, di riposo (soprattutto quelle del secondo piano, di solito il piano notte).

    La scala (anzi la doppia scala) che porta alle stanze superiori rappresenta, forse, la possibilità di passaggio tranquilo e reciproco fra le diverse dimensioni della persona (la personalità che mostriamo, le istanze più profonde che urgono...).

    La maturità non è, ovviamente, nè identificarsi nella dimensione esteriore della personalità (di cui non si può fare a meno, nelle relazioni sociali), né, di contro, rifugiarsi nella dimensione interiore, ma nella possibilità di passare dall'una all'altra, a seconda dei contesti, senza essere costrettia stare sempre all'esterno o sempre rinchiusi all'interno.

    Il sogno mostra come problematico proprio questo passaggio bidirezionale.
    La bambina (poi la donna) del sogno corre affannosamente verso l'interno (non è soddisfatta dell'esteriorità, di ciò che può mostrare in pubblico, nelle relazioni sociali), ma non può raggiungerlo, quindi non può neanche chiarirselo (le stanze interne non possono essere raffigurate).

    Il sogno mostra anche però, se letto così, l'urgenza, ormai irrinunciabile, di realizzare quell'integrazione, di percorrere fino in fondo la scala e di poterla percorree in entrambe le direzioni.

    Forse mi sono lasciato un pò prendere dalle mie fantasie.


    "L'onda non riesce a prendere
    il fiore che galleggia:
    quando cerca di raggiungerlo
    lo allontana"

    (Rabindranath Tagore)

  9. #9

    Riferimento: scale bianche di marmo e altro....

    Citazione Originalmente inviato da Hermes Ankh Visualizza messaggio
    Reagisco a ruota libera, esternando quello che mi viene in mente (forse fantasie). Ci tengo solo a precisare che (anche se ho fatto un training di 4 anni di analisi freudiana classica) non mi ritengo freudiano.

    La casa, vista dall'esterno, ha spesso a che fare, simbolicamente, con la personalità, con ciò che mostriamo esternamente. Il bianco e il marmo esprimono i due caratteri di questa personalità: l'esigenza di totalità e di integralità (raffigurate dal bianco, sintesi di tutti i colori) e una certa esteriorità e freddezza (raffigurate dal marmo).

    Le camere interne, che sai che esistono, ma che non visualizzi, costituiscono la dimensione interiore della casa-persona, ciò che va al di là di quello che gli altri vedono esternamente, e, quindi, rappresentano il senso di intimità, di protezione, di riposo (soprattutto quelle del secondo piano, di solito il piano notte).

    La scala (anzi la doppia scala) che porta alle stanze superiori rappresenta, forse, la possibilità di passaggio tranquilo e reciproco fra le diverse dimensioni della persona (la personalità che mostriamo, le istanze più profonde che urgono...).

    La maturità non è, ovviamente, nè identificarsi nella dimensione esteriore della personalità (di cui non si può fare a meno, nelle relazioni sociali), né, di contro, rifugiarsi nella dimensione interiore, ma nella possibilità di passare dall'una all'altra, a seconda dei contesti, senza essere costrettia stare sempre all'esterno o sempre rinchiusi all'interno.

    Il sogno mostra come problematico proprio questo passaggio bidirezionale.
    La bambina (poi la donna) del sogno corre affannosamente verso l'interno (non è soddisfatta dell'esteriorità, di ciò che può mostrare in pubblico, nelle relazioni sociali), ma non può raggiungerlo, quindi non può neanche chiarirselo (le stanze interne non possono essere raffigurate).

    Il sogno mostra anche però, se letto così, l'urgenza, ormai irrinunciabile, di realizzare quell'integrazione, di percorrere fino in fondo la scala e di poterla percorree in entrambe le direzioni.

    Forse mi sono lasciato un pò prendere dalle mie fantasie.


    Che dirti....fantastico!i miei complimenti Hermes Ankh!!!davvero!
    ero in un periodo di "passaggio" tra l'adolescenza e la maturità, i "fantastici" 14 anni....
    mi è piaciuto molto leggere la tua interpretazione ed ho ritrovato quella ragazzina che cercava di farsi strada...
    Grazie!

Privacy Policy