• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 12 di 12
  1. #1
    Postatore OGM L'avatar di marygrace83
    Data registrazione
    15-11-2005
    Residenza
    ...
    Messaggi
    4,166

    lavorare con pazienti psicotici

    ciao Opsiani, qualcuno di voi lavora con pazienti psicotici?
    se si, quale è stata la formazione seguita?
    grazie

  2. #2
    Partecipante Affezionato L'avatar di stefunna
    Data registrazione
    21-11-2007
    Messaggi
    69
    ciao, io lavoro da 5 anni con pz psicotici in SPDC. la mia formazione è di stampo psicoanalitico, più precisamente sono specialista in psicoterapia psicoanalitica ( più relazioni oggettuali e attaccamento che psicoanalisi classica). fin dal primo anno di specializzazione ho fatto tiricinio in spdc e sono stata (ovviamente) formata più da psichiatri che da psicologi, ma tutti ad indirizzo psicodinamico.
    l'ambiente non è facile, gestire il setting anora meno, ma riusciamo a fare alcuni laboratori efficaci: una volta a settimana un gruppo di terapia, uno di filmtherapy, uno di espressione artistica, uno di attività psicomotoria ( fatto dalla psicomotricista). i gruppi servono non solo per completare la fase diagnostica e per favorire il confronto fra pz, ma anche per far scoprire all'equipe infermieristica, le risorse dei pz psicotici ( e sono tantissime).
    ti consiglio di fare pratica nei reparti di psichiatria, sono difficli, ma molto formativi. attenta, però, a non beccare psichiatri che ritengono la psicologia inutile!
    spero di averti risposto, se hai altre perplessità...chiedi pure!
    ciao

  3. #3
    Partecipante Assiduo L'avatar di alexia_s
    Data registrazione
    23-08-2005
    Messaggi
    204

    Riferimento: lavorare con pazienti psicotici

    io lavoro con un adolescente psicotica in rapporto uno a uno.. sono una comportamentista e utilizzo molto il time out e il rinforzo differenzile. cerco di generalizzare gli apprendimenti a contesti di vita quotidiana e di contenerla in una condizione di stabilità psichica.
    Nessuno mi ha insegnato e non ho una formazione specifica. Mi sono ritrovata li e ho iniziato (sempre e comunque dal gioco).
    Una considerazione: gli psicotici (o quantomeno quella che seguo io) amano vedere le piccole "pazzie" che ognuno di noi fa (tipo io saluto sempre la stanza di gioco prima di uscire, tanto per scherzare), forse perchè non sono tanto lontani da noi..
    a voi non capita?

  4. #4
    Partecipante Assiduo L'avatar di angelocollev
    Data registrazione
    07-02-2005
    Residenza
    chieti
    Messaggi
    138

    Riferimento: lavorare con pazienti psicotici

    ciao! io da circa un anno lavoro in un progetto riabilitativo domiciliare per pz psicotici. io di formazione sono un cognitivo-comportamentale. nel lavoro uso molto il modello e la metodica proposta dalla scuola di oston e spivack. il lavoro è prevalentemente uno ad uno e solo dopo aver instaurato una buona relazione e aver raggiunto i primi obiettivi si organizzano dei piccoli gruppi per le abilità sociali. spero di esserti stato utile. ciao
    Nuovo blog di psicologia...attendo consigli per migliorarlo www.psicopub.blogspot.com

  5. #5
    Partecipante Assiduo L'avatar di joconda77
    Data registrazione
    17-05-2008
    Messaggi
    163

    Riferimento: lavorare con pazienti psicotici

    Citazione Originalmente inviato da alexia_s Visualizza messaggio
    Una considerazione: gli psicotici (o quantomeno quella che seguo io) amano vedere le piccole "pazzie" che ognuno di noi fa (tipo io saluto sempre la stanza di gioco prima di uscire, tanto per scherzare), forse perchè non sono tanto lontani da noi..
    a voi non capita?
    Ciao! Quella che tu chiami piccole pazzie, sono metodi usati dalla psicoanalisi lacaniana ed hanno fondamenti teorici precisi! Se puoi e se vuoi approfondisci l'impianto teorico di Jacques Lacan e le applicazioni cliniche proprio con i bambini e gli adolescenti psicotici messe in pratica dalla Antenna 112 di Bruxelles (Antonio di Ciaccia e Virginio Baio sono i fondatori) e, in Italia, l'Antenna di Venezia, oppure il Buon Pastore di Bologna. Cara Alexia, sei avanti!!!

