• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 15
  1. #1
    Partecipante Veramente Figo
    Data registrazione
    24-08-2006
    Messaggi
    1,145

    lavorare nell'ambito delle adozioni

    Ultimamente mi sono scoperta molto interessata a quest'ambito, devo dire che mi piacerebbe moltissimo in futuro accostarmi ad attività in questo campo.

    Sapete (anche indirettamente) quali sono i compiti dello psicologo che si occupa di questo settore?

    Quale ente si occupa di adozioni? solo la ASL?

    Secondo voi ci sono abbastanza opportrunità lavorative in questo ambito oppure no?

    Grazie 1000!

    Isa

  2. #2
    Postatore Compulsivo L'avatar di LuisaMiao
    Data registrazione
    07-02-2005
    Residenza
    Monza
    Messaggi
    3,204
    io ho fatto il tirocinio in un Consultorio ASL che aveva la delega del Comune per le adozioni e la mia tutor era proprio una delle psicologhe che seguiva le adozioni stesse.

    I compiti dello psicologo in questo campo possono essere diversi, a seconda di dove lavori. Andiamo perciò con ordine:
    - se lavori all'ASL o al Comune, il tuo lavoro sarà quello di fare le indagini psico-sociali (in teoria con l'affiancamento dell'assistente sociale) delle coppie che si dichiarano disponibili all'adozione, sia nazionale che internazionale, e poi relazionare al TM in merito. In alcuni casi si ha la possibilità di attivare corsi di preparazione all'adozione, sia di informazione che di formazione (ed è mooolto difficile ma anche davvero interessante), per le coppie che si accingono a fare questo passo.
    Altro "pezzo" seguito da questi Enti, è seguire la coppia nel momento in cui arriva il minore (o i minori) a casa, nell'anno di affido pre-adottivo. Anche qui dopo si relaziona al TM.
    - se invece si lavora in un Ente Autorizzato per le adozioni internazionali, si seguono le coppie dopo che hanno ricevuto il decreto di idoneità dal TM, sia per quanto riguarda eventuali scelte da compiere (Paese a cui rivolgersi, 1-2 o tot minori,...) sia per quanto riguarda l'attesa che è un aspetto non da poco. Inoltre si segue la parte del rientro in Italia col minore, il suo ambientamento, l'inserimento a scuola, etc etc. Anche gli Enti e i loro psicologi organizzano corsi di formazione, specialmente sul post-adozione che possono essere su come raccontare la storia al minore, sull'integrazione del minore di differente etnia, sul mondo della scuola e adozione, etc etc
    - se si lavora per Associazioni di famiglie adottive, anche qui si organizzano e gestiscono corsi sui temi che prima dicevo in ambito pre-adozione e post-adozione.

    In merito alle opportunità lavorative... io direi che sono ben poche: appena finito il tirocinio ho mandato non so nemmeno più quanti CV a Enti Autorizzati e Associazioni di famiglie adottive, ho chiamato e chiesto un colloquio... ma nulla di nulla. Anche perchè in alcuni casi, le Associazioni di famiglie, mi è stato palesemente risposto che preferiscono far fare i corsi a madri adottive perchè hanno già vissuto questa esperienza....

    Comunque in bocca al lupo! E se hai altre domande... chiedimi.
    Não sei o motivo pra ir
    só sei que não posso ficar
    não sei o que vem a seguir
    mas quero procurar.
    (Mafalda Veiga)

    Il mio blog

  3. #3
    Partecipante Veramente Figo
    Data registrazione
    24-08-2006
    Messaggi
    1,145
    Citazione Originalmente inviato da LuisaMiao Visualizza messaggio
    io ho fatto il tirocinio in un Consultorio ASL che aveva la delega del Comune per le adozioni e la mia tutor era proprio una delle psicologhe che seguiva le adozioni stesse.

