• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 3 123 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 36
  1. #1
    Affuso il Sommo
    Ospite non registrato

    Nettuno vs facoltà normale ( di Roma 2)

    Secondo voi che differenze sostanziali ci sono fra i corsi normali e il Nettuno, tenuto presente che lavorando il tempo di frequentare sarà comunque limitato?
    Più facile, più difficile.
    E come la mettiamo col tirocinio?

  2. #2
    Postatore Epico L'avatar di Arte1misia
    Data registrazione
    29-06-2007
    Residenza
    Trieste
    Messaggi
    7,818
    Toh ciao Affus

    mah i prof secondo me nn dedicano tanto tempo agli studenti per cui programmi e testi sono quasi uguali
    forse siamo forse considerati come dei vecchietti un po' storditi
    stile... it's never too late ^__^

    ops non sono della facoltà di Roma ...
    :o|
    Nicoletta
    Odio essere bipolare. È fantastico!
    via largofactotum su tumblr

    su anobii http://www.anobii.com/nicoletta/books

    La forza non viene dal vigore fisico. Viene da una volontà indomabile.
    M. Gandhi
    Vivi come se dovessi morire domani. Impara come se dovessi vivere per sempre.
    M. K. Gandhi



    >>>>>la mia playlist<<<<<

  3. #3
    maria.m75
    Ospite non registrato
    Parlo delle scienze e tecniche psicologiche..
    In generale non ho visto sostanziali differenze, molti docenti mettono in rete delle dispense. Solo alcuni esami prevederebbero la frequenza (sigh) per i laboratori.. ma a volte non si frequentano nemmeno..

    Forse Ste potrebbe darti maggiori info..

    Riguardo la difficoltà, quindi, a mio parere è la stessa..

  4. #4
    Partecipante Esperto L'avatar di StePsiRoma
    Data registrazione
    15-11-2005
    Messaggi
    381
    Ciao!
    In effetti, come dice Maria, io posso dirti qualcosa in più perchè ho vissuto entrambe le realtà: Nettuno e corso tradizionale.

    Dunque, almeno a Roma in effetti non ci sono differenze di principio a livello di difficoltà, poichè in linea di massima si usano gli stessi testi, programmi, docenti della facoltà "tradizionale" dalla quale viene erogato anche il servizio Nettuno.

    Differenze SOSTANZIALI invece le riscontreresti valutando la cooperazione tra studenti che al Nettuno, trattandosi di corso a distanza, è ugualmente necessaria per tutti e quindi induce maggiormente a condividere: la circolazione delle informazioni è ENORME, rispetto a quella dei corsi tradizionali (nei quali non tutti sono stimolati nè disposti a condividere con chi "non frequenta")

    Un'altra differenza emerge durante gli appelli: nei corsi tradizionali, ti può capitare di sostenere un esame diverso da quello di chi ha frequentato le lezioni. Alcuni prof, infatti, usano facilitare i frequentanti con dei lavori svolti in classe che valgono punti ai fini dell'esame, oppure fornendo in anticipo delle domande, o ancora semplificando loro la prova d'esame rispetto ai non frequentanti.
    Non TUTTI i prof, ma molti prof lo fanno.

    Altra cosa che devi preventivare è che spesso per i Cdl tradizionali i prof a lezione danno delle dispense delle quali in primis devi riuscire ad essere informato, ed in seconda battuta devi reperire in copisteria, a Roma.

    Tiro le somme al posto tuo: scegli il Nettuno se il Cdl DRPS ti piace e se hai poco tempo da dedicare all'università, poichè i nettuniani sono un popolo virtuoso e animato da sentimenti di condivisione.
    Scegli un Cdl tradizionale se sei fortemente motivato a seguire un altro tipo di indirizzo, perchè in questo caso supererai comunque gli ostacoli che si presenteranno...con un sorriso.

    IN bocca al lupo e se hai dubbi chiedi pure!
    ________
    ste








  5. #5
    Affuso il Sommo
    Ospite non registrato
    Ci penserò...io sono gia laureato e ho ormai passato i trenta.

    Pensavo di prendermi, en passant, una laurea in psico, anche se non potrei frequentare se non nel tardo pom, cosi sto valutando tutte le possiibili alternative
    Mi hanno detto che , appunto, la facoltà normale è molto più facile se frequenti e i ritmi sono molto serrati.
    Comunque il corso Nettuno è, a tutti gli effetti, un vero corso di laurea paragonabile a quelli normali,mi pare di capire.
    Si, dovrei tirare le somme , durante Agosto ci penserò e mi studierò il volume della Hoepli per i test.

