• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 27

Discussione: Baby blues

  1. #1
    Partecipante Super Esperto L'avatar di dott.ssaConfusa
    Data registrazione
    08-09-2005
    Messaggi
    535

    Baby blues

    Ciao a tutti!
    Mi sta balenando per la testa l'idea di buttare giù un progettino avente come scopo la prevenzione e la cura della depressione post-partum (o baby blues). Mi piacerebbe fare incontri prima di informazione, spiegando di cosa si tratta, e poi entrare più nello specifico formando gruppi di neo-mamme (o magari di donne che ancora devono partorire) da seguire. Per quanto ne so, ai corsi di preparazione al parto che fanno dalle mie parti non trattano questo argomento che secondo me, vista la delicatezza, va invece affrontato, per fornire alle mamme strumenti e informazioni utili per non cadere in questo tunnel.
    C'è qualcuno di voi che ha lavorato in questo ambito e sa darmi indicazioni, consigli, dritte e chi più ne ha più ne metta?
    Io pensavo di proporre il progetto ad associazioni femminili o che si occupano di famiglie. Chi incoraggia questa mia idea?

  2. #2
    Partecipante Leggendario L'avatar di lunalamù
    Data registrazione
    04-12-2007
    Residenza
    In Trinacria
    Messaggi
    2,030
    Mi piace questa tua idea... brava!

  3. #3
    Partecipante Super Esperto L'avatar di dott.ssaConfusa
    Data registrazione
    08-09-2005
    Messaggi
    535
    Ehm, consigli?
    Grazie cmq. Se c'è qualcuno interessato all'argomento si potrebbe anche pensare a buttare giù un progetto insieme.

  4. #4
    Postatore Epico L'avatar di Megghina
    Data registrazione
    10-11-2003
    Residenza
    Fornacette (Pisa)
    Messaggi
    5,368
    ciao! ho fatto il tirocinio facendo i corsi preparto e, essendo la mia tutor fissata sull materinita', ho fatto di tutto di piu' in questo campo.
    per prima cosa una precisazione, la depressione post partum e il baby blues non sono la stessa cosa.
    Il baby blues e' quella fisiologica (perche' legata agli ormoni), normale (perche' legata al cambimaneto di abitudini) malinconia che prende le donne entro un mese dal parto. Colpisce praticamente tutte, chi piu' intensamente e chi meno anche a seconda della personalita' individuale, ma e' una cosa che passa al massimo in un paio di settimane. Le sue manifestazioni sono crisi di pianto, senso di inadeguatezza, senso di malinconia ma la donna sa prendersi cura del bambino.
    La depressione post partum e' una patologia che colpisce circa il 2% delle donne. ha l'esordio entro i due mesi dal parto e, se non curata, puo' durare anche un anno. Colpisce donne che hanno gia' avuti episodi depressivi nella loro vita e i segnale piu' evidente di questa patologia sono due: il primo e' che la neomamma non si occupa del bambino. non soddirsfa le sue richieste e sembra non sentire il pianto del neonato. L'altro indicatore e' un'insonnia persistente (oltre le 4 settimane).

    i corsi di preparazione al parto (lameno quelli a cui ho assistito io) non trattano la depressione perche' l'incidenza e' minima. comunque di solito le future mamme lo chiedono sempre di parlarne. dato che la depressione post partum si sviluppa in soggetti che hanno predisposizione alla depressione questi sono gia' in cura (di solito), o cmq vengono segnalati dalle ostetriche o dai ginecologi che se ne accorgono.
    il fatto di fare un progetto di prevenzione per una patologia di questo tipo penso che sia una cosa molto difficile perche' si va nel campo della psicopatologia.
    per quanto riguarda il baby blues, essendo fisiologico non penso sia utile doverlo prevenire. e' una risposta ai cambiamenti ormonali e di vita, per cui e' cmq adattativa.

    spero di essere stata chiara
    Se non puoi esser strada, sii sentiero,
    se non puoi esser sole, sii una stella;
    vincere o perdere
    non ha a che vedere con la grandezza
    ma bisogna essere al meglio quello che si è




