• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 12 di 12

Discussione: voci di corridoio

  1. #1
    armonica
    Ospite non registrato

    voci di corridoio

    salve a tutti
    sono una ragazza all ultimo anno di liceo..e sto pensando a psicologia per l anno prossimo
    però sono travagliata da mille dubbi di ogni sorta,che vi esporrò con un allegra ingenuità
    intanto,perchè una persona decide di iscriversi a psicologia?cosa si studia esattamente?
    che prospettive lavorative offre?io non mi baso certo sulle opinioni altrui,ma chiedendo in giro sono molte le persone che definiscono psicologia una facoltà"poco impegnativa"..dove si iscrivono moltissime persone..anche chi non sa cosa fare..
    è vero tutto questo??
    chiedo a voi studenti della facoltà che sicuramente potrete fornirmi delle risposte veritiere

    aspetto impaziente vostre risposte


  2. #2
    L'avatar di Duccio
    Data registrazione
    25-06-2002
    Residenza
    Firenze
    Messaggi
    8,912
    Ciao armonica, intanto benarrivata
    Beh le tue perplessita' sono normali ed e' ovvio porsi domande e dubbi..Solo u muli vanno a dritto in maniera quasi inconssapevole...
    Se posso darti un consiglio... leggiti questo thread che insieme ad altri amici ho scritto di orientamento... Immagino possa servirti per capire un po' cosa e' la psicologia...e un po' i suoi rami in generale http://www.opsonline.it/forum/psicol...gia-25317.html

    Non farti abbindolare da chi definisce la psicologia come una facolta' semplice... Come potrebbe esserlo una facolta' che studia l'essere umano?? Sirei invece che e' una facolta' di una difficolta' e complessita' unica... Il fatto che si iscrivano molte persone e' per due motivi sostanziali (a mio parere) perche' per prima cosa e' interessante... alla fine la psicologia interessa a tutti... piu' o meno... tutti provano una curiosita' per questo ambito.. anche se magari non hanno che una vaga idea di cosa sia... E inoltre molte persone si iscrivono pensando di fare una sorta di filosofia slegata da qualunque materia scientifica...,. Infatti e' anche una facolta' dove ci sono generalmente molti abbandomi nel primo anno proprio perche' poi ci si rende conto che la psicologia e' una scienza che fonda la sua base su materie statistico-metodiologiche e fisiologiche dalle quali non si puo' prescindere...
    Ti invito a leggere il thread che ho scritto.... e' riferito alla facolta' di Firenze... ma ho cercato con i miei amici di spiegare bene cosa e' la psicologia...e i vari indirizzi nelle loro differenze.... Credo ti possa essere utile per farti un'idea... Se poi vuoi approfondire sono qua

  3. #3
    Partecipante Affezionato L'avatar di glassina
    Data registrazione
    15-06-2007
    Residenza
    busto arsizio
    Messaggi
    95
    Allora, che dire... Se guardassi la discussione qua sotto: "quali prospettive per uno studente che si iscrive adesso a psicologia" scopriresti che non sei l'unica a farti queste domande, e che qualcuno ha già risposto.
    A me la psicologia piace molto. Non la ritengo una disciplina facile da studiare, nel senso che un po' di impegno ci vuole in tutte le cose, tuttavia ritengo ci siano cose molto più difficili e complesse. Del resto non mi sono iscritta per sentirmi dire "oh, che genio che sei se studi psicologia!", ma per la passione che ho per questa materia. Anche io ho sentito parecchie voci che dicevano che fosse una facoltà fuffa, ma, a parte il fatto che non è così, dipende poi uno cosa ci mette del suo: se ti impegni riesci bene, se non ti impegni magari prendi 18, e se sei contento, bhè, diciamo che non hai chissà che grandi prospettive.
    Cosa si studia? Si studiano un sacco di cose: si spazia dalla neurofisiologia alla statistica, e poi tutte le parti della psicologia, le parti sperimentali (collegate al pensiero e alla percezione, come pensiamo e come e perchè percepiamo il mondo così com'è), la psicologia sociale (come pensano le persone in gruppo, le dinamiche che entrano in gioco), la psicologia del lavoro, la psicologia dinamica (freud penso che tutti l'abbiano intravisto in qualche testo, ma è solo uno dei tanti, e non è nemmeno il padre della psicologia in quanto tale!)... Insomma, cosa si studia dipende da che ramo sceglierai, in ogni caso la mente in tutti i suoi possibili aspetti.
    Sfatiamo il mito che la psicologia sia simile alla filosofia, comunque, ci sarà biologia, e non pochissima, perchè il cervello è parte del corpo, e ci sarà statistica, perchè per le ricerche è imprescindibile.

