• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 6 di 6

Discussione: Incubi

  1. #1
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di alea
    Data registrazione
    11-04-2002
    Residenza
    torino
    Messaggi
    1,253

    Incubi


    Stanotte
    primo:
    sono in una via (da cui normalmente transito quando vado a lavorare coi mezzi pubblici) e uno slargo quasi una piazzetta, molto affollata il traffico del mattino in un angolo una donna, e intorno un capannello di genet è posseduta dal demonio intorno a lei si verificano "malefici" gente in preda al panico, urla, qualcuno sollevato da terra e fatto schiantare lontano, Lei ricoperta da folta pelliccia su tutta la schiena e come se fosse nuda con questa mostruosità di peli ispidi a farne quasi un animale ... io sento come una presenza maligna il mio stato d'animo è di terrore puro ho talmente paura che mi sveglio

    al mio risveglio nel pieno della notte sento il bisogno immediato di accendere la luce e rassicurarmi che non ci sia nessuno in casa, mi alzo e per riprendermi (sento di aver gridato nel sonno) vado in cucina a bere ma questa sensazione di una "presenza" me la porto dietro. Torno a letto e ci metto un po' a decidermi di spegnere la luce (ho paura)

    secondo:
    sono per strada con molti ragazzi e ragazze , è sera siamo una compagnia, decidiamo di andare a ballare io non conosco quasi nessuno e non mi piacciono mi sembrano tutti "figli di papà" snob e con la puzza sotto il naso. C'è mia sorella lei conosce qualcuno del gruppo e mi dice che sono simpatici che la mia impressione è errata, ci mettiamo in macchina, tante macchine.
    la discoteca si trova all'interno di un Villaggio turistico (forse siamo al mare) ed è sottoterra nel senso che le insegne sono a livello della strada e poi scendendo una scala si accede a questa discoteca. Io resto fuori, si vede un canneto. E' come se io vivessi dentro un bungalow sono fuori sotto un pergolato e mi punge un insetto su una gamba ... in pochi istanti il segno della puntura dell'insetto si trasforma in un .. BUCO enorme e sotto la pelle qualcosa si muove ... un verme esce in prossimità del buco ormai non ho più il ginocchio solo un buco, una piaga enorme e da altre parti si fanno strada scavando altri vermi, mio marito come li vede in superfice sulla pelle li strappa via e li getta a terra prendo immediatamente una medicina .. so che dovrò sopportare una tortura i vermi che ormai viveno dentro di me a migliaia verranno scacciati da questa medicina però dovranno tutti scavarsi l'uscita verso la superfice e così terrorrizzatta e in preda allo schifo più assoluto vedo affiorrare ad uno ad uno tutti i vermi che dovrò strappare via

    lascio i due sogni insieme perchè la prossimità del loro svolgersi mi fa pensare che siano correlati.
    dato diurno: ieri sera in ufficio ho rivisto un collega che non vedevo da un paio di mesi perchè lavora in trasferta, uno splendido ragazzo di 28 anni dimagrito, sciupato, coi segni della sofferenza sul volto scavato mi dice di essere stato male da Dicembre dopo un viaggio in africa (problemi di stomaco) un'altra collega quando siamo sole mi informa 2verme solitario".
    "Il Signore, il cui oracolo è a Delfi, non dice nè cela, ma accenna" Eraclito

  2. #2
    Amus
    Ospite non registrato
    Francamente, ancor prima che leggessi i due residui diurni, mi era venuto in mente tuo suocero, in relazione ai vermi che divorano... ma forse il mio pensiero è influenzato dalla conoscenza e da eventuali preconcetti che affollano la mia mente. Anche la collocazione della discoteca (sottoterra) mi porta allo stesso punto
    Riguardo al primo incubo, la tua descrizione della donna invasata ha colpito anche me, e ho immaginato bene quanta paura ti abbia accompagnata dopo il sogno. Non so dirti nulla a parte associazioni vaganti che galleggiano disordinatamente... la donna che perde il controllo e che possiede in sè l'"estraneo", qualcuno che la sfianca, la rende inerme (nuda e priva di forze)...
    Non so, parliamone ancora, se vuoi...

  3. #3
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di alea
    Data registrazione
    11-04-2002
    Residenza
    torino
    Messaggi
    1,253
    a terrorizzarmi in modo indicibile è stata la sensazione di "una presenza" maligna INCOMBENTE .. Ho proprio urlato come mi ha riferito mio marito sigh ... spaventando a morte anche Matteo.
    Io ho dato una mia lettura dei due sogni in relazione tra loro

    in merito al periodaccio che sto attraversando con tutto il suo carico di stanchezza, dolore e sofferenza

    farmi travolgere e vedere scatenarsi "la belva" che è in me con l'Io inflazionato da emergenze Inc , il lato Ombra (incontrollabile) che prende il sopravvento (ed il mio SUPER SUPER IO che lo vede/concepisce PRESENZA DIABOLICA)

    oppure

    Farsi divorare dal di dentro dai VERMI (anche loro che premono per VENIRE FUORI)

    si accettano e anzi sono benvenute interpretazioni "altre" e diverse

    baci a tutti i sognatori
    Pat
    "Il Signore, il cui oracolo è a Delfi, non dice nè cela, ma accenna" Eraclito

  4. #4
    Amus
    Ospite non registrato
    La tua interpretazione non fa una piega... ma adesso vorrei provare a fare un passo avanti Se riusciamo a leggere i messaggi che il nostro inconscio ci invia, possiamo anche provare ad attenuare il disagio che li sottende Considerato che non è in nostro potere cambiare lo stato delle cose (ahimè!), possiamo almeno tentare di alleviare il nostro malessere? Forse troverai stupido tutto questo discorso che, da parte mia, nasce, credo, da un desiderio (presumibilmente utopico) di promuovere benessere. Se in sogno, con fatica e sofferenza, quel maligno, sotto spoglie di vermi o di creatura stregata, veniva fuori, è forse vero che dovresti, nella vita diurna, riuscire a tirare fuori... quel che è necessario!?
    Era una ipotesi, un pensiero così

  5. #5
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di alea
    Data registrazione
    11-04-2002
    Residenza
    torino
    Messaggi
    1,253
    Originally posted by Amuschella
    Se in sogno, con fatica e sofferenza, quel maligno, sotto spoglie di vermi o di creatura stregata, veniva fuori, è forse vero che dovresti, nella vita diurna, riuscire a tirare fuori... quel che è necessario!?
    ?????????????????????????
    come ?
    saperlo è un fatto, un evidenza ... ma cambiare ????
    "Il Signore, il cui oracolo è a Delfi, non dice nè cela, ma accenna" Eraclito

  6. #6
    Amus
    Ospite non registrato
    Cambiare non si può, questo lo so... ma urlare si...

Privacy Policy