    I compiti dello psicologo in questo campo possono essere diversi, a seconda di dove lavori. Andiamo perciò con ordine:
    - se lavori all'ASL o al Comune, il tuo lavoro sarà quello di fare le indagini psico-sociali (in teoria con l'affiancamento dell'assistente sociale) delle coppie che si dichiarano disponibili all'adozione, sia nazionale che internazionale, e poi relazionare al TM in merito. In alcuni casi si ha la possibilità di attivare corsi di preparazione all'adozione, sia di informazione che di formazione (ed è mooolto difficile ma anche davvero interessante), per le coppie che si accingono a fare questo passo.
    Altro "pezzo" seguito da questi Enti, è seguire la coppia nel momento in cui arriva il minore (o i minori) a casa, nell'anno di affido pre-adottivo. Anche qui dopo si relaziona al TM.
    - se invece si lavora in un Ente Autorizzato per le adozioni internazionali, si seguono le coppie dopo che hanno ricevuto il decreto di idoneità dal TM, sia per quanto riguarda eventuali scelte da compiere (Paese a cui rivolgersi, 1-2 o tot minori,...) sia per quanto riguarda l'attesa che è un aspetto non da poco. Inoltre si segue la parte del rientro in Italia col minore, il suo ambientamento, l'inserimento a scuola, etc etc. Anche gli Enti e i loro psicologi organizzano corsi di formazione, specialmente sul post-adozione che possono essere su come raccontare la storia al minore, sull'integrazione del minore di differente etnia, sul mondo della scuola e adozione, etc etc
    - se si lavora per Associazioni di famiglie adottive, anche qui si organizzano e gestiscono corsi sui temi che prima dicevo in ambito pre-adozione e post-adozione.

    In merito alle opportunità lavorative... io direi che sono ben poche: appena finito il tirocinio ho mandato non so nemmeno più quanti CV a Enti Autorizzati e Associazioni di famiglie adottive, ho chiamato e chiesto un colloquio... ma nulla di nulla. Anche perchè in alcuni casi, le Associazioni di famiglie, mi è stato palesemente risposto che preferiscono far fare i corsi a madri adottive perchè hanno già vissuto questa esperienza....

    Comunque in bocca al lupo! E se hai altre domande... chiedimi.
    Grazie davvero per le tue risposte!
    Posso chiederti cos'è un TM?
    Curiosità, durante il tuo tirocinio (post laurea??) che compiti avevi?
    A me piacerebbe fare tirocinio in una struttura come la ASL dopo la laurea ma sto valutando la cosa perchè non sarebbe male fare tirocinio in un ente in cui c'è la possibilità di essere assunti alla fine del periodo di tirocinio.
    E alla ASL questa possibilità dubito proprio che ci sia....

  4. #4
    Postatore Compulsivo L'avatar di LuisaMiao
    Data registrazione
    07-02-2005
    Residenza
    Monza
    Messaggi
    3,204
    ops, scusa l'abitudine: TM sta per Tribunale per i Minorenni.
    Ho fatto lì il tirocinio post-lauream e il mio compito era di affiancare la mia tutor durante i colloqui (in pratica, zitta e muta) e poi l'aiutavo nello scrivere le relazioni. Sia nel caso di indagini psico-sociali preadottive, sia quelle dell'affido preadottivo.

    All'ASL si entra per concorso... certo, un contratto di consulenza o a progetto ci può anche essere. Ma difficilmente per giovani psicologi.
    Ad ogni modo, informati anche presso i Comuni e la Tutela Minori: non tutti i Comuni hanno dato delega alle ASL per affidi e adozioni.
    Certo, se tu avessi modo di fare tirocinio in un Ente Autorizzato, le cose son diverse: come struttura privata, per l'assunzione segue altri iter.

    In bocca al lupo!
    Não sei o motivo pra ir
    só sei que não posso ficar
    não sei o que vem a seguir
    mas quero procurar.
    (Mafalda Veiga)

    Il mio blog

  5. #5
    Partecipante Assiduo L'avatar di paolaluna
    Data registrazione
    22-10-2006
    Residenza
    roma
    Messaggi
    194
    Credo sia un lavoro davvero interessante, peccato che gli sbocchi lavorativi siano così pochi.
    L'ordine degli psicologi del lazio organizza per i suoi iscritti un seminario di una giornata in collaborazione con il tribunale dei minori di roma sull'affidamento, può darsi che anche gli ordini delle atre regioni facciano qualcosa di analogo, può essere utile per saperne di più.

  6. #6
    Partecipante Veramente Figo
    Data registrazione
    24-08-2006
    Messaggi
    1,145
    Citazione Originalmente inviato da LuisaMiao Visualizza messaggio
    Certo, se tu avessi modo di fare tirocinio in un Ente Autorizzato, le cose son diverse: come struttura privata, per l'assunzione segue altri iter.

    In bocca al lupo!


    Grazie di tutto!

    Farò una bella ricerca su internet per vedere di scoprire quali enti autorizzati privati e non si occupano di adozioni a Genova, la mia città.

