• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 16

Discussione: Riguardo agli SVE.....

  1. #1
    mimmolona
    Ospite non registrato

    Riguardo agli SVE.....

    Ciao a tutti!
    Sono abbastanza nuova e anch'io sono una Psicologa alla ricerca di una strada...

    Leggo in molti thread che per molti la fine dell'Universita' ha corrisposto all'inizio di un luuuungo momento di disorientamento.... se non, a volte, di sconforto. E cio' non seda la mia ansia, uguale a quella di molti di voi, anzi!

    Pero' mi accorgo, come voi, che se smetto di limitarmi alle piccole mura di "casa mia", che ci sono un sacco di possibilita', spesso davvero interessanti!

    Sono venuta a Strasburgo a fare uno stage al Consiglio d'Europa, politiche di trattamento e prevenzione alle droghe...niente di che, uno stage, come molti altri, solo buono per le lingue e il CV.

    Pero' qui ho avuto la fortuna di rendermi conto del sistema francese, ricco di possibilita' e oppurtunita' di lavoro! Come forse per voi e' quello spagnolo o portoghese!
    Ho conosciuto ad esempio, una signora, la mia locataria, davvero meravigliosa, che all'eta' di 68 anni affronta la vita puntando all'utopia, ed e' riuscita a fare della sua passione politica/umanitaria un lavoro ben renumerato!

    Ho anche avuto modo di cercare molto su internet e di vedere che ci sono tante cose che si possono fare: in particolare Leonardo vari o dei bellissimi SVE in Europa o in Paesi Terzi.

    So che magari uno rischia di "perdere tempo" (che da noi in Italia e' denaro!!!) e so che magari sono lavori, si nel sociale, ma nn strettamente nello psicologico, pero' mi dico: cacchio si vive una sola volta nella vita! E poi e' tutta esperienza!

    Mi arrivata notizia di SVE in Africa, nel campo dell'inclusione sociale e sono una figata!!! 9 mesi di full immersion nel mondo vero, ad aiutare bimbi, fare counseling di psicologia dell'emergenza, prevenzione AIDS, o di gestione dei conflitti... una lingua che ti impari (perlopiu' inglese) e anche in questo caso bel arricchimento del CV! (o no????)

    Il fatto e' che sono combattuta e confusa...non voglio sprecare la vita a cercare lavori che ci sono e a nn fare cose che pressoche' solo ora potro' fare...ma nn vorrei nemmeno perder di vista EDS, Scuola di specializzazione, fidanzato........

    Che fare????
    Qualcuno di voi ha un consiglio da darmi?
    In particolare che ne pensate dello SVE, soprattutto a livello di professionalizzazione?
    E del Leonardo?



    Grazie mille a tutti e un bacio!

    Silvia

  2. #2
    mallon81
    Ospite non registrato
    Allora mi inserisco visto che non ne so nulla cosa sono SVE e Leonardo??come accedere e recuperare notizie?
    Grazie pure io alla ricerca della mia strada che per ora...si nasconde bene!!

  3. #3
    Partecipante Super Figo L'avatar di paroletta
    Data registrazione
    07-03-2006
    Messaggi
    1,618
    Anche io voglio sapere cosa sono gli SVE!!

  4. #4
    Postatore Compulsivo L'avatar di LuisaMiao
    Data registrazione
    07-02-2005
    Residenza
    Monza
    Messaggi
    3,204
    Allora qualche informazione sugli SVE:
    Cos è il SVE

    Il servizio volontario europeo ( SVE) sostiene i servizi volontari transnazionali dei giovani.

    Esso aspira a sviluppare la solidarietà e a promuovere la tolleranza fra i giovani, in primo luogo per rafforzare la coesione sociale nell’Unione Europea. Promuove la cittadinanza attiva e migliora la comprensione reciproca fra i giovani.

    Questi obiettivi generali saranno in particolare raggiunti nel modo seguente:

    · sostenendo la partecipazione dei giovani a diverse forme di attività volontarie, sia all’interno che all’esterno dell’Unione europea;

    · offrendo ai giovani l’opportunità di esprimere il loro impegno personale con attività di volontariato a livello europeo ed internazionale;

    · interessando i giovani alle azioni che stimolano la solidarietà tra i cittadini dell’Unione europea;

    · coinvolgendo i giovani volontari, in un paese diverso da quello dove risiedono, in un’attivitò non lucrativa e non remunerata a beneficio della colletività.

    Inoltre il servizio volontario europeo è un servizio di “ apprendimento”: attraverso le esperienze di approfondimento non formale i giovani volontari migliorano e /o acquisiscono competenze a vantaggio del loro sviluppo personale, formativo e professionale non chè della loro integrazione sociale. Gli elementi dell’apprendimento consistono nella definizione comune dei risultati, processi e metodi che si attendono dalla formazione, nella certificazione delle competenze acquisite, nella partecipazione del volontario al ciclo di formazione SVE e nella fornitura costante di supporto basato sui compiti da svolgere nonchè di sostegno linguistico e personale, comprese le tecniche di prevenzione e gestione delle crisi.

