• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 14 di 14
  1. #1
    Partecipante Veramente Figo
    Data registrazione
    24-08-2006
    Messaggi
    1,145

    iscrizione all'università e contributi pensionistici

    Mi era giunta voce che l'iscrizione all'università comportasse il vantaggio del versamento di minimi contributi a fini pensionistici.

    vi risulta??? è così???

  2. #2
    psychologo
    Ospite non registrato
    no :o

    ma non è un po' presto per pensare alla pensione?

  3. #3
    Partecipante Veramente Figo
    Data registrazione
    24-08-2006
    Messaggi
    1,145
    Originariamente postato da psychologo
    no :o

    ma non è un po' presto per pensare alla pensione?
    vabbè che c'entra...

    Personalmente se mi versassero dei contributi a causa dell'iscrizione all'università non ci rimarrei certo male

    Comunque davvero, mi era giunta una voce abbastanza attendibile riguardo al fatto che c'era questo vantaggio!!!!

  4. #4
    Postatore Compulsivo L'avatar di LuisaMiao
    Data registrazione
    07-02-2005
    Residenza
    Monza
    Messaggi
    3,204
    allora, tu puoi farti riconoscere gli anni di università ai fini della pensione. ma dopo che ti sei laureata, fai richiesta all'INPS che ti calcola i contributi da versare. oggigiorno però non è una grande convenienza: il calcolo arriva in fretta e i soldi da tirar fuori son davvero tanti. anche perchè cmq quando vai in pensione (col metodo di ora, finché non cambiano idea) valgono i soldi versati e non gli anni...
    Não sei o motivo pra ir
    só sei que não posso ficar
    não sei o que vem a seguir
    mas quero procurar.
    (Mafalda Veiga)

    Il mio blog

  5. #5
    Partecipante Veramente Figo
    Data registrazione
    24-08-2006
    Messaggi
    1,145
    Originariamente postato da LuisaMiao
    allora, tu puoi farti riconoscere gli anni di università ai fini della pensione. ma dopo che ti sei laureata, fai richiesta all'INPS che ti calcola i contributi da versare. oggigiorno però non è una grande convenienza: il calcolo arriva in fretta e i soldi da tirar fuori son davvero tanti. anche perchè cmq quando vai in pensione (col metodo di ora, finché non cambiano idea) valgono i soldi versati e non gli anni...
    azz, non avevo capito che funzionava così...
    grazie sei stata chiarissima

  6. #6
    L'avatar di Duccio
    Data registrazione
    25-06-2002
    Residenza
    Firenze
    Messaggi
    8,912
    Originariamente postato da LuisaMiao
    allora, tu puoi farti riconoscere gli anni di università ai fini della pensione. ma dopo che ti sei laureata, fai richiesta all'INPS che ti calcola i contributi da versare. oggigiorno però non è una grande convenienza: il calcolo arriva in fretta e i soldi da tirar fuori son davvero tanti. anche perchè cmq quando vai in pensione (col metodo di ora, finché non cambiano idea) valgono i soldi versati e non gli anni...
    Ciao Luisa, io invece non ho capito una cosa... cioe' praticamente per avere dei contributi nella pensione derivanti dall'aver fatto l'universita' ed esserti laureato devi versare dei contributi all'INPS che poi saranno calcolati ai fini della pensione?? Non mi sembra molto conveniente in effetti...Cmq bene a sapersi, anche se il gioco non vale la candela mi sa... non avevo mai sentito questa cosa....

  7. #7
    Postatore Compulsivo L'avatar di LuisaMiao
    Data registrazione
    07-02-2005
    Residenza
    Monza
    Messaggi
    3,204
    allora, una volta era davvero conveniente: una volta laureato richiedevi all'INPS di farti il calcolo dei contributi da versare. viene fatto sulla prima busta paga che tu presenti con la documentazione e loro ci mettevano anni e anni (pensa che amio padre ci hanno messo 15 anni e rotti per dirglielo). così quando ti arrivava, pagavi niente (tra l'aumento del costo della vita e il fatto che, almeno in teoria, il tuo stipendio era salito in quegli anni) e ti trovavi 4 o 5 anni da parte per la pensione. la stessa cosa veniva fatta per il militare. e ciò voleva dire lavorare anni in meno dopo.
    ma adesso non è più così. il calcolo lo fanno in fretta (forse hanno capito che ci smenavano), i soldi son tantini. in fondo versi come se avessi lavorato quegli anni... solo che tu non hai guadagnato...

    spero di essere stata chiara
    Ciao!
    Não sei o motivo pra ir
    só sei que não posso ficar
    não sei o que vem a seguir
    mas quero procurar.
    (Mafalda Veiga)

    Il mio blog

  8. #8
    L'avatar di Duccio
    Data registrazione
    25-06-2002
    Residenza
    Firenze
    Messaggi
    8,912
    Ritiro su l argomento perche- ne ho parlato ieri con un mio amico un po piu esperto di me...Praticamente mi ha detto che e- vero che e- caro...paghi 5 anni di contributi...ma alla fine e- cmq molto conveniente ai fini della pensione... lo hara- lui appena avra un po di soldi e avra cominciato a guadagnare bene e l ha fatto anche la sua mamma a suo tempo...Piu- che altro dice che adesso dovrebbero cambiare la legge per permettere di agevolare questa cosa e di renderla meno costosa...sempre che non cada prima il governo...

