• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 10 di 10
  1. #1
    Partecipante Affezionato L'avatar di zibboooo
    Data registrazione
    14-09-2005
    Residenza
    roma
    Messaggi
    101

    psicologia e osteopatia

    Ciao a tutti,

    vorrei sottoporre alla vostra attenzione un'idea che da un po' mi frulla in testa e desidererei un parere o dei contributi da voi.

    L'osteopatia è una disciplina e una "scienza" che ho scoperto da pochissimo (da paziente) e la cosa che più mi ha affascinato è che molte conclusioni a cui è arrivata la mia osteopata "leggendo il mio corpo" coincidono fortemente con il lavoro psicoanalitico che io sto facendo da qualche anno...

    L'idea che mi sto facendo è che forse, l'osteopatia e la psicologia/psicoterapia/psicoanalisi possano essere usate insieme o parallelamente nello studio di un caso clinico.

    non ne so molto di osteopatia anzi...ma so che a Roma esistono dei centri in cui c'è un approccio olistico, sulla persona, dove all'interno, insieme allo psicologo lavorano anche l'osteopata, l'omeopata ecc. Ed io vorrei mettere su proprio un progetto che abbia come finalità l'apertura di un centro simile.

    Insomma, voi conoscete qualcosa al riguardo??

    secondo voi queste due discipline possono essere l'una strumento dell'altra ?? e se si...in che modo??
    Sapete darmi qualche informazione in più sull'osteopatia??

    grazie a tutti per l'attenzione e un grazie particolare a chi vorrà dare un suo contributo a questa discussione.

    Buone feste a tutti!!
    "Chi ha occhi per vedere e orecchi per intendere si convince che ai mortali non è possibile celare nessun segreto. Chi tace con le labbra chiacchiera con la punta delle dita, si tradisce attraverso tutti i pori.."(S. Freud, 1905)

  2. #2
    Neofita L'avatar di elyleawow
    Data registrazione
    28-12-2007
    Residenza
    Berlin
    Messaggi
    14
    Caro Zibboooo e' un' ottima idea. Io vivo a Berlino ed e' qui che ho conosciuto l'osteopatia come paziente e il mio osteopata tramite il mio corpo ha rivelato e sbloccato alcuni miei problemi psichici. L'osteopatia e' una scienza fantastica poiche' e' molto specifica e non scinde il corpo dalla mente. Il paziente viene visto nella sua complessita' quindi la componente psicosomatica e' estremamente presa in considerezione. Nell'osteopatia i nostri organi interni vengono spesso correlati con simboli o concetti. Una volta avevo un dolore al coccige pensando ad un problema muscolare(allora ero ancora ballerina) e il mio osteopata trovo' un problema alla mia vescica la quale e' simbolo del "territorio"(pensa ad alcuni animali che urinano per marcare il loro territorio). Cio' mi porto' a riflettere ed infatti poche settimane prima si era trasferita da me una amica, la quale dormiva in camera mia per un periodo, poi sarei andata a lavorare 6 mesi all'estero. Nella settimana precedente all'apparsa del dolore al coccige ogni mattina sognavo di dovere urinare e che non potevo perche' non trovavo un bagno. La morale della favola era che il mio territorio era stato invaso e stavo "perdendo" il mio spazio e nel sogno il non essere in grado di urinare simboleggiava probabilmente l'impossibilita' di tracciare un nuovo territorio. Cosi' il mio osteopata trattando manualmente la mia vescica(la quale rifletteva il dolore sul mio coccige) mi fece sparire il dolore la sera stessa, ma probabilmente cio' che mi aiuto' notevolmente fu anche la presa di coscenza del problema pscologico che avevo attivato tutto questo meccanismo. Probabilmente se fossi andata da un semplice ortopedico mi avrebbe prescritto un antidolorifico..............
    In bocca al lupo per la tua idea e se mai avrai bisogno di un'operatrice di tecniche di rilassamento fammi sapere:-)

    Ely

  3. #3
    Partecipante Affezionato L'avatar di zibboooo
    Data registrazione
    14-09-2005
    Residenza
    roma
    Messaggi
    101
    cara ely non immagini quanto è stato importante per me leggere il tuo contributo.grazie mille e se ne avrò bisogno ti contatterò ancora.
    in bocca al lupo per tutto!
    "Chi ha occhi per vedere e orecchi per intendere si convince che ai mortali non è possibile celare nessun segreto. Chi tace con le labbra chiacchiera con la punta delle dita, si tradisce attraverso tutti i pori.."(S. Freud, 1905)

  4. #4
    teleciot
    Ospite non registrato

    buona la strada perche non collaborare?

