• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 17

Discussione: l'ingenuità

  1. #1
    Partecipante Leggendario L'avatar di pinga
    Data registrazione
    09-02-2002
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    2,111

    l'ingenuità

    ultimamente mi scopro ingenua. penso che il mondo sia più buono di quel che penso e così me la prendo nel c... mi fido, soprattutto delle persone con cui lavoro e dei miei superiori, ma poi mi rendo conto che non è oro quello che luccica e che vengo sfruttata per la mia laboriosità o generositò o concessività.
    qual'è l'equilibrio giusto per evitare di essere troppo paranoici o troppo ingenui?
    qual'è? dis is mai destini?

  2. #2
    Postatore OGM L'avatar di chiocciolina4
    Data registrazione
    12-04-2005
    Residenza
    Napoli
    Messaggi
    4,820
    dovresti chiederti perchè le persone fanno quello che fanno...perchè il mio capo mi ha chiesto di fare una certa cosa? A che gli serve, che tornaconto ha? Questo è un esempio, e senza diventare paranoici.

    Un vero amico ti pugnala sempre di fronte. (O. Wilde)

    Perchè per un uomo la psicoanalisi dura meno? Non c'è bisogno di regredire all'infanzia.

    Non sono cattiva, è che mi disegnano così...! -->

    Membro del Club del Giallo e addetta all'ufficio promozione e marketing - Tessera n° 2
    (Guardiana radar del gruppo insieme a RosaDiMaggio )

    Vieni a trovarci al social group!

  3. #3
    Partecipante Figo L'avatar di Codename47
    Data registrazione
    11-03-2006
    Residenza
    GOMORRA - in attesa che Dio la distrugga
    Messaggi
    842
    Blog Entries
    12

    Re: l'ingenuità

    Originariamente postato da pinga
    ultimamente mi scopro ingenua. penso che il mondo sia più buono di quel che penso e così me la prendo nel c... mi fido, soprattutto delle persone con cui lavoro e dei miei superiori, ma poi mi rendo conto che non è oro quello che luccica e che vengo sfruttata per la mia laboriosità o generositò o concessività.
    qual'è l'equilibrio giusto per evitare di essere troppo paranoici o troppo ingenui?
    qual'è? dis is mai destini?
    Welcome to the World, Pinga!

    in realtà è molto semplice orientarsi, basta sapere che tutti agiscono per il loro tornaconto personale e che fanno il tuo bene solo se questo gli permette poi di raggiungere il loro.

    Un esempio:
    una ragazza bellissima che non mi aveva mai considerato, un giorno mi chiama:
    "ciaoooooooooo, come stai??????da quanto tempo non ci sentiamo??????? mi sono detta 'fammi chiamare Luca, vediamo che sta facendo'! .....ah, ho saputo che sei andato molto bene all'esame tal dei tali...non è che daresti una mano?"

  4. #4
    Angelus_Laguna
    Ospite non registrato
    ti offro anche la mia ricetta, testata e aggiornata sino a l'altro ieri.

    Entri in contatto con una persona che ha bisogno della tal cosa e tu puoi farla.
    1) quello che puoi fare perchè ritieni giusto lo fai tenendo a mente che VA FATTO CMQ perchè lo ritieni giusti.
    2)valuti i risultati. Se le persone a cui fai del bene sono brave a prendere ma ti prendono per un oggetto da usare, fallo notare garbatemente e vedi se il rapporto cambia.
    3) se il rapporto cambia, dopo discorsi dopo aver capito cosa c'era dentro la testolina puoi valutare da te se ne vale la pena o meno, e puoi anche ricominciare il "ciclo".
    3.bis)Se invece, dopo che ti prendi settimane di lagne e appena parli tu ti sputano in un occhio, sentiti libera di mandarle gentilmente dall'antagonista del creatore.
    4) Vivi la tua vita andando avanti.

