• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 5 di 5
  1. #1
    ketta_it
    Ospite non registrato

    La gelosia al centro anziani

    Non si rassegnava all’amore finito ormai da tempo. Folle di gelosia, l’ha attesa davanti al centro anziani, nel cortile, al buio. Quando la vede salire in auto con l’attuale compagno, attira la sua attenzione e spara mirando al cuore. L’amico della donna si precipita a soccorrerla, la porta nel circolo. L’assassino - con due pistole in pugno e le cuffie acustiche alle orecchie - entra nel prefabbricato e spara ancora. Due volte. Un colpo centra alla testa Maria Manetto, 61 anni, l’altro ferisce di striscio una cliente del locale. Arrivano i carabinieri, Francesco Briano, 62 anni, si sente braccato e ormai spacciato: si spara un colpo alla testa.

    E’ finita, così, una giornata di festa al centro anziani a Fontanelle, frazione di Boves, a meno di cento metri dal santuario alla periferia di Cuneo. Pochi minuti dopo le 19, alcuni soci (c’erano circa settanta persone) sono già usciti dopo un pomeriggio a ballare insieme, come tante altre domeniche. Gli ultimi stanno conversando nel salone. Maria Manetto vedova Minni e il compagno Battista Ferrero si dirigono verso l’auto, una «Clio» bianca posteggiata dall’altra parte del cortile. Lui si mette al volante, lei vede un’ombra avvicinarsi.

    L'agguato
    E’ l’ex fidanzato. Chiama per nome la donna, un paio di secondi e spara. Il compagno si precipita fuori dall’auto, soccorre Maria Manetto. Il tempo di portarla nel circolo e prestarle i primi soccorsi, Briano entra impugnando una pistola Ruger calibro 357 magnum e una Smith & Wesson calibro 22. Poche parole, rivolte al fidanzato Battista: «Vai via, altrimenti sparo anche a te». Poi l’uomo esplode due colpi. Uno ferisce mortalmente la pranoterapista. L’altro centra al ginocchio destro Olga Astesano, 56 anni, di Borgo San Dalmazzo Le sue condizioni non sono gravi: viene portata al Pronto soccorso dell’ospedale «Santa Croce» dove in tarda serata viene poi dimessa.

    Nel circolo c’è il fuggi-fuggi. Una donna è in cucina: «Ho aperto la porta e ho visto il sangue». Il presidente del centro, Tommaso Politano: «Eravamo tutti sconvolti. Ho immediatamente chiamato il 118 e i carabinieri».

    Quando i militari arrivano Francesco Briano è ancora dentro al salone. Vede i lampeggianti, si uccide. Poco dopo i carabinieri di Carcare (Savona) entrano in casa della madre per avvisarla della tragedia ma si trovano di fronte a un secondo, inaspettato delitto: l'anziana è stata uccisa nel letto, nel tardo pomeriggio, un'altra vittima della follia di Briano.

    I tre figli della Manetto sono disperati: «Nostra madre era rimasta vedova 19 anni fa, faceva la guaritrice a Sant'Albano Stura. Ora vogliamo vederla, ma dobbiamo aspettare l'assenso del magistrato».


    61 e 62 anni...possono considerarsi anziani???

  2. #2
    Super Postatore Spaziale L'avatar di Lepre*marzolina
    Data registrazione
    04-10-2005
    Residenza
    nei peggiori bar di caracas...
    Messaggi
    2,886
    io credo che i 6o anni rientrino nella "mezza età" e non si possa parlare di anzianità vera a propria...
    ed inoltre non capisco cosa ci sia di sensazionale nell'evento....i giornali mettevano in risalto la presunta anzianità dei coinvolti come se fosse chissà quale cosa curiosa..in realtà l'amore , la gelosia ed il sesso sono costanti della vita dell'essere umano dalla culla alla tomba...
    piuttosto ci sarebbe da chiedersi come mai le persone reagiscono in modo sempre più grave agli abbandoni...sembra quasi che adesso le persone fatichino sempre di più a gestire la fine di una storia d'amore..e poi soprattutto mi chiedo, perchè sono sempre di più gli uomini ad uccidere piuttosto che le donne..
    dove c'è gusto non c'è perdenza

    ho sempre amato il mio prossimo...finchè era poco....



    Questo è il mio pesciolino numero 641 in una vita costellata di pesciolini rossi. I miei genitori mi comprarono il primo per insegnarmi cosa significasse amare e prendersi cura di una creatura vivente del Signore. 640 pesci dopo, l'unica cosa che ho imparato è che tutto quello che ami morirà
    C.P.



    E' cosi' difficile divertirsi di questi tempi, anche sorridere fa male alla faccia

  3. #3
    ketta_it
    Ospite non registrato
    Brava Lepre! Sarà perchè gli uomini non sono autosufficienti e quindi da soli non riescono a stare? O sarà che l'abbandono viene vissuto dagli uomini come una ferita narcisistica? Non so...

  4. #4
    Rappre on-line L'avatar di Jollysimo
    Data registrazione
    18-02-2008
    Residenza
    Genova
    Messaggi
    1,550
    Buonasera! arrivo un po' in ritardo, ma l'ho letto solo ora... non condivido il tuo pensiero sul motivo per cui gli uomoni uccidono di più: non credo che ci siano differenze di genere nella sofferenza dovuta all'abbandono, nella sofferenza reale intendo. Credo che sia più che altro un retaggio culturale... se pensiamo che fino a non molto tempo fa esisteva il "delitto d'onore" e che questo valeva solo per gli uomini... Credo che, culturalmente, sia più un gesto "da uomini" (ovviamente questo non vuole avere una connotazione positiva) uccidere. Infatti, se andate a vedere le statistiche, sono molti di più gli assassini maschi che femmine, a prescindere dal movente.
    Aggiungo un pensiero assolutamente soggettivo sulla sofferenza da abbandono: nella mia esperienza ne soffrono molto di più le ragazze.
    Buona notte e buona Pasqua!!!
    Ultima modifica di Jollysimo : 23-03-2008 alle ore 02.02.46
    IL PARADISO NON E UN POSTO DOVE ANDARE MA UN MODO DI VIVERE.....



    Forum della Facoltà di Scienze della Formazione di Genova

  5. #5
    Johnny
    Ospite non registrato
    61 e 62 anni...possono considerarsi anziani???
    per la legge si diventa anziani a 65 anni
    Ultima modifica di Johnny : 23-03-2008 alle ore 10.58.58

Privacy Policy