  9. #9
    Partecipante Veramente Figo
    Data registrazione
    09-05-2007
    Residenza
    liguria
    Messaggi
    1,277
    Non vorrei creare delusione ma ho di recente telefonato all'ENPAP per avere istruzioni al riguardo e mi hanno risposto che per il momento l'Ordine degli Psicologi non lo prevede quindi non si può fare.


    Non so provate a chiamare anche voi il n. verde ma credo che sia proprio così per gli Psicologi in Italia non é ancora possibile riscattare gli anni universitari

  10. #10
    Partecipante Affezionato L'avatar di glassina
    Data registrazione
    15-06-2007
    Residenza
    busto arsizio
    Messaggi
    95
    Originariamente postato da tanatoss
    Non vorrei creare delusione ma ho di recente telefonato all'ENPAP per avere istruzioni al riguardo e mi hanno risposto che per il momento l'Ordine degli Psicologi non lo prevede quindi non si può fare.


    Non so provate a chiamare anche voi il n. verde ma credo che sia proprio così per gli Psicologi in Italia non é ancora possibile riscattare gli anni universitari
    Ma dai, che fuffa! Scusa, ma se c'entra davvero l'ordine, tutti quelli che laureano in filosofia, lettere, sc.della comunicazione, sc.politiche e quant'altro che fanno? Se loro possono perchè gli psicologi no???

  11. #11
    Partecipante Veramente Figo
    Data registrazione
    09-05-2007
    Residenza
    liguria
    Messaggi
    1,277
    Le gentili sig.ne dell'ENPAP mi hanno spiegato che il numero degli psicologi in Italia non è come quello dei medici, avvocati, notai e ingegneri.
    Ossia: siamo troppo pochi (é un paradosso secondo me)!!!

    Queste categorie possono invece procedere al riscatto degli anni di Laurea e, non solo, anche di Specializzazione (lo dico perché lo so con certezza)

    Sono rimasta sbigottita come te però é ciò che mi hanno detto

  12. #12
    L'avatar di Duccio
    Data registrazione
    25-06-2002
    Residenza
    Firenze
    Messaggi
    8,912
    Guarda che non credo centri molto l ordine...e- una cosa nazionale che vale cmq per chi versa contributi all inps...l- importante e- essere stati iscritti all universita e finito...Ti contano i 5 anni di tasse versate...che sono versate all ateneo non a psicologia...quindi non credo che centri niente l-ordine.... Boh mi sembra strano

  13. #13
    Postatore Compulsivo L'avatar di LuisaMiao
    Data registrazione
    07-02-2005
    Residenza
    Monza
    Messaggi
    3,204
    Il punto è che se tu li versi all'INPS e poi li devi portare all'ENPAP devi avere almeno 6 anni di contributi versati. Se no raggiungi il limite, non li puoi portare sull'altro ente e così li perdi.

    Non è vietato, solo che non è così facile farlo. Dipende comunque da il caso di ognuno.
    Não sei o motivo pra ir
    só sei que não posso ficar
    não sei o que vem a seguir
    mas quero procurar.
    (Mafalda Veiga)

    Il mio blog

  14. #14
    L'avatar di Duccio
    Data registrazione
    25-06-2002
    Residenza
    Firenze
    Messaggi
    8,912
    Allora mi sono informato tramite psicologi iscritti all'ordine che conosco. Uno di questi ha gia' fatto valere gli anni universitari tanti anni fa... cmq mi ha confermato che prima costava meno ed era piu' facile....e lui lo ha fatto Un altro invece laureato qualche anno fa e iscritto all ordine mi ha detto che si era fatto fare il calcolo pochi anni fa e che veniva uno sproposito...Ovvero circa 20mila euro...si ho scritto bene ventimila euro di contributi da versare all'inps...Direi che al momento e' proprio sconveniente.... Magari e' bene pensarci molto piu' avanti..anche perche' a meno che uno non sia straricco...difficile avere 20mila euro cosi' a portata di mano.... poi tutto puo' essere .Perche' uno poi rischia a prescindere dal costo...di arrivare anche in pensione tardi...di spendere questi soldi...e poi...grattatina a parte...di non poterseli neanche godere e riprenderseli con la pensione....

Privacy Policy