• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 13 di 13
  1. #1
    Partecipante Esperto L'avatar di myssa
    Data registrazione
    10-05-2003
    Residenza
    Rozzano MI
    Messaggi
    339

    [psico dinamica Francesconi] help!!

    X favore, potete aiutarmi? Devo dare quattro esami nei prossimi 2 mesi, tra cui TUTTA DINAMICA. Il corso è con Francesconi, ma è il libro che odio , è quello della vegetti finzi. NON CAPISCO NIENTE; SOPRATTUTTO LA PARTE DI BION!!!!
    HELP ME, PLEASE!!
    Ultima modifica di Mia_Wallace : 10-05-2003 alle ore 14.29.18

  2. #2
    ciao Myssa, benvenuta nel forum di Pavia
    io sono al Vecchio Ordinamento nn conosco il programma di Dinamica con Francesconi : per libro della Vegetti Finzi intendi storia della psicoanalisi?? se si... siamo in due a odiarlo anche se per me è un lontano ricordo...cmq se mi dai un po' di tempo provo a buttarti giù due righe su Bion ...hai altri problemi??
    Nn saprei neanche dirti cosa chieda...ai miei tempi lo scritto su questo libro... funzionava così: una domanda su Freud e una domanda (da scegliere tra due o tre) su un altro autore...qualcuno sa adesso come funziona?
    a presto
    [“Tutte le lettere sono d'amore”]>>Yellow Letters

  3. #3
    Partecipante Esperto L'avatar di myssa
    Data registrazione
    10-05-2003
    Residenza
    Rozzano MI
    Messaggi
    339

    grazie

    Grazie x avermi risposto subito!6 gentile, sai, non credo di avere molto tempo da xdere in questi gg, visti gli impegni...

    Sì, il libro è proprio quell'obrobrio...
    , è complicatissimo, ho provato a chiedere appunti alle altre mie amiche e le cose si sono un po' semplificate. La cosa che non mi entra in testa è il significato delle lettere H,L,K in tutto il suo discorso...

  4. #4
    H sta per "hate", odio...
    L sta per "love", amore...
    K sta per "knowledge" conoscenza...
    Bion interpreta H e L come "fattori intrinseci di legame" subordinati ad un terzo fattore (K)...quindi H, L e K sono detti componenti del "legame dinamico", parti del processo di connessione dei pensieri...
    K (come conoscenza interpersonale) avviene in un rapporto di partecipazione di un sogetto all'altro: H e L quindi sono modalità di conoscere e rappresentare l'altro. H e L infatti nn sono in contrapposizione: il profilo dinamico opposto dell'amore (L) è la rottura del legame, la mancata evacuazione dell'altro. Il contrario di K invece nn è l'ignoranza ma la disgregazione delle forme di pensiero.
    E' più chiaro??
    in bocca al lupo e spero di vederti spesso qui!!!
    [“Tutte le lettere sono d'amore”]>>Yellow Letters

  5. #5
    Partecipante Esperto L'avatar di myssa
    Data registrazione
    10-05-2003
    Residenza
    Rozzano MI
    Messaggi
    339

    ok

    Sì, va un po' meglio, comunque siamo sempre nel dramma
    Grazie mille!!

  6. #6
    prego
    ...purtroppo Bion è così ..io lo sto studiando adesso per un altro esame ma su un altro libro ...si capisce un po' meglio, ma è cmq ostico... ...se mi viene un'illuminazione che chiarisca tutto sarai la prima a saperlo!!!
    buono studio e in bocca al lupo
    [“Tutte le lettere sono d'amore”]>>Yellow Letters

  7. #7
    Partecipante Esperto L'avatar di myssa
    Data registrazione
    10-05-2003
    Residenza
    Rozzano MI
    Messaggi
    339
    KKKREEEEEPPPPII LUI E LA SUA DISCENDENZA!!!!!!!!

  8. #8
    ..ho trovato qualcosa che forse può essere utile...
    Da http://www.sicap.it/merciai/papers/pelel.htm