  6. #6
    Postatore Epico L'avatar di Arte1misia
    Data registrazione
    29-06-2007
    Residenza
    Trieste
    Messaggi
    7,818
    Beh il tradizionale e nettuno nascono tutti e due come proposta formativa dell'università.
    Nettuno non richiede la frequenza, ti puoi vedere le lezioni in videolezione o in dvd, hai un calendario degli esami online e una segreteeria a parte (che paghi) e cercano di fare gli esami venerdì o sabato (in linea di massima più il venerdì), in linea di massima gli esami sono scritti per garantire a tutti la possibilità di partecipare, la mia facoltà di Trieste calcola che ha una ragazza che viene da Berlino!!!! Vero quello che ha detto Ste si condivide molto e questo aiuta moltissimo. Infatti il nostro gruppo ora vuole affrontare la specialistica ci è venuta voglia a tutti...^_^
    Nicoletta
    Odio essere bipolare. È fantastico!
    via largofactotum su tumblr

    su anobii http://www.anobii.com/nicoletta/books

    La forza non viene dal vigore fisico. Viene da una volontà indomabile.
    M. Gandhi
    Vivi come se dovessi morire domani. Impara come se dovessi vivere per sempre.
    M. K. Gandhi



    >>>>>la mia playlist<<<<<

  7. #7
    maria.m75
    Ospite non registrato

    ...grazie Ste, sei un tesoro..

    Originariamente postato da Affuso il Sommo
    Ci penserò...io sono gia laureato e ho ormai passato i trenta.
    [] la facoltà normale è molto più facile se frequenti e i ritmi sono molto serrati.
    hehe, non sei il solo ad aver passato i trenta.. praticamente lo siamo quasi tutti... e in tanti (ma proprio tanti) abbiamo un lavoro, famiglia... eppure riusciamo ad andare avanti, forse proprio perchè è stata una scelta ben ponderata e consapevole. Le difficoltà ci sono comunque e in entrambi i corsi... diciamo che al più, in un corso tradizionale, dovrai studiare bene i testi, che è quello che accade al nettuno. Tieni presente che nell'arco del triennio noi dobbiamo sostenere (mediamente) 4 esami a scelta presi dagli altri corsi di laurea e non abbiamo mai avuto difficoltà. Certo, a volte possono capitarti nel compito domande (una o due) di cui non sai la risposta perchè se ne è parlato durante la lezione ma sarebbe un problema solo se nel caso aspirassi ad avere il massimo dei voti.. Per il resto tutto è uguale finchè studi i testi. Riguardo la comunità virtuale, beh, quando qualche volta in sede d'esame (a scelta) mi è capitato di chiedere a qualche corsista "che tipo di domande escono nei compiti?", beh... mai che mi abbiano saputo rispondere.. mentre noi, proprio perchè avvantaggiati dal già essere studenti a distanza, siamo molto più propensi ad aiutarci, per noi internet è fondamentale, mettiamola così Ci si scambia di tutto, dai riassunti dei testi alle trascrizioni delle video, dalle domande uscite al materiale didattico... meglio ancora se si costruisce un giro di amicizie più stretto... Buono studio, eventualmente, dei test (qualsiasi CdL dovessi scegliere). Corro a studiareeeeeeeeeee

