• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 15

Discussione: Kundera

  1. #1
    Postatore Epico L'avatar di Alessia Va
    Data registrazione
    27-10-2003
    Residenza
    Lombardia
    Messaggi
    9,415
    Blog Entries
    315

    Kundera

    Parliamo di lui, vi prego
    Ho provato a cercare se c'erano altri topic a riguardo, e non ho trovato nulla. Spero di non duplicare.
    E' che mi sono resa conto che ho bisogno di condividerlo, di parlare....e non mi va di intasare "la biblioteca di Ops"

    Avete letto qualcosa di lui?
    Se si, cosa?

    Io avevo iniziato a conoscerlo con "L'identita'" mesi orsono, oddio sara' passato anche piu' di un anno ormai ...tempus fugit....
    In ogni caso, mi era piaciuto ma non ero riuscita a goderlo appieno come sto facendo ora con "L'immortalita' " di cui sono quasi alla fine.

    E' incredibile l'intreccio narrativo che riesce a creare. In questo romanzo ci sono storie dentro le storie, con grandi balzi ci si tuffa anche lui, diventando protagonista di se stesso, e con una grazia ineguagliabile riesce a rendere l'intreccio scorrevole, stimolante e ogni volta fresco e frizzante...mai banale....

    Un gabbiano di Nessundove io sono, nessun lido considero mia patria, nessun luogo, nessun posto a se mi lega; è di onda in onda invece che io volo


    Trova pace in cio’ che sei e dove ti trovi.
    Le persone spesso sanno gia’ cosa fare; a te spetta il compito di mostrare loro il modo......ecco la vera saggezza.
    (Eragon – C.Paolini)



  2. #2
    Postatore Epico L'avatar di Alessia Va
    Data registrazione
    27-10-2003
    Residenza
    Lombardia
    Messaggi
    9,415
    Blog Entries
    315
    ...e dal momento che gli sconti adelphi il 30 aprile finiscono, oggi ho fatto il bis:

    - L'insostenibile leggerezza dell'essere
    - Amori ridicoli

    C'era anche "Il valzer degli addii" che mi ispirava assai, ma era l'unica copia e aveva la copertina rovinata per cui passo al prossimo round.

    Ma son qui a parlare di Kundera, e dovrei essere a studiare...
    Via, sciò!

    a domani
    Un gabbiano di Nessundove io sono, nessun lido considero mia patria, nessun luogo, nessun posto a se mi lega; è di onda in onda invece che io volo


    Trova pace in cio’ che sei e dove ti trovi.
    Le persone spesso sanno gia’ cosa fare; a te spetta il compito di mostrare loro il modo......ecco la vera saggezza.
    (Eragon – C.Paolini)



  3. #3
    Postatore Epico L'avatar di Rae
    Data registrazione
    22-11-2003
    Residenza
    * sul ciglio di un equilibrio che non ho *
    Messaggi
    7,432
    Blog Entries
    20
    non ho tempo di recensire , ma provvedo presto.
    intanto aggiorno e dico che ho comprato praticamente i suoi ultimi due romanzi che mancavano alla mia collezione

    L'Ignoranza e La Lentezza.

    Ma contro i sentimenti siamo disarmati, poiché esistono e basta, e sfuggono ad una qualunque censura. Possiamo rimproverarci un gesto, una frase, ma non un sentimento: su di esso non abbiamo alcun potere.
    M. Kundera

    "Non siamo uomini di buona volontà se ci limitiamo a piangere ciò che si è perso, se ricordiamo solo ciò che non può più tornare. Lo saremo solo se diventiamo consapevoli di ciò che di meglio c'è in noi, di più vitale, e se seguiamo la voce di questa Coscienza" H.Hesse


    "Non sono cattiva.. è che mi disegnano così"
    Per gentile concessione del Lupo Solitario


    fondatrice con Ele* del f.c.f.c.[fancazziste fan club]con sede in una bella spiaggetta della Croazia...e con una nuova adepta!!Benarrivata Claudina!!


    ...La farfalla , si dice, non sa cos'è il dolore..vive un giorno felice..e poi per sempre muore....