    L'attività SVE

    ll SVE viene realizzato tramite le attività le attività organizzate nel quadro della partnership tra organizzazioni costituite legalmente, che inviano o ospitano volontari. Un’atttività SVE consiste nella preparazione, nell’attività di volontariato vera e propria e nel follow-up (seguito). Il volontario svolge l’attività di volontariato in un paese diverso dal proprio paese di residenza. L’attività non èretribuita, non ha scopi di lucro e si svolge a tempo pieno durante un dato periodo ( 12 mesi al massimo). Essa va a profitto della comunità.

    Un’attività SVE può svolgersi in vari settori: cultura, arti, protezione civile, ambiente, cooperazione allo sviluppo, ecc. Sono esclusi gli interventi a rischio elevato in situazioni immediatamente successive a crisi ( aiuti umanitari, aiuti immediatamente succesivi a catastrofi ecc..)

    L’attività deve rappresentare un chiaro valore aggiunto europeo o internazionale. Essa deve inoltre comprendere contatti con la comunità locale.

    I volontari non devono sostituire dipendenti salariati.

    Un’attività SVE coinvolge almeno una organizzazione inviante, un organizzazione ospitante e un volontario. Delle organizzazioni partner e dei volontari che partecipano al progetto SVE globale possono essere coinvolti tutti o solo alcuni. Un massimo di 100 volontari può partecipare ad una singola attività.

    L’attività può essere svolta individualmente o in gruppo.

    Se l’attività coinvolge più di un volontario, i volontari possono svolgere l’attività nella stessa organizzazione ospitante nello stesso paese, indiverse organizzazioni ospitanti nello stesso paese o in diverse organizzazioni ospitanti in diversi paesi.

    altre info su questo sito: http://www.oikos.org/sve.htm#Co%20%E8%20il%20SVE
    ma ce ne sono anche tanti altri.

    Il Programma Leonardo è un programma della comunità europea, in pratica segue l'idea del Programma Erasmus, solo che invece di un periodo di studio si tratta di un periodo di lavoro.
    Questo è il loro sito su cui si trovano tutte le informazioni: http://www.programmaleonardo.net/llp/index.asp
    Per questo programma potete chiedere le info all'Ufficio Relazioni Internazionali del Vostro Ateneo: lì vi sapranno dire se ci sono flussi aperti e per quali aree di lavoro.
    Devo dire che è difficile trovarle per psicologia... ma se non si tenta non si trova di sicuro
    Não sei o motivo pra ir
    só sei que não posso ficar
    não sei o que vem a seguir
    mas quero procurar.
    (Mafalda Veiga)

    Il mio blog

  5. #5
    Partecipante Super Figo L'avatar di paroletta
    Data registrazione
    07-03-2006
    Messaggi
    1,618
    E tu, Mimmolona, se ho capito bene vorresti partire! Beh se te lo puoi permettere, a livello lavorativo-economico, fallo! Per un anno solo, ritrovi tutto al tuo ritorno, se ti ama davvero, anche l'amore!

  6. #6
    mimmolona
    Ospite non registrato
    Grazie dell'incoraggiamento!!!!

    Si vorrei proprio partire....

    Mi sento trooooppo chiusa a Prato! Cooperative, Associazioni, Comitati, Circoli (e si, noi siamo un po' orientati cosi'! ) dove gia' tutti conoscono tutti...Basta!

    La mia domanda e'...ma contano esperienze cosi', a livello di professionalizzazione, di CV???

    Mah, io nn so....

    So solo che ho una gran paura di non trovare lavoro in Italia, e allo stesso tempo ho il terrore di incasellarmi in un posto rimpiangendo a vita quello che avrei voluto fare...

    Buona giornata a te a tutti quanti!


  7. #7
    Partecipante Super Figo L'avatar di paroletta
    Data registrazione
    07-03-2006
    Messaggi
    1,618
    Non so se esperienze così contano a livello di CV per il punteggio in concorsi pubblici, ma sicuramente contano per un lavoro nel privato! E comunque...tra un anno troverai Prato e l'Italia nella stessa condizione di oggi, non preoccuparti! Io andrei ... anche se fosse per fuga ... intanto ti fai un'esperienza che hanno in pochi!

