• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 3 123 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 43
  1. #1
    Partecipante Veramente Figo
    Data registrazione
    24-08-2006
    Messaggi
    1,145

    ma voi da uno psicologo ci siete mai andati???

    In caso di risposta affermativa...come vivete ora questo vostro bisogno presente o passato di farvi aiutare da qualcuno?

    Ora che siete o che presto sarete "dall'altra parte della barricata"?

    un abbraccio a tuttiiiiiiiii

  2. #2
    Styrofoam Crown L'avatar di Grace
    Data registrazione
    22-03-2007
    Residenza
    Sulla Mia Strada
    Messaggi
    4,928
    Blog Entries
    3
    No caspita...e pensare che mi toccherà prima o poi mi angoscia un attimo...

    UNBELIEVABLE..I was surprised..I was surprised..I'm still surprised
    17 Luglio 2011, Udine
    We're gonna try to remember this picture right here in my mind,when I close my eyes tonight on that pillow..when I look up in the sky,I thank God of what I had here..I'll be thinking of this!
    We're gonna record this moment in time..the night we laid up in the sky of San Siro..at the end of It

    29 Giugno 2013, Milano
    Jon Bon Jovi

  3. #3
    Postatore Epico L'avatar di Alessia Va
    Data registrazione
    27-10-2003
    Residenza
    Lombardia
    Messaggi
    9,415
    Blog Entries
    315
    Ma io "dall'altra parte della barricata" ci sono piu' o meno da sempre...
    Nel senso che ancora prima di diventare psicologa gia' ho all'attivo numerose ore di psicoterapia piu' o meno a tempo perso perche' siccome sono una brava ascoltatrice gli amici (cosi dicono loro stessi) vengono a fare "psicoterapia" da me...

    Ad ogni modo io penso che sia non solo normale ma anche importante per uno psicologo o futuro tale avere un altro professionista disponibile per la sua "psicoterapia" in quanto essere umano come gli altri e a maggior ragione necessitante, per il ruolo che riveste, di un "contenitore" dove riversare i propri pesi e "uno specchio" dove riconoscere se stesso e il proprio percorso.

    Ho uno psichiatra meraviglioso che conosco da quasi tre anni ormai.
    Non ci vado regolarmente ma se sento il bisogno di un ascolto, un consiglio e qualcuno che mi aiuti a fare chiarezza, telefono e ci vediamo.
    Trovo che non siano mai soldi buttati.
    E poi ritrovo chiarezza osservandomi attraverso i suoi occhi.

    Spero di averti risposto.
    Un gabbiano di Nessundove io sono, nessun lido considero mia patria, nessun luogo, nessun posto a se mi lega; è di onda in onda invece che io volo


    Trova pace in cio’ che sei e dove ti trovi.
    Le persone spesso sanno gia’ cosa fare; a te spetta il compito di mostrare loro il modo......ecco la vera saggezza.
    (Eragon – C.Paolini)



  4. #4
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di Elo.nora
    Data registrazione
    31-01-2006
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    1,200
    Io ho iniziato da poco una terapia familiare, che poi è anche la mia prima esperienza con uno psicologo... Infatti avrei preferito farlo in un altro modo, ma è stato necessario fare questo passo...
    Devo ammettere che per me è abbastanza dura, forse proprio perchè non sono da sola, e perchè comunque stiamo andando per risolvere delle questioni che non riguardano me, o solo me... Spero che magari andando avanti la cosa si semplifichi, perchè per ora ogni volta che vado mi prende un'ansia pazzesca. E' proprio vero che il modo di vedere le cose cambia totalemente una volta usciti dallo studio...

  5. #5
    Postatore OGM L'avatar di blackfox
    Data registrazione
    25-09-2004
    Residenza
    Monfalcone
    Messaggi
    4,909
    io non ci sono mai stata, ma sarei curiosa di andarci..ci sono dei nodi che vorrei riuscire a sbrogliare...quindi aspetto la terapia durante la scuola di specializzazione...
    Dany

  6. #6
    Johnny
    Ospite non registrato
    "dall'altra parte" penso sia necessario andarci prima o poi perchè lo stesso Freud dice che "l'auto-analisi è impossibile perchè c'è la resistenza ad accedere ai nodi conflittuali" (una cosa del genere), quindi è necessaria la visione di un Altro per riuscire a scoprire aspetti di sè inconsci, che noi da soli non potremmo vedere

  7. #7
    Postatore Epico L'avatar di Alessia Va
    Data registrazione
    27-10-2003
    Residenza
    Lombardia
    Messaggi
    9,415
    Blog Entries
    315
    Elo.nora:
    che non sia facile e' normale.
    Anch'io all'inizio ci sono andata portando poi la mia famiglia, perche' c'erano delle cose non chiarite tra di noi, che da soli non riuscivamo a districare.
    Questo non per mancanza mia o dei miei.
    Semplicemente a volte una persona imparziale e che riesce a "dirigere" i ragionamenti in modo adeguato, riesce a farti vedere soluzioni a cui non avevi mai pensato.