  4. #4
    Postatore Epico L'avatar di Alessia Va
    Data registrazione
    27-10-2003
    Residenza
    Lombardia
    Messaggi
    9,415
    Blog Entries
    315
    Rae

    Finito ieri sera L'immortalita' . Che dire. Questo e' stato il libro del mio innamoramento totale Milan Kundera e' UNICO!
    Le sue parole ti entrano e lavorano dentro in modo assoluto e totale. A livello mentale, nutrono il tuo vocabolario e il ragionamento razionale. A livello emotivo tessono una trama di sentimenti e brividi emozionali. A livello Animico, parlano in quel linguaggio fatto di archetipi che solo questa parte di noi sa interpretare e a livello Spirituale ti portano su, verso cime incredibilmente pure e incontaminate.
    Vi assicuro, non e' una celebrazione tanto per dire...
    Chi non lo conosce dovrebbe provare.
    Magari partendo da uno di quelli piu' consistenti, perche' Kundera si apprezza a fondo e tanto di piu' quando si ha modo di seguire, sui romanzi lunghi, il suo stile narrativo e le sue invenzioni geniali.
    Mi fermo qui ora.
    E mi fermo anche un po' con lui.
    Ho l'insostenibile leggerezza dell'essere che attende sullo scaffale, ma dal momento che ogni personaggio e ogni emozione vissuta restano avvinghiati per un bel po' dentro l'Animo, ha da passare e diluire un po' di tempo...

    Magari, nei prossimi giorni, scrivero' qualcosina su questo libro appena letto.
    Non so come funziona, dovro' mettere lo spoiler immagino, vero? Si...perche' se qualcuno non l'ha letto ancora, non e' bello

    Un gabbiano di Nessundove io sono, nessun lido considero mia patria, nessun luogo, nessun posto a se mi lega; è di onda in onda invece che io volo


    Trova pace in cio’ che sei e dove ti trovi.
    Le persone spesso sanno gia’ cosa fare; a te spetta il compito di mostrare loro il modo......ecco la vera saggezza.
    (Eragon – C.Paolini)



  5. #5
    Partecipante Esperto L'avatar di Dottor Kyx
    Data registrazione
    26-07-2006
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    315
    Originariamente postato da Alessia Va

    Ho l'insostenibile leggerezza dell'essere che attende sullo scaffale,
    Non lo lasciare attendere troppo... è un libro spettacolare!!!
    "Vola solo chi osa farlo" L. Sepùlveda

    "Tu vedi cose che esistono e ti chiedi: Perché?
    Io sogno cose mai esistite e mi chiedo: Perché no?" G. B. Shaw

  6. #6
    Postatore Epico L'avatar di Rae
    Data registrazione
    22-11-2003
    Residenza
    * sul ciglio di un equilibrio che non ho *
    Messaggi
    7,432
    Blog Entries
    20
    Milan Kundera io lo adoro, è in assoluto ilmio scrittore preferito

    Di lui ho iniziato anni fa con L'insostenibile leggerezza dell'essere. Scoperto per caso grazie alla prof di filosofia del liceo, mi è piaciuto tantissimo,il rapporto tra sesso e amore è cantato in maniera sublime , ma non lo ricordo benissimo(devo rileggerlo ), quindi li la sua lettura è entrata in pausa.
    Sono tornata a lui dopo due anni, quando un'amica mi ha prestato L'Identità] , e li... lì..è stato AMORE
    L'Identità è incredibile, meraviglioso, centrato sulla coppia e l'individualità..
    In assoluto uno dei miei libri preferiti , e si nota anche dalla ia firma, presa proprio da L'Identità. L'ho letto e riletto ( alla fine me lo sono comprato )

    Lo Scherzo, regalatomi dalla Cla , stupendo, un'ironia beffarda e sottile, crudele a volte, racconta l'intero romanzo anziche essere raccontata, davvero eccezionale, e molto più "politico" de l'Identità.

    Poi è stata la volta de Il Valzer degli Addii, strutturalmente un'aaltra storia, diviso in 5 atti, molto molto interessante dal punto di vista stilistico, e letterario..dicono sia stato il libro la cui stesura ha divertito di più l'autore , ..beh è sempre lui, Kundera ti arricchisce, conduce il pensiero prendendolo per mano, le citazioni sono numerose, e in ogni parte si trova del nuovo ma la ricchezza non viene mai a mancare.

    Poi sono passata a L'Immortalità, splendido. splendido. splendido.

    Infine Amori Ridicoli, una raccolta di racconti davvero bella , come descrive il sentimento umano Kundera , non lo descrive nessuno.
    Ho trovato uno stile altrettanto ricercato solo in Mariàs finora, ma comunque Kundera rimane sempre il primo amore.

    L'ambientazione è sempre Praga, la repubblica Ceca, in alcuni romanzi la sua vita "politica" emerge di più, e diventa protagonista ( Lo scherzo, L'Immortalità), in altri canta i sentimenti ( L'Identità, Il Valzer degli addii, Amori Ridicoli), , L'Insostenibile è a sè , secondo me.

