• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 5 di 5

Discussione: Vorrei un parere....

  1. #1
    tupayayopaca
    Ospite non registrato

    Vorrei un parere....

    Oltre ad essere psicologo, faccio anche l'istruttore in una palestra.
    L'altro giorno una ragazza che frequenta le mie lezioni mi ha detto che aveva "bisogno di parlare con qualcuno".
    Mi ha chiesto se poteva venire da me o, eventualmente, se potevo indirizzarla da qualche collega psicologo.

    Il dubbio è questo:
    Posso fare consulenza psicologica ad una persona che vedo regolarmente una volta (qualche volta due) la settimana?

    Preciso che:
    1. sono psicologo non psicoterapeuta
    2. mi ispiro alla metodologia sistemico familiare e cognitivo comportamentale

  2. #2
    Partecipante Affezionato L'avatar di pearljam
    Data registrazione
    22-09-2005
    Residenza
    mi
    Messaggi
    108
    secondo il codice deontologico, se nn ricordo male, nn si possono avere come pazienti persone con cui si intrattiene un altro tipo di rapporto. credo che con una persona che si vede per motivi non personali la frequenza sia importante e in questo caso mi sembra tantino una o due volte a settimana. io personalmente lascerei stare, credo che nn mi sentirei totalmente libera.

  3. #3
    tupayayopaca
    Ospite non registrato
    Riporto dal codice deontologico:

    "Articolo 28

    Lo psicologo evita commistioni tra il ruolo professionale e vita privata che possano interferire con l’attività professionale o comunque arrecare nocumento all’immagine sociale della professione.
    Costituisce grave violazione deontologica effettuare interventi diagnostici, di sostegno psicologico o di psicoterapia rivolti a persone con le quali ha intrattenuto o intrattiene relazioni significative di natura personale, in particolare di natura affettivo-sentimentale e/o sessuale. Parimenti costituisce grave violazione deontologica instaurare le suddette relazioni nel corso del rapporto professionale. [...] "

    Parla di relazioni significative di natura personale, in particolare di natura affettivo-sentimentale e/o sessuale...
    Però è anche vero che "Lo psicologo evita commistioni tra il ruolo professionale e vita privata che possano interferire con l’attività professionale"...
    Mah il dubbio mi rimane...

  4. #4
    tupayayopaca
    Ospite non registrato
    Anche se forse non hai tutti i torti...

  5. #5
    Partecipante Affezionato L'avatar di pearljam
    Data registrazione
    22-09-2005
    Residenza
    mi
    Messaggi
    108
    deontologicamente forse ha più interpretazioni. se era un'amica la risposta era certa, così lascia più posto ai dubbi. io, parlando per me, in ogni caso eviterei perchè nn mi sentirei libera.
    valuta l'aspetto deontologico magari rivolgendoti all'ordine, e se accetti ti consiglierei di tenere sempre monitorata la situazione, cioè di prestare attenzione a come ti senti e agli eventuali problemi che può darti e che può dare alla persona e nella realtà.

Privacy Policy