• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 17
  1. #1
    Partecipante Figo L'avatar di simona.c
    Data registrazione
    02-05-2007
    Residenza
    scandicci (FI)
    Messaggi
    852

    SPC, cosa ne pensate?

    La scuola di Psicoterapia Comparata propone una comparazione (appunto ) tra i principali modelli teorici, psicoanalisi, cognitivismo, gestalt. In pratica una "..una comparazione teorica che orienti una prassi non solo autoreferente. Momento istituente di tale prassi è attualmente considerato quello della analisi della domanda e viaggio nei modelli, ovvero quello dello spostamento dell'accento dalla trattabilità del caso secondo i propri parametri all'esame di ciò che il paziente chiede."
    Qualcuno la conosce? Voi cosa ne pensate?

    Apriamo il dibattito

  2. #2
    daphne1979
    Ospite non registrato
    ciao!
    a gennaio comincerò l' SPC , sede di genova.
    ho un'amica che è al primo anno ma nella sede di firenze.
    pur facendo parte dello stesso istituto ed avendo una "mission" comune, differiscono un po'...diversi i docenti e l'orientamento prevalente.
    molte info le puoi vedere sul sito, e puoi fare dei confronti
    in antrambe è molto presente il lavoro sul gruppo, attraverso gruppi analitici, psicodramma analitico, gruppi gestalt.
    la sede di genova nasce a partire dall'istituto di psicoterapia psicoanalitica, quindi questa componente è prevalente (accanto al lavoro sul gruppo).
    alla sede di firenze la componente psicoanalitica è meno forte.
    entrambe richiedono analisi personale, ma mentre a firenze devi farla con un terapeuta della scuola, a genova hanno accettato la mia terapeuta, convinti che sia importatnte x me continuare la mia psicoterapia personale con la mia terapeuta, piuttosto che cominciarne un'altra. questo secondo me è indice di grande serietà da parte della scuola.

    è stata la mia terapeuta (che mi fa una psicoterapia psicoanalitic) a farmi riflettere sulla bontà di una scuola compararta, che io 9invece avevo sempre snobbato! infatti, io ero convinta che x la mia sicurezza fosse meglio fare una scuola con un approccio definito e unico...lei mi ha fatto riflettere sul fato che
    1. non sono i week end da soli a fare di me una psicoterapeuta, ma moltissimo lo fa l'analisi personale
    2. non c'è una "madre buona"che ti insegna tutto ciò che ti serve, ma devi conoscere varie cose e poi mettere tu insieme, scegliere criticamente...all'inizio ciò genera insicurezze e perplessità, ma così si cresce

    aggiungo ancora una mia riflessione:
    io avevo una mia impostazione, data da 5 anni di psicoterapia psicoanalitica...pensavo andasse bene solo quella...poi ho fatto un corso due anni in psicologia scolastica all'istituto di terapia familiare (approccio sistemico-relazionale)...mi ha arricchito tantissimo! ora ho in mente un approccio che utilizzerei se una famiglia venisse da me x una consulenza sulla famiglia o su un figlio.
    certo il lavoro di integrazione non è semplice ma arricchisce molto


    rimango a disposizione!

  3. #3
    Partecipante Esperto L'avatar di TheGathering
    Data registrazione
    27-04-2005
    Residenza
    Milano
    Messaggi
    487
    Interessante!
    Esistono sedi anche a Milano che voi sappiate?
    Controlling my feelings for too long..
    They make me....
    make me scream your screams...
    (MUSE- "Showbiz")
    Just so you'll be scared of me
    behind my power
    I will hide all my fears..
    ("Locked away"- The gathering)

  4. #4
    Partecipante Figo L'avatar di simona.c
    Data registrazione
    02-05-2007
    Residenza
    scandicci (FI)
    Messaggi
    852
    Grazie Daphne davvero interessante la tua riflessione..
    The Gathering non credo ci sia a Milano ma solo Genova Firenze Viareggioe credo anche Cagliari.. ma puoi informari meglio sul sito specifico della scuola

  5. #5
    Ruth di Lonsdale
    Ospite non registrato
    Io posso dirvi che il Responsabile della comunità in cui lavoro ha fatto la SPC a Firenze perchè in lombardia non c'era niente. Sò che il Direttore della Scuola di Firenze - la dott.ssa Patrizia Adami Rook - è mooolto brava e sà quello che fa! Sò che sono amate/temute le sue Gestalt! La sede di Genova è stata aperta successivamente.
    Sono convinta che l'approccio comparato, se BEN comparato, può essere molto utile ad approcciare con gli strumenti giusti il paziente e forse ci rende meno rigidi....ma questa è opinione mia, contando che di psicoterapia comparata non ne sò niente!

  6. #6
    Partecipante Figo L'avatar di simona.c
    Data registrazione
    02-05-2007
    Residenza
    scandicci (FI)
    Messaggi
    852
    Mi sembrava infatti interessante aprire un dibattito non tanto sulla scuola in sè ma sul tipo di approccio (comparato, integrato, o cose del genere)... )

  7. #7
    Ciao a tutti!

    ho frequentato la SPC di Firenze e devo dire che, al termine del percorso, non posso che parlarne bene.