    Buona giornata e in bocca al lupo anche a te per la tua ricerca di lavoro (nel caso nel frattempo non l'abbia trovato! )

  7. #7
    Postatore Compulsivo L'avatar di LuisaMiao
    Data registrazione
    07-02-2005
    Residenza
    Monza
    Messaggi
    3,204
    qui c'è il linl all'elenco completo degli Enti Autorizzati: Commissione per le Adozioni Internazionali

    Comunque, credo che bisogna stare attenti a non confondere adozione e affido, in quanto partono proprio da presupposti diversi... e quindi anche il nostro lavoro è differente.

    Não sei o motivo pra ir
    só sei que não posso ficar
    não sei o que vem a seguir
    mas quero procurar.
    (Mafalda Veiga)

    Il mio blog

  8. #8
    Partecipante Veramente Figo
    Data registrazione
    24-08-2006
    Messaggi
    1,145
    Citazione Originalmente inviato da LuisaMiao Visualizza messaggio
    qui c'è il linl all'elenco completo degli Enti Autorizzati: Commissione per le Adozioni Internazionali

    Comunque, credo che bisogna stare attenti a non confondere adozione e affido, in quanto partono proprio da presupposti diversi... e quindi anche il nostro lavoro è differente.

    Sei davvero molto molto disponibile, grazie!
    Stavo pensando....quindi gli psicologi che lavorano al tribunale dei minorenni...
    Che compiti hanno? solo dare l'ok o meno rispetto alle decisioni prese dagli enti privati o pubblici?
    Sono 'gnurantissima.......

  9. #9
    Postatore Compulsivo L'avatar di LuisaMiao
    Data registrazione
    07-02-2005
    Residenza
    Monza
    Messaggi
    3,204
    Gli psicologi del TM possono essere giudici non togati, appunto esperti in un'area e a quel punto il loro lavoro è valutare le pratiche, mettere insieme i vari pezzi, a volte anche sentire la coppia e poi, in sede di consiglio, danno la loro valutazione psicologica.
    Le ASL o i Comuni che fanno l'indagine non decidono nulla: loro fanno solamente una relazione in risposta a un decreto del Tm in cui si chiedono una serie di cose (e sono decreti standard in questo caso). La relazione è in pratica la risposta tecnica a queste domande fatte dal giudice. Ma chi decide è sempre e solo il giudice: anche perchè non è detto che la sua decisione segui la linea della relazione psico-sociale...

    A questa pagina qualche consiglio di lettura sulle adozioni se ti va di approfondire: ADOZIONE INTERNAZIONALE
    Não sei o motivo pra ir
    só sei que não posso ficar
    não sei o que vem a seguir
    mas quero procurar.
    (Mafalda Veiga)

    Il mio blog

  10. #10
    Partecipante Veramente Figo
    Data registrazione
    24-08-2006
    Messaggi
    1,145
    Citazione Originalmente inviato da LuisaMiao Visualizza messaggio
    Gli psicologi del TM possono essere giudici non togati, appunto esperti in un'area e a quel punto il loro lavoro è valutare le pratiche, mettere insieme i vari pezzi, a volte anche sentire la coppia e poi, in sede di consiglio, danno la loro valutazione psicologica.
    Le ASL o i Comuni che fanno l'indagine non decidono nulla: loro fanno solamente una relazione in risposta a un decreto del Tm in cui si chiedono una serie di cose (e sono decreti standard in questo caso). La relazione è in pratica la risposta tecnica a queste domande fatte dal giudice. Ma chi decide è sempre e solo il giudice: anche perchè non è detto che la sua decisione segui la linea della relazione psico-sociale...

    A questa pagina qualche consiglio di lettura sulle adozioni se ti va di approfondire: ADOZIONE INTERNAZIONALE
    Ora clicco sul link.
    G R A Z I E davvero!!!
    Un bacio e buona serata
    Isabella

  11. #11
    atenanike
    Ospite non registrato
    Ma ti inetressa diventare giudice onorario,quindi quelli di cui parla Luisa o lavorare all'interno di un Comune o di un Ente che si occupa di adozioni?Quelli privati si occupano credo soltanto di adozioni internazionali,perchè costano parecchio e si guadagna. Nei comuni spesso c'è uno sportello apposito che si occupa di Affidamento,qui nel mio paese c'è il Centro per l'affidamento familiare e si tengono anche corsi di sensibilizzazione all'argomento,non so chi li tenga,anche se secondo me oltre la mamma che racconta la sua esperienza ci dovrebbe essere la psicologa come primo interlocutore,queste cose non le sopporto...ma perchè non danno a ciascuno il suo??E' un campo molto interessante e bisogna studiare tanto,tutte le info che ha dato Luisa dimostrano che dietro c'è una grande preparazione,perchè ha spiegato tutto in termini semplici.Complimeti Luisa,spero che trovi lavoro in questo campo perchè si vede che sei portata e ti appassiona.