    docente del corso accelerato di Spigazione
    attendiamo iscritte

  5. #5
    Partecipante Super Esperto L'avatar di dott.ssaConfusa
    Data registrazione
    08-09-2005
    Messaggi
    535
    Ciao Megghina e grazie del tuo contributo!
    Ti dirò...mi sono accorta poco dopo aver postato della diversità delle due cose, in effetti, nel cercare un titolo al thread mi sono fiondata sul termine baby blues (o maternity blues), quando in realtà è più alla depressione post partum che mi riferivo. Speravo che nessuno si accorgesse del mio errore...
    Le due cose effettivamente sono distinte, e come dici tu intervenire sul baby blues non ha senso in quanto "sfuma" naturalmente. Dissento un pò invece dall'idea della depressione post partum vista solo come psicopatologia e perciò di difficile trattazione. E' vero che la maggior parte delle donne che cadono in questo tunnel hanno già alle spalle una predisposizione ai disturbi dell'umore, però ci sono anche diverse donne che si trovano a vivere per la prima volta certe sensazioni, magari perchè poco supportate dall'ambiente familiare o perchè si trovano di fronte a responsabilità che ancora non hanno "metabolizzato".
    Ridefinendo gli obiettivi del mio progetto, posso dire che vorrei si occuparmi della depressione post partum, ma non trattandola solamente dal lato psicopatologico...o meglio, vorrei creare gruppi di donne che affrontano insieme un percorso, consce delle difficoltà del loro nuovo status di madri.
    Spesso le neo-mamme vanno in crisi perchè non sanno molte cose, o perchè non hanno aiuti, o perchè di fronte al neonato si sentono inadeguate. Ecco, non so se è chiaro ciò che intendo, però vorrei creare una rete in cui le donne si possano confrontare per vivere al meglio possibile la maternità, evitando di cadere in disturbi che possono incidere non solamente su di loro ma anche sul futuro del bambino.
    Non so nella tua esperienza, ma per quello che ho visto io i corsi preparano quasi esclusivamente al parto, non al dopo parto...Ecco, penso ad un'educazione alla maternità in un'ottica di prevenzione.
    Tu che ne pensi?

  6. #6
    Postatore Epico L'avatar di Megghina
    Data registrazione
    10-11-2003
    Residenza
    Fornacette (Pisa)
    Messaggi
    5,368
    mi trovi d'accordo sul fatto che tante volte i problemi delle mamme si ridimensionano anche semplicemente con il confronto con le altre. sapere che piangere o non sentirsi per forza al settimo cielo non e' indice di essere cattibve madri, ma semplicemente di essere madri ed e' condiviso dalle altre, puo' aiutare molto.
    nei corsi che facevo io l'intervento psicologico era piu' sul dopo che sul durante. si analizzano le tematiche dell'attesa, del bambino idealizzato, ecc. ma si lavorava tanto proprio per far capire quanto puo' essere "duro" psicologicamente il dopo, specialmente se non ci sono aiuti o confronti. facendo sempre ilr imando ai servizi per qualsiasi difficolta'.
    se pero' nella tua area hai notato che queste cose non vengono prese in considerazione e' molto utile un programma in tal senso. pero' prima guarda bene la letetratura in relazione alla dpp o al baby blues. La dpp e' difficile prevenirla con un intervento di questo tipo. ci vuole un intervento psicoterapico adeguato che sia gia' cominciato prima del parto. Ora non ho dietro riferimeti bibliografici, ma cmq la letteratura e' abbastanza ampia sull'argomento.
    Se non puoi esser strada, sii sentiero,
    se non puoi esser sole, sii una stella;
    vincere o perdere
    non ha a che vedere con la grandezza
    ma bisogna essere al meglio quello che si è




    docente del corso accelerato di Spigazione
    attendiamo iscritte

  7. #7
    vi garantisco che la depressione non è solo quella che si presenta entro 3 mesi dal parto, non si manifesta solo con poche cure verso il bimbo...
    Io sono stata molto male... e sono scoppiata quando la mia bimba aveva 7 mesi: ansia, insonnia, spossamento fisico, inappetenza, pianto a catinelle.
    Magari non risponde ai canoni della dpp da dsm, ma è una sindrome che colpisce molte più mamme di quante dicono le statistiche!!!!! Anch'io sto lavorando ad un progetto per sostenere le neomamme. E' assolutamente indispensabile

  8. #8
    Partecipante Super Esperto L'avatar di dott.ssaConfusa
    Data registrazione
    08-09-2005
    Messaggi
    535
    Megghina: sto cercando su internet la bibliografia, ma se tu hai consigli sono ben accetti!

    Pasquetta: concordo con te, un intervento è indispensabile perchè è una problematica delicata e non così rara come sembra...
    Ovviamente il disagio è soggettivo, i "sintomi" sono variegati, così come la loro durata, ma spesso è l'isolamento delle neo-mamme che crea terreno fertile per questo disturbo. Penso che essere informate prima delle possibili conseguenze della maternità (senza voler fare del terrorismo psicologico o dar per scontato certe cose) sia un diritto delle donne.
    Se ti va possiamo restare in contatto.

