• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 20
  1. #1
    Partecipante Esperto L'avatar di fiorella81
    Data registrazione
    29-04-2005
    Residenza
    napoli
    Messaggi
    299

    problemi di alimentazione

    Sto facendo il tirocinio e seguo un bambino di 7 anni con problemi di alimentazione.Io lo seguo da ottobre prima era seguito da un'altra tirocinante che purtroppo ha deciso di non seguirlo più.
    Questo bambino è da 2 anni che soffre di forti mal di pancia ha effettuato molti controlli ma gli esiti sono stati tutti negativi.Ha subito varie ospedalizzazioni,tra cui ha subito anche una rettoscopia.
    La mamma è molto ansiosa,molto assillante.Il bambino addirittura non mangia ancora da solo,anche a scuola la madre ha detto alle maestre di imboccarlo.
    Da alcuni mese fa brutti sogni,urla di notte.
    In un incontro mentre giocavamo(fingevamo di essere maestra ec alunno)mi disse che voleva spiegarmi la digestione(di sua spontanea volontà),mi disse che nella nostra pancia c'è acqua calda,poi 2 mostri che decidono cosa vogliono mangiare.
    La cosa che non mi piace è che il bambino sa che viene all'ASL perchè non mangia,non dico che non debba saperlo però credo che la mamma gli dica troppe cose!
    Fino a che punto questo bambino non mangia?è magro ma lo vedo crescere.Non mangerà come vuole la mamma però qualcosina la mangerà.
    In questi ultimi incontri quando vedo la mamma mi ripete in continuazione che il figlio si è attaccato a me,mi chiede se è nervoso.Il bambino quando è con me è tranquillo,fa giochi distruttivi,però non noto il nervosismo che mi racconta la mamma.Il bambino le disse che sta bene con me perchè io mi dedico a lui.Si starà forse ingelosendo la madre?
    Ho consigliato alla mamma un sostegno psicologico,credo che se lei si calma il figlio vivrà più sereno.
    Cosa fare?
    Premetto che il bimbo ha iniziato a venire da noi(l'altra tirocinante ed io)perchè lo psichiatra voleva che la mamma non facesse più fare altri controlli invasivi.
    Io lo faccio sfogare quando viene,giochiamo a ciò che vuole,perchè sento che lui ha bisogno in quell'ora di non essere ossessionato.Nomino qualche volta l'argomento cibo.
    Ora volevo organizzare un gioco sulla digestione,come fare?
    Lui mangia solo pasta in bianco e pollo.
    La mamma gli prepara pure certi frullati di banana e ricotta...
    fiofio

  2. #2
    Postatore Compulsivo L'avatar di LuisaMiao
    Data registrazione
    07-02-2005
    Residenza
    Monza
    Messaggi
    3,204
    non so quanto aiuto ti posso dare, ma ti faccio qualche domanda per capire meglio e, magari, questo ci aiuta a vedere altri aspetti che ti possono aiutare.

    Premetto che il bimbo ha iniziato a venire da noi(l'altra tirocinante ed io)perchè lo psichiatra voleva che la mamma non facesse più fare altri controlli invasivi
    Questa cosa non mi è chiara: lo psichiatra perchè ha visto il bambino? e ha visto lui o la madre? mi sembra di capire che la madre non è stata presa in carico, giusto? però questo non è molto lineare con l'idea di "dissuaderla" dal far fare altri esami invasivi al figlio. e qual è esattamente lo scopo del vedere il bambino?

    La cosa che non mi piace è che il bambino sa che viene all'ASL perchè non mangia,non dico che non debba saperlo però credo che la mamma gli dica troppe cose!
    In che senso gli dice troppe cose?
    Ad ogni modo se è una cosa (sostegno? terapia?) che va avanti da due anni, anche se la madre non dicesse molto anche il bimbo ci arriva...

