• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 4 di 4
  1. #1
    Partecipante Super Esperto
    Data registrazione
    16-03-2007
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    642

    corsi di formazione sul bullismo

    Conoscete questi corsidi formazione???
    Sto cercando informazioni er dei orsi di formazione al riguardo, se qualcuno sa qualcosa di questi o dialtri corsi si accettano consigli!!!!



    STAGE FORMATIVO SUL BULLISMO ( cifric)
    Stage Formativo "Strategie di intervento e prevenzione del Bullismo"
    Presentazione
    Per definizione il bullismo comprende una serie di comportamenti, tipicamente descritti come aggressivi e antisociali, che si esplicitano all'interno di un contesto di relazioni, in cui i ruoli del bullo e della vittima sono rinforzati per mezzo di azioni di prevaricazione perpetrate nel tempo in modo intenzionale (Cerutti, Manca, Presaghi, 2004).
    Questo fenomeno e' sempre piu' in espansione, per cui, se da un lato, si assiste ad episodi di bullismo, che, seppur gravi, restano circoscritti all'ambiente scolastico; dall'altro, ritroviamo ragazzi che, nel contempo, mettono in atto condotte delinquenziali e penalmente illecite.
    In una scheda del 6° Rapporto Nazionale sulla Condizione dell'Infanzia e dell'Adolescenza dell'Eurispes (2005), relativa alla violenza giovanile, sono stati riportati i dati relativi alla presenza del bullismo nelle scuole sul territorio italiano, con particolare attenzione alla Campania e alla citta' di Napoli.
    La percentuale di ragazzi, dai 12 ai 18 anni, in tutta Italia, che dichiara di subire prepotenze a scuola e' pari al 46%.
    In Campania la percentuale e' molto piu' alta rispetto alla media nazionale, infatti, ben il 56,4% di loro afferma di avere minacciato (16,6%) o picchiato (21,5%) qualcuno, o, ancora, di aver fatto entrambe le cose (18,4%).
    Inoltre, i "piccoli bulli crescono", per cui risulta di fondamentale importanza potenziare programmi di intervento in ambito scolastico, sempre piu' precoci e mirati a contrastare il bullismo fin dai primi anni di scuola, quando tale fenomeno sta emergendo ed e' ancora possibile gestirlo e contrastarlo.
    Nell'ambito di un'azione preventiva andrebbero identificati quei fattori precoci di disadattamento al fine di ridurre il rischio di successive evoluzioni psicopatologiche.
    In questo senso, la presa di coscienza professionale degli psicologi e di altre figure quali, educatori e pedagogisti, rispetto al problema, attraverso corsi di formazione atti a sensibilizzare e a approfondire le conoscenze teorico-pratiche relative al bullismo, rimane un'arma efficiente per contrastare tale fenomeno.
    Da queste osservazioni sia teoriche che metodologiche, si evidenzia l'importanza di attuare piani di intervento preventivo integrati che coinvolgano: i bulli, le vittime, gli insegnanti, i genitori, ed infine il contesto sia scolastico che sociale (Di Sauro, Manca, 2006).
    Una politica scolastica integrata e' un processo che interviene su tutte le dimensioni e le fasi di tale politica possono essere le seguenti (Buccoliero, Maggi, 2005): la conoscenza del fenomeno, attraverso l'uso di test o questionari atti a rilevare la presenza e la gravita' del fenomeno del bullismo a livello classe e a livello scuola; la sensibilizzazione che ha come finalita' quella di coinvolgere tutte le componenti della scuola e soprattutto di chiarire cosa sia realmente il bullismo e di evidenziarne l'elevata frequenza nelle scuole di ogni ordine e grado; la progettazione partecipata che consiste nell'attivare tutta la comunita' scolastica al fine di delineare un progetto comune anti-bullismo; l'attivazione e la valutazione in itinere che consiste nell'effettuare monitoraggi dell'incidenza del progetto e verifiche in itinere; la valutazione finale che serve per verificare i risultati ottenuti attraverso una ricerca simile a quella iniziale per valutare per esempio se la frequenza e la gravita' delle prepotenze e' diminuita.
    Obiettivi
    Il corso ha lo scopo di formare alla pratica della realizzazione di interventi di rilevazione e di prevenzione del fenomeno del bullismo in ambito scolastico, tutte quelle figure professionali che intendono acquisire:
    Conoscenze relative alle manifestazioni di disagio psicologico, e ai meccanismi biologici, psichici e socio-relazionali sottostanti le condotte aggressive, con particolare riferimento al fenomeno del Bullismo;
    Competenze necessarie per la realizzazione di interventi integrati Anti-Bullismo rivolti al singolo soggetto, gruppo-classe, famiglia e scuola;
    Tecniche per la rilevazione del fenomeno in ambito scolastico.
    Destinatari
    Il Corso di Formazione di Interventi e Prevenzione del Bullismo nelle Scuole e' rivolto a laureati e laureandi in Psicologia, Educatori Professionali, Pedagogisti ed altri laureati professionali in possesso di diploma universitario o titolo equipollente (la cui domanda di frequenza sara' oggetto di valutazione).
    Durata
    Roma: 10 incontri svolti nella giornata del giovedi, orario 9.00 - 13.00
    Napoli: 8 incontri svolti nella giornata del sabato, orario 9.30 - 14.30
    oppure 10 incontri svolti nella giornata del mercoledi, orario 14.00 - 18.00
    Metodologia
    Il corso prevede incontri articolati in:
    lezioni teoriche informative, durante le quali saranno affrontati gli argomenti relativi al programma del Corso
    lezioni pratico-applicative (role playing) finalizzate all'apprendimento pratico delle tecniche di intervento in ambito scolastico (Educazione Socio-affettiva, Alfabetizzazione Emozionale, Peer Education, Circoli di Qualita')
    lezioni pratico-applicative finalizzate all'apprendimento pratico delle tecniche di rilevazione del bullismo in ambito scolastico (disegno, questionari strutturati e non, colloqui)
    Programma