    Grace:
    l'ansia e' normale, ma poi con il tempo si affievolisce perche' in fondo non si tratta di nulla di terribile, solo chiaccherare. E ti accorgerai, se troverai la persona giusta, che quelle "chiacchere" ti fanno un gran bene.
    Ci si abitua, anche, a gestire l'ora (o il tempo che sia) di conversazione.
    Certo far cadere qualche resistenza puo' non essere immediato (come per esempio il fatto che "sono sempre io ad ascoltare gli altri, ora invece tocca a me parlare" )
    Ma anche quello si supera.
    Un gabbiano di Nessundove io sono, nessun lido considero mia patria, nessun luogo, nessun posto a se mi lega; è di onda in onda invece che io volo


    Trova pace in cio’ che sei e dove ti trovi.
    Le persone spesso sanno gia’ cosa fare; a te spetta il compito di mostrare loro il modo......ecco la vera saggezza.
    (Eragon – C.Paolini)



  8. #8
    Postatore Epico L'avatar di Ember
    Data registrazione
    22-07-2002
    Residenza
    Urbino
    Messaggi
    11,724
    Non sono mai stata (se non per esperimenti con la scuola che prevedevano delle sedute)... ma non vedo l'ora di andarci, sinceramente... non che abbia dei problemi... per osservare e vivere sulla mia pelle tutto.
    *** Homo sum: humani nihil a me alienum puto ***

    oPS-StaNZa Di uRBiNo iL Mio FoRuM



    Anche Ember nella setta dell'ASD *asdatrice musicista*
    [thanks to Angelus, fondatore della setta]

  9. #9
    Postatore Epico L'avatar di Alesxandra
    Data registrazione
    07-02-2005
    Messaggi
    10,618
    Blog Entries
    4
    Mai andata, ma sono anni che rimando...... Sento che qualche seduta potrebbe farmi bene di sicuro, perchè ho troppe cose ed eventi rimasti irrisolti e non elaborati, che tengo giù schiacciati in qualche ripostiglio profondo....ma che puntualmente mi condizionano nei rapporti umani e atterrano la mia autostima e fiducia in me stessa e nelle mie capacità. Non ho mai trovato il coraggio di andarci perchè sento che scoppierei a piangere......non mi sento pronta a parlare di me buttando fuori tutto. Ne avrei bisogno però. Sento in me tante potenzialità per dare una svolta a me stessa......sento di avere una vitalità ed energia che da troppi anni tengo represse.

    Io credo che almeno una volta nella vita, una chiacchierata con uno psicologo possa far bene....anche il semplice parlare, pensare ad alta voce.....per riorganizzare la mente, collocare emozioni

  10. #10
    Postatore OGM L'avatar di marygrace83
    Data registrazione
    15-11-2005
    Residenza
    ...
    Messaggi
    4,166
    proprio pochi giorni fa la mia tutor di tirocinio ci ha chiesto se avevamo mai fatto un percorso personale, lei lo ritiene molto utile x il nostro mestiere e sono d'accordo.
    io ci penso spesso, prima o poi lo farò (la mancanza di soldi potrebbe essere interpretata come una resistenza, ma vi assicuro cheè un problema reale )
    anch'io come ale sento di avre dei nodi irrisolti, degli eventi di cui non ho parlato, che non ho totalmente elaborato e risolto, e sono pienamente consapevole che ciò in qualche modo "infici" la mia vita, le mie relazioni sociali e sentimentali, le mie "prestazioni".
    non nascondo però di avere una certa paura...e se mi accorgessi di dover aprire un pozzo senza fondo, di dover rimettere in discussione tutto....?
    Ultima modifica di marygrace83 : 10-10-2007 alle ore 18.25.47

  11. #11
    Scricciolo L'avatar di Acciderba
    Data registrazione
    02-07-2004
    Residenza
    L'Isola che non c'è
    Messaggi
    802
    Ci sono andata intorno ai 17 anni, per un paio di mesi, perché in seguito a vari problemi non mangiavo più.
    Ero arrivata a pesare intorno ai 43 kg e mia mamma mi consigliò di parlarne con una psicologa.

    Un'esperienza che ripeterei volentieri.
    Ma non con lei.
    Non sono niente.
    Non sarò mai niente.
    Non posso volere d'essere niente.
    A parte questo, ho in me tutti i sogni del mondo.


