• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 4 di 4
  1. #1
    Ruth di Lonsdale
    Ospite non registrato

    come scegliere l'orientamento

    come si arriva a scegliere l'orientamento da seguire nella specializzazione quadriennale? io sono in alto mare con gli esami di scienze e tecniche psicologiche ma questo quesito mi incuriosisce...
    ci si "indirizza" col tempo durante l'università oppure è una scelta che occorre fare a tavolino al termine degli studi seguendo le proprie inclinazioni? oppure entrambe le cose? voi come avete scelto?
    spero di essermi spiegata bene...

  2. #2
    Partecipante Super Figo L'avatar di paroletta
    Data registrazione
    07-03-2006
    Messaggi
    1,618
    Dipende se scegli di frequentare la psecializzazione subito dopo l'università o se scegli, invece, di aspettare un poco di tempo!

  3. #3
    Postatore Compulsivo L'avatar di francesco27
    Data registrazione
    22-06-2006
    Residenza
    Long Island, N.Y.
    Messaggi
    3,732
    nel mio caso è stata una scelta a tavolino, cencando di far quadrare, testa cuore e soldi.
    poi se una scelta è giusta poi la senti.
    pensavo che la cognitiva comportamntale fosse troppo "povera" stimolo/risposta e stimolo/elaborazione e risposta.
    Ma questo è solo il rivestimento accademico dato a quastto approccio.
    Oltre c'è la mind fullness, c'è l'umanesimo cognitivista,c'è il legame con il buddismo, che mi ha convinto, come poi gli aspetti economici legati al fatto che è a 15 km da casa mia.
    io ho scelto così


    花は桜木人は武士
    "tra i fiori il ciliegio, tra gli uomini il guerriero".
    Nessun Metodo Come Metodo Nessun Limite Come Limite. B.Lee

  4. #4
    Partecipante Assiduo L'avatar di marco_84
    Data registrazione
    24-12-2006
    Messaggi
    146
    poi può capitare di avere le idee chiare ma non avere le possibilità pratiche di realizzarle....

    io non sono ancora laureato, ma le scuole che mi interessano sono troppo costose (sipre) o troppo lontane e costose (isipsè), o troppo impegnative (scuola universitaria da 800 ore all'anno) per poter anche lavorare a tempo pieno...
    quindi temo che mi dovrò accontentare....
    « Più egli contempla, meno vive; più accetta di riconoscersi nelle immagini dominanti del bisogno, meno comprende la sua propria esistenza e il suo proprio desiderio » G. Debord

Privacy Policy