• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 11 di 11

Discussione: quale test?????

  1. #1
    Partecipante Assiduo L'avatar di ialea983
    Data registrazione
    30-10-2006
    Residenza
    abruzzo
    Messaggi
    133

    quale test?????

    ciao a tutti, ho bisogno di un aiuto....
    sto preparando una tesi riguardo la violenza sulle donne, il problema è che non sono riuscita a trovare test da sottoporre al mio campione....
    quale test potrei usare??
    8scusate se non definisco meglio l' argomento, ma ho deciso di guardarmi prima in torno, e poi definire meglio l' ambito... quindi sono graditi tutti gli aiuti!!!!!)
    grazie!

  2. #2
    Partecipante Super Figo L'avatar di paroletta
    Data registrazione
    07-03-2006
    Messaggi
    1,618
    mmmm e secondo te che tipo di test potrebbe andare bene? Non credo che ce ne sia uno specifico per chi ha subito violenza...

  3. #3
    Partecipante Assiduo L'avatar di ialea983
    Data registrazione
    30-10-2006
    Residenza
    abruzzo
    Messaggi
    133

    crearlo?

    potrei strutturare una intervista semi-strutturata insieme alla mia relatrice basandomi sulla letteratura.... ho cominciato a leggere qualcosa, però accetto consigli!!!!!!

  4. #4
    Partecipante Assiduo L'avatar di Lithium
    Data registrazione
    01-03-2003
    Residenza
    Milano
    Messaggi
    155
    Dipende da quali aspetti vuoi valutare.....se sei interessata a quelli clinici (se ad esempio ipotizzi ripercussioni della violenza sull'assetto psicologico) penso che potrebbe esserti utile il COGNITIVE BEHAVIOURAL ASSESSMENT 2.0 (CBA). E' un buon test modulare, molto più snello rispetto ad altri (tipo MMPI per capirci), edito dalla Giunti, di cui puoi eventualmente somministrare anche solo le subscale relative all'ansia, ai sintomi psicofisiologici e alle tendenze depressive. Creare da te un questionario può essere utile nel caso ti interessi mettere a fuoco problematiche specifiche, ma è più una forma di indagine preliminare....
    Insomma, tutto dipende dallo scopo ultimo della tesi
    the Dark side Clouds everything


    -------------------------------------

    Sei uno psicologo e vuoi contribuire allo sviluppo scientifico delle applicazioni della Psicologia su Internet?
    Partecipa alla RICERCA SPERIMENTALE SUL COUNSELING PSICOLOGICO ONLINE

    Segnala questa importante iniziativa anche ai tuoi colleghi!

    Per informazioni, visita il link del progetto, oppure contattami


    -----------------------------------------------------------------

  5. #5
    Postatore Compulsivo L'avatar di LuisaMiao
    Data registrazione
    07-02-2005
    Residenza
    Monza
    Messaggi
    3,204
    come dice Lithium, dipende un po' dal taglio della tua tesi.
    esistono sì dei test per le donne vittime di violenza (che tipo di violenza? intrafamiliare? sul lavoro? stupro? anche qui, cambia il tipo di campione e di probelmatica), ma da quel che so io in italiano non sono stati tradotti e adattati. Esistono in inglese, per gli USA, qualche adattamento in Europa (io so del Portogallo dato che lavorano tanto sulla vittimologia).

    e in bocca al lupo!!
    Não sei o motivo pra ir
    só sei que não posso ficar
    não sei o que vem a seguir
    mas quero procurar.
    (Mafalda Veiga)

    Il mio blog

  6. #6
    Partecipante Super Figo L'avatar di paroletta
    Data registrazione
    07-03-2006
    Messaggi
    1,618
    Ialea, qual è lo scopo della tua ricerca?

  7. #7
    Partecipante Assiduo L'avatar di ialea983
    Data registrazione
    30-10-2006
    Residenza
    abruzzo
    Messaggi
    133

    sto circoscrivendo l' argomento...

    innanzi tutto grazie per le riaposte!!!!!!
    allora... mi sto concentrando sulla VIOLENZA INTRAFAMILIARE, e vorrei valutare le caratteristiche psicologiche che contraddistinguono le utenti del cento antiviolenza ( a cui si accede in modo volontario).
    sarà banale??? è solo ke è un argomento vastissimo e non so su quali aspeti (psicodinamici) orientarmi!!

