• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 6 di 6
  1. #1
    michela19
    Ospite non registrato

    disturbo infantile si personalitÓ

    Per favore, mi potete dire cosa comporta un disturbo infantile di personalitÓ in un individuo adulto (donna, 35 anni)? Grazie

  2. #2
    Postatore OGM L'avatar di willy61
    Data registrazione
    20-09-2004
    Residenza
    Albino (BG)
    Messaggi
    4,192
    Blog Entries
    281
    In rete ho trovato solo questo:
    Wolff e colleghi descrissero un gruppo di individui con un pattern di comportamento anormale caratterizzato da isolamento sociale rigiditÓ di pensiero e abitudini, stile di comunicazione insolito. Questa condizione fu nominata disturbo infantile di personalitÓ schizoide. Sfortunatamente non era possibile fornire un resoconto evolutivo di questa condizione, essendo difficile accertare il grado con cui questi individui descritti potevano aver manifestato una sintomatologia simile all'autismo nella loro vita precoce.
    Tratto da: SINDROME DI ASPERGER DIRETTIVE PER L'ASSESMENT E LA DIAGNOSI | Asperger.it

    Non trovo risultati in inglese, e non ho idea di chi sia il Wolff citato nell'articolo.

    Tutto qui, per ora.

    Buona vita

    Guglielmo
    Dott. Guglielmo Rottigni
    Ordine Psicologi Lombardia n░ 10126

  3. #3
    Postatore OGM L'avatar di willy61
    Data registrazione
    20-09-2004
    Residenza
    Albino (BG)
    Messaggi
    4,192
    Blog Entries
    281
    Dopo alcune ricerche, ho scoperto che la Wolff in questione Ŕ Sula Wolff (c'Ŕ una pagina su Wikipedia dedicata a lei).

    Inoltre, probabilmente, la traduzione sulla quale ti sei basata Ŕ sbagliata. Nei suoi articoli non parla di "disturbo infantile di personalitÓ", ma di "disturbo schizoide di personalitÓ nell'infanzia". L'articolo originale probabilmente Ŕ "Sula Wolff, Schizoid personality in childhood and Asperger Syndrome, in Ami Klin. (eds), Asperger Syndrome, New York: Guilford, 2000".

    Buona vita

    Guglielmo
    Dott. Guglielmo Rottigni
    Ordine Psicologi Lombardia n░ 10126

  4. #4
    michela19
    Ospite non registrato
    grazie guglielmo! cmq nn mi sono basata su una traduzione ma sulla cartella clinica di una paziente alcolista che "risulta affetta da disturbo infantile di personalitÓ", ora nn mi Ŕ chiaro perchŔ abbiano usato il termine infantile in riferimento ad una donna adulta..

  5. #5
    Postatore OGM L'avatar di willy61
    Data registrazione
    20-09-2004
    Residenza
    Albino (BG)
    Messaggi
    4,192
    Blog Entries
    281
    Citazione Originalmente inviato da michela19 Visualizza messaggio
    grazie guglielmo! cmq nn mi sono basata su una traduzione ma sulla cartella clinica di una paziente alcolista che "risulta affetta da disturbo infantile di personalitÓ", ora nn mi Ŕ chiaro perchŔ abbiano usato il termine infantile in riferimento ad una donna adulta..
    Allora capisco un poco meglio la situazione...

    Dunque. Spesso i medici psichiatri utilizzano la classificazione ICD-10, invece di quella DSM IV-TR.
    Guardandomi la versione inglese dell'ICD 10, nella parte riguardante i disturbi di personalitÓ, trovo che questa classificazione comprende un "immature personality disorder", del quale ti riporto i criteri:

    infantilism, which is when the psychological age of the individual is notably less than the chronological one.

    In adults who suffer this personality disorder, psychological traits and processes of infancy remain present.

    These people have little or erroneous self-awareness; in addition, they are unclear about their own intentions, which stems from a lack of developed identity and well-defined, realistic life goals. They tend to escape reality through imagination, to a fantasy world where they their unsatisfied desires are fulfilled. This contributes to their remaining disoriented in the medium and long-term, with no direction in their lives. Just like children they are impatient and capricious, requiring instant gratification. They have trouble tolerating short-term difficulties in order to obtain long-term benefits, so they act almost exclusively on instinct or current trends, without taking into account the consequences of their behavior.

    Emotionally somewhat unstable, they suffer frequent up and downs in mood, set off by insignificant events. They have an emotional fragility that makes them move easily from laughter to tears. They tend to idealize sooner than most people; they might be overly influenced by outside opinions, or by those of someone who at a given moment they adopt as a role model - what we commonly call lack of character. These characteristics result in an utter lack of independence, which makes it difficult for these people to develop sufficiently. They are, therefore, like children, but with the age of adults.

    Diagnostic Criteria for the Immature Personality:

    1 - Disparity between the chronological and mental age.

    2 - Lack of self-awareness.

    3 - Emotional Instability.

    4 - Little or no sense of responsibility.

    5 - Limited or distorted view of reality.

    6 - Absence of life goals (love, education, career).

    7 - Lack of emotional maturity.

    8 - Lack of intellectual maturity.

    9 - Little or no self-control.

    10 - Lack of firm moral values and ethics.
    Tuttavia, Ŕ possibile anche ipotizzare un'altra soluzione. Cercando in rete, trovo che, spesso, ai disturbi borderlijne di personalitÓ vengono associate caratteristiche infantili (childish, nella versione americana). Potrebbe quindi essere che sia stata posta la diagnosi di disturbo borderline di personalitÓ (possibile e probabile, visto che questo tipo di disturbo Ŕ spesso associato ad uso di sostanze, e la paziente di cui riferisci Ŕ alcolista) e sia stato scritto "disturbo infantile di personalitÓ" per rimarcare il fatto che sono presenti tratti di personalitÓ di tipo infantile in misura maggiore di quanto accada di solito.

    In realtÓ, per sapere con certezza a cosa il diagnosta si riferisse, dovresti cercare nella cartella clinica della paziente il codice DSM IV o ICD 9 o ICD 10 della diagnosi. Basandoti su quello non avrai difficoltÓ a trovare quale sia il disturbo diagnosticato e quali siano le caratteristiche comportamentali dei pazienti affetti da quel tipo di disturbo.

    Buona ricerca

    Buona vita

    Guglielmo
    Dott. Guglielmo Rottigni
    Ordine Psicologi Lombardia n░ 10126

  6. #6
    michela19
    Ospite non registrato
    grazie sei stato chiarissimo. in bocca al lupo x tutto

Privacy Policy