• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 23

Discussione: Convivere

  1. #1
    Partecipante Leggendario
    Data registrazione
    13-05-2005
    Residenza
    Livorno
    Messaggi
    2,231

    Convivere

    Ci sono molti thread sul matrimonio, uno sulla scelta tra convivenza e matrimonio, uno sulla convivenza universitaria con altri studenti
    Vorrei aprire un thread dove possiamo portare la nostra esperienza di convivenza con fidanzato/a, consigli problemi,ecc.
    Vivere insieme non è come essere fidanzati e tornare ognuno a casa propria. Ci sono pro e contro. Si sta più insieme, si riesce ad avere il proprio spazio, il proprio nido d'amore e si inizia un cammino di vita vero e propio. Ma vengono spesso fuori anche aspetti negativi o semplicemente sconosciuti dell'altro, improvvisamente cambiano le abitudini e le priorità, e gli spazi personali cambiano dimensione e collocazione.
    Io convivo con il mio ragazzo da fine gennaio scorso.
    Credo che il periodo critico sia il distacco e che ci sia differenza se prima già vivevamo da soli o ancora con i genitori.
    Spesso non si è realmente personalmente pronti e ce ne accorgiamo dopo, spesso è la relazione di coppia a non esserlo.
    Ogni storia ovviamente è a se e ha le sue caratteristiche.
    Qual'è la vostra esperienza? Avete problemi nella vostra convivenza, dubbi oppure consigli da dare a chi deve intraprendere o ha da poco intrapreso questo passaggio?
    Ultima modifica di Morgana : 05-09-2007 alle ore 16.16.01

  2. #2
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di Elo.nora
    Data registrazione
    31-01-2006
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    1,200
    A me piacerebbe molto andare a vivere col mio ragazzo, o meglio, mi piace l'idea, perchè mi rendo conto che nè io nè lui saremmo pronti per un passo del genere.... Lui è tremendamente viziato su molti aspetti della vita domestica, e per quanto lui si sforzi di comportarsi diversamente con me, già so che ci scanneremmo dopo una settimana! Anche se ci amiamo da morire.... ci sono tempi che vanno rispettati...

  3. #3
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di pecorellablu
    Data registrazione
    28-05-2002
    Messaggi
    1,308
    Io mi rendo conto che sto scappando da questa cosa...dovrei trasferirmi a Roma per la specialistica, lo scorso anno dssi al mio ragazzo (io veneta e lui di roma, insieme da 2 anni anche se lontani) che una volta partita per Roma avrei voluto vivere da sola, in una stanza con altri studenti o cmq avere un alloggio mio, non vivere subito con lui, il mio pensiero era che dovevo cmq avere un tetto sopra alla testa qualsiasi cosa sarebbe successa tra noi.Poi però mi ha convinto a ripensarci, insomma ..il pensiero di tornare a casa alla sera e di trovarlo a casa mi dava un senso di gioia, avremmo inziato una vita insieme, condiviso tanti momenti. Ieri però la doccia fredda viene dai miei che non vogliono che per ora vada a stare da lui ma che cmq mi trovi un posticino per conto mio...devo dire la verità? In un certo senso sta cosa mi ha fatto tirare il fiato. Penso che la convivenza sia un passo bello grande,non so se sono pronta a fare la mogliettina, vado a roma per studiare e finalmente dedicarmi a me stessa dopo varie difficoltà vissute...non vorrei mai imbarcarmi in una cosa che al momento non sono in grado di affrontare. Secondo voi ragazzi?Che fareste al posto mio?
    Nel momento in cui uno si impegna a fondo, infinite cose accadono per aiutarlo, cose che altrimenti non sarebbero mai avvenute...Qualunque cosa tu possa fare, o sognare di poter fare, incominciala. L'audacia ha in sè genio, potere e magia.Incominciala adesso!


