• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 5 di 5
  1. #1
    Partecipante
    Data registrazione
    28-11-2007
    Messaggi
    32

    Psicologo clinico o terapeuta?

    Il mio professore di psicologia clinica diceva spesso... non buttatevi sulla psicologia clinica all'università... avete tutta la vita per farlo.
    Chiaramente si riferiva alla scuola di psicoterapia.
    Ora, mi chiedo, è saggio questo discorso? O no?
    In una scuola di psicoterapia "recupero" effettivamente tutto quello che potrei perdere laurandomi in un indirizzo che non è clinica?

  2. #2
    Partecipante Esperto L'avatar di tatee
    Data registrazione
    21-10-2004
    Residenza
    Firenze
    Messaggi
    497
    Il dubbio che viene a molti, e che secondo me sta creando confusione anche a te, riguarda l'indirizzo scelto all'università: si pensa che laurerandosi in psicologia del lavoro, per es., si debba per forza fare lo psicologo del lavoro e che non si possa cambiare idea, oppure che ci si trovi penalizzati a livello di conoscenze se si decide di fare il clinico, ecc...
    Niente di più falso!
    La laurea in psicologia, in qualsiasi indirizzo, da l'accesso all'esame di stato, alla conclusione del quale ci si definisce PSICOLOGO, e non psicologo del lavoro o altro.
    Anche per il nuovo ordinamento è lo stesso. La classe di laurea in psicologia è la classe 34, qualsiasi sia l'indirizzo di studio e quindi per legge consente di accedere alle medesime professioni.
    Spero di averti dato l'informazione che cercavi. ;-)
    Datemi libri, frutta, vino francese, un buon clima e un po' di musica fuori dalla porta, suonata da qualcuno che non conosco.
    Keats

  3. #3
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di el loco
    Data registrazione
    24-08-2004
    Residenza
    Lecce - Milano - Parma- Figline
    Messaggi
    1,032
    Blog Entries
    8
    si si si... classi di laurea etc. Ma sono solo baggianate. Ognuno dovrebbe pensarci 5 volte prima di fare le cose.
    comunque NON SI STUDIANO LE STESSE COSE per prima 3 anni ora forse 2. Cambiano i programmi e tutto quanto. Quindi non mi venite a dire che è la stessa cosa clinica o lavoro.
    Conosco amici del 'lavoro' fulminati sulla strada per Damasco che non sapevano dove mettere le mani coi pazienti, facendo solo danni.. ed una altra, -'e mi sudano le mani, mi sudano'- che diceva..."PAolo che ci vuole, ora mi leggo un libro, un manuale di psicologia clinica e ne so quanto te".
    Autocritica. Non precludere niente la scelta ma per favore. Un attimo di responsabilità.
    Continuiamo così, facciamoci del male. Poi diciamo Cancrini, che preclude le diagnosi ai non medici... io le precluderei a chi non sa fare il proprio lavoro (per la salvaguardia della nostra professione e pazienti!)..
    che io poi non pretendo di andare a fare selezione alla Pirelli da un mese all'altro.

    TuttO Questo non in generale, attenzione. Non vale per tutti. Le leggi, appellarsi alle leggi, al fatto delle scelte solo dopo, che sia lecito cambiare è solo un appello in ritardo.
    Ma abbiamone cura della professione, nostra. Facciamoci rispettare. Siamo sicuri di quel che facciamo, vogliamo fare. la spicoterapia (psicoanlaisi etc..) è una cosa seria. trattiamola seriamente.
    Che ci vogliono anni per reggere alta la testa davanti ad uno psichiatra (parlo evidentemente per me). Scusate lo sfogo.
    ciao

  4. #4
    Partecipante Assiduo L'avatar di Faby78
    Data registrazione
    19-05-2002
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    179
    Il discorso di questo professore è corretto ma non è saggio... Tra i miei compagni di Scuola di Specializzazione ci sono tre "psicologi del lavoro" (fulminati sulla strada per damasco come dice El Loco ) che in 3 anni hanno recuperato molto poco e a forza di correre dietro a noi clinici per recuperare hanno perso gran parte della motivazione...
    La scelta del percorso universitario è importante, occorre responsabilità e senso di realtà... e sarebbe necessario che responsabilità e senso di realtà iniziassero già dai professori universitari e da chi seleziona gli allievi alle scuole di specializzazione!

  5. #5
    Postatore Compulsivo L'avatar di ghiretto
    Data registrazione
    15-11-2004
    Residenza
    nell'orbita di Anarres
    Messaggi
    3,359
    Citazione Originalmente inviato da el loco Visualizza messaggio
    si si si... classi di laurea etc. Ma sono solo baggianate. Ognuno dovrebbe pensarci 5 volte prima di fare le cose.
    Anche qualcuna in più male non fa

    Citazione Originalmente inviato da el loco Visualizza messaggio
    Autocritica. Non precludere niente la scelta ma per favore. Un attimo di responsabilità.
    Continuiamo così, facciamoci del male. Poi diciamo Cancrini, che preclude le diagnosi ai non medici... io le precluderei a chi non sa fare il proprio lavoro (per la salvaguardia della nostra professione e pazienti!)..
    che io poi non pretendo di andare a fare selezione alla Pirelli da un mese all'altro.

    TuttO Questo non in generale, attenzione. Non vale per tutti. Le leggi, appellarsi alle leggi, al fatto delle scelte solo dopo, che sia lecito cambiare è solo un appello in ritardo.
    Ma abbiamone cura della professione, nostra. Facciamoci rispettare. Siamo sicuri di quel che facciamo, vogliamo fare. la spicoterapia (psicoanlaisi etc..) è una cosa seria. trattiamola seriamente.


    Citazione Originalmente inviato da el loco Visualizza messaggio
    Che ci vogliono anni per reggere alta la testa davanti ad uno psichiatra (parlo evidentemente per me).
    Ci vogliono anni per reggere alta la testa, dando per implicito che sia abbia la materia prima, non davanti ad uno psichiatra, davanti ad una persona.
    E la prima persona con cui dovremmo farlo siamo noi stessi, con i nostri lumi e le nostre ombre.
    Prima di essere da un lato o dall'altro di una caxxx di scrivania, qualunque piffero di lavoro noi si stia facendo, siamo persone, non titoli che ci fagocitano e poi sputano nelle caselline corrette dandoci come eredità tutte le caratteristiche che si pensano stiano dentro i compartimenti. Non è un cruciverba la vita che basta sapere la parola giusta, o l'interpretazione efficace o la teoria più accreditata, perché magari non è il tempo corretto, o la giornata buona o ....
    Ci sono alcune persone, operatori non psichiatri, che danno punti ad josa a laureati d'ogni tipo, psico e psichi, e viceversa talune persone con tanto di dott davanti che è stupendo veder e sentir lavorare, visto quanto sono in grado di insegnare, stante il fatto che hanno ancora voglia ed umiltà per imparare.
    I titoli, senza dietro e dentro e magari anche accanto persone, sono carta straccia.

    Citazione Originalmente inviato da el loco Visualizza messaggio
    Scusate lo sfogo.ciao
    Anche il mio.

    Pat
    " E se scruti a lungo un abisso, anche l’abisso scruterà dentro di te" Nietzsche


    dai un'occhiata a questo sito www.altrapsicologia.it

    per usufruire del servizio contattare la scrivente per pattuire il compenso

Privacy Policy