    Il Bullismo: Cosa si intende per bullismo?, Nuove forme di bullismo (cyber-bulliyng), L'entita' del fenomeno in Europa, nel resto del mondo e in Italia
    Il Bullismo come fenomeno di gruppo
    Caratteristiche del bullismo (manifestazioni, dove avvengono le prepotenze, differenze di genere), caratteristiche del bullo, caratteristiche della vittima
    Bullismo e omosessualita'
    Bullismo ed empatia
    Definizione di aggressivita'. Aspetti neurobiologici, sociali e psicopatologici correlati all'aggressivita'
    L'influenza sociale sul comportamento aggressivo
    Presentazione dati interventi di prevenzione bullismo
    Manifestazioni dei comportamenti aggressivi in eta' evolutiva: dai comportamenti a rischio alle condotte antisociali
    La gestione del gruppo classe
    Il bullismo nella letteratura sul rischio psicosociale
    La vittima e la stabilita' dei disturbi nella sfera somatica e affettivo relazionale
    Il bullo e la stabilita' del comportamento antisociale e delinquente. Disturbo Oppositivo Provocatorio, Disturbo della Condotta e Disturbo Antisociale di Personalita': comorbilita' e continuum evolutivo
    Disturbi affettivo relazionali e psicosomatici correlati alla vittimizzazione
    Cosa significa fare prevenzione. Prevenzione in adolescenza e in ambito scolastico
    La psicologia scolastica e la prevenzione
    Principali strumenti di rilevazione del fenomeno a livello individuale e gruppale: colloquio, interviste semi-strutturate, strutturate e disegni
    Intervento integrato anti�bullismo nella scuola
    Fasi e tecniche di intervento per prevenire e contrastare il fenomeno del bullismo nella scuola. Valutazione del fenomeno
    Interventi a livello di comunita'. Interventi a livello scuola. Interventi a livello classe. La gestione del gruppo classe
    L'approccio curriculare: letteratura, cinema, teatro e giochi di ruolo. Il potenziamento delle abilita' sociali. Promuovere la cooperazione
    La peer education
    Dimostrazioni interventi di prevenzione del fenomeno "Bullismo"
    Il consulente in ambito scolastico
    Consulenza e formazione degli insegnanti, dei dirigenti scolastici e del personale ATA
    La formazione come fattore di cambiamento di prevenzione del fenomeno del bullismo
    Il coinvolgimento della famiglia. La resistenza al cambiamento
    Modalita' di costruzione delle strategie di intervento e prevenzione del bullismo in ambito scolastico rivolto alle scuole materne, elementari, medie e superiori
    Supervisione su casi trattati dagli allievi
    Numero allievi
    Il corso e' a numero chiuso, raggiunto il quale non sara' piu' possibile accettare ulteriori domande di iscrizione.
    Frequenza ed Esami
    Al termine e' previsto un esame finale mediante questionario al quale potranno accedere le persone che avranno frequentato almeno il 90% delle ore di lezione.