    E' buona norma essere lesti nell'abbassare la considerazione e la stima delle persone in base alle loro cattive azioni, avendo però premura di aver capito bene le sue motivazioni e averci interagito prima nel modo più positivo possibile.

  5. #5
    Postatore Epico L'avatar di Alesxandra
    Data registrazione
    07-02-2005
    Messaggi
    10,618
    Blog Entries
    4

    Re: l'ingenuità

    Originariamente postato da pinga
    ultimamente mi scopro ingenua. penso che il mondo sia più buono di quel che penso e così me la prendo nel c... mi fido, soprattutto delle persone con cui lavoro e dei miei superiori, ma poi mi rendo conto che non è oro quello che luccica e che vengo sfruttata per la mia laboriosità o generositò o concessività.
    qual'è l'equilibrio giusto per evitare di essere troppo paranoici o troppo ingenui?
    qual'è? dis is mai destini?
    si chiama ottimismo irrealistico, e molti di noi ce l'hanno....ma non è detto che sia un male....anzi... Comunque il fatto che tu abbia preso consapevolezza di questa cosa non ti rende affatto ingenua come credi. E' vero che ognuno agisce per interesse personale, ma qualcuno con una coscienza e dei sentimenti autentici esiste ancora e ogni tanto magari ne incontriamo qualcuno. Tu pensa a comportarti in una maniera che può farti essere fiera di te stessa, facendo notare agli altri che non sei una stupida che non si rende conto di essere sfruttata ecc....lo vede eccome, ma ci passa sopra con dignità. A quel punto saranno gli altri a sentirsi delle merde.....

  6. #6
    *melyxa*
    Ospite non registrato
    Per mia esperienza personale posso dirti che in tutti gli ambienti dove ti trovi ad interagire con persone con non ti sei scelta tu, ti ritroverai sempre a scontrarti con falsità, sgomitate per apparire più avanti di te, lecchinaggio, chiacchiere...e quant'altro!!! Un segreto,..fare buon viso a cattivo gioco con tutti..mantieni rapporti civili con tutti, per te stessa!! Perchè se ti prendono sott'occhio, soprattutto nell'ambiente lavorativo, ti rendono la vita impossibile!!! Ovviamente il tutto finchè non ti pestano i piedi! Lì ti fai sentire, sempre con diplomazia, ma gli fai capire di stare al posto loro!!!
    Tanto la vita è così..i rapporti veramente autentici sono pochissimi...purtroppo bisogna essere smaliziati, e tu stai cominciando a capire come funziona...

  7. #7
    Postatore Epico L'avatar di euphoria
    Data registrazione
    26-11-2006
    Residenza
    in una vita nuova
    Messaggi
    10,110
    Blog Entries
    8
    bah sono del parere che fidarsi è bene, non fidarsi è molto meglio.Lo sperimento 24ore al giorno.Quando una tua"amica" ti fa4moine affinchè gli presti1libro e se te hai bisogno di lei: do not disturb!!Quanto te sei disponibile ad ascoltare le persone, ma loro ti ignorano alla grande perchè non sei assolutamente in grado di RISOLVERE un loro problema e del tuo quantomento conforto e/o punto di vista non sanno da dove disfarsene.Oppure ti cercano per lamentarti con te degli altri , o degli altri con te.L'ottimismo aiuta relativamente nelle relazioni interpersonali.Rappresenti un punto di riferimento per loro fin quando riesci a soddisfare i loro comodi, nel momento in cui notano che tu alla fin fine non sei DIO, forse sono stata 1po cruda , ma è una cosa con cui imparo a conviverci
    Libera d'esser libera di poter essere... [ return ]




    La vita del puntuale è un inferno di solitudini immeritate.

    la certezza è il lusso di chi non è coinvolto

  8. #8
    Postatore Epico L'avatar di Alesxandra
    Data registrazione
    07-02-2005
    Messaggi
    10,618
    Blog Entries
    4
    Scusa ma io non la penso così......vi fate prendere da un pessimismo esagerato..... Non sono tutti così come hai descritto tu, e io posso testimoniarlo! Non vi abbattete pensando che nel mondo sono tutte bestie cattive........

