• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 14 di 14
  1. #1
    Johnny
    Ospite non registrato

    la prova scientifica del Transfert

    ROMA - Lo aveva già detto Sigmund Freud con il suo 'complesso di Elettra', ma ora lo conferma anche la scienza: le donne che hanno avuto un buon rapporto con il proprio padre durante l'infanzia, in età adulta trovano attraenti e scelgono partner con un viso simile a quello paterno. Chi invece ha avuto una relazione negativa o meno positiva non si sente attratta da uomini con 'l'impronta' paterna.

    E' quanto hanno scoperto alcuni ricercatori dell'Economic and Social Research Council, della Royal Society, dell'università di Durham e di due istituzioni polacche, che hanno pubblicato lo studio sulla rivista 'Evolution and Human Behaviour'. In altre parole, gli psicologi hanno studiato l'imprinting sessuale dato dai genitori, e in particolare la preferenza sessuale nelle donne per individui con caratteristiche simili a quelle paterne, usando le misure facciali per dimostrare come le fattezze del viso paterno siano strettamente correlate a quelle di altre facce maschili le figlie trovano attraenti.

    "Se prima si pensava fosse un caso - spiega Lynda Boothroyd, una delle ricercatrici - ora si è dimostrato con certezza come il cervello umano non costruisca dei semplici prototipi di facce ideali, basati su ciò che vede intorno a sé, ma su coloro con cui abbiamo una forte e positiva relazione. Possiamo affermare quindi che le figlie sono attratte dagli uomini con un viso simile a quello del padre". I ricercatori si sono serviti di un campione di 49 figlie, a ognuna delle quali è stato fatto scegliere il viso più attraente tra 15 diverse facce, con capelli, spalle, collo, orecchie e abiti non visibili, ed eliminando ogni influenza esterna.

    Alle donne è stato chiesto inoltre di valutare la loro relazione paterna su vari elementi (tempo libero trascorso insieme, investimento emotivo, ecc), da cui ricavare un punteggio complessivo di 'positivita''. Dopo di che sono state divise in due gruppi a seconda del grado di positività, e quello con il punteggio più alto ha mostrato una significativa correlazione tra il viso del padre e quello di altri uomini trovati attraenti. (ANSA)
    Ultima modifica di Johnny : 13-06-2007 alle ore 12.55.04

  2. #2
    theniaka
    Ospite non registrato
    per me questo succede perche' a volte gli esseri umani collegano il viso e in genere l' aspetto fisico di qualcuno familiare con persone ignote a cui questi carateristici assomigliano.
    voglio dire che una donna forse "cerca" o meglio preferisce un uomo da un altro perche' l' aspetto fisico del primo e' uguale con un uomo che aveva un comportamento positivo a lei... (non credo che questo puo' succedere solo con i padri... o succede per una donna che non ha molti anni)
    se uno in genere assomiglia con una persona conosciuta siamo piu' positivamente disposti a conoscerlo... ci sembra che abbia qualcosa "noto"... in particolare se questo "noto" ci ricorda qualcosa di buono. invece quando succede l' opposto a volte tendiamo ad evitarlo...
    ma questo vi fa anche pensare che sappiamo come reagire una persona avendo collegato il suo viso con il viso e anche con il comportamento di un' altra persona che conosciamo o con la quale avevamo un raporto forte...
    per essere piu' chiara... se il viso di un uomo e' simile con quello di mio padre, con cui ho una relazione ottima, e' piu' comune tentare a credere che ha un comportamento simile... mi fa sentire almeno che e' familiare... anche se solo il suo viso mi e' familiare tento a generalizzarlo...
    cercare di trovare qualcuno che "crediamo a priori" che abbiamo qualcosa di comune succede spesso all' inizio di uno rapporto... per esempio se una persona ha lo stesso nome con me sono piu' positiva al primo incontro ecc
    sicuramente quello che dico non va con i detti di freud... ma lo trovo piu' spiegabile...
    a presto!

  3. #3
    theniaka
    Ospite non registrato
    voglio aggiungere che fare "categorie" nel nostro cervello e' noto... che colleghiamo qualcosa che gia' conosciamo con qualcosa che stiamo imparando e con qualcuno che stiamo conoscendo.
    ma per me non fanno parte i "nascosti" sentimeti sessuali di cui parlava freud con i suoi gradi di crescenza o con i suoi "complessi".
    so che ho fatto un sacco di sbagli con la lingua ma spero di essere stata chiara!
    a presto!

