• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 5 di 5
  1. #1
    Partecipante Esperto L'avatar di Milich-82
    Data registrazione
    31-03-2006
    Residenza
    roma
    Messaggi
    359

    lezione per corso di formazione

    ciao a tutti, volevo chiedere un consiglio: nel posto dove faccio tirocinio, mi hanno chiesto se voglio fare una "lezione" di circa un'ora e mezza sul tema "stereotipi e pregiudizi razziali" ad un gruppo di circa 8 ragazzi di 20 anni che sono animatori in ambienti giovanili anche di disagio penso..

    ecco..il fatto è che non ho mai svolto una cosa del genere quindi mi mette un po di agitazione, e soprattutto è il 24 luglio!!!!! ho cercato a casa ed ho il libro dell'esame che ho fatto con Aiello "categorizzazione sociale, stereotipi e pregiudizi" ma vorrei avere da voi qualche cosnsiglio su come preparare e tenere la lezione, la vorrei anche un po interattiva dato che se parlo per 1 ora io di questo argomento magari i ragazzi si annoiano....
    voi che dite?

    grazie

  2. #2
    Ghiotto patato ಠ_ಠ L'avatar di Biz
    Data registrazione
    16-10-2004
    Residenza
    Topadilegnopoli
    Messaggi
    23,702
    Mi è venuto in mente un articolo di Glick E Fiske sugli stereotipi ambivalenti come ideologie leggittimanti...
    Gli autori spiegano come vi sia un pregiudizio di tipo paternalistico e uno di tipo invidioso, entrambi i pregiudizi non sono manifesti ma sono alla base del pregiudizio manifesto.
    Si legano agli stereotipi sulle persone, il pregiudizio paternalistico pone l'accento sulla relazione:
    Es:
    I meridionali sono un popolo molto caldo e accogliente, fanno sempre festa, sono simpatici" è una frase da pregiudizio paternalistico, elevando la fase di relazione si sottolinea secondo gli autori il fatto che manchino di professionalità e che dedichino il tempo solo alla relazione in quanto tale
    Il pregiudizio invidioso pone l'accento sul presidio della tecnica a discapito della relazione
    Es:
    Gli ebrei sono un popolo intelligente, fanno un sacco di soldi
    Le persone che vivono al nord sono fredde, calcolatrici e lavorano molto
    Il perpetuarsi di questi pregiudizi nascosti tiene in piedi il sistema se non vengono riconosciuti.

    Io proverei, su un cartellone, a far scrivere ai ragazzi le impressioni sulle persone con cui devono lavorare, per poi partire rendendo trasparenti certe espressioni (che molto probabilmente usciranno) e cercare di ragionare sulla questione con loro.
    "Guardatemi, signori...sono un uomo di sessant'anni e ho il corpo di un ragazzino.Ce l'ho in frigo."
    This is a blog
    This is not a link.

  3. #3
    Partecipante Esperto L'avatar di Milich-82
    Data registrazione
    31-03-2006
    Residenza
    roma
    Messaggi
    359
    grazie biz il tuo articolo sicuro mi sarà utile! io avevo anche pensato che all'inizio potrei dire ai ragazzi di scrivere su un foglio che cosa è per loro lo stereotipo e il pregiudizio...per poi leggerli insieme...e poi magari io inizio a parlare di ciò che mi sono preparata col libro e cose varie che ho trovato!
    Se mi rilasso collasso mi manca l'aria e l'allegria, devo dare di gas voglio energia metto carbone e follia!!

  4. #4
    Partecipante Esperto L'avatar di Milich-82
    Data registrazione
    31-03-2006
    Residenza
    roma
    Messaggi
    359
    .....ah volevo dire anche una cosa che un po mi spaventa...io vorrei dire che qualsiasi cosa non capiscono di interrompermi..pero pensavo...se mi fanno domande alle quali non sono preparata a rispondere?!!!!?!?! vabbè speriamo bene! grazie ancora
    Se mi rilasso collasso mi manca l'aria e l'allegria, devo dare di gas voglio energia metto carbone e follia!!

  5. #5
    Ghiotto patato ಠ_ಠ L'avatar di Biz
    Data registrazione
    16-10-2004
    Residenza
    Topadilegnopoli
    Messaggi
    23,702
    Beh, io chiederei al resto del gruppo di aiutare la persona che ha fatto la domanda
    In questa maniera loro diventano i protagonisti e tu una facilitatrice
    "Guardatemi, signori...sono un uomo di sessant'anni e ho il corpo di un ragazzino.Ce l'ho in frigo."
    This is a blog
    This is not a link.

Privacy Policy