• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 3 di 3

Discussione: handicap

  1. #1
    macla333
    Ospite non registrato

    handicap

    C'è nessuno che ha le risposte del lera a queste domande?!!

    -Progetta un intervento di sensibilizzazione sul tema handicap e sessualità
    -il lavoro di gruppo per tema
    -l'intervento nell'handicap secondo vari costrutti teorici


    vi ringrazio........

  2. #2
    Partecipante Figo L'avatar di cambridge
    Data registrazione
    26-12-2005
    Residenza
    Firenze
    Messaggi
    794
    Io ti posso dire questa (fatta da me):

    IL LAVORO DI GRUPPO PER TEMA:
    I soggetti del lavoro di gruppo per tema hanno tutti lo stesso handicap. all'interno del gruppo vi sono persone più avanti nel decorso della malattia e che hanno migliorato le loro condizioni fisiche e psichiche. queste persone possono spronare i componenti del gruppo che sono per il momento indietro da questo punto di vista. quindi le persone che sono più evolute (più avanti nell'elaborazione della malattia) servono per far progredire anche gli altri. c'è una forte condivisione tra i membri e in un certo senso un gruppo di questo tipo è piuttosto autoregolato. Lavorare per specificità è un metodo valido in quanto ogni handicap ha caratteristiche specifiche ed è giusto che le persone possano confrontarsi su queste. infatti, ad esempio, sono ben diversi i meccanismi innescati dall'attesa della nuova crisi tipica della sclerosi multipla, da quelli invece innescati dall'arto fantasma (dopo l'amputazione). gruppi di questo tipo potrebbero essere utili anche come terapia preventiva (destinata ad esempio a persone a cui dovrà essere amputato un arto) per lavorare sui meccanismi peculiari. l'operatore che lavora in gruppi formati per patologia ha perciò l'obbligo di conoscere le peculiari caratteristiche di quel particolare handicap: sapere ad esempio cosa provano le persone, cosa fanno in determinate situazioni, etc... Occorrerebbe, per fare un buon lavoro, che lo psicologo conoscesse le caratteristiche tipiche di ogni membro. l'intervento psicoterapeutico in questo caso deve essere indirizzato su tematiche precise, anceh perchè spesso, ciò che caratterizza questi gruppi è il desiderio di ottenere risultati in tempi brevi. il dialogo è facilitato nel caso in cui il problema delle persone sia identificato, riconosciuto e condiviso da tutti.
    l'informazione sulla patologia è imporatnte, ma non produce di per sè miglioramento: affinche sia funzionale al processo riabilitativo occorre che essa sia significativa dal punto di vista emozionale.
    alcuni esempi di gruppi per tema sono:
    -parkinsoniani
    -post-infartuati e post-bypass : il lavoro di gruppo spesso si basa sulla tollerazione di tematiche di evitamento, vergogna e paura di mostrarsi deboli (agorafobia secondaria e ritiro sociale)
    -amputati : lavoro su tematiche soprattutto di forte rabbia seguita da vergogna. utilissime la presenza di persone che hanno imparato a convivere col problema.

    In bocca al lupo!!!

  3. #3
    macla333
    Ospite non registrato
    grazie mille !!! se qualcuno mi sa dire dove posso trovare le altre risposte..

Privacy Policy