    Kundera è Kundera, e lo amo

    Ora in scaffale ho:
    * I Testamenti Traditi.
    * La Lentezza.
    * L'Ignoranza.


    Vi tengo aggiornati


    ---------------------------------------------------------------------------------
    Bibliografia di Milan Kundera

    L'uomo è un grande giardino (1953)
    Monologhi (1957)
    I proprietari delle chiavi (dramma, 1962)
    Amori ridicoli (1963, 1964)
    Lo scherzo (1967)
    Jacques e il suo padrone (1971)
    La vita è altrove (1973)
    Il valzer degli addii (1975)
    Il libro del riso e dell'oblìo (1978)
    L'insostenibile leggerezza dell'essere (1984)
    L'immortalità (1990)
    La lentezza (1995)
    L'identità (1997)
    L'ignoranza(2001).
    I testamenti traditi
    L'arte del romanzo
    Zert
    Ma contro i sentimenti siamo disarmati, poiché esistono e basta, e sfuggono ad una qualunque censura. Possiamo rimproverarci un gesto, una frase, ma non un sentimento: su di esso non abbiamo alcun potere.
    M. Kundera

    "Non siamo uomini di buona volontà se ci limitiamo a piangere ciò che si è perso, se ricordiamo solo ciò che non può più tornare. Lo saremo solo se diventiamo consapevoli di ciò che di meglio c'è in noi, di più vitale, e se seguiamo la voce di questa Coscienza" H.Hesse


    "Non sono cattiva.. è che mi disegnano così"
    Per gentile concessione del Lupo Solitario


    fondatrice con Ele* del f.c.f.c.[fancazziste fan club]con sede in una bella spiaggetta della Croazia...e con una nuova adepta!!Benarrivata Claudina!!


    ...La farfalla , si dice, non sa cos'è il dolore..vive un giorno felice..e poi per sempre muore....

  7. #7
    Postatore Epico L'avatar di Rae
    Data registrazione
    22-11-2003
    Residenza
    * sul ciglio di un equilibrio che non ho *
    Messaggi
    7,432
    Blog Entries
    20
    Milan Kundera è nato a Brno, nell'attuale repubblica Ceca il giorno 1 aprile 1929. Suo padre Ludvik era un pianista e lo stesso Kundera da giovane è stato per un breve periodo un musicista jazz. D'altronde, la cultura musicale è sempre stata presente nella sua riflessione e nella sua formazione, avendo studiato sia filosofia che musica a Praga. Si è però laureato nel 1958 presso la facoltà di arti cinematografiche "AMU" dove ha insegnato successivamente letteratura mondiale.

    Iscritto, da studente, due volte al partito comunista, nel '48 fu espulso a causa delle sue idee che non seguivano le linee ufficiali del partito. Inoltre, la sua partecipazione al movimento di riforma della "Primavera di Praga" gli costò la cittadinanza cecoslovacca e il licenziamento. Espulso dal suo Paese, si è trasferito in Francia, dove ha insegnato all'Università di Rennes e a Parigi, dove tuttora vive e lavora. Ha comunque continuato a scrivere in ceco (a parte gli ultimissimi romanzi), nonostante che le sue opere fossero proibite in patria, fino al crollo del regime filo-sovietico.

    Negli anni della sua formazione, comunque, prima di dedicarsi alla letteratura e al cinema, lavorò anche da manovale. Già negli anni Cinquanta aveva scritto alcune raccolte di poesie, ma ottenne vasto successo con la serie di racconti "Amori ridicoli" (1963, 1964), straordinari per l'ironia corrosiva (anche nei confronti del regime), e la capacità di sviluppare le storie in circoncentrici paradossi.
    Nel '62 debutta invece come drammaturgo con "I proprietari delle chiavi", ambientato nel periodo dell'occupazione nazi-fascista. Del 1967 è il suo primo romanzo, il potente "Lo scherzo", satira dolorosa della realtà cecoslovacca negli anni del culto della personalità stalinista. La pubblicazione del romanzo fu uno degli eventi letterari della cosiddetta Primavere di Praga del '68 e il libro vinse anche il premio dell'Unione Scrittori Cechi.

    Dopo esordi così promettenti, Kundera ha pubblicato altri bellissimi romanzi, rinvigorendo con la sua prosa la più alta tradizione del romanzo europeo, in specie con l'invenzione tutta kunderiana del saggio-romanzo, consistente appunto in una mescolanza, in una sorta di ibrido della forma saggio con la forma romanzo (di cui si ha un esempio vertiginoso nel "L'immortalità").

