• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 13 di 13

Discussione: fine di un amore?

  1. #1
    Partecipante Assiduo L'avatar di robypsycho
    Data registrazione
    18-10-2004
    Residenza
    Torino
    Messaggi
    140

    fine di un amore?

    ciao,
    ho 33 anni e da circa 6 sto con un uomo che mi ama tantissimo e me lo dimostra in ogni momento. conviviamo da 3 anni ma da circa un anno le cose per me sono cambiate: la passione è andata diminuendo, il rapporto (che è sempre stato parecchio simbiotico) si è un po' appiattito, si è trasformato...insomma...è arrivata la crisi, accompagnata dall'insonnia, dal pianto e dal mal di stomaco. un mese fa ho deciso di tornare temporaneamente dai miei genitori: speravo che la lontananza mi avrebbe aperto gli occhi e invece...solo tanta confusione. fino ad ora ci siamo sentiti tutti i giorni e ci siamo visti 2 o 3 volte; il pensiero che lui possa non fare più parte della mia vita mi distrugge ma lo scorso weekend, quando avevamo pianificato il mio ritorno a casa da lui, i sintomi fisici sono tornati...cosa vuol dire tutto questo? mi sento come se fossi "divisa": il mio corpo mi manda dei segnali negativi, mi dice che l'amore sta finendo ma la mia mente mi dice che lui è l'uomo con cui io voglio passare la mia vita, che val la pena dare un'altra possibilità a questa storia così importante...e a questo aggiungiamo anche un bel po' di sensi di colpa perchè lui sta subendo questo mio momento di crisi e sta soffrendo per causa mia...
    non so proprio cosa fare...tornare a casa nonostante il mio corpo si "opponga"? provare a non sentirlo e non vederlo più per un po' per capire cosa vuol davvero dire vivere senza di lui?
    mi date qualche consiglio?

    roberta

  2. #2
    Postatore Compulsivo L'avatar di kiaretta1979
    Data registrazione
    25-02-2007
    Residenza
    Palermo
    Messaggi
    3,532
    forse lo ami con la mente (cioè sei presa dalla morsa dell abitudine, dello stargli accanto, dell averlo con te, del dire e sapere che ti ama tantissimo) ma non più col cuore visti i tuoi "sintomi" che non devonoessere sottovalutati. a parer mio, riprova a vivere con lui, datti 1periodo di prova (1-2mesi) e se alla fine non va.. prendi la decisione giusta!

  3. #3
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di Elo.nora
    Data registrazione
    31-01-2006
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    1,200
    mi dispiace roby per la situazione che stai vivendo, non sono scelte facili da prendere queste...
    mi sembra evidente e lo è anche a te, che il tuo corpo si stia "ribellando" a questa situazione, prova a chiederti come mai ti provoca tutto questo stress emotivo la persona che hai al tuo fianco. A me è capitata una cosa simile, non vivevamo insieme per fortuna, ma è stato comunque difficile dopo molti anni trovarsi in totale confusione con nervosismi continui e lo stomaco a pezzi. Io me la sono presa con lui, usavo ogni pretesto per discutere, forse speravo che lui mollasse tutto, ma non l'ha fatto, perchè mi amava e anche quesllo era un modo per dimostrarmelo. Forse stare un periodo sola ti potrebbe aiutare, questo dipende molto dal tuo modo di affrontare la vita...e anche dal suo modo di affrontarla, è importante che tu tenga conto che anche lui fa parte della situazione e del dolore, anche se la decisione la devi prendere tu... in bocca al lupo... un abbraccio