    In questi ultimi incontri quando vedo la mamma mi ripete in continuazione che il figlio si è attaccato a me,mi chiede se è nervoso.Il bambino quando è con me è tranquillo,fa giochi distruttivi,però non noto il nervosismo che mi racconta la mamma.Il bambino le disse che sta bene con me perchè io mi dedico a lui.Si starà forse ingelosendo la madre?
    Può essere gelosa, è vero. Ma dato che la descrivi ansiosa, c'è anche il fatto che c'è stato un cambio della persona che fa questo *lavoro* col figlio. Lei ti conoscerà poco e quindi l'ansia sale, da lì tutte quelle domande per sapere se il figlio sta bene con te. Prova a chiedere all'altra tirocinante (se hai modo) com'è stata la madre con lei all'inizio.

    Ho consigliato alla mamma un sostegno psicologico,credo che se lei si calma il figlio vivrà più sereno
    qual è stata la reazione della madre a questa tua proposta? secondo te, si farà dare il sostegno?

    Fino a che punto questo bambino non mangia?è magro ma lo vedo crescere.Non mangerà come vuole la mamma però qualcosina la mangerà.
    questa è un'ottima domanda...
    è mai stato fatto un diario di quello che il bambino mangia? aiuterebbe a capire cosa, in che momento della giornata e in che situazione mangia.
    spesso i genitori si lamentano che i figli non mangiano a tavola. ma all'osservazione si scopre che fuori dai pasti mangiano eccome, e cose tipo merendine, biscotti, patatine e bibite gassare. visto che il bimbo ha sette anni e sa ormai scrivere, si potrebbe proporlo a lui e alla madre in modo da vedere le differenze che vengono fuori.
    Não sei o motivo pra ir
    só sei que não posso ficar
    não sei o que vem a seguir
    mas quero procurar.
    (Mafalda Veiga)

    Il mio blog

  3. #3
    Partecipante Esperto L'avatar di fiorella81
    Data registrazione
    29-04-2005
    Residenza
    napoli
    Messaggi
    299
    Citazione Originalmente inviato da LuisaMiao Visualizza messaggio
    non so quanto aiuto ti posso dare, ma ti faccio qualche domanda per capire meglio e, magari, questo ci aiuta a vedere altri aspetti che ti possono aiutare.



    Questa cosa non mi è chiara: lo psichiatra perchè ha visto il bambino? e ha visto lui o la madre? mi sembra di capire che la madre non è stata presa in carico, giusto? però questo non è molto lineare con l'idea di "dissuaderla" dal far fare altri esami invasivi al figlio. e qual è esattamente lo scopo del vedere il bambino?

    il bambino è venuto in asl(neuropsichiatria infantile) perchè dagli esami effettuati non è risultato nulla,allora i medici lo hanno inviato allo psichiatra.
    Scopo di vedere il bambino è di evitare che non gli siano fatti altri accertameti invasivi(è da quando ha fatto accertamenti che non mangia)


    In che senso gli dice troppe cose?
    Ad ogni modo se è una cosa (sostegno? terapia?) che va avanti da due anni, anche se la madre non dicesse molto anche il bimbo ci arriva...

    Il bambino viene all'asl da maggio,sono 2 anni che la madre lo porta a fare accertamenti



    Può essere gelosa, è vero. Ma dato che la descrivi ansiosa, c'è anche il fatto che c'è stato un cambio della persona che fa questo *lavoro* col figlio. Lei ti conoscerà poco e quindi l'ansia sale, da lì tutte quelle domande per sapere se il figlio sta bene con te. Prova a chiedere all'altra tirocinante (se hai modo) com'è stata la madre con lei all'inizio.