    Il settore lavoro è difficilmente descrivibile... Si prospettano comunque delle difficoltà, penso che nessuno studente di psicologia si aspetti di essere assunto a tempo indeterminato il giorno dopo la laurea, a meno di agganci notevoli.
    Se è vero che non si vive di sola passione, rinunciare ai sogni dall'inzio, comunque non mi sembra giusto... Sta di fatto che consiglierei psicologia solo a chi è molto determinato, ed è innamorato della materia, anche se è vero che non puoi mai sapere se è veramente quello che vuoi, finchè non ci sei dentro... Io stessa la adoro, ma a volte mi chiedo se non avrei fatto meglio a fare medicina... Sta di fatto che sono qua, ancora affascinata da ciò che studio...

    Quindi valuta bene ogni variabile. Per altre cose chiedi pure, o gira nel sito, per gli sbocchi, il lavoro, e le varie parti da cui è costituita la psicologia troverai molte cose!

  4. #4
    armonica
    Ospite non registrato
    grazie duccio,leggerò sicuramente il thread che mi hai consigliato..
    per quanto riguarda te glassina,nelle ultime tue frasi hai esposto proprio uno dei miei più grandi dubbi.infatti la mia indecisione è con medicina,facendo poi magari psichiatria..non lo so.ho molti dubbi.è un 'opinione comune dire che medicina sia più difficile..
    mi piace molto la psicologia..ma non so se poi mi porterà a fare proprio ciò che voglio..
    la passione c'è..

  5. #5
    Partecipante Affezionato L'avatar di glassina
    Data registrazione
    15-06-2007
    Residenza
    busto arsizio
    Messaggi
    95
    Citazione Originalmente inviato da armonica Visualizza messaggio
    grazie duccio,leggerò sicuramente il thread che mi hai consigliato..
    per quanto riguarda te glassina,nelle ultime tue frasi hai esposto proprio uno dei miei più grandi dubbi.infatti la mia indecisione è con medicina,facendo poi magari psichiatria..non lo so.ho molti dubbi.è un 'opinione comune dire che medicina sia più difficile..
    mi piace molto la psicologia..ma non so se poi mi porterà a fare proprio ciò che voglio..
    la passione c'è..
    Tutto quello che so è quello che ti ho scritto... Nel senso che medicina e psicologia sono diverse...Se mi fossi iscritta a medicina non avrei mai studiato psicologia sociale, che al primo anno è stato uno dei miei corsi preferiti, e nemmeno psicologia dello sviluppo... Insomma... Psicologia parte da come normalmente funzioniamo, per arrivare, dopo, a cosa può esserci di disfunzionale, sempre nell'ambito della psiche, mentre in medicina si studia tutto il corpo, e tutte le sue malattie. Io non ho scelto medicina perchè era troppo lunga, e avrei sicuramente incontrato cose che non mi sarebbero piaciute così tanto (la chimica, e la chirurgia, dato che tagliare la gente non è che sia la mia principale aspirazione...)... Per gli anni di studio forse mi ero sbagliata. Il percorso di uno psicologo non credo possa fermarsi dopo i 5 anni, nonostante tutte le difficoltà. Però ho scoperto altre cose, insomma, non c'è solo la patologia, e credo che avere delle buone basi sul com'è che pensiamo e "sentiamo" sia buona cosa, oltre che (per me) interessantissima.
    Credo che il percorso di medicina sia più difficile. Hanno la frequenza obbligatoria, esami super mattoni... Insomma, è altro. Non dico che non ce l'avrei fatta, ma ne avrei guadagnato in stress. Gli specializzandi, però, sono trattati molto meglio, insomma, li pagano tantissimo, proprio come se già lavorassero, il che è una cosa fantastica, se penso all'incertezza che invece mi aspetta...