  9. #9
    Postatore Epico L'avatar di Megghina
    Data registrazione
    10-11-2003
    Residenza
    Fornacette (Pisa)
    Messaggi
    5,368
    Citazione Originalmente inviato da pasquetta Visualizza messaggio
    vi garantisco che la depressione non è solo quella che si presenta entro 3 mesi dal parto, non si manifesta solo con poche cure verso il bimbo...

    infatti la depressione si distingue dal baby blues anche perche' si puo' manifestare entro il primo anno dal parto. e naturalmente i sintomi non possono essere classificati in un atabella, io ho fatto una distinzione a grandi linee.

    Pasquetta, te che sai bene di come stiamo parlando, quali consigli puoi dare? ne sei uscita? cosa ti ha aiutato di piu'?
    l'esperienza diretta e' molto importante, perche' noi possiamo avere tutti i manuali e le statistiche ma le persone sono persone, e quidni ognuno a suo modo.

    di solito le mamme piu' soggette (oltre a una familiarita' con la depressione) sono persone un po' isolate, non hanno una famiglia su cui poter fare affidamento e spesso hanno sulle loro spalle tutto il peso della nuova famiglia che si sta formando. chiedere aiuto e' gia' un passo importante.
    Se non puoi esser strada, sii sentiero,
    se non puoi esser sole, sii una stella;
    vincere o perdere
    non ha a che vedere con la grandezza
    ma bisogna essere al meglio quello che si è




    docente del corso accelerato di Spigazione
    attendiamo iscritte

  10. #10
    Partecipante Super Esperto L'avatar di rosamund
    Data registrazione
    02-12-2007
    Residenza
    high wycombe, bucks
    Messaggi
    718
    vi porto anch'io la mia piccola esperienza come mamma di tre creature che oggi hanno 7, 6 e 4 anni.. io ho iniziato a soffrire di depressione dopo qualche giorno dalla nascita della mia primogenita, dopo unpaio di giorni che eravamo rientrate a casa siamo andate in ospedale per il controllo di routine e la mia piccina è stata trattenuta per l'ittero.. è stato un trauma... me l'hanno letteralmente strappata con la delicatezza degli elefanti, non volevano che l'allattassi al seno, le davano ad orari fissati il latte artificiale anche se io andavo là anche a mezzanotte per allattarla, li lasciano piangere a squarciagola nella cullina con la luce blu e se sono troppi li mettono in coppia dentro una stessa cullina... l'hanno tenuta lì 4 giorni... dopodicchè io ho smesso di dormire e di mangiare, stavo in uno stato d'ansia perenne, spossata e senza forze, con una sensazione di inadeguatezza pazzesca, avevo dispercezioni (la luce, lo spazio, la prospettiva, gli odori, i sapori) tutto anomalo... avevo paura di stare sola in casa, di lavarmi o andare in bagno se qualcuno non era con la ciccina e comunque non dormivo... il tutto in modo intenso è durato 5 mesi... poi gradualmente mi sono ripresa... ma l'allattamento al seno è stato difficoltoso non riposando e non mangiando a sufficenza non lo reggevo, avevo crisi ipoglicemiche e questo mi faceva stare ancor più male... il tempo, l'appigliarmi a qualsiasi aiuto potessi trovare e soprattutto un forum di mamme mi hanno aiutato a guarire, a non sentirmi così sola e inadeguata... ce la dovevo fare e ce l'ho fatta.. credo che se avessi avuto più amiche che condividevano con me l'esperienza della maternità sarebbe stato meno doloroso. in ogni caso ho avuto il supporto di mio marito e di mia madre che poverini erano però anche loro alla prima esperienza come padre e nonna!
    spero di non avervi annoiato...
    poi è stato tutto in discesa!!! non per altro ne abbiamo fatte altre due di pargoline!
    Rosamund

  11. #11
    atenanike
    Ospite non registrato
    Rosamund hai tutta la mia solidarietà....anch'io aspetto un bimbo e leggengo la tua storia mi è venuta l'ansia!Piangono così tanto perchè hanno bisogno della mamma,io sono stata ricoverata per 1 settimana e c'erano i bimbi del nido che hanno pianto per tutta la nonna,mentre i bimbi che erano in stanza con la mamma piangevano solo per la fame. Mi immagino il tuo stato d'animo,visto che era una lontananza forzata,la maggior parte della mamma non li vogliono in camera la notte,almeno nella clinica dov'ero ricoverata io,mia zia lavora li ed è proprio al nido,la notte cerca di convincerle a tenerli in stanza ma le mamma sono stanche e vogliono riposare.Ma poi piangono in modo strano,a squarciagoloa poverini!Io sono terrorizzata sa questa storia della depressionde post partum....spero che non mi succeda e che il bimbo stia bene e non lo debbano separare da me.