    Del cambio persona il bambino non ne ha risentito anche perchè le ultime 3-4 volte io e l'altra siamo state insieme spiegandogli e preparandolo che poi sarei stata io con lui.La madre sia con me che con l'altra ha sempre cercato di intromettersi cosa che dà molto fastidio al bambino.


    qual è stata la reazione della madre a questa tua proposta? secondo te, si farà dare il sostegno?
    Lei ha accettato,le ho consigliato dove andare ma dopo una settimana mi ha detto di non aver avuto tempo



    questa è un'ottima domanda...
    è mai stato fatto un diario di quello che il bambino mangia? aiuterebbe a capire cosa, in che momento della giornata e in che situazione mangia.
    spesso i genitori si lamentano che i figli non mangiano a tavola. ma all'osservazione si scopre che fuori dai pasti mangiano eccome, e cose tipo merendine, biscotti, patatine e bibite gassare. visto che il bimbo ha sette anni e sa ormai scrivere, si potrebbe proporlo a lui e alla madre in modo da vedere le differenze che vengono fuori.
    Mi sembra un'oottima idea!La madre lo farà,temo che il bambino non accetti.
    Odia patatine e gelati.
    Il fatto sai qual è? secondo me la mamma lo farà maniare ogni tanto per il fatto che ogni volta mangia poco.Stabilisce che a scuola ha mangiato poco,allora quando torna alle 16 gli preparara la zuppa di latte o lo yogurt.Ovvio che poi non ha appetito la sera.
    fiofio

  4. #4
    Partecipante Esperto L'avatar di fiorella81
    Data registrazione
    29-04-2005
    Residenza
    napoli
    Messaggi
    299
    ho sbagliato ad usare qote.Vedi che le mie risposte sono scritte nel riquadro azzurro sotto le tue risposte.
    fiofio

  5. #5
    Partecipante Assiduo L'avatar di Panphile
    Data registrazione
    02-09-2007
    Residenza
    A Venturina vivo,a Roma studio.
    Messaggi
    157
    Ragazze,mi scuso se mi intrometto ma il caso mi ha interessato molto ed ho provato a farmi un'idea di quello che possano essere i motivi etc. E' vero che solo vedendolo scritto non si può comprendere molto,figurarsi per me che sono soltanto una matricola.
    Umilmente vorrei provare a dare una mia piccolissima interpretazione e consiglio,e mi scuso per la mia ignoranza,non voglio certo erigermi a chissà chi,è solo puro interesse e vorrei capire se le mie intuizioni possono essere quantomeno vicine al modo in cui ragionano esperti e professionisti come voi

    La madre è ansiosa e diciamo che limita molto la libertà del bambino,probabilmente questa sorta di "gelosia" che sta nascendo nei tuoi confronti può portarla a chiedere molto spesso al bimbo cosa fate,a che cosa giocate di che cosa parlate et similia. Lui si è affezionato perchè quei momenti di gioco li vive in serenità ed in assoluta libertà,non si sente forzato in alcun modo e la madre non fa da mediatrice tra lui ed il mondo esterno. Cosa che invece magari accade a casa,quando si rifiuta di mangiare e si sente oppresso dalle richieste della madre di mangiare perchè teme che possa star male. Il fatto che continui a mangiare solo se imboccato può essere il segnale appunto di un'eccessiva intromissione della madre. I bambini da piccoli cercano di sfuggire a quella passività a cui sono indotti dalle cure della madre,cercano di cominciare a mangiare da soli,anche con le mani...magari creando pasticci.La madre se ha imposto troppi limiti al bambino (ex: no,ti imbocco io perchè così sporchi la tovaglia,guarda che hai fatto!Cattivo non si sporca per terra con il cibo) gli fa perdere fiducia,non guadagna la sicurezza necessaria per poter scegliere da solo che cosa e come mangiare. I bambini devono anche poter giocare con il cibo. Oltretutto la descrizione che ti ha dato della digestione è sicuramente una distorsione di qualcosa che ha sentito dire,magari un discorso seguito alla tv ed interpretato male,così si è spaventato. Forse potrebbe capire meglio se gli si spiega in maniera più dolce,cancellando l'immagine dei mostri e sostituendola a qualcosa di più comprensibile e rassicurante. Magari non so...rimediare una videocassette di "Siamo fatti così" quel cartone animato che spiega il corpo umano utilizzando metafore semplici ma efficaci.
    Oltretutto invece che un diario scritto di ciò che mangia,potrebbe farlo disegnato. Darebbe molto più spazio alla sua creatività e lo divertirebbe maggiormente che a scrivere soltanto.
    Non saprei...
    Una curiosità: ma sarebbe utile peril bambino che la mamma partecipasse a qualche vostro incontro? Non so,magari coinvolgerla nei suoi giochi,farle capire che non sempre si deve intervenire nè opprimere,giocare a cucinare qualcosa assieme. Una sorta di terapia che serva ad entrambi (ovviamente non dovrà essere presente ad ogni incontro).