    La Scuola offre una parte di formazione personale molto consistente, cosa che ha pesato molto sulla mia scelta, visto che di teoria ne avevo abbastanza dopo l'Università...sicuramente il fatto che l'analisi individuale e la terapia di gruppo siano così importanti nella formazione è stato il punto forte della Scuola (senza contare che sono incluse nel prezzo, cosa che non tutte le Scuole fanno). Inoltre i docenti sono validi e l'ambiente molto serio, ma non serioso.

    Certo il costo è alto e di questo bisogna tenerne conto. Inoltre, durante i 4 anni ho avuto dubbi (sarà la scelta giusta? e se avessi scelto una scuola con un indirizzo ben preciso?), ma alla fine devo dire che sono convinto di aver fatto la scelta migliore.

    Per quello che riguarda l'approccio, direi che la cosa più interessante è la "plasticità" che ti viene insegnata (e che, devo dire, all'inzio spiazza un bel po'!Ve lo dico da ex cognitivista più che convinto!!!). Il concetto fondante è che non esiste un modello psicoterapeutico che funzioni meglio di altri, esistono dei fattori comuni nei vari modelli che sono il fulcro di ogni intervento terapeutico. E lo studio e l'applicazione di questi fattori, uniti ad una formazione personale seria da parte dell'allievo, fanno arrivare ai primi appuntamenti con i pazienti con tanti strumenti in mano (questo chiaramente non mi ha evitato di farmela addosso alla mia prima seduta... )

    Saluti a tutti

    Labaro

  8. #8
    Giurato di Miss & Mister OPs L'avatar di Parsifal
    Data registrazione
    04-03-2002
    Residenza
    Nel buio vicino alle porte di Tannoiser
    Messaggi
    2,719
    Originariamente postato da labaroviola
    Ciao a tutti!

    ho frequentato la SPC di Firenze e devo dire che, al termine del percorso, non posso che parlarne bene.

    La Scuola offre una parte di formazione personale molto consistente, cosa che ha pesato molto sulla mia scelta, visto che di teoria ne avevo abbastanza dopo l'Università...sicuramente il fatto che l'analisi individuale e la terapia di gruppo siano così importanti nella formazione è stato il punto forte della Scuola (senza contare che sono incluse nel prezzo, cosa che non tutte le Scuole fanno). Inoltre i docenti sono validi e l'ambiente molto serio, ma non serioso.

    Certo il costo è alto e di questo bisogna tenerne conto. Inoltre, durante i 4 anni ho avuto dubbi (sarà la scelta giusta? e se avessi scelto una scuola con un indirizzo ben preciso?), ma alla fine devo dire che sono convinto di aver fatto la scelta migliore.

    Per quello che riguarda l'approccio, direi che la cosa più interessante è la "plasticità" che ti viene insegnata (e che, devo dire, all'inzio spiazza un bel po'!Ve lo dico da ex cognitivista più che convinto!!!). Il concetto fondante è che non esiste un modello psicoterapeutico che funzioni meglio di altri, esistono dei fattori comuni nei vari modelli che sono il fulcro di ogni intervento terapeutico. E lo studio e l'applicazione di questi fattori, uniti ad una formazione personale seria da parte dell'allievo, fanno arrivare ai primi appuntamenti con i pazienti con tanti strumenti in mano (questo chiaramente non mi ha evitato di farmela addosso alla mia prima seduta... )

    Saluti a tutti

    Labaro
    Ciao!
    Ho bisogno di un chiarimento importante!hai parlato di fattori terapeutici comuni ai diversi tipi di psicoterapia.Mi puoi fare degli esempi di questi fattori?poi mi dici se nella tua scuola avete proprio dei momenti di formazione specifica per lo sviluppo di queste competenze non specifiche di una determinata scuola?
    Ho davvero bisogno di queste informazioni!Grazie mille

  9. #9
    Originariamente postato da Parsifal
    Ciao!
    Ho bisogno di un chiarimento importante!hai parlato di fattori terapeutici comuni ai diversi tipi di psicoterapia.Mi puoi fare degli esempi di questi fattori?poi mi dici se nella tua scuola avete proprio dei momenti di formazione specifica per lo sviluppo di queste competenze non specifiche di una determinata scuola?
    Ho davvero bisogno di queste informazioni!Grazie mille
    Ciao!
    il corso prevede vari momenti di formazione specifica sui fattori comuni dei vari tipi di psicoterapie. Tra i vari fattori, quello che certamente ho scoperto nella pratica clinica avere un peso maggiore è la relazione, che va al di là di questo o quel modello ma che si crea inevitabilmente tr paziente e terapeuta! E' la gestione della relazione la cosa più complessa, e non può essere svincolata dall'analisi delle dinamiche transferali, dall'attenzione al linguaggio e alla comunicazione non verbale, dalle regole del setting, etc...