  4. #4
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di TiziaPsiko
    Data registrazione
    01-08-2007
    Residenza
    Lecce/Torino
    Messaggi
    1,122
    ...da ottobre prenderò casa cn il mio ragazzo...Io nn la sto prendendo in modo così tragico.L'idea di abitare cn lui da un lato mi eccita e dall'altro mi terrorizza. Affinkè nn viva male qsta esperienza continuo a dirmi ke se nn dovesse andare come speriamo, si può sempre cambiare. Ma sono certa ke mi servirà a rendermi conto se è la persona ke davvero voglio avere accanto nella mia vita o meno. Se nn c si sente pronti è inutile provarci...Ma x me è la decisione migliore...adesso!
    Tizi@
    "Non smettere mai di correre verso un traguardo..non smettere mai di essere te stesso..lotta sempre per cio che vuoi perchè solo cosi tutto avrà un senso..solo cosi potrai addormentarti con la consapevolezza di non aver sprecato la tua giornata!"
    "di a tutti che è possibile così altre persone avranno il coraggio di scalare le proprie montagne..." P.Choelo
    Voglio tornare bambino perchè le ginocchia sbucciate facevano meno male di un cuore infranto"(Jim Morrison)

  5. #5
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di Elo.nora
    Data registrazione
    31-01-2006
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    1,200
    Originariamente postato da pecorellablu
    Io mi rendo conto che sto scappando da questa cosa...dovrei trasferirmi a Roma per la specialistica, lo scorso anno dssi al mio ragazzo (io veneta e lui di roma, insieme da 2 anni anche se lontani) che una volta partita per Roma avrei voluto vivere da sola, in una stanza con altri studenti o cmq avere un alloggio mio, non vivere subito con lui, il mio pensiero era che dovevo cmq avere un tetto sopra alla testa qualsiasi cosa sarebbe successa tra noi.Poi però mi ha convinto a ripensarci, insomma ..il pensiero di tornare a casa alla sera e di trovarlo a casa mi dava un senso di gioia, avremmo inziato una vita insieme, condiviso tanti momenti. Ieri però la doccia fredda viene dai miei che non vogliono che per ora vada a stare da lui ma che cmq mi trovi un posticino per conto mio...devo dire la verità? In un certo senso sta cosa mi ha fatto tirare il fiato. Penso che la convivenza sia un passo bello grande,non so se sono pronta a fare la mogliettina, vado a roma per studiare e finalmente dedicarmi a me stessa dopo varie difficoltà vissute...non vorrei mai imbarcarmi in una cosa che al momento non sono in grado di affrontare. Secondo voi ragazzi?Che fareste al posto mio?

    Beh al posto tuo io seguirei il consiglio dei genitori.... Si capisce bene che questa cosa ti terrorizza... rischi di affrettare le cose... Questi passi vanno fatti con la piena consapevolezza, perchè altrimenti si rischia di rovinare tutto per un nonnulla. Probabilmente ti basterà un pò di tempo da sola e da indipendente per chiarirti le idee....
    In bocca al lupo!
    Un abbraccio

  6. #6
    Postatore Epico L'avatar di Alesxandra
    Data registrazione
    07-02-2005
    Messaggi
    10,618
    Blog Entries
    4
    Che bel 3d....grazie Morgana! Io e il mio ragazzo stiamo insieme da poco....ma abbiamo sin da subito parlato di convivenza perchè, non credendo nel matrimonio, diamo alla convivenza il massimo valore e per noi rappresenta un obiettivo...un sogno da realizzare insieme. Certo per ora è presto, ma ne parliamo.