    Ripeto o.o parlo da totale ignorante,facendo semplicemente riferimento a quello che ho studiato fino ad adesso. Parlo da ignorante...ero solamente curiosa di capire meglio come affrontate questi casi...quali tecniche adottate ed in base a che cosa.
    Vi ringrazio e scusate ancora la vana intromissione della sottoscritta '

  6. #6
    Partecipante Esperto L'avatar di fiorella81
    Data registrazione
    29-04-2005
    Residenza
    napoli
    Messaggi
    299
    Credo abbia ragone,io sono alle prime esperienze,sono una tirocinante.
    Includere la mamma nei nostri giochi lo escludo perchè già quei 5 minuti che la vedo per prendere l'appuntamento è un problema,inizia a dire al figlio cosa deve fare e il bambino si rifiuta.
    Anch'io avevo pensato a SIAMO FATTI COSì ma purtroppo all'asl non c'è un videoregistratore.Vorrei farlo disegnare ma non vuole,perchè per lui venire lì non è stare seduto e ascoltarmi.Per lui venire è svagarsi,non vorrebbe mai che finisse quell'ora.
    Ho proposto al bambino di cucinare insieme alla mamma,non solo di guardarla mentre cucina ma proprio di cucinare e saggiare ciò che ha preparato lui sembrava entusiasta,lo disse subito alla mamma che accettò.....la settimana dopo mi disse che non lo aveva fatto....la mamma non glielo avrà fatto fare.
    Vi racconto un altro episodio:giocavamo con la plastilina,ad un certo punto si fa i baffi e la barba e mi dice di volersi far vedere dal dottore(lo psichiatra)uscendo becchiamo la mamma in sala d'attesa e mi fa"perchè perchè sta facendo così,perchè si è fatto la barba,che significa"...Ma dai lascialo giocare a sto bambino!!!!!


    E' un bambino a cui mi sono affezionata tanto.E' bello quando arriva,apre la porta(anche se sto facendo qualche colloquio)e mi chiama"Fiorellaaaa sono arrivato fai presto!".
    fiofio

  7. #7
    Postatore Compulsivo L'avatar di LuisaMiao
    Data registrazione
    07-02-2005
    Residenza
    Monza
    Messaggi
    3,204
    allora, prova a rispondere anch'io.

    Scopo di vedere il bambino è di evitare che non gli siano fatti altri accertameti invasivi(è da quando ha fatto accertamenti che non mangia)
    questa cosa continua a non essermi chiara. nel senso che comunque per evitare che al bambino si facciano esami, e per di più invasivi, bisognerebbe secondo me lavorare con la madre. è lei, e non il bambino, che decide e che glieli fa fare in ultima analisi. se no il senso sembra un po' quello di "tranquillizzare" la signora dando al figlio qualche ora con la psicologa senza però un vero scopo per questi incontri (che poi, visto che tipo è la signora direi che lo scopo è di dare respiro al bambino... ma è un'altro piano).

    Del cambio persona il bambino non ne ha risentito anche perchè le ultime 3-4 volte io e l'altra siamo state insieme spiegandogli e preparandolo che poi sarei stata io con lui.La madre sia con me che con l'altra ha sempre cercato di intromettersi cosa che dà molto fastidio al bambino.
    Forse è la madre quella che ne ha risentito di più: visto che è già ansiosa e vuole tenere le cose sotto controllo, una persona nuova davanti non la tranquillizza di certo.
    Un aspetto su cui lavorare con il bambino potrebbe essere cosa gli da fastidio dei comportamenti della madre e per quale ragione, come la vorrebbe, se si sente più "grande"(=autonomo),..