    Modalita' di iscrizione
    La domanda di iscrizione, corredata da Curriculum vitae e ricevuta del versamento delle quota di iscrizione (prima rata), dovra' pervenire alla Segreteria amministrativa.
    Successivamente all'iscrizione si svolgera' la selezione dei curricula presentati.
    Attestato
    Sara' rilasciato l'Attestato di partecipazione che certifica le conoscenze e le competenze relative alle strategie di intervento e prevenzione del fenomeno Bullismo.
    Costi
    Il costo del Corso e' di € 375 (+ IVA 20%)





    Workshop. "Il Bullismo: cause - diffusione - tecniche di intervento" (associazione il caleidoscopio)



    Il fenomeno del bullismo (termine che deriva dall’inglese “bullying”: letteralmente “prepotenza, sopraffazione, prevaricazione”) sta conquistando prepotentemente le prime pagine dei mass media, tanto che il Ministero della Pubblica Istruzione ha istituito un numero verde, al quale nelle prime sei settimane sono arrivate ben 4.437 telefonate. Già nel 2001 la Relazione sulla Condizione dell’Infanzia e dell’Adolescenza, approvata dall’Osservatorio Nazionale per l’Infanzia, affermava che ben il 41% dei bambini che frequenta la scuola primaria e il 26% dei ragazzi delle scuole medie lamenta di subire prepotenze, a fronte del 23% di bambini e del 18% dei ragazzi che ammette di comportarsi in modo violento nei confronti dei compagni. Questi dati fanno guadagnare ai ragazzi italiani il non ammirevole primato del coinvolgimento in episodi di bullismo in modo quasi doppio rispetto alla media dei loro coetanei europei.



    Il bullismo si presenta come un fenomeno multi-componenziale legato a molteplici fattori che, con pesi diversi e in tempi talvolta successivi, possono contribuire al suo insorgere. In questo senso si va sempre più diffondendo l’idea secondo la quale, per essere compreso prima che affrontato, il fenomeno del bullismo richieda una collegialità teoretica e applicativa tra le varie discipline e competenze.



    Il mutamento epocale dei valori di riferimento favorisce nei giovani l’insorgere di atteggiamenti e comportamenti vessatori contraddistinti da prevaricazione, violenza, sopraffazione e intimidazione, in grado di generare nei confronti delle vittime un grave stato di disagio psicologico.

    Un intervento psicologico atto all’acquisizione, sin dalla prima infanzia, di comportamenti relazionali prosociali alternativi ai comportamenti tipici del bullismo, è risultato, nelle innumerevoli esperienze estere che verranno esaminate e valutate durante il Woorkshop, quali quella condotta dal gruppo diretto dal prof. R. Roche dell’Università di Barcellona, essere in grado di contrastare in modo efficace l’isorgere di comportamenti aggressivi tipici del bullismo.

    In questo senso, una stretta collaborazione fra la scuola, la famiglia e i servizi sociali territoriali risulterebbe fondamentale per la promozione di cambiamenti stabili nella vita dell’adolescente, come di prevenzione all’insorgere di tali comportamenti.