  6. #6
    Partecipante Assiduo L'avatar di alexia_s
    Data registrazione
    23-08-2005
    Messaggi
    204

    Riferimento: lavorare con pazienti psicotici

    Citazione Originalmente inviato da joconda77 Visualizza messaggio
    Ciao! Quella che tu chiami piccole pazzie, sono metodi usati dalla psicoanalisi lacaniana ed hanno fondamenti teorici precisi! Se puoi e se vuoi approfondisci l'impianto teorico di Jacques Lacan e le applicazioni cliniche proprio con i bambini e gli adolescenti psicotici messe in pratica dalla Antenna 112 di Bruxelles (Antonio di Ciaccia e Virginio Baio sono i fondatori) e, in Italia, l'Antenna di Venezia, oppure il Buon Pastore di Bologna. Cara Alexia, sei avanti!!!
    Ciao angelocollev
    Cavole sei davvero formato per questo tipo di lavoro!
    Posso chiederti come e dove hai imparato?
    Anche se abbiamo la stessa formazione di base (che sto ampliando sul piano clinico con i nuovi apporti della Psicoanalisi) non avevo idea che ci fossero delle applicazioni specifiche già codificate per il lavoro che faccio..
    L'ignoranza regna sovrana in questo caso..
    Sapresti darmi della bibliografia?
    Vorrei iniziare il nuovo anno scolastico nei migliori dei modi, senza basarmi solo sulle mie intuizioni

    grazie!!!!

  7. #7
    Partecipante Assiduo L'avatar di joconda77
    Data registrazione
    17-05-2008
    Messaggi
    163

    Riferimento: lavorare con pazienti psicotici

    Ciao Alexia! Sono joconda77....Appena posso te la invio, ma abbi un pò di pazienza. Io mi sono diplomata psicoterapeuta all'Istituto Freudiano di Roma e la psicoanalisi lacaniana è veramente avanti per quanto riguarda la psicosi, ma non è di facilissimo apprendimento. Non so di dove sei, MA SE cerchi nel sito dell'Istituto Freudiano le ANTENNE DEL CAMPO FREUDIANO organizzano dei corsi a tema in diverse città italiane e se sei fortunata trovi qualcuna che tratta proprio del tema della psicosi.
    Ciao!

  8. #8
    Partecipante Assiduo L'avatar di angelocollev
    Data registrazione
    07-02-2005
    Residenza
    chieti
    Messaggi
    138

    Riferimento: lavorare con pazienti psicotici

    un ottimo libro è : PRINCIPI DI RIABILITAZIONE PSICHIATRICA, Carozza Paola, edizioni Franco Angeli. il libro è molto completo, pratico e veramente ben strutturato. sicuramente all'inizio entrare in questa nuova ottica è abbstanza complicato ma avendo una formazione cognitiva sicuramente ritroverai tante cose. per qualunque consiglio o dubbio mi puoi tranquillamente contattare anche in privato. ti assicuro che confrontarsi è la cosa migliore!in bocca al lupo!
    Nuovo blog di psicologia...attendo consigli per migliorarlo www.psicopub.blogspot.com

  9. #9
    Partecipante Assiduo L'avatar di joconda77
    Data registrazione
    17-05-2008
    Messaggi
    163

    Riferimento: lavorare con pazienti psicotici

    Ciao Alexia, ho trovato questo se può interessarti:

    Napoli, da ottobre 2008 a novembre 2009
    Le psicosi nella teoria di Jacques Lacan
    Organizzato da: Associazione Lacaniana di Napoli

  10. #10
    eureka eureka
    Ospite non registrato

    Riferimento: lavorare con pazienti psicotici

    ciao. scusa se mi intrometto. ho letto i tuoi scambi d'opinione in merito all'argomento "lavorare con pazienti psicotici". ho trovato questa traccia partendo da google. sei riuscita a trovare del materiale per seguire lavoro con "pazienti psicotici adolescenti"? ti avevano consigliato un seminario, ci sei andata? Se alla fine sei riuscita a reperire il titolo di alcuni testi, magari anche di orientamento lacaniano, posso chiederti il titolo? e chiedertelo disperatamente??
    Credo di essere oggi nella tua situazione di allora..

