• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 18
  1. #1
    Partecipante L'avatar di melanzanaviola
    Data registrazione
    14-01-2005
    Residenza
    cagliari
    Messaggi
    44

    sostegno a un bimbo... ma la patria potesta??

    Buongiorno a tutti, vorrei porvi un quesito su un problema che mi sono posta di recente.
    Ho preso in carico, come privato, un bambino che manifesta qualche problema a casa a scuola. Me l'ha portato la madre perchè preoccupata di questo suo comportamento. I genitori sono separati, e lei ha l'affidamento del bambino.... tuttavia il padre continua ad avere la patria potestà (in questo caso, secondo me,cosa nociva per il bambino, perchè non proprio consono al ruolo genitoriale)... in ogni caso mi domando: per poter vedere il bambino, dal punto di vista legale, devo chiedere l'autorizzazione al padre???
    da come vanno i rapporti tra i genitori credo che la sig.ra non abbia neanche informato il padre delle visite.. cosa che dovrò appurare...
    ovvio che, dal punto di vista psicologico, non potrò fare granchè per il benessere del bimbo senza che loro non si risolvono questo conflitto, ma dal punto di vista legale ho l'obbligo di far sapere al padre che sto vedendo il suo bambino???

    Grazie!
    tamy

  2. #2
    Partecipante Super Esperto
    Data registrazione
    26-07-2003
    Messaggi
    743
    Veramente avresti l'obbligo di avere l'autorizzazione PRIMA di vedere il bambino.
    Devi SEMPRE far fimare ad entrambi i genitori il consenso informato alla consulenza psicologica e l'autorizzazione al trattamento dei dati.
    Se il padre viene a sapere che vedi il bambino a sua insaputa sei passibile di denuncia dal punto di vista deontologico e lui potrebbe usare questa cosa anche contro la madre.
    Dal punto di vista psicologico avallare un'alleanza del genere con la madre, sostenendo un segreto ("Io ti vedo ma tuo padre non deve saperene nulla") secondo me è rischioso: se fosse un genitore separato a mettere il bambino in situazione di mantenere segreti sarebbe gà grave, ma che sia uno psicologo a mettere il bambino in una condizione del genere secondo me lo è ancora di più.
    Questo a prescindere dall'adeguatezza o meno del genitore (che fra l'altro tu non conosci se non tramite le parole della madre e al quale un tribunale ha comunque ritenuto di lasciare la patria potestà, quindi a meno di madornali errori tanto inadeguato non deve essere).
    Vimae

  3. #3
    Partecipante L'avatar di melanzanaviola
    Data registrazione
    14-01-2005
    Residenza
    cagliari
    Messaggi
    44
    ti ringrazio veramente per la risposta... il bambino l'avevo appena preso in carico quindi l'ho visto solo una volta.. in ogni caso ho commesso un errore madornale, a cui rimedierò oggi stesso.
    Grazie mille davvero
    tamy

  4. #4
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di pimo_eli
    Data registrazione
    06-06-2006
    Residenza
    provincia di Varese
    Messaggi
    1,480
    Citazione Originalmente inviato da melanzanaviola Visualizza messaggio
    ti ringrazio veramente per la risposta... il bambino l'avevo appena preso in carico quindi l'ho visto solo una volta.. in ogni caso ho commesso un errore madornale, a cui rimedierò oggi stesso.
    Grazie mille davvero
    sì ha ragione la collega...il consenso va fatto firmare ad entrambi i genitori prima di vedere il bambino!
    Cmq in teoria avevo parlato con l'avvocato dell'ordine degli psicologi della lombardia e mi avea detto che può firmarlo un solo genitore nel caso in cui sia chiarissimo che la coppia genitoriale sia in sintonia e non siano separati (se sono sposati e non separati non è proprio un tuo dovere che lo firmino tutti e due, tu presupponi che entrambi i genitori ne siano informati). Cmq la dott.ssa mi aveva consigliato di fare firmare il consenso comunque ad entrambi i genitori!