    Buona scelta!

  6. #6
    psychologo
    Ospite non registrato
    ciao fisarmonica
    allora le voci di corridoio in parte sono corrette, in parte no, in parte sono incomplete

    sicuramente psicologia è piena di gente che non sa cosa fare, ma questo vale anche x altre facoltà
    però ci va perchè è considerata facile, a differenza di altre facoltà, come la citata medicina
    nessuno andrebbe mai a fare legge o medicina per pazziare e prender tempo, perchè li ci van giù pesante, i libri sono mattoni, il percorso è lungo, va molto sulla memorizzazione e lo studio accanito

    psicologia, come scienze politiche, è molto più soft, fattibile anche se lavori, e con un po' più di impegno, puoi prender 30 in quasi tutte le materie, ma almeno nei primi 3 anni, non c'è nulla di impossibile

    invece, ti volevo avvertire sullo stereotipo della psicologia
    se ti immagini psicologia come psicoterapia, caschi proprio male
    ti ritrovi materie scientifiche e noiose come biologia, genetica, fondamenti
    ma anche materie difficili e rompicapo come statistica, psicometria ed altre
    e qualche materia che ti chiedi a che serva (es linguistica)
    tirando le somme, se il tuo stereotipo è quello di psicoterapia, rimangono davvero poche materie interessanti, e anche li, non rispecchiano appieno ciò che ti aspetti

    quindi occhio, o davvero sai cosa è la psicologia, oppure cercati un'uni facile che però abbia anche sbocchi più concreti, come economia, perchè tra le altre pecche, in psico anche il lavoro scarseggia, ed è sottopagato (se ti fermi ai 5 anni)

    spaventata abbastanza?

  7. #7
    armonica
    Ospite non registrato
    cosa sono precisamente le neuroscienze?
    comunque io non cerco un'uni"facile"anzi..proprio per questo ho dubbi sulla psicologia..anche medicina mi attira infatti..
    ma davvero è così facile prendere 30 agli esami??
    e il lavoro scarseggia molto perchè non c'è richiesta??

  8. #8
    L'avatar di Duccio
    Data registrazione
    25-06-2002
    Residenza
    Firenze
    Messaggi
    8,912
    Le neuroscienze sono le materie che studiano il cervello e tutto il sistema nervoso a livello biologico e anatomico...
    Mah...secondo me psicologia non e' facile... Da noi i 30 almeno a Firenze non se ne vedono cosi' tanti... anzi... e i laureati con 110 direi che sono pochi sia alla triennale che alla specialistica...
    Il lavoro scarseggia in generale ovunque e anche per i laureati in medicina.. per i quali c'e' stato un grande boom... Le uniche facolta' che quando esci trovi sono ingegneria, qualche minilaurea di medicina altamente specializzata...tipo fisioterapista, infermieristica.. Informatica.. statistica.. forse anche economia...
    Dipende da chi vuoi essere e da cosa vuoi fare...
    Lo psicologo clinico e lo psicoterapeuta cura la psiche.. cura l'integrazione dell'individuo con gli altri e nel suo ambiente...e il suo benessere psicologico... Lo psichiatra cura organicamente il paziente... cura le malattie da un punto di vista strettamente medico, fisiologico....
    Insomma direi che sono due cose abbastanza diverse...
    Come ho scritto anche prima...lo psicologo o chi studia psicologia deve partire sempre dalla persona...deve avere un interese e una curiosita' innata e particolare per gli altri..deve farsi domande... deve chiedersi continuamente le motivazioni dell'agiure umano..e' la base .... e' l'interesse che dovrebbe spingere uno studente a studiare psicologia... al di la' di tutte le sue ramificazioni e dei suoi campi....

