• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 6 123 ... UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 78
  1. #1
    Partecipante Esperto L'avatar di Princesa76
    Data registrazione
    16-10-2004
    Residenza
    roma
    Messaggi
    299

    sognare la specializzazione e nel frattempo come mi mantengo??

    Ciao a tutti...volevo aprire questo argomento perche nn so quanti siano nelle stesse mie condizioni ma sono abilitata da quasi due anni, laureata 2004 e nn trovo un bel nulla nel campo sociale di buono..allora premesso che nn me la sento di accettare un lavoro sottopagato ( es. educatrice centri estivi unica cosa che ho trovato!!)perche nn la vedo una svolta per la mia vita a trentadue ann( vorrei anche magari un giorno, andar via dalla casa dei miei)...secondo voi è sbaglaito accettare un lavoro totalmente lontano dalla psicologia che nn ti aggrada a turni anche festivi con uno stipendio a fine mese per poter sognare di iscriversi alla specializzazione??Ma il tempo poi si trova??Come puo conciliarsi il lavoro a tempo pieno con le scuole i tirocini...spero che possiate darmi un consiglio, un parere perche solo voi mi potrete comprendere...nn so cosa fare....accettare o continuo il dolce far nulla...?

  2. #2
    Partecipante Assiduo L'avatar di nefertiti11
    Data registrazione
    20-08-2007
    Residenza
    genova
    Messaggi
    135

    ciao..

    io attualmente sto facendo il tirocinio, tra l altro molto impegnativo, però sto anche lavorando..
    un lavoro che non centra proprio niente con la nostra psicologia, ma almeno riesco a togliermi 2 o 3 sfizi e magari risparmiare per la scuola di spec.

    Il mio è un lavoro part time, 4 ore.. ovviamento spero che con l'abilitazione qualcosa cambi, però se nel frattempo non trovi io ti consiglierei di accettare anche qualche lavoro non attinente,almeno cerci più rilassata..
    è stressante e fristrante dipendere da altre persone..

    fammi sapere.

  3. #3
    Partecipante Esperto L'avatar di fiore1969
    Data registrazione
    21-06-2006
    Residenza
    genova
    Messaggi
    327
    Ciao, secondo me è difficile conciliare il tutto però ci si può riuscire. Io ho 38 anni e mi sono laureata a Luglio (ho iniziato a 30 anni)....nel frattempo lavoravo a tempo pieno per un periodo e part-time per un altro periodo, avevo una bimba e ne ho avuta un'altra alla fine dei tre anni. Penso che l'impegno per una scuola di specializzazione sia meno di quello per l'università. Quindi si può fare. L'unico consiglio che mi sento di darti è di cercare qualcosa di un minimo attinente...perchè avendo studiato, lavorando come impiegata, ti posso dire che a volte è un pò difficile...è come avere due personalità completamente diverse (io facevo la contabile...). Ora ho cambiato e ho trovato una lavoro in una comunità di doppia-diagnosi, purtroppo per ora faccio solo le notti....però almeno lo posso inserire nel mio CV e un pò di esperienza la faccio...un giorno spero mi servirà. Invece se fossi rimasta a fare la contabile.....Auguri per il tuo futuro e saluti Laura
    fiore1969

  4. #4
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    13-03-2005
    Residenza
    roma
    Messaggi
    129
    dipende da quello che vuoi fare..la vuoi fare la scuola? se si ( e mi sa che ti conviene poichè si specializzano tutti e rimarresti "indietro" ..già siamo tanti..), allora accetta un lavoro anke part-time che c'entra poco o niente, magari da fare solo negli anni della specializzaz..cosi tra 4 anni potrai anke andar via di casa, se tutto va bene...poi non ce ne sono di cosi male..io faccio l'educatrice in un nido e non è tremendo , anke se è faticoso e non è quello ke voglio fare..ma io mi ci pago tutto, abitando da sola..tranne la scuola, pensa tu....infatti proverò con la pubblica...tu ke puoi, finkè hai la possibil stai coi tuoi e coi soldi keguadagni magari paghi la scuola...tra 4 anni potrai esercitare,avere pazienti e sarà cmq diverso...se è quello che vuoi fare, perkè rinunciare' tanto, l'hai detto tu, l'alternativa che hai ora è il far niente...in bocca al lupo

