• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 13 di 13
  1. #1
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    09-05-2005
    Residenza
    Ovunque ma altrove
    Messaggi
    232

    GENOVA-Istituo Miller Cognitivo-comportamentale

    Cari colleghi di OPS,
    Vi sarei grata se riusciste a darmi informazioni relative alla Scuola di specializzazione di Genova denominata "Istituto Miller" con indirizzo cognitivo-comportamentale.
    Vorrei avere informazioni circa:
    - la qualità dell'insegnamento
    - quando inizia l'anno accademico
    - come sono organizzati i corsi in termini di quante giornate al
    mese e quali giorni della settimana
    - i costi annui

    Grazie a chi potrà aiutarmi
    Memento augere semper

  2. #2
    Partecipante L'avatar di araik
    Data registrazione
    29-06-2004
    Messaggi
    44
    ciao, anche io come te cerco informazioni di questo tipo......qualcuno risponderà?!?

  3. #3
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    09-05-2005
    Residenza
    Ovunque ma altrove
    Messaggi
    232
    Ciao Araik. Sei della Liguria?
    Memento augere semper

  4. #4
    Partecipante L'avatar di araik
    Data registrazione
    29-06-2004
    Messaggi
    44
    no, toscana
    te che ne pensi di questa scuola?

  5. #5
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    09-05-2005
    Residenza
    Ovunque ma altrove
    Messaggi
    232
    Ho un'amica che sta finendo la scuola con indirizzo cognitivo-comportamentale a Torino (Istituo Watson). Lì si è trovata molto bene. Dice che il Direttore ha un atteggiamento decisamente rinforzante, pertanto si lavora parecchio sulle inclinazioni personali. E' l'indirizzo che trovo più consono al mio modo di essere e ai miei obiettivi professionali, anche se la mia formazione è psicodinamica così come la mia analisi personale e le supervisioni a cui mi sottopongo per il mio lavoro. Il mio ex-analista, adleriano, ha parlato molto bene del Direttore di questa scuola sostenendo che a Torino è molto stimato anche da coloro che hanno un approccio diverso.
    Tuttavia ho dei problemi a frequentare a Torino poichè è organizzata nei weekend (uno sì, uno no) e ho un figlio da seguire... A Milano è organizzata diversamente: i corsi sono tenuti una volta alla settimana il lunedì. Però costa di più. A Genova non so. Chiederò direttamente. Ma mi sarebbe piaciuto avere informazioni da chi frequenta.
    Memento augere semper

  6. #6
    Partecipante L'avatar di araik
    Data registrazione
    29-06-2004
    Messaggi
    44
    ciao El,
    sei un'po intrecciato in effetti, io ti posso dire che a firenze le lezioni questo anno per il primo anno si sono tenute un venerdi', fermi una settimana e poi un sabato e domenica, fermi una settimana, un venerdi ecc...
    come approccio anche io ne ho sentito parlare molto bene, il dettore è della mia facoltà e insegna cose molto interessanti, la mia paura è di trovare un approccio forse rigido, nel senso di statico, che ti fornisce tot strumenti che tu userai con tutti i tuoi pazienti, cioè strumenti che non si adattano alla persona ma al disturbo, sbaglio?
    però dall'altra parte penso che sta nella capacità del futuro terapeuta di rivisitare gli insegnamenti ricevuti e farne una versione propria della serie: "la versione araik delle tecniche CC" e "la versione El delle tecniche CC" ............no?