  9. #9
    psychologo
    Ospite non registrato
    se ti piace medicina vai a medicina
    perchè se poi scegli di fare una cosa a metà tra la psicologia e la psichiatria, sappi che i medici x ora la fanno da padrone, sia come assunzioni che come cose
    mi pare stiano x approvare nuove privazioni x noi a favore loro, ma non ricordo di preciso
    insomma loro sono visti un po' come i professionisti, noi un po' meno

    110 e lode è difficile perchè non bisogna cioccare mai, ma prendere voti alti non credo lo sia, molti esami vengon svelati nei forum ed è facile prepararsi in modo da prender voti + alti
    ovviamente questo fa ridurre la preparazione media dello studente, a parte i rari casi di chi prende 30 xchè sa tutto, ma secondo me son poche persone rispetto ai furbi che si sanno organizzare

  10. #10
    armonica
    Ospite non registrato

    indecisione

    allora duccio ti spiego
    io sono molto attratta dalla psiche umana..e da tutte le sue sfacettature
    mi piace analizzare i comportanebti umani..le emozioni..
    ma allo stesso tempo sono un po' turbata da queste voci che ritengono psicologia una facoltà poco impegnativa...o dopo la quale si fatica molto a trovare occupazione..per questo mi chiedo cosa faccia di preciso uno psicologo e se non sarebbe forse meglio fare medicina per poi specializzarsi in psichiatria..
    penso sia più difficile prendere 30 ad un esame di medicina rispetto a psicologia..o sono anche queste tutte voci?

  11. #11
    Partecipante Super Figo L'avatar di CaptiveSoul
    Data registrazione
    28-02-2006
    Residenza
    Siena - Padova
    Messaggi
    1,646
    Io credo dipenda tanto dalla facoltà, dai corsi e soprattutto dai professori. Io studio a padova e ti posso dire che in qualche esame di trenta non se ne sono mai visti, altri son fattibili, per la maggior parte degli esami comunque ci sono praticamente tutti i voti da diversi non promossi, ai 18, ai 30 e lode con tutte le sfaccettature intermedie.. Una mia carissima amica studia medicina, a siena (non ho idea di come funzioni nel resto d'italia..), lei ha molti meno esami di quelli che ho io ma da molti più crediti (alla fine devono sempre essere 60 crediti l'anno, 180 nei tre anni), di conseguenza è normale che alla fine i suoi esami richiedono più studio e spesso hanno come libri dei mattoni.. inoltre da lei gli esami sono praticamente tutti orali e molti professori, perlomeno a quello che mi ha detto lei, tendono a dare voti alti se meritati e a rimandare per non dare voti bassi.. ma a parte qualche esame non è poi così impossibile prendere voti alti e anche 30.. poi ti ripeto: io ti sto riportando la mia personale esperienza e quello che mi ha detto la mia amica.. di più non so e non mi piace fidarmi delle voci che vengono messe in giro..
    Comunque uno psicologo e uno psichiatra non svolgono lo stesso ruolo, magari dovresti basarti su quello che vorresti fare.. sui possibili lavori che si possono fare con una laurea in psicologia sono state aperte diverse discussioni nel forum, ti linko la prima che ho trovato, ma ce ne sono anche altre: http://www.opsonline.it/forum/psicol...gia-47960.html
    Per finire, un consiglio personale: anch'io sono stata indecisa se fare psicologia o medicina (ma anche biologia per poi fare neurobiologia), studio psicologia perché, a parte alcuni esami come biologia, statistica.. come diceva appunto psychologo (e che comunque sono importanti nella formazione di uno psicologo) in questa facoltà posso studiare dal primo anno quello che mi interessa e quindi mi trovo a studiare la maggior parte degli esami con interesse, curiosità e passione, mentre se dovessi fare sei anni di medicina la maggior parte degli esami non mi interesserebbero, li studierei proprio perché obbligata, la mia motivazione sarebbe molto minore e mi peserebbero di più e indubbiamente si vedrebbero poi i risultati nei voti inoltre probabilmente mi scoraggerei prima di arrivare alla fine.. questo succederebe a me perché so come son fatta io, magari per te è tutto diverso
    In bocca al lupo per la tua scelta!
    "Ogni volta che una cellula nervosa muore abbiamo un neurone in meno per pensare."
    (M. Bear, B. Connors, M. Paradiso, "Neuroscienze, Esplorando il cervello", trad. it. a cura di C. Casco e L. Petrosini)