  8. #8
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    06-09-2005
    Messaggi
    177
    Ovviamente io parlo dal mio punto di vista, ma penso di essere in una situazione simile alla tua: lavoro 12 ore al giorno e di frequentare non se ne parla proprio
    A volte non riesco nenache apresentarmi agli esami xké non mi posso assentare dall'ufficio...
    Quando mi sono iscritto al Nettuno, pensavo di avere molta più assistenza, anke xké (e questo forse non lo abbiamo sottolineato) le tasse universitarie che paghiamo sono enormemente superiori a quelle di un corso normale. Questo dovrebbe essere giustificato dal fatto che abbiamo una segreteria dedicata, ma ahimé la sua utilità almeno a Roma è praticamente pari a zero. In più, mettiamoci pure che noi non utilizziamo le aule, i Prof. non devono utilizzare il loro tempo x le lezioni ecc. ecc. ecc.
    Morale della favola: non c'è un reale e sostanziale motivo x farci pagare di più!
    La mia esperienza dal punto di vista umano è stata eccezionale, ma per il resto... solo disservizi!!!
    A Roma, noi del Nettuno veniamo considerati molto negativamente da quasi tutti i Prof.: quelli che copiano, si presentano agli esami senza aver studiato, "pretendono" dei favoritismi.... insomma ci hanno etichettato e non perdono occasione per farlo notare (c'è un Prof. che ci denigra anche sul suo libro di testo ).
    I nostri programmi, con la scusa che "non frequentiamo" (ma quanti sono quelli che frequentano negli altri corsi Ste???) sono il doppio e con meno crediti (es. Psicologia del Lavoro, Sociologia del Lavoro, Psicologia della Formazione, tutti corsi che con i Laboratori, che non richiedono la frequenza obbl. , arrivano a 8 crediti contro i ns 4), con il risultato che i ns esami sono molti di più!
    La maggior parte dei tutor sono assenti e non rispondono né al tel né alle e-mail e cmq ormai anche nei corsi normali tutti i Prof. hanno la posta elettronica e il paradosso è che a me hanno risposto molto più spesso i Prof. ke i tutor del Nettuno (tanto è vero ke sto facendo il Tirocinio con una Prof. di una materia opzionale...).
    Le date e gli orari degli esami non ci agevolano in alcun modo; esami il Sabato? Beata te Artemisia, io ho fatto 1 esame su 35 di sabato (PC), mentre gli altri sono negli orari più disparati (o disperati) e gli appelli vengono resi noti a volte 15 gg prima (così uno si può organizzare per tempo!).
    Non parliamo del Tirocinio: non c'è alcuna facilitazione x chi lavora (a prescindere dal Nettuno), la ns Segreteria non interviene nenache per aiutare nella compilazione dei Moduli (io sono stato in facoltà 10 volte e x poco non mi licenziano ) e tanto meno aiuta a trvare un ente presso cui svolgere il Tirocinio.
    Insomma, mio consiglio personale: iscriviti al corso normale e risparmia i soldi per la Specialistica!

  9. #9
    Partecipante Esperto L'avatar di StePsiRoma
    Data registrazione
    15-11-2005
    Messaggi
    381
    Buona domenica a tutti!!!

    Ian, gli studenti che frequentano sono secondo me meno di 1/3 degli iscritti complessivi, appunto per questo i docenti tendono a facilitarli e a discriminare.

    Come sai sono felicissima del passaggio a Sviluppo ed Educazione, ma gli ostacoli per chi, come me, è fisicamente distante sono non pochi!
    Il punto è questo: credo che la decisione di Affuso debba basarsi molto sulla valutazione della propria motivazione, poichè se ben ricordi (Ian) gli inizi sono fondamentali!!!

    INIZIO IN UN CDL TRADIZIONALE A ROMA: ti trovi davanti una segreteria inefficiente quando non deleteria: a volte non sanno cosa dirti, a volte ti dicono cose sbagliate, non rispondono al telefono e neppure alle email.
    Poi ti trovi davanti i colleghi, ma dovrai aspettare di sostenere i primi esami e conoscerne personalmente qualcuno per iniziare a condividere ed a ricercare un pò di informazioni preziose.
    Nel frattempo, per avere qualche info sugli esami puoi scrivere ai docenti, e molti di essi rispondono.
    Motivazione richiesta per partire di slancio: almeno 8 (da 1 a 10)

    INIZIO AL NETTUNO A ROMA: ti trovi davanti una segreteria dedicata dove NON DEVI recarti di persona (rispondono al telefono e alle email) e in linea di massima cercano di facilitarti la vita... l'utilità pari a zero di cui parla Ian probabilmente è relativa alle questioni più particolari (tirocinio, laurea, & co) ma nel caso di dubbi che inizialmente vengono anche sulle cose semplici, sanno e vogliono indicarti la strada.
    Poi ti trovi davanti gli studenti, e sin dall'inizio vieni accolto in una comunità che vive di condivisione e di aiuto reciproco.
    Non trovi quindi sempre necessario scrivere ai tutor o ai docenti, ma se lo fai alcuni di essi rispondono.
    Motivazione richiesta per partire di slancio: 5.

    Affuso, il quadro ora mi sembra sufficientemente realistico.
    Tieni abbondantemente conto del fatto che Ian è schifato (quanto lo ero io l'anno scorso) della ghettizzazione latente, della mancanza di "sufficiente efficienza visto il caso e la retta pagata" di tutor, docenti e segreteria, della totale latitanza di quei famigerati servizi che ti aspetti di trovare al nettuno "da brochure" (chat coi docenti, esercitazioni online e via dicendo sono e restano miraggi, a roma).