    Insomma, sono davvero molti gli aspetti che possono concorre a dar vita ad una "buona" psicoterapia!

  10. #10
    Giurato di Miss & Mister OPs L'avatar di Parsifal
    Data registrazione
    04-03-2002
    Residenza
    Nel buio vicino alle porte di Tannoiser
    Messaggi
    2,719
    se ti va posso chiederti altre cose?è importante.

    Mi puoi indicare quali sono secondo il tuo approccio i fattori terapeutici comuni a tutti i tipi di terapia?Mi hai detto la relazione,che poi hai precisato essere fatta di tanti elementi: analisi del linguaggio verbale e non verbale ecc..
    Utilizzate dei testi in particolare,che posso trovare,dove vengono indicati questi fattori (di testi del genere ne ho letti in realtà),ma soprattutto dove vengano scomposti in sotto-fattori(es. relazione fatta di: analisi del linguaggio,del non verbale ecc.) .
    Un'ultima cosa: esistono delle procedure specifiche nella vostra scuola per sviluppare queste competenze?si possono leggere testi su tali procedure?
    Spero di non essere pesante ma mi interessa molto; se posso mi sdebiterò in qualche modo

  11. #11
    Originariamente postato da Parsifal
    se ti va posso chiederti altre cose?è importante.

    Mi puoi indicare quali sono secondo il tuo approccio i fattori terapeutici comuni a tutti i tipi di terapia?Mi hai detto la relazione,che poi hai precisato essere fatta di tanti elementi: analisi del linguaggio verbale e non verbale ecc..
    Utilizzate dei testi in particolare,che posso trovare,dove vengono indicati questi fattori (di testi del genere ne ho letti in realtà),ma soprattutto dove vengano scomposti in sotto-fattori(es. relazione fatta di: analisi del linguaggio,del non verbale ecc.) .
    Un'ultima cosa: esistono delle procedure specifiche nella vostra scuola per sviluppare queste competenze?si possono leggere testi su tali procedure?
    Spero di non essere pesante ma mi interessa molto; se posso mi sdebiterò in qualche modo
    arieccomi!
    i testi sono vari, autori importanti come Wachtel, Lazarus, Petrini, Carere-Comes, etc...(Un libro bellissimo è "La Comunicazione Terapeutica" di Paul Wachtel). Tra l'altro alcuni di loro sono venuti a fare seminari anche durante il percorso formativo.
    Ogni autore fa riferimento a differenti fattori o sottofattori, ma in realtà ciò che viene insegnato nella Scuola è ad avere una propria visione, un proprio modo di fare terapia; cosa che, ti devo dire, è il punto di arrivo più importante: non ti viene data UNA visione della psicoterapia, ti viene insegnato come costruirne una tua.
    Comunque il sito della Scuola è abbastanza ricco di info, dacci un occhiata!

    saluti

    Labaro

  12. #12
    mimmolona
    Ospite non registrato

    Grazie!

    "non c'è una "madre buona"che ti insegna tutto ciò che ti serve, ma devi conoscere varie cose e poi mettere tu insieme, scegliere criticamente...all'inizio ciò genera insicurezze e perplessità, ma così si cresce

    ....

    certo il lavoro di integrazione non è semplice ma arricchisce molto"

    Mi hai delucidato molto!!!!!

    Ero incerta se fosse la strada giusta o meno....ma, forse per un percorso diverso dal tuo, da sempre sono attirata da ciò che unisce o compara rispetto a cose statiche, monolitiche, autoreferenziali e un pò settarie!
    Eppoi sembra che la frontiera oggi sia la comparazione, la multidisciplinarità.... Cosa insospettabile fino a solo 15 anni fa!

    Ti ringrazio!

  13. #13
    daphne1979
    Ospite non registrato
    figurati! so quanto è difficile cercare la strada che più si confà alla propria "visione del mondo"...io ce ne ho messo di tempo!
    spero che qualcuno di voi venga alla scuola di genova, così ci conosceremo!

    una abbraccio!

  14. #14

    Riferimento: SPC: scuola di psicoterapia comparata

    Ciao a tutti, anche se è passato un po' di tempo dalle ultime discussioni in merito a questa scuola vi chiedo se c'è qualcuno che può darmi qualche informazione sulla SPC di Firenze, rispetto alla sua affidabilità, i costi (se l'analisi personale è inclusa o meno nella rata annuale e se c'è un massimo di ore da fare), sulla frequenza. Vi ringrazio e spero in una vostra risposta! halp me

  15. #15
    Partecipante Leggendario L'avatar di Lyanne
    Data registrazione
    16-06-2007
    Residenza
    vivo a Genova
    Messaggi
    2,170

    Riferimento: SPC: scuola di psicoterapia comparata

    Ciao, la discussione è molto datata!
    Ma... la scuola non ha un sito attraverso cui farsi un' idea ed in seguito, eventualmente, partecipare alla giornata di presentazione?

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo

Privacy Policy