  5. #5
    Partecipante Esperto L'avatar di Princesa76
    Data registrazione
    16-10-2004
    Residenza
    roma
    Messaggi
    299

    grazie

    ciao grazie a tutti per le risposte!allora vorrei essere piu chiara per spiegarvi meglio la situazione...ho trovato lavoro come hostess in aeroporto..bello direte si bello ma un lavoro che nn centra un bel nulla con il nostro credetemi...turni tipo che possono partire anche alle 4 di mattina nn esistono festivi si lavora sempre...ecco io mi chiedo...ne vale la pena?anni fa avrei fatto i salti mortali per avere questo lavoro ora sono combattuta perche so che vuol dire grossi sacrifici...e la paura è cmq che nn riuscirei in ogni caso a fare la specializzazione con un lavoro che mi occupa cosi...sono umana e nn una macchina....ecco ora forse mi capirete meglio, tra l altro solo voi che avete la mia storia da psicologhe potrete capire...molti nn capsicono purtroppo e i consigli che mi danno fanno ridere credetemi...magari vi racconterò!

  6. #6

    ciao

    Ciao, io ti consiglio comunque di accettare quei lavori sottopagati e non gratificanti per noi laurati in psicologia, in ogni caso rimani sempre nell'ambito.... e poi ci sono tanta cose che si imparano mentre si fà gli educatori, utili per una futura professione da psicoterapeuta!
    Per quanto riguarda la scuola, appena hai la possibilità inizialà...poi con il tempo tutto si sistema!
    Buona Avventura

  7. #7
    Partecipante Esperto L'avatar di Princesa76
    Data registrazione
    16-10-2004
    Residenza
    roma
    Messaggi
    299
    ...ecco il punto è proprio questo...fare un lavoro sottopagato nn ti permette la scuola sicuramente...nè altre spese parliamoci chiaro...io penso che almeno occorre guadagnare sui 1000 euro per potersi permettere la scuola e cmq vivere ancora a casa con la famiglia mi pare ovvio...chi conosco e fa la scuola la fanno perche pagata dai genitori...io vorrei una mia indipendenza e nn abbandonare i miei studie le mie passioni nn lo farei mai perche ci credo troppo ognivolta che vedo la laurea sulla parete mi si stringe lo stomaco...nn so quanto impegna una scuola ma tra tirocini e frequenze varie come si fa?Specie se accettassi un lavoro su turni??Vorrei sentire qualche esperienza di chi riesce a fare tutto questo e rincuorarmi un po...ahhhe tanto per dirla tutto sono due anni che mando cv e "nel cosidetto campo" mi hanno chiamato solo per un centro estivo per portare i abmbini in piscina..alla cifra ridicola che ipotrete facilemnte immaginare
    Grazie per avermi ascoltato so cmq che cio che ho scritto nn è solo un problema mio ma volti di voi magari si rispecchiano e questo aiuta anche me...

  8. #8
    Partecipante Esperto L'avatar di fiore1969
    Data registrazione
    21-06-2006
    Residenza
    genova
    Messaggi
    327
    Ciao, io fossi in te accetterei il lavoro che per adesso ti hanno offerto...e mi iscriverei appena possibile alla scuola. Le cose vedrai che poi vengono da sè. All'inizio sembra di avere davanti una montagna ma poi piano piano tutto si ridimensiona. La scuola di specializzazione, solitamente, impegna nei we (non tutti) e il tirocinio sicuro non si fa il primo anno. Perciò potresti per ora lavorare e iniziare la scuola. Nel frattempo continuerei a guardarmi in giro per vedere se esce qualcosa di più attinente (in ogni caso fare la hostess ti mette comunque a contatto con le persone e non è sicuramente un brutto lavoro). Anche io all'inizio non pensavo che ce l'avrei fatta....ma poi è venuto tutto da sè, in maniera naturale....Ciò che conta è la passione e credere veramente nell'obiettivo che ti poni. Ciao ciao laura
    fiore1969