    Un bacione, buona scelta e... qualsiasi essa sia, se ti iscrivi a Roma anzichè gli Hoepli, per il test, compra esclusivamente il LOGITEST della Alpha test poichè il test di ammissione è basato esclusivamente su prove di logica.

    Ciao a tutti!!!
    ________
    ste








  10. #10
    maria.m75
    Ospite non registrato
    Originariamente postato da gianfior
    Le date e gli orari degli esami non ci agevolano in alcun modo; [...] gli altri sono negli orari più disparati (o disperati)
    a chi lo dici (!!!) eccetto fondamenti e non ricordo quale altro esame, il resto degli esami tra i quali dovrei scegliere spaziano dalle 9 alle 11 di mattina. Morale.. davvero non so cosa farò a settembre anche perchè di pernottare non se ne parla proprio e di darne 2 consecutivi, visto che dovrei pernottare, ancora meno (!!!)
    Mettendomi nei tuoi panni, invece, al terzo anni ci sono appelli alle 8, questo vuol dire che non mi sarebbe bastato nemmeno più alzarmi alle 3 di notte, prendere il treno alle 6 e arrivare (in ritardo) in facoltà per dare l'esame
    ..il problema è che siamo "a distanza" per la frequenza.. mentre sono solo fatti nostri come gestire la cosa..

    Una persona potrebbe iscriversi ad entrambi i test d'accesso, vero? Allora Affuso, un altro tipo di soluzione ci sarebbe.. e poi si vedrà sul da farsi (eventualmente..)

  11. #11
    Affuso il Sommo
    Ospite non registrato
    Grazie a tutti per le informazioni
    mi preoccupa un attimo questo passaggio:
    ."A Roma, noi del Nettuno veniamo considerati molto negativamente da quasi tutti i Prof.: quelli che copiano, si presentano agli esami senza aver studiato, "pretendono" dei favoritismi.... insomma ci hanno etichettato e non perdono occasione per farlo notare (c'è un Prof. che ci denigra anche sul suo libro di testo"
    che non è da sottovalutare, nel senso che davvero non vorrei magari farmi un mazzo cosi per una triennale che poi sul curriculum non vale perchè considerata meno una laurea rispetto ai corsi regolari.
    Anche la latitanza dei servizi non è che deponga molto a favore..diciamo che la bilancia della preferenza, se prima era 70% nettuno 30% normale , adesso si sta spostando .
    Certo mi sembra un comportamento schizzofrenico da parte dell'università quello di istituire un corso di laurea online per poi appesantirlo o mettere i bastoni tra le ruote ai frequentanti.
    Ultima modifica di Affuso il Sommo : 23-07-2007 alle ore 01.41.28

  12. #12
    maria.m75
    Ospite non registrato
    è la verità... ci sono docenti che (a parità di programma tra Nettuno e Step SE/LAV) creano la prova d'esame appositamente per noi, altri che somministrano la stessa della specialistica.. insomma.. c'è da tener duro (un po') sotto certi aspetti.. ma resta il fatto che riusciamo a passarci maggiori info, non dimenticarlo..
    E comunque si parla di pochi docenti su 43 esami, ..altrimenti saremmo tutti malati di ulcera!
    Ultima modifica di maria.m75 : 22-07-2007 alle ore 18.51.58

  13. #13
    Affuso il Sommo
    Ospite non registrato
    strada in salita insomma

  14. #14
    maria.m75
    Ospite non registrato
    Originariamente postato da Affuso il Sommo
    strada in salita insomma
    naaaa molto meno peggio di quel che sembra

  15. #15
    Postatore Compulsivo L'avatar di barbara.deleo
    Data registrazione
    13-03-2006
    Residenza
    ALTROVE
    Messaggi
    3,636
    Blog Entries
    1

    Re: Nettuno vs facoltà normale ( di Roma 2)

    Ho notato che, sebbene dovrebbe esistere, i nettuniani sono considerati al pari dei giovani che seguono le lezioni in facoltà ed hanno la possibilità di dedicare le giornate allo studio... questo ci penalizza non poco, visto che gran parte di noi del Nettuno lavoriamo e, a volte, abbiamo famiglia!!!! Come si può paragonare il tempo di studio di un ragazzo che sta anche giornate sui libri e quello di una persona che si divide tra lavoro, famiglia ecc?
    A volte credo sia quanto mai discutibile, ma purtroppo è così e studio quanto posso per dimostrare che anche chi passa 8 ore in ufficio può farcela!

Pagina 1 di 3 123 UltimoUltimo

Privacy Policy