    Lei ha accettato,le ho consigliato dove andare ma dopo una settimana mi ha detto di non aver avuto tempo
    il che fa venire il dubbio che è una difesa... aspetta ancora un po' (dopo un 3 settimane la scusa di non aver tempo per fare una telefonata e prendere un appuntamento non regge più),e se le cose non cambiano riproponiglielo.

    Mi sembra un'oottima idea!La madre lo farà,temo che il bambino non accetti. Odia patatine e gelati. Il fatto sai qual è? secondo me la mamma lo farà maniare ogni tanto per il fatto che ogni volta mangia poco.Stabilisce che a scuola ha mangiato poco,allora quando torna alle 16 gli preparara la zuppa di latte o lo yogurt.Ovvio che poi non ha appetito la sera.
    per quale motivo pensi che il bimbo non accetti?
    comunque, se davvero è questo il pensiero, potresti introdurlo in un diario generale, tipo "scrivi (o disegna) tutto quello che fai per una settimana" specificando chiaramente mentre dai la consegna anche che deve esserci cosa ha mangiato, quando e con chi. così intanto spostiamo anche l'attenzione su altre cose e non solo il cibo, magari vedendo che fa tutto il giorno a parte la scuola.
    sono d'accordo quando dici che probabilmente la madre gli prepara la mega merenda alle 16 perchè forse ha manggiato poco a pranzo... lo so perchè lotto 3 volte a settimana per questo con il bambino che seguo in ADM. c'è però una cosa che noi come professionisti secondo me vediamo e consideriamo poco in casi come questo: alle mamme sale l'angoscia a sapere che il figlio non mangia o non ha mangiato, un'angoscia tale da far fare loro di tutto per far mangiare i figli... il che trasmette ansia in situazioni legate al cibo (che non aiuta di certo) e a proporre cibo o abitudini alimentari non adatte per cercare di mettere una pezza a quello che il figlio non ha mangiato.

    Includere la mamma nei nostri giochi lo escludo
    Io lo escluderei adesso, ma perchè non in futuro. magari proprio dopo il lavoro col figlio su quali comportamenti della madre gli danno fastidio.

    Vorrei farlo disegnare ma non vuole,perchè per lui venire lì non è stare seduto e ascoltarmi.Per lui venire è svagarsi,non vorrebbe mai che finisse quell'ora.
    capisco che non voglia stare al tavolo, ma si può disegnare e scrivere anche per terra. però il bimbo non può pensare che quel momento sia solamente di svago senza altro sotto... se no si perde il senso della cosa. pian piano bisogna portarlo nell'ottica che tu dirigi le attività per un certo tempo e che poi c'è un tempo dove c'è il gioco e lo svago.
    Não sei o motivo pra ir
    só sei que não posso ficar
    não sei o que vem a seguir
    mas quero procurar.
    (Mafalda Veiga)

    Il mio blog

  8. #8
    Partecipante Esperto L'avatar di fiorella81
    Data registrazione
    29-04-2005
    Residenza
    napoli
    Messaggi
    299
    Si si,infatti hai ragione.Io capisco la mamma quando dice di essere ansiosa perchè il figlio non ha mangiato,è ovvio è una mamma.Si è arrabbiata con lo psichiatra che non le ha fatto il permesso di uscire prima da scuola(così mangiava con lei).
    La mamma avrebbe voluto un sostegno psicologico da me,io non ne sarei capace e poi anche lo psichiatra ha detto che è meglio di no.
    Quando gli pongo domande lui non risposte,è capace di dirmi ciò che gli ho chiesto in un altro momento.
    Per lui ormai venire lì è giocare,senza regole.Così faceva prima con l'altra tirocinante(non dico non abbia lavorat bene perchè alcune cose del bambino le ho apprese da lei),ora visto il cambio ho temuto non potesse accettarmi,mi poteva vedere come la strega cattiva che si è rubata il posto della buona.
    Domani propongo il diario,speriamo...
    fiofio