    Il mio pensiero a riguardo è che ogni tipo di convivenza presenta le sue difficoltà, anche quella con la propria famiglia o con un'amico/a. Se si spera di andare ogni giorno d'amore e d'accordo....bè, ci si illude profondamente. Vivere insieme è un grande cambiamento di vita, e bisogna essere ben consapevoli delle difficoltà e dei litigi che inevitabilmente ci saranno....ma che sono normali, entro certi limiti ovviamente. Poi sta alla coppia creare pian piano un equilibrio, costruirsi nuove abitudini, collaborare insieme per stare bene. Il che non significa non dover mai litigare, ma semplicemente sapere che, nonostante qualche discussione o divergenza di abitudini e opinioni, potremo sempre contare sull'amore e l'appoggio del nostro compagno/a.

  7. #7
    Postatore Epico L'avatar di Megghina
    Data registrazione
    10-11-2003
    Residenza
    Fornacette (Pisa)
    Messaggi
    5,368
    io ho una convivenza di due anni finita, con gli strascichi del caso, e cioe' che casa e cane sono rimasti a lui.
    e, nonostante, questo, credo ancora nella convivenza. credo nello stare bene insieme sotto lo stesso tetto. certo, non e' sempre facile, specialmente i primi periodi (e specialmente se si viene da casa dei genitori). ma poi tutto trova una sua armonia, un dialogo, una complicita' che ti riempono la vita.
    Se posso dare un consiglio l'importante e' continuare a ritagliarsi uno spazio per se, con degli amici, con degli hobby che non riguardano lui. amici che magari lui nemmeno sopporta per dire, ma che siano solo vostri. perche', nei momenti bui, e' bello poter scappare da loro, che saranno sempre dalla vostra parte e non dalla sua.

    Pecorella io seguirei il consiglio dei genitori.. passare da figlia a "moglie" potrebbe starti stretto. fatti le tue esperienze e la tua vita indipendentemente da lui, cosi', un giorno, potrai decidere con piu' consapevolezza se portare i vestiti da lui!!
    Se non puoi esser strada, sii sentiero,
    se non puoi esser sole, sii una stella;
    vincere o perdere
    non ha a che vedere con la grandezza
    ma bisogna essere al meglio quello che si è




    docente del corso accelerato di Spigazione
    attendiamo iscritte

  8. #8
    Postatore Epico L'avatar di psychodany
    Data registrazione
    19-03-2006
    Messaggi
    11,484
    Io e il mio fidanzato stiamo insieme da sei anni e mezzo e purtroppo ora viviamo lontani. Il suo lavoro non gli permette molto di scendere a casa (soprattutto nell'ultimo periodo che, quando va bene, viene una volta ogni due mesi) e questa situazione ci sta portando a parlare ogni giorno di convivenza. Prossimamente appena ne avrà la possibilità prenderà una casetta in affitto, in modo che possa raggiungerlo anch'io più spesso. Intanto vedrò di trovarmi al più presto un lavoro così mi trasferisco anch'io
    Ne parliamo da tantissimo, lui mi ha espressamente detto di non poterne più della vita da caserma e che l'unica cosa che desidera è sveglirsi la mattina con me, prendere il cappuccino fatto con le mie manine, mettersi la divisa e andare a lavoro. Ora, a parte sdolcinerie varie, io la trovo una cosa bellissima. Per ora è questo il nostro sogno e speriamo di poterlo trasformare in realtà al più presto.
    Siamo anche consapevoli che non sarà tutto rose e fiori, ma basta organizzarsi e si "limiteranno i danni"
    Finora una piccola esperienza di convivenza l'abbiamo avuta per una decina di giorni a luglio, quando si è praticamente trasferito a casa mia mentre i miei erano in vacanza e io preparavo un paio di esami Ne ho approfittato per sondare un pò la situazione e ci sono tutti i presupposti per una buona convivenza... c'è solo da smussare qualche angolo qua e là


    VIRTUTE SIDERUM TENUS

  9. #9
    Postatore Epico L'avatar di Alesxandra
    Data registrazione
    07-02-2005
    Messaggi
    10,618
    Blog Entries
    4
    Mio padre dice che un tempo la gente non aveva grandi problemi con convivenze e matrimoni, tutto avveniva con grande naturalezza, perchè nonostante problemi e difficoltà vi era un grande senso del sacrificio e un'aderenza alla realtà che oggi i giovani sembrano non avere. Dice che siamo iperviziati, sognatori e immaturi, e quindi questi cambiamenti di vita ci disorientano e ci mandano in palla....