  9. #9
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    08-01-2003
    Residenza
    TV
    Messaggi
    63
    Ciao,
    porto la mia esperienza: ho un lavoro a tempo pieno attinente (psicologa in una comunità terapeutica), e sono al terzo anno della specializzazione.... è faticoso perchè lavorando tutta la settimana non è il massimo avere 2 weekend impegnati al mese, però reggo! lo stipendio non è da capogiro però riesco a pagamerla ( non l'avrei mai iniziata sennò) e vivo fuori casa.... ti ,quindi, prima di renderti indipendente economicamente ( ben venga il lavoro anche come hostess) e poi di iniziare la scuola... è più gratificante essere autonomi e ti rende più forte anche per poter cercare un altro tipo di lavoro in futuro.
    In bocca al lupo!

  10. #10
    Partecipante Esperto L'avatar di LePleiadi
    Data registrazione
    21-11-2006
    Messaggi
    324
    Scusa me se non accetti questo lavori "sottopagati" (dipende poi cosa uno intende per paga dignitosa) che alternative hai?Non andresti da nessuna parte comunque.
    La vita è fatta di compromessi, secondo me conviene accettare un lavoro che non piace, anche non attinente alla psicologia e intanto continuare a studiare.
    Prima di fare l'educatrice ho fatto 300 cose dalle baby-sitter, al call center, alla promoter, all'animatrice di feste di compleanno...non è che questi lavori mi piacessero ma almeno ero un pò indipendente dai miei e poi ti fai un pò di esperienza.
    Capisco la seccatura di doversi sempre adattare ma non ci sono molte alternative.
    In bocca al lupo.

  11. #11
    Partecipante Esperto L'avatar di Princesa76
    Data registrazione
    16-10-2004
    Residenza
    roma
    Messaggi
    299
    ...guarda per me è dignitosissimo anche pulire le scale visto che vengo da una famiglia nn certo ricca, ma di sicuro lavorare nei centri estivi come educatrice a meno di 5 euro l 'ora per otto ore lo considero sottopagato con una laurea in psicologia!!!Tutte le mie amiche che hanno trovato lavoro in cooperative sono state ampiamente "sfruttate" alcune vivendo da sole sono andate via trovandosi lavoro come segretaria o simili...ecco...io nn credo che sia facile trovare "l attinenza" e un buon guadagno che ti permetta
    1 indipendenza2 di pagarti la scuola ( da sola!!!) ...ecco mi trovo di fronte a un bivio perchè io vorrei entrambe le cose ma cosi è chiaro che nn trovo via d'uscita!! ...putroppo pensavo che fosse piu semplice questa professione...e a malincuore credo che se nn si hanno condizioni economiche piu che soddisfacenti resta una" professione d'elite" che nn tutti possono fare senza appoggio...ragazzi sapete chi mi ha detto qeusta frase???uno psicoterapeuta che mi ha ricevuto per un colloquio in una struttura notate bene!!!!!!!!
    il punto è : la scuola è vero che nn richiede impegno dal momento che io vedo le mie amiche che seguono due week al mese(ve e sab almeno)...come fai a lavorare su turni???(in cui si lavora sempre e i giorni liberi sono casuali???)...mahh la vedo dura ...grazie a tutti voi e a questo punto crepi il lupo!!!