    Sul piano letterario, questa ibridazione porta l'autore ceco a costellare i suoi romanzi di riflessioni e ricognizioni filosofiche davvero sorprendenti e profonde. Fra gli altri suoi libri, si ricordano: "La vita è altrove", (Premio Medicis come miglior libro straniero pubblicato in Francia), "Il valzer degli addii", "Il libro del riso e dell'oblìo" e soprattutto il romanzo a cui il suo nome è più legato "L'insostenibile leggerezza dell'essere", in cui si fondono mirabilmente storia, autobiografia e intrecci sentimentali. Questo libro, forse anche grazie al suo titolo particolarmente azzeccato ed evocativo, gli ha conferito un'ampia popolarità, testimoniata anche da una, poco riuscita, riduzione cinematografica.

    Nel 1981 Milan Kundera ha vinto il Commonwealth Award per la carriera insieme con Tennesee Williams. Ha anche ricevuto il premio Mondello per il testo teatrale "Jaques e il suo padrone" e il Jerusalem Prix.
    Come critico e saggista, ha contribuito a diffondere la cultura e gli autori più interessanti del suo paese nell'occidente europeo.

    Fonte: http://biografie.leonardo.it
    Ultima modifica di Rae : 02-05-2008 alle ore 17.13.00
    Ma contro i sentimenti siamo disarmati, poiché esistono e basta, e sfuggono ad una qualunque censura. Possiamo rimproverarci un gesto, una frase, ma non un sentimento: su di esso non abbiamo alcun potere.
    M. Kundera

    "Non siamo uomini di buona volontà se ci limitiamo a piangere ciò che si è perso, se ricordiamo solo ciò che non può più tornare. Lo saremo solo se diventiamo consapevoli di ciò che di meglio c'è in noi, di più vitale, e se seguiamo la voce di questa Coscienza" H.Hesse


    "Non sono cattiva.. è che mi disegnano così"
    Per gentile concessione del Lupo Solitario


    fondatrice con Ele* del f.c.f.c.[fancazziste fan club]con sede in una bella spiaggetta della Croazia...e con una nuova adepta!!Benarrivata Claudina!!


    ...La farfalla , si dice, non sa cos'è il dolore..vive un giorno felice..e poi per sempre muore....

  8. #8
    Super Postatore Spaziale L'avatar di Chiaraaaaaa
    Data registrazione
    17-01-2007
    Messaggi
    2,559
    L'insostenibile leggerezza dell'essere...........

    a parte il fatto che mi ha davvero sorpresa

    l'ho visto come la migliore (leggera eppure pungente) descrizione "sociologica" della cortina di ferro lato URSS, vista dalla prospettiva di due individui (e due individui per un ideologia collettista sono pochi pochi)

    qualcuno avrebbe dovuto scrivere un libro gemello sull'altro versante della cortina

  9. #9
    Postatore Epico L'avatar di Alessia Va
    Data registrazione
    27-10-2003
    Residenza
    Lombardia
    Messaggi
    9,415
    Blog Entries
    315
    Chiara, io quello ancora non 'ho letto (aspetta sula mensola).

    L'immortalita' - l'hai letto?
    Un gabbiano di Nessundove io sono, nessun lido considero mia patria, nessun luogo, nessun posto a se mi lega; è di onda in onda invece che io volo


    Trova pace in cio’ che sei e dove ti trovi.
    Le persone spesso sanno gia’ cosa fare; a te spetta il compito di mostrare loro il modo......ecco la vera saggezza.
    (Eragon – C.Paolini)



  10. #10
    Super Postatore Spaziale L'avatar di Chiaraaaaaa
    Data registrazione
    17-01-2007
    Messaggi
    2,559
    no non l'ho letto, ma non ti nascondo che da quando ho letto i vari post mi è venuta voglia di approfondire la conoscenza di Kundera!

  11. #11
    Postatore Epico L'avatar di Alessia Va
    Data registrazione
    27-10-2003
    Residenza
    Lombardia
    Messaggi
    9,415
    Blog Entries
    315
    L'immortalita' E' molto bello
    A me fa impazzire il fatto che si sia tuffato lui stesso dentro la storia, diventandone a sua volta protagonista
    Poi e' come una matrioska....storie, dentro storie, dentro storie....
    Leggendolo, se ancora non l'hai fatto, ti innamorerai di Goethe

    si...
    spoiler (evidenzia per vedere il testo):
    la storia tra Bettina e Goethe e' favolosa!!! Poi scoprire pure che questa ragazza e' esistita veramente...era diabolica E ci avrei scommesso che avrebbe contraffatto le lettere, per pubblicarle, calcandole maggiormente nei punti...caldi....
    Un gabbiano di Nessundove io sono, nessun lido considero mia patria, nessun luogo, nessun posto a se mi lega; è di onda in onda invece che io volo