  9. #9
    Angelus_Laguna
    Ospite non registrato
    Originariamente postato da Alesxandra
    Scusa ma io non la penso così......vi fate prendere da un pessimismo esagerato..... Non sono tutti così come hai descritto tu, e io posso testimoniarlo! Non vi abbattete pensando che nel mondo sono tutte bestie cattive. ........
    ci sono anche i domatori!

  10. #10
    Postatore Compulsivo L'avatar di riversky
    Data registrazione
    05-07-2005
    Residenza
    Milano
    Messaggi
    3,984
    Blog Entries
    1

    Re: l'ingenuità

    Originariamente postato da pinga
    ultimamente mi scopro ingenua. penso che il mondo sia più buono di quel che penso e così me la prendo nel c... mi fido, soprattutto delle persone con cui lavoro e dei miei superiori, ma poi mi rendo conto che non è oro quello che luccica e che vengo sfruttata per la mia laboriosità o generositò o concessività.
    qual'è l'equilibrio giusto per evitare di essere troppo paranoici o troppo ingenui?
    qual'è? dis is mai destini?
    Pinguotta, io, ingenua per natura
    (tanto da meritare le meravigliose osservazioni:
    -ma vivi nel mondo dei puffi!
    -Che svampita! -vabbè, quest'ultima solo da parte delle colleghe invidiose di quando facevo la commessa imbranata per la vodafone... e le mie amicotte che mi vogliono bene e lo dicono per scherzare... )
    moralista per educazione, onesta per dna (i miei sono l'unica famiglia che paga ancora il canone rai.... ) sognatrice in quanto iperprotetta, ho trovato questa soluzione:

    Fiducia massima per le relazioni di amicizia-affettività (non le concepisco altrimenti).
    Fiducia commisurata alle esperienze precedenti per quanto riguarda la situazione lavorativa(cioè, non racconto tutto quello che penso, tipo che vorrei cambiare lavoro non appena trovo qs di meglio, anche se il collega mi sta tanto tanto simpatico e mi da' l'impressione che non lo riferirà mai al capo), ma neanche vivo i potenziali colleghi/capi come nemici pronti a farmi le scarpe...non vivrei più!
    Ovviamente, alla prima delusione....out! Le persone in querstione perdono totalmente/completamente la mia fiducia.... con qualche generalizzazione. Non mi posso permetterle di farle sbagliare ancora, appunto perchè so' di essere un po' ingenuotta e mi piace potermi fidare di chi ho a fianco.

    In questo modo, non sforzo la mia natura, vivo molto più tranquilla e in pace con me stessa e limito le batoste(senza fare torti inutili ).

    Ti faccio un esempio di generalizzazione in ambito lavorativo: lavoravo come educatrice per una cooperativa, contratto a progetto. Nel bel mezzo dell'anno scolastico mi licenziano, da un giorno all'altro, perchè la preside della scuola dove lavoravo decide di applicare la legge Moratti e quindi di abolire il tempo a Modulo. A settembre inizio a lavorare per un'altra cooperativa, che mi propone un contratto a progetto (in cui sono licenziabile da un giorno all'altro) chiedendomi, però, l'impegno per tutto l'anno scolastico perchè "sono bambini, poverini, sai quanto è importante la continuità della presenza della figura educativa" (....il mio stipendio no, eh? ... ) .

    Quando mi hanno proposto il lavoro attuale(pagato 4 volte tanto poichè avevo accettato poche ore), credi che mi sia fatta qualche scrupolo a interrompere la collaborazione?....
    Da un giorno all'altro, come regolarmente sancito dal contratto.

    capisci? farsi inc una volta è umano... perseverare è da stupidi!