  12. #12
    Postatore Compulsivo L'avatar di ghiretto
    Data registrazione
    15-11-2004
    Residenza
    nell'orbita di Anarres
    Messaggi
    3,359
    Io penso che si dovrebbe, prima di aspirare a posizioni giuste per la nostra preparazione, o adeguate al nostro livello culturale o conformi alle nostre aspettative economiche chiedersi cosa si è realmente in grado di fare.
    Credo si impari molto di più dallo svolgere un lavoro sottopagato e costruirsi un'indipendenza, che dovremmo saperlo non è solo economica, che non ad aspettare che la tanto desiderata aspettativa ci bussi alla porta. Penso che chiunque e qualunque esperienza possa arricchirci, non vedere la realtà o non accettarla non mi pare sia evolutivamente una mossa vincente.
    Questo non vuol affatto dire che non si debbano perseguire i propri sogni o desiderata, solo che sporcarsi un poco le mani con la vita, fatta non solo di rosa, oltre a restituirci il valore di cosa si conquista ce ne dia dopo una doppia soddisfazione, quella di vedere tutti i gradini fatti con le proprie gambe, guardando avanti.

    Pat
    " E se scruti a lungo un abisso, anche l’abisso scruterà dentro di te" Nietzsche


    dai un'occhiata a questo sito www.altrapsicologia.it

    per usufruire del servizio contattare la scrivente per pattuire il compenso

  13. #13
    Partecipante Esperto L'avatar di LePleiadi
    Data registrazione
    21-11-2006
    Messaggi
    324
    Citazione Originalmente inviato da ghiretto Visualizza messaggio
    Io penso che si dovrebbe, prima di aspirare a posizioni giuste per la nostra preparazione, o adeguate al nostro livello culturale o conformi alle nostre aspettative economiche chiedersi cosa si è realmente in grado di fare.
    Credo si impari molto di più dallo svolgere un lavoro sottopagato e costruirsi un'indipendenza, che dovremmo saperlo non è solo economica, che non ad aspettare che la tanto desiderata aspettativa ci bussi alla porta. Penso che chiunque e qualunque esperienza possa arricchirci, non vedere la realtà o non accettarla non mi pare sia evolutivamente una mossa vincente.
    Questo non vuol affatto dire che non si debbano perseguire i propri sogni o desiderata, solo che sporcarsi un poco le mani con la vita, fatta non solo di rosa, oltre a restituirci il valore di cosa si conquista ce ne dia dopo una doppia soddisfazione, quella di vedere tutti i gradini fatti con le proprie gambe, guardando avanti.

    Pat

  14. #14
    Partecipante Esperto L'avatar di LePleiadi
    Data registrazione
    21-11-2006
    Messaggi
    324
    Non centra niente la laurea in psicologia per i centri estivi, c'è gente che è uscita con 110 e lode in psico e non sa gestire un gruppo di bambini.
    Io avrei accettato anche per 5 euro, intanto ti saresti fatta un pò di esperienza che nel curriculum non guasta mai, avresti allargato la tua rete di conosc.( perchè anche quelle contano) e ti saresti messa da parte qualche soldo che forse non ti cambia la vita ma di certo aiuta.
    Si iniziacon poco poi si cresce.In bocca al lupo.

  15. #15
    Partecipante Esperto L'avatar di Princesa76
    Data registrazione
    16-10-2004
    Residenza
    roma
    Messaggi
    299
    .....ragazzi grazie per gli interventi...vi do ragione al 100% quando dite che la strada è dura ed è in salita nn si puo avere tutto e subito...su questo siamo d'accordo...ma forse nn è chiaro il punto da cui sono partita ...senza dubbio anche un lavoro in un centro estivo è arricchente e nn serve la laurea( tra l altro io l ho fatto e aver guadagnato 500 euro in un mese nn mi ha cambiato la vita vedendola dal punto di vista materiale...)il punto è che per costruirsi questo mestiere occorre una grossa somma di denaro ragazzi io parlo della specializzazione per me conta il fatto che la vedo dura da realizzarsi senza una buona entrata economica senza quella sei quasi tagliato fuori...il fatto che tutto è arricchente e tutto serve nella vita è fuori discussione e nn mi sono sentita arrivata mai al punto che spesso mi sento cosi debole che mollerei tutto..

Pagina 1 di 6 123 ... UltimoUltimo

Privacy Policy