  4. #4
    Partecipante Figo L'avatar di MariaRita84
    Data registrazione
    22-04-2007
    Residenza
    in una piccola città della costa abruzzese
    Messaggi
    753
    cara roberta, il tuo corpo ti manda dei segnali molto chiari, a mio parere, che sono i sintomi di qualcosa che non va in questo rapporto.
    Scusami se ora sarò un pò cruda... non pretendo di avere ragione nè di "illuminarti": questo è solo il mio parere, non un'oracolo...
    Non ami più il tuo uomo, probabilmente non condividete più nulla al di fuori di una casa e di una routine e, chissà, magari non avete neanche rapporti sessuali da un pezzo. Ti chiedi, tuttavia, dove troverai un partner così innamorato, presente, attento...e, soprattutto, in grado di darti tanta stabilità e sicurezza. Ciò che tiene in vita questo rapporto è proprio la paura di aprire gli occhi ad un mondo fatto di cose nuove... un mondo che tu vedi pieno di rischi, pericoli, solitudine, sofferenza. Un mondo talmente tanto buio che tu ti ancori a lui, in un rapporto di dipendenza che non riesce, ovviamente, ad appagarti, dandoti ciò di cui hai davvero bisogno: emozioni, sensazioni, sentimenti.
    Non è facile disancorarsi da tutto questo pensando di poter andare alla deriva. Io ti dico solo una cosa: il mare non è fatto solo di onde in grado di inghiottirti, ma anche di meravigliosi fondali.
    Riprendi in mano la tua vita, rimetti in discussione le tue aspettative, guarda verso nuovi orizzonti. Se poi ti renderai conto che questo è vero amore, nessuno ti impedisce di tornare sui tuoi passi...
    io sono sui libri per l'EdS...

    ...ma il mio cervello si rifiuta

  5. #5
    Partecipante Figo L'avatar di MariaRita84
    Data registrazione
    22-04-2007
    Residenza
    in una piccola città della costa abruzzese
    Messaggi
    753
    ps. ho dimenticato di dirti che mi dispiace per quello che stai vivendo... ti sono vicina... e ti mando un grosso abbraccio con l'augurio di riuscire presto a trovare un capo a questa matassa.
    io sono sui libri per l'EdS...

    ...ma il mio cervello si rifiuta

  6. #6
    lialy
    Ospite non registrato
    Ciao Roberta, ho letto quanto hai scritto...nessuno di noi potrà darti una pozione miracolosa...ma il tuo stomaco si sta ribellando e questo ha un senso..tu devi ascoltarti....
    non ho mai avuto una storia così lunga, ma so cosa significa avere accanto una persona che non si ama più...o si crede di non amare più....secondo me le pause di riflessione servono...quando c'è consapevolezza di un vero problema che ci fa star male...invece non sono valide quando sonoun alibi x non voler dire all'altro che non lo si ama più...
    mi sembri sofferente...e non sei una ragazzina...prova a non sentirlo e vederlo per un po'....vedrai che ti sentirai pian piano distante da lui...convinta che quella sia la scelta giusta e quelli che reputi ancora dei sentimenti d'amore altro non sono che sensi di colpa xchè il tuo non amore gli procura sofferenza...
    oppure...dopo che sarà trascorso un po' di tempo... ti guarderai negli occhi...e cercherai veramente il significato dei tuoi sentimenti...penserai a tutte le sue attenzioni...ai risvegli al mattino...ed alle vostre abitudini quotidiane...e ti mancherà...
    solo allora, capirai se il tuo stomaco si sarà calmato (cosa che ti auguro nel caso lui sia quello che ti accompagnerà x sempre) o se invece farà ancora i capricci...ripensando ad una vita con lui...
    ma qualunque sarà la strada che percorrerai..non smettere di ascoltare te stessa!


  7. #7
    Postatore Epico L'avatar di Alesxandra
    Data registrazione
    07-02-2005
    Messaggi
    10,618
    Blog Entries
    4
    Citazione Originalmente inviato da robypsycho Visualizza messaggio
    ciao,
    ho 33 anni e da circa 6 sto con un uomo che mi ama tantissimo e me lo dimostra in ogni momento. conviviamo da 3 anni ma da circa un anno le cose per me sono cambiate: la passione è andata diminuendo, il rapporto (che è sempre stato parecchio simbiotico) si è un po' appiattito, si è trasformato...insomma...è arrivata la crisi, accompagnata dall'insonnia, dal pianto e dal mal di stomaco. un mese fa ho deciso di tornare temporaneamente dai miei genitori: speravo che la lontananza mi avrebbe aperto gli occhi e invece...solo tanta confusione. fino ad ora ci siamo sentiti tutti i giorni e ci siamo visti 2 o 3 volte; il pensiero che lui possa non fare più parte della mia vita mi distrugge ma lo scorso weekend, quando avevamo pianificato il mio ritorno a casa da lui, i sintomi fisici sono tornati...cosa vuol dire tutto questo? mi sento come se fossi "divisa": il mio corpo mi manda dei segnali negativi, mi dice che l'amore sta finendo ma la mia mente mi dice che lui è l'uomo con cui io voglio passare la mia vita, che val la pena dare un'altra possibilità a questa storia così importante...e a questo aggiungiamo anche un bel po' di sensi di colpa perchè lui sta subendo questo mio momento di crisi e sta soffrendo per causa mia...
    non so proprio cosa fare...tornare a casa nonostante il mio corpo si "opponga"? provare a non sentirlo e non vederlo più per un po' per capire cosa vuol davvero dire vivere senza di lui?
    mi date qualche consiglio?