  9. #9
    Postatore Compulsivo L'avatar di LuisaMiao
    Data registrazione
    07-02-2005
    Residenza
    Monza
    Messaggi
    3,204
    lo psichiatra ha ragione: è meglio non mischiare il percorso della madre conb quello del bambino, quindi è meglio tenerli separati con due figure diverse. anche perchè se no, vista l'ansia della madre, passerebbe il tempo cercando di sapere cose sul figlio senza lavorare su di sé.

    Capisco che era abituato a venire lì e giocare senza regole (e mi chiedo a che serve: così lo si poteva indirizzare a una ludoteca comunale...). Ma tu prova a inserire, prima piano piano, poi aumentando dei momenti di lavoro. Va benissimo usare la forma di gioco e comunicazione che lui preferisce... ma per lavorare su qualcosa.

    In bocca al lupo!
    Não sei o motivo pra ir
    só sei que não posso ficar
    não sei o que vem a seguir
    mas quero procurar.
    (Mafalda Veiga)

    Il mio blog

  10. #10
    Partecipante Esperto L'avatar di fiorella81
    Data registrazione
    29-04-2005
    Residenza
    napoli
    Messaggi
    299
    La mamma mi ha telefonato dicendomi che era impossibilitata a portare il bambino,ha rimandato l'appuntamento a lunedì
    fiofio

  11. #11
    Postatore Compulsivo L'avatar di LuisaMiao
    Data registrazione
    07-02-2005
    Residenza
    Monza
    Messaggi
    3,204
    fiorella, qualche novità?
    Não sei o motivo pra ir
    só sei que não posso ficar
    não sei o que vem a seguir
    mas quero procurar.
    (Mafalda Veiga)

    Il mio blog

  12. #12
    Partecipante Esperto L'avatar di fiorella81
    Data registrazione
    29-04-2005
    Residenza
    napoli
    Messaggi
    299
    Lunedì ha chiamato la maestra per parlare con lo psichiatra e per sapere un po' la situazione del bambino,poi ha riferito che la mamma ora non porta pù il cibo a scuola e quindi il bambino non sta mangiando(il cibo della mensa non lo mangia).Allora commento mio e dello psichiatra:non lo porta più perchè sta facendo di tutto per avere il certificato per riusciure ad ottenere il permesso d'uscita per l'ora di pranzo.Ma non lo avrà,lo psichiatra non glielo farà.

    Martedì è venuto,ho trovato la mamma in sala d'attesa che imboccava lo yogurt al figlio,nonostante il bambino abbia mangiato a scuola.
    Sono riuscita finalmente a farlo disegnare,mi ha disegnato Goku(quello del cartone animato)molto bruttino come disegno.Mentre giocavamo mi ha chiesto se gli volevo bene.
    Quando è venuta la mamma mi ha riferito che il bambino quando trova i capelli a terra se li mangia e poi quando fa la cacca lei glieli deve tirarae dal culetto...quindi deduco che questo bambino a 7anni e mezzo ancora non va in bagno da solo!
    Ho chiesto di farmi il diario dell'alimentazione giornaliera del figlio,me la porterà.
    Inoltre la mamma si sta ingelosendo di me e della maestra (che gli sta molto vicino e lo ascolta)
    fiofio

