• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 14 di 14

Discussione: Canzoni e psicologia

  1. #1
    Partecipante Assiduo L'avatar di littlecherub
    Data registrazione
    10-01-2006
    Messaggi
    202

    Canzoni e psicologia

    ...sulla stessa scia di film e psicologia..
    non dite che, seppure poche, ci siano delle canzoni che esprimono in modo particolare concetti forti del "nostro mondo"??

    a me viene in mente "L’Italia di Piero" di Cristicchi..
    Credo che solo chi ha bazzicato una clinica psichiatrica possa capirla devvero...
    Ultima modifica di littlecherub : 23-01-2008 alle ore 17.13.33

  2. #2
    Bambi82
    Ospite non registrato
    ti regalerò una rosa (sempre di cristicchi)
    e il cantico dei drogati di de andrè

  3. #3
    L'avatar di Duccio
    Data registrazione
    25-06-2002
    Residenza
    Firenze
    Messaggi
    8,912
    A me ad esempio me ne vengono in mente diverse di Renato Zero.... "Nei giardini che nessuno sa"...parla di anoressia (o cmq di disagio psichico)... La medicina...parla di depressione... La pace sia con te... Ricreazione...
    Essendo un cantore dell'anima... in lui molte canzoni possono avere riferimenti psicologici... Ho anche conosciuto delle persone che hanno fatto la tesi in psicologia partendo o citando delle sue canzoni (facendo anche molto bene in sede)

  4. #4
    Partecipante Assiduo L'avatar di **myra**
    Data registrazione
    24-03-2006
    Residenza
    Wonderland
    Messaggi
    223
    "I matti" di Francesco de Gregori...
    ...But what if I'm a mermaid,
    in these jeans of his with her name still on it,
    hey but I don't care..
    cause sometimes, I said, sometimes I hear my voice and it's been..
    Here.. silent all these years.. (Tori Amos)

  5. #5
    tipete
    Ospite non registrato
    in quelle di andrè ci sono spesso raccontate delle storie vere ad esempio nella canzone di marinella de andrè ebbe l'ispirazione leggendo un giornale locale dalle parti di alessandria mi pare. su questo giornale c'era la storia di questa giovane ragazza di campagna, rapita da un tizio che prima l'aveva costretta a prostituirsi e poi l'aveva strangolata e gettato il cadavere in un fiume.
    de andrè, per cercare di dare un po' di poesia a questa fine orribile, descrisse la storia di una ragazza fuggita con il principe azzurro e poi scivolata nel fiume..
    leggenda di natale racconta la pedeofilia
    vecchio frak,parla di un suicidio
    e poi sognando di don baky,descrive il disagio mentale di uno shizofrenico.impressionante leggendo il testo come si percepisca la sofferenza dell'individuo.
    ecco il testo

    Me ne sto lì seduto e assente
    con un cappello sulla fronte
    e cose strane che mi passan per la mente.
    Avrei una voglia di gridare
    ma non capisco a quale scopo
    poi d'improvviso piango un poco
    e rido quasi fosse un gioco
    Se sento voci non rispondo
    io vivo in uno strano mondo
    dove ci son pochi problemi
    dove la gente non ha schemi
    Non ho futuro nè presente
    e vivo adesso eternamente
    il mio passato è ormai per me distante
    Ma ho tutto quello che mi serve
    nemmeno il mare nel suo scrigno
    ha quelle cose che io sogno
    e non capisco perché piango
    Non so che cosa sia l'amore
    e non conosco il batticuore
    per me la donna rappresenta
    chi mi accudisce e mi sostenta
    Ma ogni tanto sento che
    gli artigli neri della notte
    mi fanno fare azioni non esatte
    D'un tratto sento quella voce
    e qui comincia la mia croce
    vorrei scordare e ricordare
    la mente mia sta per scoppiare
    E spacco tutto quel che trovo
    ed a finirla poi ci provo
    tanto per me non c'è speranza
    di uscire mai da questa stanza
    Sopra un lettino cigolante
    in questo posto allucinante
    io cerco spesso di volare nel cielo
    Non so che male posso fare
    se cerco solo di volare
    io non capisco i miei guardiani
    perché mi legano le mani
    E a tutti costi voglion che
    indossi un camice per me
    le braccia indietro forte spingo
    e a questo punto sempre piango
    Mio dio che grande confusione
    e che magnifica visione
    un'ombra chiara mi attraversa la mente
    Le mani forte adesso mordo
    e per un attimo ricordo
    che un tempo forse non lontano
    qualcuno mi diceva t'amo
    In un addio svanì la voce
    scese nell'animo una pace
    ed è così che da quel dì
    io son seduto e fermo qui.
    Ultima modifica di tipete : 04-04-2008 alle ore 18.15.47