  8. #8
    Matricola L'avatar di butterfly
    Data registrazione
    22-01-2005
    Residenza
    pavia
    Messaggi
    22
    anch'io avevo pensato allo sve un anno fa...poi le esperienze lavorative, il ragazzo,forse le abitudini, la voglia di consolidare e percorrere una strada per un po' più di tempo mi hanno arrestato, anche se, sotto sotto, la voglia per un'esperienza del genere l'ho solo riposta in un cassetto, poi, non so...quello che mi ha bloccato di più, è che con lo sve, è difficile trovare progetti di pertinenza psicologica, e allora mi sono detta, se devo andare a fare la figura flessibile, la faccio in Italia, non a l'estero a 2 euro...però se ci fossero progetti in cui richiedono psicologi, sarebbe molto diverso, allora sì partirei!

  9. #9
    *Saretta*
    Ospite non registrato
    Ho fatto 1 mese di volontariato in Kenya.... pare che sul curriculum conti più quello che la mia laurea... e non scherzo!!!

  10. #10
    Partecipante Super Figo L'avatar di paroletta
    Data registrazione
    07-03-2006
    Messaggi
    1,618
    Originariamente postato da *Saretta*
    Ho fatto 1 mese di volontariato in Kenya.... pare che sul curriculum conti più quello che la mia laurea... e non scherzo!!!
    Infatti l'esperienza conta tantissimo!! A chi è piaciuta questa attività di voltoriato che hai fatto? A livello di esame del curriculum, intendo.

  11. #11
    *Saretta*
    Ospite non registrato
    E' piaciuta a chi mi ha preso per il tirocinio post lauream e a vari posti che mi offrivano lavori da educatrice... a livello generale è piaciuta anche a chi mi ofrriva lavori da segretaria (ebbene si... alla fine sto facendo quello..) perchè lo interpretavano come: sa l'inglese e sa relazionarsi con gli stranieri (nel mio lavora attuale, da segretaria, ho a che fare con molti stranieri)

  12. #12
    Partecipante Super Figo L'avatar di paroletta
    Data registrazione
    07-03-2006
    Messaggi
    1,618
    Anche io ho fatto la segretaria durante l'università!! Poi ho cominciato a lavorare come educatrice...ed ora "eccomi qua!" Se non ha capito male, non hai accettato i lavori come educatrice, come mai?

  13. #13
    Partecipante Esperto L'avatar di australia
    Data registrazione
    16-12-2005
    Residenza
    cittadina del mondo
    Messaggi
    317
    secondo me l'utilità o meno di una esperienza SVE sul CV dipende dal risultato che si vuole conseguire, la conoscenza di una lingua 'parlata' è un obiettivo a cui potrebbe servire, e molto, dato che è applicabile in vari ambiti anche del tutto estranei alla psicologia come appunto l'import/export.

    Una mia amica che ha fatto 3 di queste esperienze (1 mese di volontariato in Costa d'Avorio; 6 mesi di tirocinio postlaurea in psicologia in una università nepalese ed 1 mese di tirocinio al pronto soccorso di un ospedale del Mali per il master di psi dell'emergenza) intende usarle per iscriversi ad un altro master per la cooperazione internazionale che si tiene a Pavia per lavorare in questo ambito con buone possibilità di essere assunta, a contratto, come psicologa in situazioni pertinenti. Lei ha anche la maturità del liceo linguistico.

    Vivere nel cosidetto 'terzo mondo' è molto faticoso e rischioso, ma pure fare l'educatrice comporta la fatica mica da ridere dei turni anche notturni e delle responsabilità di badare a troppi bimbi contemporaneamente (spesso il personale è inferiore a quello necessario e gli educatori non sanno dove sbattere la testa); a me risulta che già dopo 2 o 3 settimane ci si sente come zombi.

  14. #14
    Partecipante Super Figo L'avatar di paroletta
    Data registrazione
    07-03-2006
    Messaggi
    1,618
    Sicuramente è un lavoro molto faticoso, ma puoi fare anche molta esperienza. Poi, a volte dipende dagli incontri che fai se ti può essere utile per un futuro diverso lavoro.

  15. #15
    Partecipante Esperto L'avatar di australia
    Data registrazione
    16-12-2005
    Residenza
    cittadina del mondo
    Messaggi
    317
    si certo è una possibilità.
    Io cmq penso che nel mondo del lavoro oggi sia più utile 'specializzarsi', cioè individuare una strada e seguirla, fare formazione ed esperienze pratiche inerenti. Come emerge da altre 3d, la professione di psicologo è oggi in piena crisi anche perchè lo psicologo può fare di tutto (ricerca, evolutiva, clinica lavoro ecc.), infatti con il nuovo ordinamento hanno molto differenziato le specializzazioni del biennio, credo che ora siano circa 25, rispetto alle sole 4 del vecchio ordinamento (i 4 indirizzi).

    Ciò non esclude che si possano fare tutte le esperienze che si vogliono, però con maggiore consapevolezza della reale motivazione che ci spinge a farle, una motivazione che spesso è più personale che in prospettiva professionale.
    Del resto, crescere personalmente aiuta molto a crescere anche professionalmente.

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo

Privacy Policy