  12. #12
    L'avatar di Duccio
    Data registrazione
    25-06-2002
    Residenza
    Firenze
    Messaggi
    8,912
    Citazione Originalmente inviato da armonica Visualizza messaggio
    allora duccio ti spiego
    io sono molto attratta dalla psiche umana..e da tutte le sue sfacettature
    mi piace analizzare i comportanebti umani..le emozioni..
    ma allo stesso tempo sono un po' turbata da queste voci che ritengono psicologia una facoltà poco impegnativa...o dopo la quale si fatica molto a trovare occupazione..per questo mi chiedo cosa faccia di preciso uno psicologo e se non sarebbe forse meglio fare medicina per poi specializzarsi in psichiatria..
    penso sia più difficile prendere 30 ad un esame di medicina rispetto a psicologia..o sono anche queste tutte voci?
    Per quello che fa uno psicologo dopo e le possibili applicazioni...beh ti ho lasciato al mio primo messaggio il thread sull'orientamento... li si e' cercato di spiegare un po' le possibili applicazioni...Io non credo che psicologia sia una facolta' poco impegnativa... Insomma mi pare che ci sia molto da studiare e molto da riflettere sulle cose... Abbiamo esami anche belli grossi con diversi libri...con valutazioni anche molto pesanti...
    Beh medicina e' diversa comunque... Ho amici che hanno fatto medicina e li non e' tanto la bravura dello studente ma proprio la sua capacita' di studiare almeno 8 ore al giorno tutti i giorni concedendosi un'uscita serale a settimana solamente... Un mio amico in particolare si e' laureato preciso dei 6 anni previsti... ma sono stati 6 anni di clausura a studiare...O era a casa a studiare tutto il giorno...o in facolta' in laboratorio.... Insomma che a medicina si studi e' anche una cosa risaputa...Ma che a psicologia regalino i 30.... mi pare davvero una leggenda metropolitana...(magari direi... )
    Cmq a medicina non e' che ci sia tutto sto lavoro dopo...Lo zio di un mio amico laureato con 110 e lode in pari con gli anni... non e' riuscito a trovare lavoro per diversi anni...poi ha trovato un posto come pediatra in un paesino sperduto nel molise (e' di firenze) con 2mila persone....e insomma non e' proprio il massimo della vita... ogni hanno faceva domanda per il trasferimento ma la lista e' lunghissima... Insomma anche ad inflazione di medici...
    Cmq sia vedi un po'... dipende tutto da che tipo di interesse maggiore hai...Lo psicologo generalizzando diciamo che cura la psiche ed e' piu' interessato all'essere umano...alla persona... Il medico cura l'organismo e dovrebbe essere piu' interessato ai meccanismi fisiologici piuttosto che a quelli emotivi ed umani...Anche se poi e' una distinzione molto rigida e non e' sempre vera al cento per cento...
    E nessuna delle due e' preferibile....ognuna di queste visioni e' importante nel suo campo...

Privacy Policy