  5. #5
    Partecipante Super Esperto L'avatar di quattrostracci
    Data registrazione
    06-07-2006
    Messaggi
    717
    Cara melanzanaviola, avendo visto il minore una volta soltanto puoi stare tranquilla.

    Partiamo da una premessa: l'articolo 31 del codice deontologico che regola questo tipo di rapporti è assolutamente lacunoso e si presta alle più disparate interpretazioni.

    In particolare non è affatto chiaro se sia obbligatorio o meno il consenso di entrambi i genitori. Per stare tranquilli il consiglio è quello di farlo firmare ad entrambi...

    Ma stai tranquilla, non hai affatto assolutamente né niente di illegale né niente di passibile di procedimento disciplinare.

    Infatti le commissioni deontologiche degli ordini tendono a differenziare il primo colloquio/accoglienza dal colloquio diagnostico dall'intervento terapeutico.

    Insomma, sei ancora in tempo a farlo firmare all'altro genitore, avendo visto il minore una sola volta.

    Inoltre ti ricordo che, qualora tu ritenga che esista un grave rischio per la salute del minore, te ne puoi assolutamente fregare del consenso dell'altro genitore. Infatti il secondo e terzo comma dell'articolo pongono il benessere del minore al di sopra della norma generale (cfr. Calvi, E.; Gulotta, G. (1999) Il Codice Deontologico degli psicologi, Milano, Giuffrè).

  6. #6
    Partecipante L'avatar di melanzanaviola
    Data registrazione
    14-01-2005
    Residenza
    cagliari
    Messaggi
    44
    grazie mille quattrostracci... mi hai davvero rincuorato, in effetti ero un pò preoccupata... non commetterò più questo errore....
    Non è sapresti dirmi, inoltre, se il modulo del consenso informato è uguale per un adulto che chiede consulenza per sè o per un adulto che chiede invece consulenza per suo figlio minore?
    grazie ancora
    tamy

  7. #7
    Partecipante Super Esperto L'avatar di quattrostracci
    Data registrazione
    06-07-2006
    Messaggi
    717
    Citazione Originalmente inviato da melanzanaviola Visualizza messaggio
    grazie mille quattrostracci... mi hai davvero rincuorato, in effetti ero un pò preoccupata... non commetterò più questo errore....
    Non è sapresti dirmi, inoltre, se il modulo del consenso informato è uguale per un adulto che chiede consulenza per sè o per un adulto che chiede invece consulenza per suo figlio minore?
    grazie ancora
    E' esattamente lo stesso. Deve essere firmato dai genitori e, all'inizio, devi fare riferimento che è relativo alla presa in carico di un minore. Tutto qui: il resto sta così com'è.

  8. #8
    Partecipante L'avatar di melanzanaviola
    Data registrazione
    14-01-2005
    Residenza
    cagliari
    Messaggi
    44
    grazie mille per tutto, sei stato gentilissimo
    tamy

  9. #9
    Matricola L'avatar di aaaaaaaa
    Data registrazione
    11-04-2005
    Residenza
    BARI
    Messaggi
    16

    Riferimento: sostegno a un bimbo... ma la patria potesta??

    se un genitore mi chiede la relazione riguardo la consulensa svolta per utilizzarla in tribunale io che cosa sarei? NON CREDO UN CTP IN QUANTO MI è STATA RICHIESTA DOPO LE 10 CONSULENZE E ALLORà? FARò FIRMARE IL CONSENSO DA ENTRAMBI I GENITORI MA NON TROVI CHE RISCHI QUALCOSA ANCHE PERCHè è UNA CAUSA CON GRAVI IMPLICAZIONI ... SONO MOLTO PREOCCUPATA HELP

  10. #10

    Riferimento: sostegno a un bimbo... ma la patria potesta??