    roberta

    Ciao Roberta. Tra te e il tuo uomo c'è crisi....sembra finita la passione,l'entusiasmo,la complicità. Io non so dirti se la tua storia è finita o no....se lo ami ancora o no....non mi permetto di sbilanciarmi in supposizioni che non avrebbero alcun fondamento, visto che non ti conosco e non so nulla di te. Però una cosa è certa: non stai bene. Mente e corpo sono legati. Non credo che ti suggeriscano cose differenti, ma piuttosto i tuoi sintomi indicano un conflitto. Devi chiederti realmente cosa non va, perchè sei infelice, cosa ti manca col tuo uomo....e cosa è andato perso in quest'ultimo periodo.

    Posso chiederti se tu e il tuo uomo avevate progetti tipo matrimonio, figli ecc...? Ti mette ansia tutto questo? Temi di non saper gestire questi cambiamenti radicali della tua vita?

  8. #8
    Postatore OGM L'avatar di Tesmaaah
    Data registrazione
    25-03-2007
    Residenza
    Prov. (Na)
    Messaggi
    4,343
    Io concordo con quanto ti hanno detto le colleghe, il tuo corpo ti sta mandando dei chiari segnali, che nn devi fingere che nn esistano sopprimendoli, ma solo ascoltandoli ed affrontando il problema che sta a monte, spariranno. E' ovvio che in una situazione nuova del genere e di crisi, state male entrambi: sia tu che nn comprendi pienamente cosa ti stia succedendo o forse hai solo paura di capirlo, sia lui che tutto questo "lo sta subendo" nn essendo una cosa partita da lui...secondo me solo standogli lontano per un pò e dandoti tempo come ti ha già suggerito qualcuno ed io aggiungerei anche nn sentendovi telefonicamente, potrai veramente arrivare ad una soluzione, constatare con mano se quello che vi lega è ormai solo abitudine a cui uno dopo anni ed anni inevitabilmente si ancora, o un'insoddisfazione passeggera, a cui il vostro amore saprà resistere ed uscirne più fortificato di prima..
    in bocca al lupo

  9. #9
    Postatore Compulsivo L'avatar di barbara.deleo
    Data registrazione
    13-03-2006
    Residenza
    ALTROVE
    Messaggi
    3,636
    Blog Entries
    1
    io non ho intenzione di darti consigli, perché non potrei darti un consiglio che si baserebbe sulla mia esperienza vissuta e non su tutto quello che TU hai vissuto, però sono convinta che fin troppo spesso non fermiamo le nostre vite "sempre in corsa" per ascoltarci un pochino di più... se ascoltassimo maggiormente noi stessi, forse scopriremmo che tutte le risposte che andiamo a cercare nei posti e nelle persone più impensate, invece, sono già dentro di noi, solo che a volte non le vogliamo ascoltare perché scomode o fonte di sofferenza... una cosa sola mi sento di dire: ascoltati, ascolta ciò che senti di volere e di cui aver bisogno... il resto si svolgerà nel modo più facile ed imprevisto... magari penserai che sto dicendo solo delle sciocchezze, ma amare se stessi è la base di tutto.


    L'amore non rende le cose migliori, anzi le rovina.
    Ti spezza il cuore.
    Rende tutto un gran casino.
    Non siamo qui per fare le cose alla perfezione.
    I fiocchi di neve sono perfetti.
    Le stelle sono perfette.
    Noi no.

