• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 13 di 13

Discussione: parere

  1. #1
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    12-01-2006
    Messaggi
    61

    parere

    Vi è mai capitato che vi domandassero un parere su qualche caso, fino a che punto è lecito fare consulenze e fare una psicodiagnosi a qualcuno che vi chiede aiuto senza avere uno studio?

  2. #2
    Partecipante Super Figo L'avatar di paroletta
    Data registrazione
    07-03-2006
    Messaggi
    1,618
    Non ho capito la domanda: il parere ce lo chiede un nostro collega psicologo, oppure un cliente/utente/paziente (come lo vuoi chiamare) per se stesso?

  3. #3
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    12-01-2006
    Messaggi
    61
    mi sono espressa male, scusami..cmq il parere ce lo chiede un cliente-paziente..

  4. #4
    Partecipante Super Figo L'avatar di paroletta
    Data registrazione
    07-03-2006
    Messaggi
    1,618
    Scusami ma perché dovrebbe non essere "lecito" offrire una prestazione senza avere uno studio?

    Certo che è "lecito". Potresti ad esempio riceverlo a casa tua!

    Ma, hai avuto un invio?

  5. #5
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    12-01-2006
    Messaggi
    61
    no nessun invio, mi è stato chiesto un parere e mi sono messa un pò di scrupoli....

  6. #6
    Partecipante Super Figo L'avatar di paroletta
    Data registrazione
    07-03-2006
    Messaggi
    1,618
    Chi, ti ha chiesto un parere? In che modo? Cosa dovresti fare? Psicodiagnosi?

    I tuoi scrupoli sono "leciti", ma puoi darci la possibilità di aiutarti solo se ci racconti bene cosa ti hanno domandato.

  7. #7
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    12-01-2006
    Messaggi
    61
    mi è stato chiesto un parere in merito ad un disturbo comparso nella famiglia di quello che può essere denominato come mio paziente. Diciamo che ho fatto un pò di psicodiagnosi. Il mio dubbio è questo...posso svolgere psicodiagnosi pur non avendo uno studio? vi capita che sapendo che siete psicologi qualcuno vi esponga i suoi problemi? voi come vi comportate?

  8. #8
    Partecipante Super Figo L'avatar di paroletta
    Data registrazione
    07-03-2006
    Messaggi
    1,618
    Da quello che racconti non si capisce chi è il tuo "cliente", è un cliente vero e proprio oppure è un amico che ti ha chiesto un parere? E' molto diverso. Cosa intendi con "disturbo comparso nella famiglia?"...comunque...Non è un problema se non hai uno studio, l'importante è avere un setting (puoi leggere il libro "Colloqio in corso" in merito, ci sono veramente molti spunti di riflessione), e, avere un setting è veramente importante!

  9. #9
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    12-01-2006
    Messaggi
    61
    non è un amico ma un conoscente della mia famiglia di cui però non sapevo assolutamente niente

  10. #10
    Partecipante Super Figo L'avatar di paroletta
    Data registrazione
    07-03-2006
    Messaggi
    1,618
    Puoi provare a vedere se hai rispettato tutte le regole che governano il setting. Ti può veramente aiutare. Ti consiglio di leggere il libro che ti ho indicato. Uno degli autori è Montesarchio.

  11. #11
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    12-01-2006
    Messaggi
    61
    ti ringrazio lo farò, sò già di non aver rispettato tutte le regole, infatti ho intenzione di mollare

  12. #12
    Partecipante Super Figo L'avatar di paroletta
    Data registrazione
    07-03-2006
    Messaggi
    1,618
    Perché mollare? Tutti facciamo errori, specie all'inizio. E' meglio riconoscerli per poterne far fronte e dientare un professionista in gamba che non far finta di niente, non pensarci, non porsi i problemi e non mettersi alla prova. Se non facciamo errori...come facciamo a crescere? E' tramite l'errore che si cresce!

  13. #13
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    12-01-2006
    Messaggi
    61
    hai ragione farò come dici

Privacy Policy