  13. #13
    Partecipante Esperto L'avatar di fiorella81
    Data registrazione
    29-04-2005
    Residenza
    napoli
    Messaggi
    299
    ho avuto il diario dell'alimentazione settimanale:
    mercoledì: mattina 8 frollini, 1 cucchiaino di zucchero,200gr latte
    pranzo 30 gr pasta e patate passate
    merenda 3 fruttolo da 50 gr
    cena 100gr di pasta con passato di lenticchie

    giovedì: mattina10 plasmon 200 gr latte
    pranzo pasta bianca con olio e 1 formaggino,frullato di banana
    merenda nulla
    cena 30gr di pasta con barattolino di pesce
    ore22 8 frollini 150 gr latte

    venerdì: mattina 200gr latte 10 frollini
    pranzo 100gr di filetto
    merenda 1 fettina di pane da 40 gr
    cena 70 gr di filetto,1 yogurt

    sabato: mattina 200gr latte 10 frollini
    pranzo 2 bastoncini di pesce,20gr tagliatelle bianche
    merenda nulla
    cena 150gr di pollo arrostito con olio,2 fruttolo da 100 gr ognuno

    domenica: mattina220gr latte 10 frollini,integratore rinforza
    pranzo nulla
    merenda 100gr di filetto e 1 fruttolo da 100gr
    cena 10 frollini con latte

    lunedì: mattina:180 gr latte 8 frollini
    pranzo 1 fetta di vitellino yogurta banana
    merenda 1 busta di patatine
    cena 50gr di pasta con passata di lenticchie,yogurt a fragola

    martedì: mattina 10 plasmon 200 gr latte
    pranzo 40gr pasta.1 yogurt
    merenda latte e biscotti(considerate chemartedì viene da me alle 16.30 ed esce da scuola alle 16,quindi orna a casa mangia e viene da me o lo fa mangiare in sala d'attesa)

    Cosa ne pensate?Per me mangerà anche poco ma credo che mangia anche troppe volte al giorno.Se notate se non vuole fare merenda il latte e biscotti glieli fa mangiare la sera.La domenica lo ha riempito di latte biscotti e integratori ovvio che non ha mangiato a pranzo e poi o avrà costretto a fare merenda con il filetto.
    Gli altri giorni ha mangiato,forse perchè pranza a scuola?Lei manda il cibo a scuola.
    fiofio

  14. #14
    Partecipante Affezionato L'avatar di Aleida
    Data registrazione
    09-03-2003
    Residenza
    Padova
    Messaggi
    111
    Attenzione a non "sconfinare"... non sei un medico, nè una dietologa... e sicuramente non sei stata chiamata per insegnare alla mamma come alimentare il figlio...

    Secondo me ci sono molti conflitti in atto... il mangiare o non mangiare è solo un sintomo...
    La mamma ti ha chiesto un sostegno: ok, non vuoi farlo tu, ma non sottovalutare questa richiesta!!! parla con qualche collega, dalle qualche contatto...insomma, fai un invio... Se ti ha chiesto un sostegno è perchè forse si rende conto che il tutto può essere nato da lei...se si continua a concentrarsi sul bambino, si rischia di perdere di vista una delle possibili cause...

    Il lavoro col bimbo mi sembra stia andando bene...magari potresti introdurre dei giochi sulla digestione (così puoi capire cosa lui sa in proposito)... credo ci siano anche libri.gioco in proposito (anche se "siamo fatti così era il migliore)...

  15. #15
    Partecipante Esperto L'avatar di fiorella81
    Data registrazione
    29-04-2005
    Residenza
    napoli
    Messaggi
    299
    Io già le ho consigliato alla mamma una collega ma non l'ha contattata perchè dice di non avere tempo,quindi il dubbio c'è:vuole davvero andare?

    Io so di non essere nè medico nè dietologa infatti non ho chiesto questo diario per sapere cosa mangia il bambino ma volevo capire come mangia.Leggendo un po' ho visto che la mamma a tutti i costi vuole farlo mangiare,se notate se salta un pasto,tipo la merenda,la sera gli fa fare il recuoero dandogli il latte prima di dormire oppure 200gr di yogurt.Mi dà tanto l'idea che vuole riempirlo per forza.20-30 gr di pasta sono pochi si,però noto pure che fa una bella colazione e gli vuole far fare a tutti i costi merenda.
    Lo scopo della mamma è solo farlo mangiare a questo bambino.

    Consigli sul gioco della digestione?
    fiofio

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo

Privacy Policy