    Che ne pensate?

  10. #10
    Super Postatore Spaziale L'avatar di Chiaraaaaaa
    Data registrazione
    17-01-2007
    Messaggi
    2,559
    Credo che sia vero, ma in parte
    la situazione si sta capovolgendo paradossalmente
    noi siamo in condizioni peggiori dei nostri padri, e io direi anche dei nostri nonni (al netto della nostra immaturità e della scarsa propensione al sacrificio)
    stiamo peggio perchè abbiamo aspettative peggiori, perchè la situazione involve.
    A noi non manca il necessario, ma non è detto che sia sempre così, a molte giovani coppie il necessario manca e come!!
    il problema vero, a mio parere, è che viviamo in un contesto in cui per vivere e per lavorare il necessario non basta....
    non basta più essere istruiti, non basta più la laurea, non basta un tetto sulla testa, e spesso non si ha neppure quello


    ho due nonni analfabeti e nullatenenti che, con una vita dura ma dignitosa, hanno tirato su tre figli e costruito una casa, oggi chi può permetterselo, pur se istruito e magari partendo da una normale base economica?

  11. #11
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di TiziaPsiko
    Data registrazione
    01-08-2007
    Residenza
    Lecce/Torino
    Messaggi
    1,122
    Originariamente postato da Alesxandra
    Mio padre dice che un tempo la gente non aveva grandi problemi con convivenze e matrimoni, tutto avveniva con grande naturalezza, perchè nonostante problemi e difficoltà vi era un grande senso del sacrificio e un'aderenza alla realtà che oggi i giovani sembrano non avere. Dice che siamo iperviziati, sognatori e immaturi, e quindi questi cambiamenti di vita ci disorientano e ci mandano in palla....
    Che ne pensate?
    Credo ke ki la pensa così...tra cui i miei e molta gente ke conosco...ha torto marcio!è come se nn si scegliesse la persona giusta ma semplicemente di "vivere alla meglio" cn una persona qualsiasi. Prima una donna valeva l'altra, l'importante è ke cucinasse e crescesse i figli!e a nessuno passava per la testa di separarsi dal proprio compagno/a. Se le cose andavano in un certo modo ci si adattava a d esse xkè"è così ke devono andare".
    Ora...forse siamo all'eccesso...cerkiamo la persona ke davvero combaci cn noi e magari finiamo x nn ritenere nessuna veramente giusta. Ma xkè finire cn lo stare x tutta la vita cn una persona solo x abitudine?
    Tizi@
    "Non smettere mai di correre verso un traguardo..non smettere mai di essere te stesso..lotta sempre per cio che vuoi perchè solo cosi tutto avrà un senso..solo cosi potrai addormentarti con la consapevolezza di non aver sprecato la tua giornata!"
    "di a tutti che è possibile così altre persone avranno il coraggio di scalare le proprie montagne..." P.Choelo
    Voglio tornare bambino perchè le ginocchia sbucciate facevano meno male di un cuore infranto"(Jim Morrison)

  12. #12
    Postatore Epico L'avatar di psychodany
    Data registrazione
    19-03-2006
    Messaggi
    11,484
    Originariamente postato da Alesxandra
    Dice che siamo iperviziati, sognatori e immaturi, e quindi questi cambiamenti di vita ci disorientano e ci mandano in palla....
    Che ne pensate?
    Se voler arrivare alla fine del mese senza l'acqua alla gola e, parlo del mio esempio, volersi trovare un lavoretto per non pesare sulle spalle dell'altro significa essere iperviziati e immaturi... boh... non mi trovo per niente d'accordo.
    Anzi, credo che la maturità stia nel prendersi le proprie responsabilità e, soprattutto, nel fare le cose al momento giusto.