  7. #7
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    09-05-2005
    Residenza
    Ovunque ma altrove
    Messaggi
    232
    Ciao Araik.
    Le tecniche adottate dall'approccio cognitivo-comportamentale sono effettivamente finalizzate a controllare e gestire il disturbo, fino alla sua scomparsa. Tieni conto però che, come diceva anche Freud, il sintomo tende a spostarsi; per cui il paziente avrà bisogno, magari dopo anni, di rivedere insieme al terapeuta alcuni passaggi della propria vita che hanno fatto riemergere alcuni disturbi (es. ansia, depressione...).
    Questa è anche l'esperienza del mio analista, il quale sostiene che dopo decenni gli è capitato di ricevere antichi pazienti che avevano subìto gravi perdite affettive per esempio e quindi avevano bisogno di essere accompagnati verso un nuovo assesstamento.
    L'approccio cognitivo-comportamentale, ma anche quello cognitivo, offre al paziente gli strumenti per gestire alcuni disturbi. Direi che è più di tipo finalistico. L'approccio psico-dinamico è maggiormente causalistico; individua e indaga le cause di un malessere, ma è poi il paziente a dover trovare un metodo personale per superare le difficoltà. Il primo invece offre quasi delle ricette per stare meglio, per dirla molto banalmente.
    Non ho fatto un'analisi approfondita sul Territorio, ma ciò che posso dirti rispetto ad alcuni colloqui informali tenuti con colleghi o persone che recavano un disagio, ho rilevato che il tipo di cura richiesta è in sintonia con i tempi frenetici e le modalità della nostra epoca. Chi non sceglie l'ansiolitico, ha comunque, e giustamente, fretta di stare meglio. Poco importa se non si indaga in modo super approfondito sul perchè e sul come si è giunti ad una certa condizione; il paziente necessita di cambiamenti tangibili, veloci e concreti. E questo metodo mi sembra che possa corrispondere alle necessità dell'uomo moderno. Questo è il mio pensiero. E rispetto a quanto dicevi tu, ogni approfondimento teorico verrà fisiologicamente rimescolato con il modo di essere e di operare del professionista: questo significa far propri una serie di elementi messi a disposizione dalle scienze umane; siamo poi noi, attraverso il nostro sentire e il nostro saper fare, ad interpretare e a dare significato e valore a quanto abbiamo acquisito.
    Memento augere semper

  8. #8
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    09-05-2005
    Residenza
    Ovunque ma altrove
    Messaggi
    232
    Guarda Araik... pare che siamo le uniche interessate a questa specializzazione... quindi troveremo sicuramente lavoro....!!!
    Memento augere semper

  9. #9
    Partecipante L'avatar di araik
    Data registrazione
    29-06-2004
    Messaggi
    44
    si, hai ragione non gira molta gente qui!
    concordo in quello che hai scritto, e credo che uno sguardo al "mercato" va dato in queste scelte e quindi come dici tu è un approccio sul "qui e ora" che con i tempi che corrono trova riscontro nell'opinione pubblica.
    ma te hai fatto domanda per genova?

    che ne pensi invece della scuola costruttivista? io qui a fi conosco la CESIPc, ne hai sentito parlare? meglio o peggio?

  10. #10
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    09-05-2005
    Residenza
    Ovunque ma altrove
    Messaggi
    232
    non la conosco; mi dispiace... non saprei a chi chiedere informazioni
    Memento augere semper

  11. #11
    Partecipante Affezionato L'avatar di xxxevolxxx
    Data registrazione
    21-09-2004
    Residenza
    Milano
    Messaggi
    67
    ciao ragazzi,
    vorrei sapere se c'è qualcuno che ha notizie più aggiornate o che ha frequentato questa scuola e può portare un esperienza diretta

  12. #12
    Partecipante Veramente Figo
    Data registrazione
    24-08-2006
    Messaggi
    1,145
    mi aggiungo alla richiesta!

  13. #13
    Neofita
    Data registrazione
    20-01-2005
    Residenza
    genova
    Messaggi
    7

    genova

    Ciao, conosco il miller poco, posso invece parlarti della Sipgi, aperta da poco a genova con indirizzo Gestaltico integrato, collaboro con loro e il tipo di orientamento e lavoro sono molto interessanti.....prova a vedere il sito se ti interessa.
    a presto
    Chiara
    chiara

Privacy Policy