    Fernando Pessoa



    ¸´¯`°¤.¸ (¯`¤La Divina ¤´¯) ¸.¤°´¯`¸
    La Mari in Servizio

  12. #12
    Styrofoam Crown L'avatar di Grace
    Data registrazione
    22-03-2007
    Residenza
    Sulla Mia Strada
    Messaggi
    4,928
    Blog Entries
    3
    Originariamente postato da Alessia Va

    Grace:
    l'ansia e' normale, ma poi con il tempo si affievolisce perche' in fondo non si tratta di nulla di terribile, solo chiaccherare. E ti accorgerai, se troverai la persona giusta, che quelle "chiacchere" ti fanno un gran bene.
    Ci si abitua, anche, a gestire l'ora (o il tempo che sia) di conversazione.
    Certo far cadere qualche resistenza puo' non essere immediato (come per esempio il fatto che "sono sempre io ad ascoltare gli altri, ora invece tocca a me parlare" )
    Ma anche quello si supera.

    detto così non sembra poi così terribile,grazie!
    la cosa che forse non sopporterei è il lettino...parlerei molto di più a quattr'occhi

    UNBELIEVABLE..I was surprised..I was surprised..I'm still surprised
    17 Luglio 2011, Udine
    We're gonna try to remember this picture right here in my mind,when I close my eyes tonight on that pillow..when I look up in the sky,I thank God of what I had here..I'll be thinking of this!
    We're gonna record this moment in time..the night we laid up in the sky of San Siro..at the end of It

    29 Giugno 2013, Milano
    Jon Bon Jovi

  13. #13
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di Giuppy83
    Data registrazione
    24-04-2007
    Residenza
    Milano
    Messaggi
    1,431
    Nella mia università è stato da alcuni anni istituito il servizio di counselling per gli studenti; così, pochi mesi prima della laurea, dopo anni che ci pensavo, mi sono decisa a chiedere un colloquio. Ho fatto diverse sedute (poche, 6 mi pare, perchè poi mi sarei laureata e cmq ne sono previste al massimo 10, mi sembra) e devo dire che misono trovata benissimo. Ad alcune conclusioni ero giunta da sola riflettendo tra me e me, altre invece sono state illuminanti. Peccato che sia durata poco perchè è stata una belissima esperienza: è così gratificante poter raccontarsi senza dover rendere conto a nessuno, senza pensare di offendere qualcuno, insomma essere libera di dire quello che ti senti senza sentirti giudicata, ma capita e aiutata! Perciò lo rifarei senza dubbio (aspetto entrate in termini di soldi per poter pagare le sedute...!)

  14. #14
    Partecipante Assiduo L'avatar di trombetta
    Data registrazione
    08-07-2007
    Residenza
    Genova
    Messaggi
    168
    in diversi momenti della mia vita ho sentito la necessità di andare dallo psicologo, sia prima sia durante il percorso universitario. la mia ultima esperienza, che prosegue da un anno, è all'interno di un gruppo di psicodramma junghiano, anche perchè l'ho scelto come argomento di tesi. in questo caso l'esperienza sul campo si è resa necessaria ed è stata ovviamente di aiuto e stimolo per la stesura della tesi stessa.
    anche se so che in genere c'è un po' di diffidenza nei confronti delle terapie di gruppo, secondo me sono uno strumento importantissimo in quanto permettono di avviare un lavoro su di sè anche senza grandi disponibilità economiche.

    ciao ciao

  15. #15
    Angelus_Laguna
    Ospite non registrato
    la mia teoria è: se non riusciamo a vincere le NOSTRE paure, i nostri blocchi, i nodi come li chiamte qui...allora a cosa è servito tutto lo studio e l'impegno?
    La conoscenza è una cosa, il rendere effettivo cosa si sà è tutto un altro unvierso.
    Non possiamo davvero aiutare qualcuno se non abbiamo aiutato noi stessi: è impossibile. Ci impanteneremmo dove sono riamsti loro. Oppure potremmo solo dare loro una spinta per fare qualcosa che già hanno dentro.
    Non possiamo fare da guide in regioni che conosciamo solo per sentito dire.
    Dobbiamo lavorare sul campo, sul NOSTRO campo. Poi potremo pensare agli altri.
    Nessuno si fida di un tizio che è bravo solo per "sentito dire".
    E un titolo di studio, mi spiace, ma rimane ed è un "sentito dire" in ambito professionale come questo.
    Ovvio: nessuno nasce "imparato" e ci vuole sempre lavoro per capire DAVVERO come funziona.
    Ma non possiamo dare qualcosa che non abbiamo noi stessi: una pace interiore.

Pagina 1 di 3 123 UltimoUltimo

Privacy Policy