  4. #4
    Partecipante Super Esperto L'avatar di bacchetta
    Data registrazione
    03-06-2007
    Residenza
    Varese
    Messaggi
    539
    Originariamente postato da theniaka
    per me questo succede perche' a volte gli esseri umani collegano il viso e in genere l' aspetto fisico di qualcuno familiare con persone ignote a cui questi carateristici assomigliano.
    voglio dire che una donna forse "cerca" o meglio preferisce un uomo da un altro perche' l' aspetto fisico del primo e' uguale con un uomo che aveva un comportamento positivo a lei... (non credo che questo puo' succedere solo con i padri... o succede per una donna che non ha molti anni)
    se uno in genere assomiglia con una persona conosciuta siamo piu' positivamente disposti a conoscerlo... ci sembra che abbia qualcosa "noto"... in particolare se questo "noto" ci ricorda qualcosa di buono. invece quando succede l' opposto a volte tendiamo ad evitarlo...
    ma questo vi fa anche pensare che sappiamo come reagire una persona avendo collegato il suo viso con il viso e anche con il comportamento di un' altra persona che conosciamo o con la quale avevamo un raporto forte...
    per essere piu' chiara... se il viso di un uomo e' simile con quello di mio padre, con cui ho una relazione ottima, e' piu' comune tentare a credere che ha un comportamento simile... mi fa sentire almeno che e' familiare... anche se solo il suo viso mi e' familiare tento a generalizzarlo...
    cercare di trovare qualcuno che "crediamo a priori" che abbiamo qualcosa di comune succede spesso all' inizio di uno rapporto... per esempio se una persona ha lo stesso nome con me sono piu' positiva al primo incontro ecc
    sicuramente quello che dico non va con i detti di freud... ma lo trovo piu' spiegabile...
    a presto!

    Per la TENDENZA ALL'ATTUALIZZAZIONE sembra che si cerchi di riprodurre situazioni note non solo quand esse sono positive....

  5. #5
    theniaka
    Ospite non registrato
    hai ragione bacchetta...
    buongiorno!
    a presto!

  6. #6
    Partecipante Super Figo L'avatar di Antopsi
    Data registrazione
    26-06-2003
    Residenza
    Ribera (AG)
    Messaggi
    1,711

    Re: la prova scientifica del Transfert

    Originariamente postato da rasputin
    ROMA - Lo aveva già detto Sigmund Freud con il suo 'complesso di Elettra',
    Perdonate il semi OT, ma non capisco una cosa. Dov'è che Freud parla di complesso di Elettra? Non è una banalizzazione/estensione del complesso di Edipo? Io non sono un clinico nè un esperto di Freud, ma qualcosa l'ho studiata e il complesso di Elettra non l'ho mai letto da nessuna parte!
    http://s2.bitefight.it/c.php?uid=49195

    Is not dead what it can eaternal live, but in strange eaons even death may die...

    Io ne ho viste cose che vuoi umani non potreste immaginarvi. Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione... e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser... e tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia. E' tempo di morire.

    Scegliete la vita, scegliete un lavoro, scegliete una carriera, scegliete la famiglia, scegliete un maxitelevisore del cavolo, scegliete lavatrice, macchina, lettore cd e apriscatole elettrici. Scegliete la buona salute, il colesterolo basso e la polizza vita; scegliete mutuo a interessi fissi, scegliete una prima casa, scegliete gli amici. Scegliete una moda casual e le valigie in tinta, scegliete un salotto di tre pezzi a rate e ricopritelo con una stoffa del cavolo, scegliete il fai-da-te e il chiedetevi chi siete la domenica mattina. Scegliete di sedervi sul divano a spappolarvi il cervello e lo spirito con i quiz, mentre vi ingozzate di schifezze da mangiare. Alla fine scegliete di marcire, di tirare le cuoia in uno squallido ospizio, ridotti a motivo di imbarazzo di stronzetti viziati ed egoisti che avete figliato per rimpiazzarvi. Scegliete il futuro, scegliete la vita. Ma perché dovrei fare una cosa cosí? Io ho scelto di non scegliere la vita. Ho scelto qualcos'altro. Le ragioni? Non ci sono ragioni. Chi ha bisogno di ragioni quando ha l'eroina?

    Il mio blog... Venitemi a trovare.

    Avanguardista del F.E.R.U. e Governatore della provincia di Palermo.
    I GATTI DOMINERANNO IL MONDO!

  7. #7
    Partecipante Super Esperto L'avatar di bacchetta
    Data registrazione
    03-06-2007
    Residenza
    Varese
    Messaggi
    539
    Credo proprio che tu abbia ragione Antopsi...