    ciao io sono psicologo e da anni sto associando tecniche corporee al mio lavoro. non sono osteopata ma uso tecniche che da lontano possono essere confuse come tali e si devo darvi ragione il corpo parla, e parla più di quanto possiamo immaginare.
    del resto non dovremmo stupirci che esiste una tale relazione tra corpo e mente. o meglio si se continuiamo a restare impantanati della figura dello psicologo che si occupa dell'organo mente.
    noi non siamo medici (e questa è una fortuna) noi siamo al di là
    un medico si specializza nei vari organi (cardiologo fisiologo, ginecologo... e poi neurologo e psichiatra) non facciamo l'errore di incastrarci in una branca della medicina noi non siamo gli specialisti della mente.
    noi ci occupiamo di fare anima (scriveva il buon hillman) per noi c'è la persona.
    noi ci occupiamo di psiche che significa letteralmente respiro. tutto qui noi ci occupiamo di quella cosa semplice che è il soffio di vita (giunto per chi ha la fede da dio per gli altri problema loro).
    e questo soffio si manifesta attraverso le "tensioni" muscolari (e quindi con il corpo) poi emerge con le emozioni per poi diventare completamente conscio attraverso il pensiero.

    una buona manipolazione se accompagnata da un lavoro di presa di consapevolezza in contemporanea vale anni di psicoterapia o fisioterapia o chissa quale altra specialistica terapia.

  5. #5
    Partecipante Esperto L'avatar di moon2007
    Data registrazione
    09-10-2006
    Messaggi
    315
    Citazione Originalmente inviato da teleciot Visualizza messaggio
    ciao io sono psicologo e da anni sto associando tecniche corporee al mio lavoro. non sono osteopata ma uso tecniche che da lontano possono essere confuse come tali e si devo darvi ragione il corpo parla, e parla più di quanto possiamo immaginare.
    del resto non dovremmo stupirci che esiste una tale relazione tra corpo e mente. o meglio si se continuiamo a restare impantanati della figura dello psicologo che si occupa dell'organo mente.
    noi non siamo medici (e questa è una fortuna) noi siamo al di là
    un medico si specializza nei vari organi (cardiologo fisiologo, ginecologo... e poi neurologo e psichiatra) non facciamo l'errore di incastrarci in una branca della medicina noi non siamo gli specialisti della mente.
    noi ci occupiamo di fare anima (scriveva il buon hillman) per noi c'è la persona.
    noi ci occupiamo di psiche che significa letteralmente respiro. tutto qui noi ci occupiamo di quella cosa semplice che è il soffio di vita (giunto per chi ha la fede da dio per gli altri problema loro).
    e questo soffio si manifesta attraverso le "tensioni" muscolari (e quindi con il corpo) poi emerge con le emozioni per poi diventare completamente conscio attraverso il pensiero.

    una buona manipolazione se accompagnata da un lavoro di presa di consapevolezza in contemporanea vale anni di psicoterapia o fisioterapia o chissa quale altra specialistica terapia.

    Ciao, posso chiederti che studi hai fatto riguardo alle tecniche corporee che utilizzi?
    Mi interesserebbe...
    Grazie!!

  6. #6
    teleciot
    Ospite non registrato
    ciao moon 2007
    purtroppo non esistono scuole ufficiali
    il mio è stato un percorso fatto attraverso gli anni soprattutto con persone che dalle mie parti sono conosciute come "aggiusta ossa" o "aggiusta nervi" o magari settimini. si insomma quelli riconosciuti dalla medicina come ciarlatani sono stato sostenuto da medici che hanno contribuito insegnandomi un po'di anatomia, ho conosciuto gente che si occupava di shiatzu e medicina cinese con i quali ho condiviso i percorsi di quelli che io chiamo nervi e loro canali energetici. poi ho conseguito giusto per avere un pezzo di carta (che ho scoperto non serve a nulla) un diploma come tecnico del massaggio, l'insegnante era un erborista che mi ha poi sostenuto molto offrendomi il suo sostegno (il retro del negozio per ricevere la gente) se vui andare a vedere il sito è erbedelpino.
    infine sto facendo la specializzazione in psicologia della gestalt che insieme alla bioenergetica e la scuola di Reich sono tra le poche scuole di psicoterapia che utilizzano il corpo in maniera attiva. affianco però esistono percorsi e scuole non ufficalmente psicoterapeutiche che personalmente ritengo valide. sono il Rolfing, o il metodo feldenkrais, o meglio ancora il metodo alexander.
    quello che è importante non è la tecnica (non solo) ma l'attenzione che pongo al paziente. se ad esempio si lamenta più del necessario o magari trattiene "l'urlo di dolore" o se fa qualcosa che attira la mia attenzione allora vado in quella direzione con curiosità. esce sempre qualcosa di interessante per me e utile per l'altro.

