• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 17
  1. #1
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    05-04-2007
    Residenza
    bresso (milano)
    Messaggi
    227

    consultzioni on line: un pensiero

    Inserisco un sito di un interessante articolo sulla consultazione/psicoterapia on line: mi interesserebbe aprire una discussione su questo argomento in quanto mi pare che non esista una letteratura scientifica, mentre sarebbe ora di ragionarci un po' su!
    C'è qualcuno che ha epserienze o pensieri da discutere sulll'artgomento?
    www.humantrainer.com/articoli/valida_terapia_virtuale
    lella

  2. #2
    Bulavsky
    Ospite non registrato
    purtroppo non riesco ad aprire la pagina con l'articolo...

    Comunque, l'argomento e' interessante. Ma puoi almeno riassumere, che posizione prende l'autore dell'articolo?

  3. #3
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    05-04-2007
    Residenza
    bresso (milano)
    Messaggi
    227

    ci provo

    In realtà era un articolo scritto da ricercatori che simulava, con tanto di animaizoni, un "colloquio clinico" su msn tra un teraputa e un "cliente". L'interessante, secondo me, era che i ricercatori avessero un atteggiamento di apertura nei confronti di questa possibile frontiera clinica, raccomandando un atteggiamento altrettanto aperto da parte degli psicologi senza dimenticare che, essendo prassi del tutto sconosciuta, ha bisogno di una vera ricerca sperimentale.
    Mi è spesso capitato di sentire colleghi che ritengono tale possibilità assolutamente non praticabile (forse un po' aprioristicamente, aggiungo io) portando come motivazione l'impossibilità di creare un setting adeguato.
    Vorrei sapere come la pensate, visto che io non mi sento di essere "contro" per partito preso. Mi sembra anzi uno strumento a cui pensare se, ad esempio, si ha a che fare con un target giovane, abituato a usare il web e le sue possibilità, che ci offre una possibilità di aggancio.
    lella

  4. #4
    Bulavsky
    Ospite non registrato
    In parte, quelli che sono contrari apriori hanno anche ragione. La communicazione via internet e' gia povera di suo. Figuriamoci se dovessimo far capire le emozioni, gli stati d'animo, i problemi ecc. Sappiamo bene anche l'importanza della communicazione non verbale nel rapporto terapeutico. Spesso le nformazioni piu' importanti si prendono proprio da li'. Lavorando con la parola scritta, lavori non con il problema, ma solo con quello che il cliente ritiene essere il suo problema. Lavori con l'immagine, che puo' essere vicina alla realta', ma con la stessa probabilit' puo' essere lontana mille miglia.

    Secondo me, la consultazione via internet, puo' essere uno strumento valido, ma quando viene usato come un'aggiunta al lavoro terapeutico "normale".

    Che ne pensate?

  5. #5
    Partecipante Veramente Figo
    Data registrazione
    09-05-2007
    Residenza
    liguria
    Messaggi
    1,277
    ".... ci offre una possibilità d'aggancio" dici bene Lelluzza.

    Credo che possa essere utile come primo momento di contatto non solo per i giovani utenti esperti della rete e del pc in generale ma, anche per altre categorie di utenti-clienti.
    Sono molti i pz che mi contattano per un lavoro di questo tipo via internet nei siti dove sono registrata, ma, pochi e selezionati quelli che comprendono che le indicazioni fornite da una mail di risposta non possono essere messe sullo stesso piano di un colloquio clinico vis a via.
    L'importanza del setting, della cv e non v, della relazione terapeutica tutta non si possono trasmettere, a mio modo di vedere, attraverso un pc.

  6. #6
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    05-04-2007
    Residenza
    bresso (milano)
    Messaggi
    227

    già

    Sono assolutamente d'accordo con voi. Non a caso ho parlato di aggancio. forse è bene che io cerchi di contestualizzare il mio pensiero.
    Mi occupo (da circa 25 anni) di dipendenze e nello specifico di adolescenti con problemi di uso problematico o di abuso di sostanze. Per arrivare ad un servizio, pubblico o privato che sia, i ragazzi dovrebbero riuscire a "problematizzare" il loro bisogno.
    Ricordo a tutti che la giurisprudenza italiana in questa materia è un po' schizofrenica, in quanto, da un lato considera il tossicodipendente come un "malato" da curare, dall'altro definisce come reaato il solo uso di sostanze. Allora io mi chiedo, ma soprattutto chiedo a chi ha voglia di fare una riflessione sull'argomento, internet e una chat non possono essere d'aiuto in una prima fase di "problematizzazione" andando incontro al bisogno difensivo di chi non se la sente di andare in un servizio connotato? Senza la pretesa di curare nessuno con questo strumento, non può sevire a instaurare una relazione protetta con un operatore con lo scopo dichiarato di arrivare ad una relazione vis a vis?
    lella