  6. #6
    tipete
    Ospite non registrato
    Citazione Originalmente inviato da littlecherub Visualizza messaggio
    ...sulla stessa scia di film e psicologia..
    non dite che, seppure poche, ci siano delle canzoni che esprimono in modo particolare concetti forti del "nostro mondo"??

    a me viene in mente "L’Italia di Piero" di Cristicchi..
    Credo che solo chi ha bazzicato una clinica psichiatrica possa capirla devvero...
    forse ti riferivi a ti regalero una rosa

  7. #7
    Postatore Compulsivo L'avatar di lollypsico
    Data registrazione
    12-02-2008
    Residenza
    dentro un orologeria
    Messaggi
    2,878
    voglio una vita serena di tricarico...azz vorrei averla pure io!!!

  8. #8
    Bambi82
    Ospite non registrato
    Jenny è pazza di vasco

    quella che non sei di Ligabue

  9. #9
    petite phrase
    Ospite non registrato

    Riferimento: Canzoni e psicologia

    e poi sognando di don baky,descrive il disagio mentale di uno shizofrenico.impressionante leggendo il testo come si percepisca la sofferenza dell'individuo.
    ecco il testo

    Me ne sto lì seduto e assente
    con un cappello sulla fronte...


    Bellissimo testo, non lo conoscevo; mi ha fatto ricordare una poesia di Holderlin (lui veramente schizofrenico). Eccola:


    CANTO DEL DESTINO DI IPERIONE

    Voi andate lassù nella luce
    su molle suolo, beati genii!
    Splendenti brezze di dèi
    vi sfiorano lievi
    come dita ispirate
    le sacre corde.

    Senza destino, come lattante
    che dorma, respirano i superi;
    serbato casto
    in umile gemma
    è in eterno fiorire
    per loro lo spirito
    e gli occhi beati
    brillano in tacita
    eterna chiarità.

    Ma a noi non è dato
    in nessun luogo posare,
    dileguano, cadono,
    soffrendo gli uomini
    alla cieca, da una
    ora nell'altra,
    come acqua da scoglio
    a scoglio gettata
    per anni nell'incerto giù.


    (Trad. G.Vigolo)

  10. #10
    Partecipante Esperto L'avatar di Eureka82
    Data registrazione
    13-07-2007
    Residenza
    Palermo
    Messaggi
    380

    Riferimento: Canzoni e psicologia

    Mi viene in mente il Caffè de la Paix di Battiato anche se quì c'è pure il riferimento alla reincarnazione :


    Ci si risveglia ancora in questo corpo attuale
    dopo aver viaggiato dentro il sonno.
    L'inconscio ci comunica coi sogni
    frammenti di verità sepolte:
    quando fui donna o prete di campagna
    un mercenario o un padre di famiglia.

    Per questo in sogno ci si vede un pò diversi
    e luoghi sconosciuti sono familiari.
    Restano i nomi e cambiano le facce
    e l'incontrario: tutto può accadere.
    Com'era contagioso e nuovo il cielo....
    e c'era qualche cosa in più nell'aria.

    Vieni a prendere un tè
    al "Caffé de la Paix"?
    su vieni con me.

    Devo difendermi da insidie velenose
    e cerco di inseguire il sacro quando dormo
    volando indietro in epoche passate
    in cortili, in primavera.
    Le sabbie colorate di un deserto
    le rive trasparenti dei ruscelli.

    ..........