    VIRTUTE SIDERUM TENUS

  13. #13
    Postatore Epico L'avatar di Alesxandra
    Data registrazione
    07-02-2005
    Messaggi
    10,618
    Blog Entries
    4
    Sì, ma mio padre si riferisce al fatto che molti tentativi di convivenze e matrimoni falliscono anche dopo pochi mesi....mentre prima non era così....

  14. #14
    Postatore Epico L'avatar di QuInCyyyyyy...
    Data registrazione
    13-03-2007
    Residenza
    sempre altrove,con la testa
    Messaggi
    5,944
    Blog Entries
    2
    Originariamente postato da Alesxandra
    Sì, ma mio padre si riferisce al fatto che molti tentativi di convivenze e matrimoni falliscono anche dopo pochi mesi....mentre prima non era così....
    in effetti credo che il motivo x cui matrimoni e convivenze falliscano molto di+oggi sia dovuto proprio a ciò che dice tuo pare ale...mi viene il dubbio che a volte queste importanti decisioni vengano prese senza comprenderne l effettivo significato...che senso ha sposarsi,avere dei figli e lasciarsi dopo4-5anni?

  15. #15
    Postatore Epico L'avatar di aurora77
    Data registrazione
    23-02-2005
    Residenza
    Bari
    Messaggi
    11,601
    Originariamente postato da QuInCyyyyyy...
    in effetti credo che il motivo x cui matrimoni e convivenze falliscano molto di+oggi sia dovuto proprio a ciò che dice tuo pare ale...mi viene il dubbio che a volte queste importanti decisioni vengano prese senza comprenderne l effettivo significato...che senso ha sposarsi,avere dei figli e lasciarsi dopo4-5anni?
    sono d'accordo sia con ciò che dice il padre di Ale, che con quello che dice Quincy, infatti spesso accuso il mio ragazzo di non voler assumersi le proprie responsabilità e andare a convivere, proprio per la sua mancanza di sacrificio e immaturità...lui stesso racconta dei sacrifici che uno dei suoi nonni ha fatto per la famiglia e poi? e poi si nasconde sempre dietro alla situazione lavorativa precaria (peccato che cmq abbia un contratto a tempo indeterminato ed un lavoro non così pessimo! ) e poi non mi sognerei affatto di restarmene a casa, in attesa che torni dal lavoro, mi darei da fare per trovare anch'io qualcosa, utile a portare a casa qualche soldo.
    noi ne parliamo spesso, anche per via della distanza che c'è tra noi, sono anni che sogno di poter vivere insieme a lui, nonostante alcune piccole paure che sono normali.
    anni fa abbiamo convissuto un mesetto, perchè lui all'epoca lavorava e viveva ad Arezzo, aveva un monolocale e quindi potevo trattenermi da lui quanto mi pareva, senza dover stare attenti a non invadere il territorio altrui. quel mese passato insieme è stato bellissimo, perchè io adoravo prendermi cura di lui, durante la giornata andavo in giro alla ricerca del materiale per la tesi (spesso facevo avanti e indietro con Roma), ma poi tornavo a casetta e facevo la brava mogliettina, che puliva, faceva la spesa, ma non cucinava (quello adorava farlo lui )ed andavamo d'amore e d'accordo, certo una vita intera a casa non l'avrei retta, ma la convivenza è stata bella, soprattutto perchè non c'erano individui molesti in mezzo, in quel periodo non abbiamo litigato mai, ed è un record per noi
    quindi ora non vedo l'ora di poter andare a vivere sotto lo stesso tetto, anche perchè siamo arrivati ad una certa età e quindi vorrei anche capire se è la persona giusta o meno, di certo continuando a vivere a km e km di distanza, è difficile capirlo.

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo

Privacy Policy