  8. #8
    LucyVanPelt
    Ospite non registrato
    Originariamente postato da Antopsi
    Perdonate il semi OT, ma non capisco una cosa. Dov'è che Freud parla di complesso di Elettra? Non è una banalizzazione/estensione del complesso di Edipo? Io non sono un clinico nè un esperto di Freud, ma qualcosa l'ho studiata e il complesso di Elettra non l'ho mai letto da nessuna parte!
    Non vorrei fare confusione, ma mi sembra di ricordare che il concetto di Complesso di Elettra appartenga a Jung e non a Freud.

  9. #9
    ironica82
    Ospite non registrato
    si lucy hai ragione...Freud iniziò gli studi sul complesso di edipo a partire dal complesso di electra che fu introdotto da Jung e che si ispirava ad una storia della mitologia greca.
    In pratica il complesso di Elettra" di Jung è la controparte femminile del complesso di Edipo di Sigmund Freud

  10. #10
    theniaka
    Ospite non registrato
    fuori discussione:
    "elettra" ed "edipo" sono un tipo di poesia antica, drama... si chiama in greco "tragedy"... se si puo' leggerli in italiano (in greco e' difficilissimo) si capisce che sono capolavori pieni di emozione...
    ve li propongo senz' altro!
    a presto!

  11. #11
    Johnny
    Ospite non registrato
    Freud cita il "complesso di Elettra" in "Compendio di Psicoanalisi" del 1932 a pag. 621:

    "[...]per la donna non è un gran danno permanere nella impostazione edipica femminea (si è proposto per essa il termine "complesso di Elettra"). Ella sceglierà in questo caso il proprio marito in base a caratteristiche paterne [...]"

  12. #12
    Partecipante Super Esperto L'avatar di bacchetta
    Data registrazione
    03-06-2007
    Residenza
    Varese
    Messaggi
    539
    E di tendenza all'attualizzazione (sopracitata) chi ne parlava?? nonostante mi ricordavo bene il concetto nOn riesco a focalizzare l'autore...

  13. #13
    Partecipante Affezionato L'avatar di ockham74
    Data registrazione
    03-03-2007
    Residenza
    torino
    Messaggi
    101

    Re: la prova scientifica del Transfert

    Originariamente postato da rasputin
    ROMA - Lo aveva già detto Sigmund Freud con il suo 'complesso di Elettra', ma ora lo conferma anche la scienza: le donne che hanno avuto un buon rapporto con il proprio padre durante l'infanzia, in età adulta trovano attraenti e scelgono partner con un viso simile a quello paterno. Chi invece ha avuto una relazione negativa o meno positiva non si sente attratta da uomini con 'l'impronta' paterna.

    E' quanto hanno scoperto alcuni ricercatori dell'Economic and Social Research Council, della Royal Society, dell'università di Durham e di due istituzioni polacche, che hanno pubblicato lo studio sulla rivista 'Evolution and Human Behaviour'. In altre parole, gli psicologi hanno studiato l'imprinting sessuale dato dai genitori, e in particolare la preferenza sessuale nelle donne per individui con caratteristiche simili a quelle paterne, usando le misure facciali per dimostrare come le fattezze del viso paterno siano strettamente correlate a quelle di altre facce maschili le figlie trovano attraenti.

    "Se prima si pensava fosse un caso - spiega Lynda Boothroyd, una delle ricercatrici - ora si è dimostrato con certezza come il cervello umano non costruisca dei semplici prototipi di facce ideali, basati su ciò che vede intorno a sé, ma su coloro con cui abbiamo una forte e positiva relazione. Possiamo affermare quindi che le figlie sono attratte dagli uomini con un viso simile a quello del padre". I ricercatori si sono serviti di un campione di 49 figlie, a ognuna delle quali è stato fatto scegliere il viso più attraente tra 15 diverse facce, con capelli, spalle, collo, orecchie e abiti non visibili, ed eliminando ogni influenza esterna.

    Alle donne è stato chiesto inoltre di valutare la loro relazione paterna su vari elementi (tempo libero trascorso insieme, investimento emotivo, ecc), da cui ricavare un punteggio complessivo di 'positivita''. Dopo di che sono state divise in due gruppi a seconda del grado di positività, e quello con il punteggio più alto ha mostrato una significativa correlazione tra il viso del padre e quello di altri uomini trovati attraenti. (ANSA)
    Scusa noto con un po' di ritardo il 3D. Mi domando due cose:
    1) E' una cosa così interessante? Se sì perchè? Ci si aspettava altro?
    2) Di psicologia non capisco un tron, bacchettatemi pure, ma non venitemi a dire che un campione di 49 persone è significativo della specie umana, per carità!

  14. #14
    Johnny
    Ospite non registrato
    non lo so, ma visto ke riguarda la psicologia ho fatto il 3d, è cmq uno spunto x discuterne
    Ultima modifica di Johnny : 19-07-2007 alle ore 14.53.32

Privacy Policy