  11. #11
    Ghiotto patato ಠ_ಠ L'avatar di Biz
    Data registrazione
    16-10-2004
    Residenza
    Topadilegnopoli
    Messaggi
    23,702

    Riferimento: Canzoni e psicologia

    "Sergio" dei Baustelle

    Sul disagio incompreso:
    Testo

    Mica sono stupido
    Se esisto a vanvera
    Coi maiali state chiusi voi
    Fàtelo, un disegno a pennarelli di polvere
    Mica faccio scandalo
    Se si drizza in pubblico questo manganello
    E non c'è più medico
    Se mi lavo solamente se pagano
    E il cielo è blu
    Lo dici tu
    Nessuno è blu
    Nessuno più
    Non c'è la cura
    Cristo Gesù
    Mi salvi tu
    Le botte blu
    Dottori blu
    Mi fai paura
    E il mondo guarda
    E io non so guardare il mondo e prenderlo
    Se sono triste non lo so
    Vivo

    Mica mi capiscono
    Se descrivo i missili
    Quindici anni state chiusi voi
    Fàtela, una barca per scappare in America
    E il cielo è blu
    Lo dici tu
    Nessuno è blu
    Nessuno più
    Non c'è la cura
    Cristo Gesù
    Non serve più
    Le botte blu
    Dottori blu
    Mi fai paura

    La notte, sì
    E' nera qui
    In quattro mi violentano
    Non ho paura
    E gira il mondo
    Ed io non so se sono un uomo oppure no
    Mi chiamo Sergio e come te
    Vivo.
    "Guardatemi, signori...sono un uomo di sessant'anni e ho il corpo di un ragazzino.Ce l'ho in frigo."
    This is a blog
    This is not a link.

  12. #12
    Postatore Epico L'avatar di ZingarellaOps
    Data registrazione
    09-09-2006
    Residenza
    Provincia di Salerno
    Messaggi
    11,811
    Appena ho letto il post ho pensato a "Non parli mai" di Biagio Antonacci che fa riferimento all'autismo

    Non parli mai perché
    se c'è un motivo dai prova a dirmelo
    non chiuderti così!
    Non parli mai perché
    un po' ti invidio sai
    in quel silenzio chissà che cosa c'è?
    Non parli mai va bè!!
    sarà che sei diversa o che stai troppo in te
    dovresti uscire un po'
    e scrivi mille parole in mille lettere e poi
    ti addormenti pensando se spedirle o no
    e ti spaventi dei sogni che non hai fatto mai
    e poi ti svegli non è mattina senza un caffè
    Non parli mai pero' mi affaccio nei tuoi occhi
    c'è un universo in te e un sole solo tuo

    Non parli mai e allora io ascolto il tuo silenzio
    è come una canzone arriva chi la vuole
    ho sbagliato a dirti che stai troppo in te
    non uscire stai lì che hai tutto quello che vuoi
    non parlare c'è chi può amarti anche così
    scrivi e se ti và vorrei una lettera per me
    con tutto quello che vuoi....
    con tutto quello che sei....
    con tutto quello che hai....
    scrivi mille parole in mille lettere e poi
    ti addormenti pensando se spedirle o no
    e ti spaventi dei sogni che non hai fatto mai
    e poi ti svegli non è mattina senza un caffè
    Non parli mai e allora io ascolto il tuo silenzio
    è come una canzone arriva chi la vuole

  13. #13
    Partecipante Esperto
    Data registrazione
    07-05-2008
    Residenza
    brindisi-lecce
    Messaggi
    261

    Riferimento: Canzoni e psicologia

    e non scordiamoci 'Per elisa'...parla di tossicodipendenza.Leggete il testo...fa venire i brividi!

  14. #14
    Partecipante Affezionato L'avatar di smokingbianco
    Data registrazione
    15-09-2008
    Residenza
    caltagirone (catania)
    Messaggi
    46

    Riferimento: Canzoni e psicologia

    Canenero dei Subsonica...
    la prima volta che la senti rimani sorpreso per il coraggio che hanno avuto a denunciare in musica fatti simili...
    ascoltatela, è da brividi
    Sono ossessionato dalla perfezione che sonnecchia in ognuno di noi

Privacy Policy