  8. #8
    Partecipante Assiduo L'avatar di ialea983
    Data registrazione
    30-10-2006
    Residenza
    abruzzo
    Messaggi
    133
    Originariamente postato da Lithium
    Dipende da quali aspetti vuoi valutare.....se sei interessata a quelli clinici (se ad esempio ipotizzi ripercussioni della violenza sull'assetto psicologico) penso che potrebbe esserti utile il COGNITIVE BEHAVIOURAL ASSESSMENT 2.0 (CBA). E' un buon test modulare, molto più snello rispetto ad altri (tipo MMPI per capirci), edito dalla Giunti, di cui puoi eventualmente somministrare anche solo le subscale relative all'ansia, ai sintomi psicofisiologici e alle tendenze depressive. Creare da te un questionario può essere utile nel caso ti interessi mettere a fuoco problematiche specifiche, ma è più una forma di indagine preliminare....
    Insomma, tutto dipende dallo scopo ultimo della tesi


    se cominciassi propio con una indagine preliminare, per poi correlare i dati con un altro test già 'standardizzato?
    -ps: premetto che probabilmente sto per dire una mega cavolata, ma non potrei usare un test non standardizzato e poi correlarlo con uno tarato anche per l' Italia?- cavolata?

  9. #9
    Partecipante Assiduo L'avatar di ialea983
    Data registrazione
    30-10-2006
    Residenza
    abruzzo
    Messaggi
    133
    Originariamente postato da LuisaMiao
    come dice Lithium, dipende un po' dal taglio della tua tesi.
    esistono sì dei test per le donne vittime di violenza (che tipo di violenza? intrafamiliare? sul lavoro? stupro? anche qui, cambia il tipo di campione e di probelmatica), ma da quel che so io in italiano non sono stati tradotti e adattati. Esistono in inglese, per gli USA, qualche adattamento in Europa (io so del Portogallo dato che lavorano tanto sulla vittimologia).

    e in bocca al lupo!!


    la violenza che considero è intrafamiliare, il campione lo estrarrò da un centro antiviolenza regionale. è che essendo l' argomento vastissimo non riesco bene a cogliere un aspetto magari poco considerato in letteratura... (vorrei evitare le solite cose, mettendo l' accento magari su un aspetto poco considerato)

  10. #10
    Postatore Compulsivo L'avatar di LuisaMiao
    Data registrazione
    07-02-2005
    Residenza
    Monza
    Messaggi
    3,204
    certo, capisco il tuo bisogno di trovare un aspetto poco indagato. ma attenta a non andare in un ambito "vergine" perchè a quel punto è davvero dura fare una tesi.

    io faccio la volontaria da + di due anni in un centro anti-violenza qui in lombardia, quindi se hai bisogno chiedi pure.
    prova a pensare a quale ambito ti interessa delle donne vittime di maltrattamento intrafamiliare. anzi, per prima cosa, quale tipo di maltrattamento vuoi considerare? tutti e 4? un gruppo con maltr. psicologico ma non sessuale?... le combinazioni sono varie, e da quello che decidi ci sono poi diverse possibilità di indagine.
    puoi anche basarti sull'età: un aspetto che si nota è che l'età delle donne che fanno richiesta sta diminuendo...

    a presto
    Não sei o motivo pra ir
    só sei que não posso ficar
    não sei o que vem a seguir
    mas quero procurar.
    (Mafalda Veiga)

    Il mio blog

  11. #11
    Partecipante Assiduo L'avatar di Lithium
    Data registrazione
    01-03-2003
    Residenza
    Milano
    Messaggi
    155
    Una cosa non mi è molto chiara.....
    Ti interessa l'aspetto psicologico, nel senso che cerchi di capire se ci sono variabili di personalità che accomunano le vittime, e in una certa misura le predispongono a "scegliere" un certo ambiente di vita (partner violento), oppure cerchi di capire che genere di personalità sviluppano le donne cresciute in famiglie violente?
    Nel primo caso la vedo dura, nel senso che la personalità delle vittime delle violenze può essere stata alterata, in parte, dal contesto di violenza in cui sono vissute...per cui il rischio nel valutarle ora con dei test può essere quello di avere uno specchio più del dopo che del prima....
    Il secondo caso lo vedo più agevole
    Tornando ai test cmq, il CBA di cui ti parlavo è provvisto anche di una scala per misurare i fattori della personalità, tratta dal test di Eysenck. Oppure, mi sento di consigliarti il BFQ (Big Five Questionnaire)...gli autori hanno esaminato le teorie più accreditate sugli aspetti della personalità, cercando di individuare le componenti principali, per poi costruire un test che le valuti.
    the Dark side Clouds everything


    -------------------------------------

    Sei uno psicologo e vuoi contribuire allo sviluppo scientifico delle applicazioni della Psicologia su Internet?
    Partecipa alla RICERCA SPERIMENTALE SUL COUNSELING PSICOLOGICO ONLINE

    Segnala questa importante iniziativa anche ai tuoi colleghi!

    Per informazioni, visita il link del progetto, oppure contattami


    -----------------------------------------------------------------

Privacy Policy