  7. #7
    Partecipante Esperto L'avatar di wundt_12
    Data registrazione
    25-06-2006
    Residenza
    Napoli
    Messaggi
    287
    Non sono ancora un terapeuta quindi la mia risposta potrebbe essere limitata da questo...
    Mi viene da pensare però a quante volte chattando con amici si è frainteso quello ke si diceva (creando anke grosse problematiche) xkè la chat non fa passare gli atteggemanti non propriamente verbali.
    Capisco il discorso del problematizzare ma forse la chat potrebbe far incorrere in problematiche del tutto nuove sulle quali non abbiamo ancora riflettuto....non sarebbe meglio l'utilizzo dell'e-mail o di un forum che, non essendo a risposta immediata, danno la possibilità riflettere e di formulare domande e risposte con maggiore attenzione?
    Sasi

  8. #8
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    05-04-2007
    Residenza
    bresso (milano)
    Messaggi
    227
    Perchè no! Sono pronta a discutere di qualunque strumento di cui si possano valutare onori e oneri. Neppure io sono una psicoterapeuta, ma questo tipo di possibile sviluppo di tecniche di aggancio mi interessa. Devo però avvertire che, a causa di un ricovero ospedaliero per un intervento, per una settimana non guarderò le vostre risposte. Se avete un po' di pazienza riprendo in mano settimana prossima il computer e spero di poter continuare questa discussione. Ad esempio vorrei capire meglio le incomprensioni imputabili alla chat. Mi fate degli esempi?
    Grazie e a presto!
    lella

  9. #9
    Partecipante Assiduo L'avatar di lulunana
    Data registrazione
    13-01-2006
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    218
    mi piace molto la discussione! per incomprensioni in chat mi è successo che non si capisce più di tanto non solo un pensiero ironico, ma anche un pensiero espresso in modo molto banale.....perchè ognuno di noi, si sa, recepisce, rielabora e quant'altro i messagggi in modo molto personale.....è difficile far passare certe idee tramite chat......capita meno, quasi esclusivamente con persone che hanno avuto una lunga conoscenza reciproca....sotto questo punto di vista l'aggancio potrebbe essere addirittura più difficile!!!!!
    il lavoro di rete poi è altra cosa e per questo meno male che internet ci velocizza così tanto!

  10. #10
    Partecipante Esperto L'avatar di wundt_12
    Data registrazione
    25-06-2006
    Residenza
    Napoli
    Messaggi
    287
    le incomprensioni capitano perkè non c'è linguaggio nn verbale...le faccine aiutano molto ma spesso esasperano un emozione...
    anche a me è capitato di non capire una frase ironica o di non essere capito nella seriatà dell'argomento...
    non ho capito però lulunana se intendi dire ke capita di più a perone ke si conoscono o capita di meno?
    Sasi

  11. #11
    Partecipante Assiduo L'avatar di lulunana
    Data registrazione
    13-01-2006
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    218
    Citazione Originalmente inviato da wundt_12 Visualizza messaggio
    le incomprensioni capitano perkè non c'è linguaggio nn verbale...le faccine aiutano molto ma spesso esasperano un emozione...
    anche a me è capitato di non capire una frase ironica o di non essere capito nella seriatà dell'argomento...
    non ho capito però lulunana se intendi dire ke capita di più a perone ke si conoscono o capita di meno?
    Intendo dire che nella mia esperienza è capitata l'incomprensione quasi mai con persone note e molto spesso con persone meno noteb

  12. #12
    Partecipante Esperto L'avatar di wundt_12
    Data registrazione
    25-06-2006
    Residenza
    Napoli
    Messaggi
    287
    be certo se ci si conosce si riesce a volte ad immaginare il tono con il quale la persone sta comunicando....anche se non sempre è cosi!
    Sasi

  13. #13
    Neofita L'avatar di dr.allegri
    Data registrazione
    25-02-2008
    Residenza
    Salsomaggiore Terme (Pr)
    Messaggi
    4
    Signori...volevo aggiungere il mio pensiero a questa e a tante discussioni sulla correttezza/riuscita della consulenza via Internet.
    Sono il dr. Allegri psicologo di Parma, io utilizzo da paracchio tempo Internet (tramite collegamento audio-video) per fare consulenza e sono davvero soddisfatto dei risultati raggiunti attraverso questo mezzo!
    Il mio sito giusto xchè possiate vedere è: Miopsicologo

    Notate bene: ho detto Internet con COLLEGAMENTO AUDIO-VIDEO (msn o skype x intenderci) e CONSULENZA...e non i termini chat e psicoterapia!
    1) perchè con la chat sono d'accordo che si viene a perdere molta dell'informazione!
    2)su Internet non si può fare terapia, ma unicamente consulenza!

  14. #14
    Partecipante Leggendario L'avatar di pinga
    Data registrazione
    09-02-2002
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    2,111

    Chi2008

    Apro un thread sul CHI2008 a firenze. Chi ci sarà? Incontriamoci amici!

    Ciao!

  15. #15
    Partecipante Assiduo L'avatar di noemi2004
    Data registrazione
    30-05-2005
    Residenza
    Pistoia
    Messaggi
    233
    Citazione Originalmente inviato da pinga Visualizza messaggio
    Apro un thread sul CHI2008 a firenze. Chi ci sarà? Incontriamoci amici!

    Ciao!
    Di cosa si tratta???
    Rachele Agostini

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo

Privacy Policy