    "Ho deciso di perdermi nel mondo, applico alla vita i puntini di sospensione" (MORGAN)
    http://jaustenit.spaces.live.com/

  10. #10
    Partecipante Leggendario L'avatar di Crazymoon
    Data registrazione
    16-12-2006
    Residenza
    roma
    Messaggi
    2,215
    Citazione Originalmente inviato da barbara.deleo Visualizza messaggio
    io non ho intenzione di darti consigli, perché non potrei darti un consiglio che si baserebbe sulla mia esperienza vissuta e non su tutto quello che TU hai vissuto, però sono convinta che fin troppo spesso non fermiamo le nostre vite "sempre in corsa" per ascoltarci un pochino di più... se ascoltassimo maggiormente noi stessi, forse scopriremmo che tutte le risposte che andiamo a cercare nei posti e nelle persone più impensate, invece, sono già dentro di noi, solo che a volte non le vogliamo ascoltare perché scomode o fonte di sofferenza... una cosa sola mi sento di dire: ascoltati, ascolta ciò che senti di volere e di cui aver bisogno... il resto si svolgerà nel modo più facile ed imprevisto... magari penserai che sto dicendo solo delle sciocchezze, ma amare se stessi è la base di tutto.
    Condivido il pensiero di barbara, prova a scavare dentro di te, ascoltati e ascolta i segnali che manda il tuo corpo, devi "solo" avere forza di ascoltare le tue emozioni, so che non è facile, so che fa male ammettere a se stesse alcune verità, ma abbi il coraggio.
    In bocca al lupo
    "...I'm running and not quite sure where to go, and I don't know what I'm diving in to, i'm hanging by a moment..."

    L'ora più buia è sempre quella che precede l'arrivo del sole.

  11. #11
    Postatore OGM L'avatar di chiocciolina4
    Data registrazione
    12-04-2005
    Residenza
    Napoli
    Messaggi
    4,820
    secondo me le pause di riflessione non sono molto positive, si rischia di fare talmente male all'altra persona e a se stessi da non riuscire a ricucire un rapporto, anche se ci si è resi conto che valeva la pena...poi non so è un'opinione...

    non ti do consigli sulla situazione, però non è detto che sia l'eventuale non-amore a farti stare male, magari ci sono degli elementi di ansia nel rapporto di cui non sei consapevole...perchè non fai un colloquio con uno psicologo? Giusto colloqui di sostegno, possono essere utili nei periodi di crisi, anche solo per un sostegno e un contenimento, non dico una terapia (perchè non credo sia indicata per il tuo caso)...anche all'asl...
    in bocca al lupo
    Ultima modifica di chiocciolina4 : 21-11-2007 alle ore 00.56.41

    Un vero amico ti pugnala sempre di fronte. (O. Wilde)

    Perchè per un uomo la psicoanalisi dura meno? Non c'è bisogno di regredire all'infanzia.

    Non sono cattiva, è che mi disegnano così...! -->

    Membro del Club del Giallo e addetta all'ufficio promozione e marketing - Tessera n° 2
    (Guardiana radar del gruppo insieme a RosaDiMaggio )

    Vieni a trovarci al social group!

