• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 18
  1. #1
    Partecipante Veramente Figo
    Data registrazione
    24-08-2006
    Messaggi
    1,145

    possibili applicazioni psicologia!!!

    Ragazzi chi mi illumina un po' sulle possibili applicazioni della psicologia?
    Ho le idee confuse.
    Apparte la possibilità di fare lo psicoterapeuta(4 anni di scuola di specializzazione...) quali altri sbocchi ci sono??

    ne elenco alcuni che mi vengono in mente:

    -lavorare nelle scuole
    -fare i mediatori familiari
    -lavorare nelle comunità o in altre strutture a contatto con soggetti con dipendenze varie o con disabili
    -lavorare nell'ambito delle adozioni
    -fare selezione di personale


    Postate anche voi altre possibili applicazioni, scopriremo "mansioni" possibili per gli psicologi a cui magari non avevamo pensato!

  2. #2
    Partecipante Figo L'avatar di marchitiello
    Data registrazione
    05-05-2006
    Residenza
    Milano (ma sono fuggito da Foggia)
    Messaggi
    986
    Beh, a me personalmente piacerebbe molto lavorare nell'ambito della comunicazione e del marketing. Sai, roba tipo progettazione delle pubblicità e simili.... Mi sa però che, se potessimo farlo facilmente, il corso di Scienze della Comunicazione non avrebbe senso...
    La psicologia è quella cosa con la quale o senza la quale si vive tale e quale!

  3. #3
    Partecipante Super Figo L'avatar di CaptiveSoul
    Data registrazione
    28-02-2006
    Residenza
    Siena - Padova
    Messaggi
    1,646
    io aggiungerei:

    - carriera accademica (oltre alla ricerca in tutti i diversi settori della psicologia, quello delle neuroscienze che interessa a me esiste praticamente solo come ambito di ricerca)
    - riabilitazione neuropsicologica a persone con danni neurali dovuti a traumi, a malattie o a incidenti
    - sostegno psicologico ai malati (principalmente persone con tumori o malattie cardiache) e alle loro famiglie
    - ergonomia

    .. se mi viene in mente altro aggiungo
    "Ogni volta che una cellula nervosa muore abbiamo un neurone in meno per pensare."
    (M. Bear, B. Connors, M. Paradiso, "Neuroscienze, Esplorando il cervello", trad. it. a cura di C. Casco e L. Petrosini)




  4. #4
    Postatore Epico L'avatar di kyoko226
    Data registrazione
    05-10-2006
    Residenza
    cagliari
    Messaggi
    17,569
    quindi con la laurea in psicologia si può insegnare?solo all'università?e con il 3+2 o bisogna fare altro?grazie!

  5. #5
    Partecipante Super Figo L'avatar di CaptiveSoul
    Data registrazione
    28-02-2006
    Residenza
    Siena - Padova
    Messaggi
    1,646
    Originariamente postato da kyoko226
    quindi con la laurea in psicologia si può insegnare?solo all'università?e con il 3+2 o bisogna fare altro?grazie!
    Con la laurea in psicologia si può insegnare sia all'università che alle scuole secondarie superiori (non mi era venuto in mente prima).
    Per quanto riguarda le scuole superiori si deve frequentare la SSIS (Scuola di Specializzazione per l'Insegnamento Secondario), che ha durata biennale e abilità all'insegnamento. Psicologia rientra nella stessa classe di filosofia e scienze dell'educazione (36/A), e a quanto ho capito per poter essere ammesso ai suddetti corsi SSIS durante la laurea devono esser stati aquisiti dei crediti in tutti questi settori (filosofia, pedagogia, psicologia e sociologia), facendo una ricerca ho trovato che servono un minimo di 24 crediti in ogni settore, ma non so se questo sia uguale in tutta Italia o cambi da sede a sede.
    Adesso passiamo all'università: il percorso più diretto è quello di ottenere un posto di Dottorato di Ricerca (impresa non troppo semplice) di durata solitamente triennale, al termine di questo rimanere ancora in facoltà vincendo anno dopo anno Borse di Ricerca, e in fine vincere un concorso per Ricercatore, solitamente ai Ricercatori vengono date anche una o più cattedre (per completezza: dopo il titolo di Ricercatore ci sono quelli di Professore Associato e di Professore Ordinario, che è l'apice della carriera accademica). Ho detto che questo è il percorso più diretto in quanto si può vincere una cattedra all'università (con relativo titolo di Ricercatore), anche senza aver fatto il Dottorato e tutto il resto, ma sono occasioni rare che avvengono in seguito a pubblicazioni molto importanti. Questo è ciò che accade in teoria.. in pratica è molto difficile avanzare in questa gerarchia, solitamente tutti questi concorsi vengono vinti dai candidati già interni alla facoltà (a partire dai dottorati quasi sempre vinti dagli studenti che si sono laureati con i docenti di maggior prestigio nella specifica facoltà), e talvolta si sente dire che i nomi dei vincitori erano già noti ancor prima del concorso.