    Bion ha una visione epistemologica della funzione parentale. La madre deve realizzare funzioni mentali, perché il bebè possa, con l'introiezione graduale di queste funzioni nei suoi oggetti interni, imparare a realizzare tali funzioni da solo. Secondo Bion, la mente si sviluppa attraverso l'acquisizione della conoscenza di se stessi e dei propri oggetti interni ed esterni. È il passaggio dall'ignoranza alla sapienza. È una crescita che va dalla dipendenza assoluta dalle funzioni parentali all'autonomia mentale, e che si serve del rapporto di conoscenza fra il Sé e gli oggetti interiorizzati. Tale autonomia è intesa, almeno per quanto riguarda questo "paper", come la capacità dell'individuo di risolvere le proprie necessità e frustrazioni, attraverso un pensiero che parte dall'esperienza emozionale.
    L'essere umano desidera passare dall'ignoranza alla conoscenza, alla percezione e a alla comprensione del significato delle proprie esperienze emozionali. Freud è giunto a chiamarlo istinto epistemofilico. Allo stesso tempo, lo teme e lo evita a causa del dispiacere che comporta. La tolleranza del dolore e del dispiacere è una pre-condizione perché l'individuo mantenga vincoli K (di conoscenza).
    In "Una teoria del pensiero" (1962), W. Bion aggiunse una nuova dimensione al pensiero. Il pensiero ha la funzione di creare significati (meanings), oltre a quella di esaminare e risolvere conflitti emozionali. La mente non è più considerata solamente come un'entità di adattamento al mondo esterno, ma come un mondo significativo nel quale avviene la crescita della personalità. Il pensiero a partire dalle emozioni costituisce, pertanto, la materia prima della crescita personale.
    Bion non considerava sufficiente il concetto del conflitto amore/odio per sviluppare una teoria a proposito della sua pratica clinica, che gli rivelava problemi legati all'emozione e all'anti-emozione. Sviluppò una teoria degli affetti che distingue tre tipi di vincoli nei rapporti intimi:
    - vincolo di amore (L) e anti-amore (-L)
    - vincolo di odio (H) e anti-odio (-H)
    - vincolo di conoscenza (K) e anti-conoscenza (-K)
    Secondo questa teoria, l'esperienza emozionale si trasforma in pensiero onirico ogni volta che il vincolo di conoscenza (K) é presente. Tale trasformazione avviene attraverso un misterioso processo di ciò che chiama funzione Alfa, e l'esperienza diventa inizialmente una immagine onirica. In questo modo l'immagine onirica è il primo pensiero, è la prima pietra simbolica del significato dell'esperienza emozionale, è la pietra fondamentale su cui si basano tutti gli altri livelli possibili di pensiero più elaborato (astrazioni e generalizzazioni).
    Le prime realizzazioni della funzione alfa nella vita dell'essere umano sono opera della madre. Con l'allattamento, il bebè è alimentato allo stesso tempo dal latte e dal funzionamento della mente della madre. Ella trasmette al bebè per mezzo degli occhi, della voce, del modo di tenerlo in braccio, un "qualcosa" che ha elaborato nella mente a partire da ciò che ha percepito nel bebè, un "qualcosa" in forma simbolizzata che gli offre la possibilità di avere un'immagine onirica, e capire e dare significato a ciò che prova, dando inizio a un pensiero.
    [“Tutte le lettere sono d'amore”]>>Yellow Letters

  9. #9
    Partecipante Esperto L'avatar di myssa
    Data registrazione
    10-05-2003
    Residenza
    Rozzano MI
    Messaggi
    339
    Ciumbia, ma che genio 6??!!!
    Trovarle xsone che ti risolvono subito la vita
    Grazziee!!!!

  10. #10
    grazie
    diciamo che è tutta una strategia per renderti Ops-dipendente come altre decine e centinaia di Ops-dipendenti in tutta Italia!!!
    [“Tutte le lettere sono d'amore”]>>Yellow Letters

  11. #11
    Picciurina L'avatar di peperina
    Data registrazione
    08-09-2002
    Residenza
    Bologna
    Messaggi
    1,246
    ciao myssa..hai visto che super moderatrice abbiamo
    io nel mio piccolo posso dirti di stare tranquilla...il secondo modulo è bellissimo...vedraiio l'ho preparato in pochi giorni e l'esame è andato molto bene...per il primo non devi fare proprio tutto il libro della vegetti, lo sapevi? ci sono dei capitoli da saltare....

    benvenuta!!!!

  12. #12
    Partecipante Esperto L'avatar di myssa
    Data registrazione
    10-05-2003
    Residenza
    Rozzano MI
    Messaggi
    339
    Si, ti ringrazio, x quelle cose sono sempre informatissima!!!!! Speriamo che vada tutto bene

  13. #13
    Originariamente postato da peperina
    ciao myssa..hai visto che super moderatrice abbiamo
    grazieeeeeee!!!
    una cosa importante: Francesconi da un voto (da 18 a 30) ad ogni risposta, e il voto finale è la media di questi voti...quindi nn saltare domande, perchè se no i punti sono zero e anche lo zero fa media...
    lo so perchè è successo a me :tre domande, 29, 27....e 0 (una cavolo di domanda a cui nn sapevo rispondere..."ma io ci ho tanto insistito a lezione".. ..se frequentassi!!! )...morale: 19 e quindi mi tocca ridarlo
    :ciao2:
    [“Tutte le lettere sono d'amore”]>>Yellow Letters

Privacy Policy