  12. #12
    Partecipante Veramente Figo
    Data registrazione
    09-05-2007
    Residenza
    liguria
    Messaggi
    1,277
    Mi sento di intervenire anche in qualità di mamma.

    I due post delle nostre colleghe hanno tutta la mia vicinanza e l'affetto che meritano. Il momento della gravidanza, del parto e del postpartum è un periodo delicatissimo per noi donne soprattutto se riferito alla prima gravidanza.

    Voglio ringraziare Rosamund e Atenanike per aver condiviso con noi tutti i loro sentimenti e stati d'animo, davvero GRAZIE.

    Credo tuttavia che si debba rientrare nell'oggetto del post per due motivi:
    1) Dott.ssa Confusa ci ha chiesto una mano tecnica;
    2) Credo che le emozioni, paure, sensazioni provate da chi ha già risposto debbano essere custodite e meritino la riservatezza opportuna.
    Non voglio sembrare antipatica ma, lo dico con affetto, credo che per chi è in dolce attesa oggi potrebbero creare ansia.
    Per la verità la depressione postpartum non si verifica in tutte le donne quindi Atenanike stai tranquilla: sarai seguita benissimo, il tuo cucciolo/a piangerà come è normale che sia (nei Nido degli Ospedali ci sono anche bimbi "silenti"), non dovrai allontanarti da lui se non nei momenti necessari.
    Abbraccio forte le due colleghe
    il silenzio è pace, è serenità. A.G.

  13. #13
    Partecipante Veramente Figo
    Data registrazione
    09-05-2007
    Residenza
    liguria
    Messaggi
    1,277
    Atenanike i bimbi piangono perchè è il loro modo di comunicare i loro bisogni. Sembra una banalità quella che ho scritto ma non lo è.
    Loro non sanno dire in altra maniera che hanno fame, prima lo facevano direttamente dal cordone ombelicale e quando tardavamo a pranzare sai bene che si fanno sentire muovendosi un sacco; loro non sanno dire che hanno freddo e la copertina della culla si è spostata, prima erano al calduccio a circa 37°; loro non sanno dire che la luce da fastidio, prima erano al buio i loro occhietti sono ancora in formazione (nascono tutti con un colore strano degli occhi e poi con il passare delle settimane cambia fino ad essere quello che sarà per tutta la vita); loro non sanno..... ma tu lo sai e imparerai a saperlo per lui.

    Ti bacio
    il silenzio è pace, è serenità. A.G.

  14. #14
    Partecipante Super Esperto L'avatar di rosamund
    Data registrazione
    02-12-2007
    Residenza
    high wycombe, bucks
    Messaggi
    718
    "Credo tuttavia che si debba rientrare nell'oggetto del post per due motivi:
    1) Dott.ssa Confusa ci ha chiesto una mano tecnica;
    2) Credo che le emozioni, paure, sensazioni provate da chi ha già risposto debbano essere custodite e meritino la riservatezza opportuna."
    hai proprio ragione tanatoss ed in qualche modo il mio era più un post da "sentimentalMente" che non da "sulle professioni di psicologo"...
    "leggengo la tua storia mi è venuta l'ansia!"
    "Io sono terrorizzata sa questa storia della depressionde post partum....spero che non mi succeda e che il bimbo stia bene e non lo debbano separare da me."
    cara nike mi spiace tanto di avere suscitato in te questo vissuto, ma stai tranquilla... in ogni caso la mia seppure con delle difficoltà iniziali è stata una bellissima esperienza...
    la depressione post partum non "attacca" quando c'è la consapevolezza, quindi l'attenzione ai propri bisogni, e si è aperti alla condivisione... saprai, vedrai e capirai tutto del tuo bambino...
    Rosamund

  15. #15
    Partecipante Veramente Figo
    Data registrazione
    09-05-2007
    Residenza
    liguria
    Messaggi
    1,277
    Grazie Rosamund le tue bimbe hanno una mamma intelligente ed attenta

    Bacio
    Ultima modifica di tanatoss : 09-02-2008 alle ore 18.48.32
    il silenzio è pace, è serenità. A.G.

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo

Privacy Policy