    Scusate se mi intrometto ma anch'io ho in sostegno una bambina per motivi d'ansia e i suoi genitori non sono separati. Io ho fatto firmare tutte le carte per la privacy al genitore (solo al padre) al primo colloquio anamnestico. Ho sbagliato a far firmare solo ad uno? e non ho specificato in fattura il tipo di colloquio: è sbagliato? E'la mia prima paziente.....Aiutatemi!!!

  11. #11
    Partecipante Super Esperto L'avatar di quattrostracci
    Data registrazione
    06-07-2006
    Messaggi
    717

    Riferimento: sostegno a un bimbo... ma la patria potesta??

    Citazione Originalmente inviato da virnadottoressa Visualizza messaggio
    Scusate se mi intrometto ma anch'io ho in sostegno una bambina per motivi d'ansia e i suoi genitori non sono separati. Io ho fatto firmare tutte le carte per la privacy al genitore (solo al padre) al primo colloquio anamnestico. Ho sbagliato a far firmare solo ad uno? e non ho specificato in fattura il tipo di colloquio: è sbagliato? E'la mia prima paziente.....Aiutatemi!!!
    Ciao, stai tranquilla, non hai sbagliato... la questione è un'altra: se i genitori sono daccordo non c'è nessun problema, va benissimo farlo firmare ad uno soltanto. Specialmente nel caso in cui non sono separati.

    Tuttavia, per massima precauzione, è sempre meglio farlo firmare ad entrambi: così che in futuro nessuno possa avere niente da obiettare...

    Per quanto riguarda ciò che hai/non hai specificato nella ricevuta: anche questo è, stanti così le cose, irrilevante. L'importante è che nella descrizione tu abbia scritto qualcosa di pertinente...

    Ciao

  12. #12

    Riferimento: sostegno a un bimbo... ma la patria potesta??

    Grazie mille quattrostracci!!!!io nella fattura ho scritto solo colloquio. Cosa intendi nella "descrizione" aver scritto qualcosa di pertinente?? ti riferisci alla restituzione??? Ti chiedo un altra cosa ma dove posso trovare le certificazioni in base la legge 104/92 per handicapp. Io lavoro privatamente e se mi capita di certificare qualcuno come faccio??Si può?

  13. #13
    Partecipante Super Esperto L'avatar di quattrostracci
    Data registrazione
    06-07-2006
    Messaggi
    717

    Riferimento: sostegno a un bimbo... ma la patria potesta??

    Ciao Virna, se hai scritto colloqui va benissimo. Con descrizione intendevo proprio questo: l'importante è che tu non abbia scritto "vendita di fichi secchi" o roba del genere, ovvero solo cose inerenti una prestazione professionale sostenibile.

    Per quanto riguarda l'handicap. Premetto che non conosco molto bene la Legge cui ti riferisci, ma mi pare di ricordare che solo l'ufficio di medicina legale della ASL possa certificare l'handicap di qualcuno, se tale certificazione deve avere - appunto - un valore legale in base alla L. 104/92.

    Ciao

  14. #14

    Riferimento: sostegno a un bimbo... ma la patria potesta??

    Ciao a tutti,

    quando fate una fattura per una consulenza con un bambino, nell'intestazione mettete i dati di uno dei genitori?

    forse è una domanda sciocca...

    Grazie,
    Pasqua

  15. #15
    kiwykiwy
    Ospite non registrato

    Riferimento: sostegno a un bimbo... ma la patria potesta??

    Citazione Originalmente inviato da virnadottoressa Visualizza messaggio
    Grazie mille quattrostracci!!!!io nella fattura ho scritto solo colloquio. Cosa intendi nella "descrizione" aver scritto qualcosa di pertinente?? ti riferisci alla restituzione??? Ti chiedo un altra cosa ma dove posso trovare le certificazioni in base la legge 104/92 per handicapp. Io lavoro privatamente e se mi capita di certificare qualcuno come faccio??Si può?
    Non puoi certificare tu qualcuno per la 104!C'è una commissione della ASL solo loro possono certificare per la 104.

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo

Privacy Policy