    Trova pace in cio’ che sei e dove ti trovi.
    Le persone spesso sanno gia’ cosa fare; a te spetta il compito di mostrare loro il modo......ecco la vera saggezza.
    (Eragon – C.Paolini)



  12. #12
    Partecipante Super Esperto L'avatar di persefone78
    Data registrazione
    17-03-2005
    Residenza
    roma
    Messaggi
    683
    ho iniziato a leggere il VALZER DEGLI ADDII e in poco più di un'ora ho divorato quasdi cento pgini..troppo bello

  13. #13
    Postatore Epico L'avatar di Rae
    Data registrazione
    22-11-2003
    Residenza
    * sul ciglio di un equilibrio che non ho *
    Messaggi
    7,432
    Blog Entries
    20
    Ma contro i sentimenti siamo disarmati, poiché esistono e basta, e sfuggono ad una qualunque censura. Possiamo rimproverarci un gesto, una frase, ma non un sentimento: su di esso non abbiamo alcun potere.
    M. Kundera

    "Non siamo uomini di buona volontà se ci limitiamo a piangere ciò che si è perso, se ricordiamo solo ciò che non può più tornare. Lo saremo solo se diventiamo consapevoli di ciò che di meglio c'è in noi, di più vitale, e se seguiamo la voce di questa Coscienza" H.Hesse


    "Non sono cattiva.. è che mi disegnano così"
    Per gentile concessione del Lupo Solitario


    fondatrice con Ele* del f.c.f.c.[fancazziste fan club]con sede in una bella spiaggetta della Croazia...e con una nuova adepta!!Benarrivata Claudina!!


    ...La farfalla , si dice, non sa cos'è il dolore..vive un giorno felice..e poi per sempre muore....

  14. #14
    Postatore Epico L'avatar di ZingarellaOps
    Data registrazione
    09-09-2006
    Residenza
    Provincia di Salerno
    Messaggi
    11,811


    Leggendo i vostri messaggi mi avete fatto ricordare che da quando ho cominciato l'università sto leggendo davvero poco..e ho perso quasi di vista Kundera!
    Il suo primo libro che ho letto risale al 2001 "L'ignoranza" ma nonostante la mia memoria sia alquanto scarsa,ne ho ancora un fervido ricordo!

    poi fu la volta dell' "Insostenibile leggerezza dell'essere"(ad essere sincera fui colpita dal titolo)poi restai intrigata dall'abilità di quel continuo intreccio che Kundera riesce a dipingere tra le storie dei singoli che hanno per sfondo quelle del popolo Ceco..ti appassiona,ti trascina nelle stesse!

    Purtroppo mi son arenata con "Il libro del riso e dell'oblio"(2005 credo) e da allora non sono andata oltre questi 3 libri!

    Spero ricominciare al più presto...perchè Kundera merita davvero !!

  15. #15
    Postatore Epico L'avatar di Alesxandra
    Data registrazione
    07-02-2005
    Messaggi
    10,618
    Blog Entries
    4

    Riferimento: Kundera

    Dico anch'io la mia
    Quest'anno ho letto "L'insostenibile leggerezza dell'essere" e ho conosciuto Kundera... Mi sono innamorata del libro, appena ho letto pensieri come "L'uomo vive ogni cosa subito per la prima volta, senza preparazioni. Come un attore che entra in scena senza aver mai provato. Ma che valore può avere la vita se la prima volta è già la vita stessa?" .... Soprendente il quartetto di personaggi, impietosa e profonda l'analisi delle relazioni umane, stile unico (Kundera lo riconosci subito)...un romanzo filosofico, direi. Mi era piaciuto così tanto, ed ero sopravvissuta anche ai capitoli di caratter più storico-politico (cosa che non mi aspettavo, vista la mia avversione per la storia...ma Kundera intrecciava la storia dei singoli con quella dei popoli)...
    ...Così, volendo continuare la conoscenza dell'autore, un paio di mesi dopo ho letto "L'identità"....ma nonostante un inizio promettente, mi ha delusa. Peccato, perchè il tema è originalissimo, le idee e gli spunti non mancavano...ma decisamente non è un libro ispirato. Si sente....non ha la brillantezza e la genialità del "L'insostenibile leggerezza dell'essere", che non a caso è il suo capolavoro.... A quel punto non ho più proseguito con Kundera, ma conto di leggerne almeno un altro libro più in là....da scegliere bene quale (mi hanno sconsigliato "L'ignoranza", consigliato "Il valzer degli addii" e "amori ridicoli") ...vedremo!

Privacy Policy