  12. #12
    Partecipante Veramente Figo
    Data registrazione
    24-08-2006
    Messaggi
    1,145
    Citazione Originalmente inviato da atenanike Visualizza messaggio
    Ma ti inetressa diventare giudice onorario,quindi quelli di cui parla Luisa o lavorare all'interno di un Comune o di un Ente che si occupa di adozioni?.
    Direi entrambe le cose!!

    Comunque se potessi scegliere credo che preferirei lavorare in una struttura come l'ASL.

    Ma non posso certo fare la schizzinosa....

    Capitasse la fortuna di essere scelta come giudice onorario sarei felicissima ugualmente.

  13. #13
    Postatore Compulsivo L'avatar di LuisaMiao
    Data registrazione
    07-02-2005
    Residenza
    Monza
    Messaggi
    3,204
    Consideriamo però che la carica di giudice onorario è più una cosa onorifica (appunto) che di guadagno, nel senso che c'è una marea di lavoro e tantissima responsabilità ma i soldi arrivano quando arrivano...E di solito, per questo lavoro, vengono selezionati psicologi con anni e anni di esperienza.

    *Gli enti Privati si occupano solo di adozion iinternazionali, perchè solamente di quello si possono occupare. Nel senso che le adozioni nazionali sono gestite in toto tra Tribunale per i Minorenni e il Servizio Sociale/Tutela Minori di riferimento.
    é vero che le adozioni internazionali costano tanto, ma ora la Commissione per le AI ha fissato dei limiti tabellari per ogni Stato di provenienza del minore e se l'Ente esce da quei limiti si può far ricorso.

    Inoltre non facciamo confusione su che cos'è l'adozione (e il lavoro che lo psicologo fa in quest'ambito) e l'affido: sono due situazioni diverse, specialmente perchè il presupposto alla base è opposto. E quindi anche il n ostro lavoro è differente.
    Não sei o motivo pra ir
    só sei que não posso ficar
    não sei o que vem a seguir
    mas quero procurar.
    (Mafalda Veiga)

    Il mio blog

  14. #14
    vanessacarmen
    Ospite non registrato
    Citazione Originalmente inviato da LuisaMiao Visualizza messaggio
    ops, scusa l'abitudine: TM sta per Tribunale per i Minorenni.
    Ho fatto lì il tirocinio post-lauream e il mio compito era di affiancare la mia tutor durante i colloqui (in pratica, zitta e muta) e poi l'aiutavo nello scrivere le relazioni. Sia nel caso di indagini psico-sociali preadottive, sia quelle dell'affido preadottivo.

    All'ASL si entra per concorso... certo, un contratto di consulenza o a progetto ci può anche essere. Ma difficilmente per giovani psicologi.
    Ad ogni modo, informati anche presso i Comuni e la Tutela Minori: non tutti i Comuni hanno dato delega alle ASL per affidi e adozioni.
    Certo, se tu avessi modo di fare tirocinio in un Ente Autorizzato, le cose son diverse: come struttura privata, per l'assunzione segue altri iter.

    In bocca al lupo!
    ciaoo...leggendo il tuo messaggio ho ritenuto utile chiederti alcune informazioni.Io lavoro presso la tutela minori, da poco abbiamo avviato un progetto "affidi" vale a dire un progetto che preveda la ricerca sul territorio ( sono di Lodi, vicino a Milano) di famiglie affidatarie. Abbiamo contattato diversi enti ed associazioni, ma nulla per il momento(almeno qui in zona),hai qualche indicazioni da darmi?Indirizzi utili?Grazie mille!

  15. #15
    Postatore Compulsivo L'avatar di LuisaMiao
    Data registrazione
    07-02-2005
    Residenza
    Monza
    Messaggi
    3,204
    mi spiace non ho indirizzi da darti... l'unica cosa che mi viene da dirti è come ho visto procedere certi Comuni. Si è iniziato formando le famiglie affidatarie (se è una zona dove il servizio di affido non è molto praticato o si vuole sviluppare adesso, è facile anche non trovare famiglie già informate e formate) con un corso ad hoc. Questo per dare info generali alle famiglie (in primo luogo, che l'affido non è un modo per arrivare all'adozione), per cominicre a costruire un percorso di reciproca conoscenza ma anche per fare un minimo di *selezione*.

    Se hai bisogno, chiedi pure (anche via pm).
    Não sei o motivo pra ir
    só sei que não posso ficar
    não sei o que vem a seguir
    mas quero procurar.
    (Mafalda Veiga)

    Il mio blog

Privacy Policy