    Spero di non averti demoralizzato kyoko226, ho cercato di essere più realista possibile ma, nonostante quello che ho appena scritto, io vorrei accedere alla carriera accademica .

  6. #6
    psychologo
    Ospite non registrato
    bè, poi c'è anche la carriera televisiva, all'isola dei famosi per esempio

  7. #7
    Partecipante Super Figo L'avatar di CaptiveSoul
    Data registrazione
    28-02-2006
    Residenza
    Siena - Padova
    Messaggi
    1,646
    Originariamente postato da psychologo
    bè, poi c'è anche la carriera televisiva, all'isola dei famosi per esempio
    in effetti è vero.. oppure ogni tanto ci sono anche i giornali per ragazzine, ma non solo, con rubriche tenute da persone che si dichiarano psicologi e danno consigli a tutti
    "Ogni volta che una cellula nervosa muore abbiamo un neurone in meno per pensare."
    (M. Bear, B. Connors, M. Paradiso, "Neuroscienze, Esplorando il cervello", trad. it. a cura di C. Casco e L. Petrosini)




  8. #8
    Postatore Epico L'avatar di kyoko226
    Data registrazione
    05-10-2006
    Residenza
    cagliari
    Messaggi
    17,569
    grazie captivesoul!sei stata gentile e molto dettagliata! tranquilla nn mi hai demoralizzata..so che la strada nn è facile e cmq qualsiasi ambito è difficoltoso in psicologia! cmq la speranza è l'ultima a morire!!

  9. #9
    Ghiotto patato ಠ_ಠ L'avatar di Biz
    Data registrazione
    16-10-2004
    Residenza
    Topadilegnopoli
    Messaggi
    23,702
    Avete tralasciato la formazione
    "Guardatemi, signori...sono un uomo di sessant'anni e ho il corpo di un ragazzino.Ce l'ho in frigo."
    This is a blog
    This is not a link.

  10. #10
    Partecipante Assiduo L'avatar di manuela22
    Data registrazione
    29-09-2006
    Messaggi
    193
    cosa si può fare in ambito di formazione?

    scusate, io conosco un ragazzo laureato in ingegneria (triennale) che fa il proff in un istituto professionale, senza specializzazione ne siss...bohh..... (fra l 'altro sempre all'interno di questo forum leggevo che volevo abolire il siss con il governo in viglore, chissà se è vero)

  11. #11
    L'avatar di Duccio
    Data registrazione
    25-06-2002
    Residenza
    Firenze
    Messaggi
    8,910
    L'ambito della formazione e' forse l'ambito piu' interessante e creativo della psicologia del lavoro..In termini spiccioli lo psicologo della formazione e' quello che viene chiamato ad esempio in azienda per tenere un corso per riqualificare il personale...Quindi deve progettare e tenere il corso in base alle caratteristiche dei suoi interlocutori e dell'azienda....Per fare un esempio....

  12. #12
    Partecipante Assiduo L'avatar di manuela22
    Data registrazione
    29-09-2006
    Messaggi
    193
    cito dal suddetto sito:

    Percorsi professionali, formazione e titoli richiesti
    Nonostante, allo stato attuale, per i Formatori non esista un percorso universitario consolidato, per svolgere questa professione è preferibile essere laureati (ad esempio in sociologia, psicologia, scienze dell'educazione, lettere). Allo stato attuale tuttavia questo titolo di studio è ancora poco diffuso: da un'indagine realizzata dall'ISFOL risulta come solo il 26% dei formatori sia in possesso di una laurea e questo anche perché il Contratto collettivo nazionale di lavoro valido per i formatori che operano alle dipendenze di enti pubblici prevede come requisito minimo (ma, ad oggi, sufficiente) per l'accesso il possesso del diploma di scuola secondaria superiore

    BELLO QUESTO!!!:/
    .................................................. .........


    E' inoltre necessario seguire corsi di formazione per formatori presso enti specializzati e fare un periodo di pratica sul campo, affiancandosi a chi è già esperto........................................... ...................


    non ho ben capito, quindi, bisognerebbe fare un master o un semplice corso?e dove ci si informa?

  13. #13
    psychologo
    Ospite non registrato
    non capisco mai
    ma con laurea si intende anche quella di 3 anni?

  14. #14
    L'avatar di Duccio
    Data registrazione
    25-06-2002
    Residenza
    Firenze
    Messaggi
    8,910
    Beh anche querlla triennale er' una laurea...Ma da un punto di vista lavorativo e' poco piu' di un diploma... dato che nel campo non si puo' fare niente.... In genere ora per distinguerla si usa dire laurea magistrale e dottore magistrale per il laureato quinquennale

  15. #15
    Bambi82
    Ospite non registrato
    c'è anche lo psicologo dello sport, quello che lavora in centri benessere se non sbaglio, e quello ospedaliero. Per quanto mi riguarda mi piacerebbe molto lavorare in ospedale o in qualche comunità. Poi c'è lo psicologo del turismo...qualcuno mi sa dire cosa fa in concreto?

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo

Privacy Policy