    Almeno, io la penso così. non cambio il mio modo di essere e i miei principi perchè la società mi vuole più combattiva....
    Ultima modifica di riversky : 25-04-2007 alle ore 18.57.07
    "The road of excess leads to the palace of Wisdom..." W. Blake



    Il mio primo blog!!!

  11. #11
    Partecipante Super Esperto L'avatar di urd
    Data registrazione
    13-12-2002
    Residenza
    Bari
    Messaggi
    670
    beh. bisogna vedere se sei una di quelle persone votate al martirio .
    DE-PRESS (ora meno de-press)

  12. #12
    Postatore Compulsivo L'avatar di riversky
    Data registrazione
    05-07-2005
    Residenza
    Milano
    Messaggi
    3,984
    Blog Entries
    1
    edito perchè non avevo capito l'int. di urd:
    Urd, non lo so', fino a poco tempo fa' essere molto disponibili, come pinga, era ricompensato, dai datori di lavoro, adesso che c'è un'offerta di lavoratori superiore a quella che è la domanda, alcuni datori di lavoro tendono ad approfittarsene...
    però non credo che questo voglia dire essere votati al martirio...
    magari, ad essere troppo fiduciosi e disponibili si rischia di farsi mettere i piiedi in testa, ma si non si hanno altri difetti che le persone poco disponibili non hanno...

    nessuno ha il carattere perfetto, credo che la cosa importante sia individuare i propri limiti ed impegnarsi per correggerli...
    Ultima modifica di riversky : 05-05-2007 alle ore 16.43.15
    "The road of excess leads to the palace of Wisdom..." W. Blake



    Il mio primo blog!!!

  13. #13
    Partecipante Leggendario L'avatar di pinga
    Data registrazione
    09-02-2002
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    2,111
    scusate l'assenza da questo post. vi ringrazio molto per le vostre risposte

    in realtà, non era un discorso specifico ma molto generale. semplicemente io non riesco ad essere paranoica con le persone. nel senso che non posso sempre diffidare da tutti però certamente quando una persona se ne approfitta di me, sia che lo capisco subito che dopo tempo, non voglio più averci molto a che fare.
    non credo di esser votata al martirio, suvvia, questa è un'esagerazione bella e buona. semplicemente mi piacerebbe trovare una via di mezzo equilibrata tra le due cose.
    quello di angelus_laguna è un ottimo approccio, così anche l'esempio di riversky. sarà... spero di poter evitare di caderci di nuovo in futuro

  14. #14
    Postatore Epico L'avatar di euphoria
    Data registrazione
    26-11-2006
    Residenza
    in una vita nuova
    Messaggi
    10,110
    Blog Entries
    8
    io invece ho sviluppato non so se definirlo come una sorta di diffidenza.....comunque quando conosco le persone devo fare delle"ricerche"per conto mio....a loro insaputa mi viene spontaneo e se gli altri si comportano a loro volta in questo modo con me...sono ben contenta"verba volant"
    Libera d'esser libera di poter essere... [ return ]




    La vita del puntuale è un inferno di solitudini immeritate.

    la certezza è il lusso di chi non è coinvolto

  15. #15
    Postatore Compulsivo L'avatar di scoutina87
    Data registrazione
    17-03-2006
    Messaggi
    3,910
    Blog Entries
    7
    per quanto mi riguarda io prima ero mooooooooooolto ingenua,mi fidavo di tutti e ho pagato a mie spese questa ingenuita' adesso sono l'opposto non mi fido facilmente delle persone o per lo meno mi fido dopo molto tempo e fino ad ora poche volte sono rimasta delusa da quando ho attuato questo comportamento o comunque molto di meno rispetto a prima
    “È la cattiveria il collante che tiene insieme gli uomini. Chi non ne ha abbastanza si distacca”(Schopenhauer)

    Non sono acida,sono diversamente ironica

    Il cervello non e' un nemico..........usalo ogni tanto

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo

Privacy Policy