  12. #12
    Postatore Compulsivo L'avatar di francy1981
    Data registrazione
    17-10-2004
    Residenza
    nel mondo...
    Messaggi
    3,814
    Blog Entries
    1
    Citazione Originalmente inviato da robypsycho Visualizza messaggio
    ciao,
    ho 33 anni e da circa 6 sto con un uomo che mi ama tantissimo e me lo dimostra in ogni momento. conviviamo da 3 anni ma da circa un anno le cose per me sono cambiate: la passione è andata diminuendo, il rapporto (che è sempre stato parecchio simbiotico) si è un po' appiattito, si è trasformato...insomma...è arrivata la crisi, accompagnata dall'insonnia, dal pianto e dal mal di stomaco. un mese fa ho deciso di tornare temporaneamente dai miei genitori: speravo che la lontananza mi avrebbe aperto gli occhi e invece...solo tanta confusione. fino ad ora ci siamo sentiti tutti i giorni e ci siamo visti 2 o 3 volte; il pensiero che lui possa non fare più parte della mia vita mi distrugge ma lo scorso weekend, quando avevamo pianificato il mio ritorno a casa da lui, i sintomi fisici sono tornati...cosa vuol dire tutto questo? mi sento come se fossi "divisa": il mio corpo mi manda dei segnali negativi, mi dice che l'amore sta finendo ma la mia mente mi dice che lui è l'uomo con cui io voglio passare la mia vita, che val la pena dare un'altra possibilità a questa storia così importante...e a questo aggiungiamo anche un bel po' di sensi di colpa perchè lui sta subendo questo mio momento di crisi e sta soffrendo per causa mia...
    non so proprio cosa fare...tornare a casa nonostante il mio corpo si "opponga"? provare a non sentirlo e non vederlo più per un po' per capire cosa vuol davvero dire vivere senza di lui?
    mi date qualche consiglio?

    roberta
    Mi dispiace per questa tua confusione, tanto perchè la confusione che ti da il non capire se ami ancora o no è davvero brutta, nessuno di noi può dirti cosa fare e cosa no, nessuno sa come è la vostra storia, ma tu dici che il tuo corpo manda dei segnali, segnali che ti fanno stare male e sono importanti, probabilmente la tua mente si ribella al pensiero che lui non faccia più parte della tua vita, ma se fino ad un certo punto razionalmente puoi controllarti il tuo corpo in qualche modo deve sfogarsi...e i segnali sono chiari, c'è qualcosa che non va...devi capire cosa, cosa ti spaventa, cosa è cambiato, se è veramente lui il problema o no...ma questo lo puoi capire solo tu guardandoti dentro. Non so se sia la prima volta che vai in crisi...6 anni sono importanti...prima di finire tutto o prima di continuare...in qualunque caso insomma...devi cercare di valutare bene tutto...nel modo in cui credi tu possa capire meglio, lontana da lui non è servito..prova a stargli vicino, a dirgli quello che provi, ad affrontare insieme il problema...
    in bocca al lupo...


    Se sapessi che questi sono gli ultimi attimi che ti vedo, direi "ti amo" e non darei scioccamente per scontato che già lo sai.

    Nessuno può mostrare troppo a lungo una faccia a sé stesso e un'altra alla gente senza finire col non sapere più
    quale sia quella vera.
    (Nathaniel Hawthorne)

    visita questo sito...per dire ANCHE IO SONO DALLA PARTE DI BAMBINI

    My Blog....venite a trovarmi...

  13. #13
    Partecipante Assiduo L'avatar di robypsycho
    Data registrazione
    18-10-2004
    Residenza
    Torino
    Messaggi
    140
    Innnanzi tutto grazie a tutti per i vostri messaggi...grazie davvero di cuore, mi avete fatta sentire un po' meno sola...
    Ieri sera l'ho chiamato e, con grande fatica e sofferenza, gli ho detto che non dovremo vederci e sentirci per qualche tempo...solo così forse potrò fare finalmente chiarezza sui miei veri sentimenti. oggi mi sento vuota, persa ma spero che presto, in un modo o nell'altro, mi ritroverò...la mia psicoterapeuta (che ho iniziato a vedere circa un anno fa per problemi legati al lavoro...) mi dice di avere fiducia, che prima o poi sentirò così forte dentro di me ciò che voglio davvero che sarà impossibile non capirlo e non avere la forza per affrontarlo...devo solo imparare ad ascoltarmi, cosa che fino ad ora non sono stata capace di fare più di tanto.
    Alesxandra mi ha chiesto se avevamo progetti importanti in cantiere: direi di no nell'immediato...l'unica cosa che forse può avermi un po' turbata è il fatto che circa 6 mesi fa lui ha avuto il divorzio dalla sua prima moglie e quindi questo ci ha aperto la strada per il futuro...di figli invece non se ne parla: io non ne posso avere ed è questo un sogno a cui ho dovuto rinunciare tanti anni fa...
    un abbraccio a tutti e...grazie ancora!

Privacy Policy