    CONTENUTI DEL CORSO



    Nel corso del Workshop verranno trattati i seguenti argomenti:

    Diffusione e cause del fenomeno:

    v gli studi più significativi a livello nazionale ed internazionale sul fenomeno del Bullismo;

    v i miti e le leggende metropolitane che alimentano questo fenomeno;

    v i meccanismi che spingono a comportarsi da bullo;

    Tecniche di intervento e di prevenzione:

    v gli interventi psicologici che possano facilitare l’elaborazione positiva dell’esperienza dei soggetti coinvolti negli episodi di bullismo;

    v i comportamenti e le strategie che genitori e insegnanti possono mettere in atto per contrastare il fenomeno o per consentire l’evoluzione favorevole della situazione problematizzata;

    v l’efficacia degli interventi di prevenzione che favoriscono l’acquisizione di comportamenti prosociali;

    v Esercitazioni pratiche



    A CHI E’ RIVOLTO: Psicologi, laureandi in Psicologia e insegnanti



    DURATA DEL CORSO: Il workshop si terrà nel seguente orario: 9.00-13.00 / 14.00-17.00 in data da stabilirsi



    DOCENTE: Antonino Urso

    Professore inc. di Psicologia alla Facoltà di Scienze Sociali della Pont. Università San Tommaso di Roma, Coordinatore Area di Psicologia Scolastica dell’Ordine Regionale degli Psicologi del Lazio, presidente comitato tecnico-scientifico dell’Associazione Italiana di Psicologia Scolastica ONLUS, coordinatore “sportello psicologico d’ascolto” del 75° Circolo Didattico “EUR” di Roma, psicologo – psicoterapeuta cognitivo, autore di varie pubblicazioni sull’argomento



    QUOTA DI ISCRIZIONE: 100,00 € + I.V.A. (75,00 + I.V.A. per gli studenti)



    SEDE: Associazione “Il Caleidoscopio”, Via del Castro Pretorio, 30 – 2° piano int. 10 – 00185 Roma



    ATTESTATO: ai partecipanti verrà rilasciato un attestato di partecipazione



    SEGRETERIA ORGANIZZATIVA: per informazioni e iscrizioni contattare la segreteria al numero 06/4469593 il lunedì, ore 09.30 - 13.30, oppure via e-mail all’indirizzo info@ilcaleidoscopio.com (oggetto: Workshop)

    ACCREDITAMENTO E.C.M.: è in corso la richiesta presso il Ministero della Salute per il rilascio dei Crediti Formativi
    Sorridi se vuoi che ti sorridano

  2. #2
    Partecipante Super Esperto
    Data registrazione
    16-03-2007
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    642

    risp

    nessuno nessuno li conosce????uffi vi prego ditemi qualcosaaaaa
    Sorridi se vuoi che ti sorridano

  3. #3
    Partecipante
    Data registrazione
    21-07-2007
    Residenza
    prato
    Messaggi
    44
    a chi è indirizzato il corso di formazione? con quali requisiti si può accedere?

  4. #4
    Partecipante Super Esperto
    Data registrazione
    16-03-2007
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    642

    risp

    1)Workshop. "Il Bullismo: cause - diffusione - tecniche di intervento" :

    il link è Workshop. "Il Bullismo: cause - diffusione - tecniche di intervento" - Il Caleidoscopio

    come puoi leggere tu stessa è rivolto a psicologi e laureandi in psicologia e insegnanti

    2) Stage Formativo "Strategie di intervento e prevenzione del Bullismo"

    CIFRIC: Corso Sessuologia Clinica; Colloquio; Bullismo; Preparazione al parto - Napoli e Roma

    anch'esso rivolto a laureati e laureandi in Psicologia, Educatori Professionali, Pedagogisti ed altri laureati professionali in possesso di diploma universitario o titolo equipollente (la cui domanda di frequenza sara' oggetto di valutazione).
    Sorridi se vuoi che ti sorridano

Privacy Policy