    Graaaaaazzzie mille e spero a presto

    e.

  11. #11
    Partecipante Assiduo L'avatar di alexia_s
    Data registrazione
    23-08-2005
    Messaggi
    204

    Riferimento: lavorare con pazienti psicotici

    Ciao!
    Ho trovato interessante il libro della franco angeli che mi hanno consigliato, ma non sono potuta andare al seminario: è difficile spiegare alla mia piccola paziente che manco, quindi durante l'anno scolastico cerco di fare il meno assenze possibili.

    Ormai sono due anni che l'affianco quotidianamente e il consiglio che sento di datri è quello .. DI NON AVERE PAURA!
    Spesso si dissocia, ha allucinazioni emette comportamenti anormali.. Cose che spiazzano e intimoriscono.. Molte sue insegnanti sono spavenate, molti suoi pari pure.. e questo la fa stare se possibile peggio.

    Non so se è un discorso generale tipico della patologia, ma ciò che sento più necessario per la mia è quello di essere un RIFERIMENTO stabile, emotivamente accogliente e continuo (nelle umane possibilità, è ovvio).

    A volte cerco di contrastare le sue ideazioni bizzarre, ma non serve a molto. allora ho cominciato a registrarle (senza che lei lo veda) e a misurare la frequenza.
    In momenti di "presenza" gliele ho rimandate, e lei le ha prese su.. insomma per molti mesi si sono ridotte in intensità!

    Un'altra cosa che faccio quotidianamente è riflettere il suo stato d'animo, per livellare la sua maniacalità-depressione. è difficile, non ho ancora risultati apprezzabili ma ho gettato il semino per insegnarle che non esiste il tutto bianco-tutto nero..

    Inoltre sto faticosamente lavorando sulle Regole condivise per insegnarle a stare con gli altri...

    Insomma per un lungo periodo l'ho conosciuta e osservata... poi ho cominciato piccoli interventi...

    è un lavoro bellissimo e ricco di soddisfazioni, anche se è molto difficile

    In bocca al lupo!

    Fammi sapere come va!

  12. #12
    eureka eureka
    Ospite non registrato

    Riferimento: lavorare con pazienti psicotici

    ciao alexia-s!! grazie mille per la risposta!!! mi sento di dire caspita, brava! la ragazza che segui mi sembra un caso non da poco e tu ce la stai mettendo davvero tutta... e anche tutta la creatività!
    Riguardo ad accoglimento, a riferimento emotivo costante e sicuro, mi trovi molto in linea, e sul fatto che sia tutto da costruire caso per caso anche.
    Come dici tu, dirle che le cose (tante, tantissime) che dice prendono dalla realtà ma non stanno sul piano di realtà non serve a nulla, ovviamente. Anche perchè se anche sul momento è coerente con la realtà, poi ritorna nel suo mondo "altro".
    Proverò a dare un'occhiata al libro e tuuuutti i consigli e idee sono buone perchè il prox anno avrà l'esame di 3 media. La cosa che la caratterizza di più è la rabbia che ha dentro, ma una rabbia incontenibile... Se potesse farebbe braccio di ferro per qualunque cosa, situazioni scolastiche o relazionali indifferentemente. Lei dice che deve dare contro a tutti e che è fatta così. L'elenco delle cose che giornalmente dice di odiare è infinito: mamma scuola compiti prof squadre persone varie... Quant'è SOLA. Grazie e un super buon lavoro
    Ultima modifica di eureka eureka : 22-05-2009 alle ore 12.13.40

Privacy Policy