  7. #7
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    14-04-2007
    Messaggi
    99
    Zibboo complimenti i tuoi interessi, se fossi più vicino mi sarebbe piaciuto collaborare.
    E' uno dei miei sogni quello di aprire un centro che si occupi delle persone dal punto di vista olistico, il mio compagno è terapeuta shiatsu e quasi psicologo triennale, io psicologa e ho iniziato il percorso di shiatsu e mi interesso di molte discipline che tengono in molta considerazione il corpo.
    Io stessa seguo con grandissimi benefici, un osteopata, sono consapevole che certi blocchi nel corpo sono la conseguenza di altri blocchi o viceversa un problema fisico può influire sullo stato d'animo, emozioni cc.
    Trovo che la psicologia prenda troppo poco in considerazione l'unità dell'essere umano scindendo aspetti che non è possibile scindere.
    Complimenti anche a teleciot!
    Speriamo che nasca una nuova psicologia più aperta agli arricchimenti delle altre discipline, a presto.

  8. #8
    scrafffy
    Ospite non registrato

    Riferimento: psicologia e osteopatia

    Ciao ragazzi, ho letto questa discussione con grande entusiasmo, perchè è esattamente questo modo di "ragionare" e un tipo di percorso simile al vostro (osteopatia, terapia ruggeriana integrata, training autogeno) che mi hanno portata con sempre più convinzione alla scelta di prendere la specializzazione in Bioenergetica. Davvero sono felice di non essere sola in questa prospettiva! L'importanza che viene data da questo approccio al linguaggio del corpo e all'utilizzo del respiro come risorsa per il nostro benessere è stata per me una scoperta meravigliosa che vede finalmente insieme mente e corpo, emozione e movimento, oltre alla influenza della cultura occidentale (terapia parlata) e di altre come quella orientale (traingautogeno). Insomma ho trovato risposta ai miei desideri
    A tutti un in bocca al lupo e a presto!
    Scraffy

  9. #9
    franzman74
    Ospite non registrato

    Riferimento: psicologia e osteopatia

    Ciao a tutti ! sono un Osteopata e vi confermo il fatto che liberando blocchi importanti somatici tante volte poi il paziente sta meglio anche a livello psicologico. Non parlo sono di diaframma ovviamente ma di sistema cranio-sacrale con tecniche per alzare o abbassare (permettetemi questi termini) il volume del sistema autonomo. Ci sono anche disfunzioni vertebrali che noi chiamiamo tripodi che danno una serie di problematiche psicologiche non indifferenti !

    Concludo dicendo che Andrew Taylor Still ideatore dell'osteopatia ha detto " L'osteopatia è la legge del corpo, della mente e dello spirito "

    Una buona giornata a tutti voi !!

    Luca

  10. #10
    Andreacirelli
    Ospite non registrato

    Riferimento: psicologia e osteopatia

    Passa il tempo e le idee si realizzano. Abbiamo costituito a Roma un centro olistico dove integriamo appunto l'osteopatia con la psicologia. Non abbiamo dimenticato la nuova-antica medicina, le specialità come l'agopuntura e l'omeopatia. Il fatto è che ci sono risultati importanti. Sono il direttore di questo centro, mi chiamo Andrea Cirelli e con me che sono nell'area psicologica insieme a Marika Nuti e Enza di Giovine lavora come osteopata Lucia Capodacqua, come agopuntore Salvatore Rao e altri professionisti. Collaboriamo con dentisti per quanto concerne il discorso della malaocclusione ma anche dei veleni al mercurio che spesso abbiamo in bocca. Facciamo un gran lavoro sulla postura ed altro ancora. Interveniamo su una serie di patologie e sulla prevenzione ma il nostro intervento migliore lo facciamo sull'energia, sulla gioia di vivere e sulla motivazione, da noi stanchezza cronica, stress, depressione si dissolvono. L'osteopatia, nello specifico è la pratica che più centra l'aspetto reversibile psiche soma....e non era questo il sogno di noi psicologi??? Spesso però capita che l'osteopata fa da sè diagnosi, consigli, anche diete... ma squadra è meglio! Vero, qualcuno obietterà che il rapporto osteopatia- psiche è limitato alla sfera emozionale...rispondo che non è un limite e che è assurdo poter impostare un "viaggio" nel profondo se prima non c'è un organismo che sta bene o che, perlomeno è stimolato, migliora nelle sue funzioni. Capisco che questa mia affermazione è un tantino forte ma provate a pensarci. Se c'è patologia risolviamo o quanto meno affrontiamo prima quella (ed è già una bella sfida no?). Comunque, emerge nella nostra esperienza ma non solo ( vedasi studi di Micarelli o Fanton) che l'uomo è uno, proviamo quindi a ripristinarne l'unità. E proviamo anche a lavorare insieme altrimenti il nostro sapere diventa asfittico in breve tempo.Se volete informazioni in merito rivolgetevi al Dott. Cirelli Andrea 3273546548 il centro è in Via Domenico Ciampoli 38 Roma 06 64202022e siamo sempre aperti a idee proposte e collaborazioni.

Privacy Policy