• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 4 di 4
  1. #1
    Partecipante Affezionato L'avatar di transistorina
    Data registrazione
    29-12-2001
    Messaggi
    87

    significato del transfert nella terapia cognitivo comportamentale

    Cari amici, scusate se insisto sulla terapia cognitivo comportamentale. Continuo a richiedere più espressamente il parere di un esperto in merito:
    1. che significato ha il transfert nella terapia cognitivo comportamentale?
    2. se un terapeauta alle prime armi si trova con un paziente "innamorato" di lui, sarà davvero capace di guidarlo o avrebbe dovuto avere almeno l'onestà di inviarlo ad un altro collega visto che tra l'altro c'era anche stata una mancanza di fiducia da parte del paziente stesso (tanto da prevedere la conclusione della terapia) per una grave scorrettezza profesionale (autentica e conprovata!) che il terapeuta in questione avrebbe compiuto nei suoi riguardi.
    Il terapeuta in questione continua a fare terapia a questo paziente che, naturalmente "preso" da lui, continua con lui dopo aver ricevuto le scuse(?) sulla scorrettezza fattagli e rassicurazioni sul transerft...BAH!!!!

  2. #2
    Partecipante Leggendario L'avatar di gieko
    Data registrazione
    28-03-2004
    Residenza
    Milano
    Messaggi
    2,312
    Non credo corretto entrare nel merito della relazione tra terapeuta e paziente, che è cosa da risolvere in terapia.
    Per quanto rigurda la tua prima domanda invece mi viene da risponderti semplicemente il concetto di transfert è legato ed appartiene al metodo psicoanalitico. Questo non vuol dire che non vi sia transfert in altre terapie, è ovvio, ma piuttosto che la TCC non prevede tra i suoi metodi la lettura e l'interpretazione del transfert perchè focalizzata su altri aspetti.
    gieko

  3. #3
    Partecipante Affezionato L'avatar di transistorina
    Data registrazione
    29-12-2001
    Messaggi
    87
    e' giusto non entrare nel merito di una terapia ma quando le cose riguardano persone che ti stanno a cuore e che ti dicono come stanno andando le cose, il minimo che un amico può fare è capire se sta in mani buone o no, ed io non sono molto convinta di ciò, fermo restando che non ho alcuna intenzione e non mi permettei mai di condizionare la sua decisione di restare in terapia. Sono solo preoccupata. Comunque è stato definito transfert dal terapeuta stesso.

  4. #4
    Partecipante Leggendario L'avatar di gieko
    Data registrazione
    28-03-2004
    Residenza
    Milano
    Messaggi
    2,312
    Il terapeuta lo potrà anche definire transfert, intendevo dire però che ciò non significa che ci lavori sopra (e dalla tua descrizione è piuttosto evidente...).
    gieko

Privacy Policy