• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 20
  1. #1
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di pimo_eli
    Data registrazione
    06-06-2006
    Residenza
    provincia di Varese
    Messaggi
    1,480

    Psicoterapia con la procedura immaginativa

    Ciao a tutti, cosa ne pensate di questa tipologia di approccio?
    Io sono molto interessata a questo tipo di metodologia e volevo avere informazioni da chi già frequenta questa scuola e poter così arpire una discussione con voi.

  2. #2
    tarabramanu
    Ospite non registrato
    Ciao!
    Scommetto che magari hai fatto il Tirocinio Post-Lauream all'Istituto Rocca-Stendoro di Milano lo scorso Semestre...!?

  3. #3
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di pimo_eli
    Data registrazione
    06-06-2006
    Residenza
    provincia di Varese
    Messaggi
    1,480
    Originariamente postato da tarabramanu
    Ciao!
    Scommetto che magari hai fatto il Tirocinio Post-Lauream all'Istituto Rocca-Stendoro di Milano lo scorso Semestre...!?
    No non l'ho fatto lì...lavoro in una struttura in cui lavora uno psicoterapeuta con questa preparazione ed è davvero una posizione interessante!
    Tu hai fatto il tirocinio lì!?

  4. #4
    tarabramanu
    Ospite non registrato
    Ciao!
    Sì, l'ho fatto lì anche se ero un pò scomodo logisticamente perché anch'io ero interessato a questo tipo di approccio ma indirettamente, in quanto compreso all'interno dell'approccio psicosintetico...Cmq l'Istituto di cui ti ho parlato si occupa di questa metodologia.
    Data le mia posizione di tirocinante post-lauream non ho potuto approfondire la tecnica nello specifico perché é riservata a chi fa la scuola di specializzazione o di counseling ma posseggo del materiale didattico abbastanza esauriente...La maggior parte in materiale cartaceo...Cioé libri che ho dovuto comprare per il tirocinio.
    Ad esempio: "Counseling ad orientamento con la Procedura Immaginativa" di Renzo Rocca e Giorgio Stendoro Ed. CLUEB
    Ad ogni modo, trovo quest'approccio senz'altro interessante per l'unione dell'aspetto psicodiagnostico-psicoterapeutico per cui é utilizzato, in quanto la P.I. fornita dal paziente é una "prova scritta" dell'attività, dello stato e delle dinamiche mentali attuali, in senso diacronico anche dell'evoluzione e del cambiamento delle dinamiche stesse e della ristrutturazione...Allo steso tempo anche terapeutico attraverso gli Stimoli Immaginativi dati dal tp.
    In più un altro aspetto interessante é che, benché si inserisca nell'ambito degli approcci psicodinamici, non contempla l'uso dell'interpretazione in senso analitico, come siamo stati abituati ad interderla...Anzi, non si interpreta proprio, ci si rifà alla Produzione Immaginativa del pz stesso che fornisce senso e significato (con il tp come catalizzatore) a quanto prodotto...
    Tu invece come ti sei avvicinata a quest'approccio e cosa ne pensi?

  5. #5
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di pimo_eli
    Data registrazione
    06-06-2006
    Residenza
    provincia di Varese
    Messaggi
    1,480
    Personalmente mi sono avvicinata proprio perché continuavo a sentirne parlare dal mio collega. Inizialmente avevo un po' escluso le scuole di stampo psicodinamico proprio a causa di quell'interpretazione analitica sempre presente e che invece non si ritrova in questo approccio (meno male!).
    Mi risulta interessante anche il atto che pur essendo una scuola psicodinamnica parta e si sviluppi su stimoli che sono il risultato di un processo cognitivo per eccellenza (quale appunto l'immaginazione).
    Altro punto a favore riguarda l'apertura di questo approccio a pazienti che hanno subito lesioni cerebrali, unendo così la neuropsicologia alla psicologia dinamica e alla psicoterapia.
    Il libro del counseling ce l'ho anche io (ero andata alla presentazione del libro).
    Infine per la prima volta ho sentito parlare degli psicoterapeuti con il cuore prima che con la ragione. Mi colpì molto una frase detta da uno dei due capiscuola "La tecnica la si può insegnare e di conseguenza imparare, ma se una persona non ha nel cuore questo lavoro non riuscirà bene" (be' il senso era quello le parole non proprio precise precise!). Era la prima volta che sentivo verbalizzato iò mio pensiero!

  6. #6
    tarabramanu
    Ospite non registrato
    Ciao!
    Mi pare di capire che sei abbastanza entusiasta di quet'approccio.
    L'affermazione finale che hai riportato é inequivocabile...Credo che ciò debba valere per qualsiasi approccio e spero che valga effettivamente anche per questo.
    Non avendo frequentato la scuola non posso dire se le parole sono confermate dai fatti...Posso dire che l'Istituto Rocca-Stendoro é molto "giovane" in senso professionale e quindi confermo che teoricamente offre molte più possibilità di iniziativa e crescita rispetto ad altre "scuole" già veterane.
    So che quest'approccio (rappresentato dall'Istituto) ha ricevuto conferme, riconoscimenti ed attenzioni.
    E' un'approccio (ed é una scuola) in via di sviluppo che probabilmente offre più possibilità di inserimento ai neofiti...Ovviamente secondo un'ottica meritoria s'intende!
    L'approccio in sé é valido...Una riserva che mi sento di fare in merito é che ho il timore che sia un pò riduzionistico per la metodologia che utilizza; per contro invece, é molto meno sfumato degli altri approcci psicodinamici ed é molto più diretto.
    Se non sei entusiasta dell'interpretazione analitica, in effetti questa metodologia potrebbe calzare a pennello, anche perché offre delle "griglie" esplicative che difficilmente si ritrovano in altri apprrocci psicodinamici...
    Permettimi una domanda...Hai intenzione di specializzarti in quest'ambito?

  7. #7
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di pimo_eli
    Data registrazione
    06-06-2006
    Residenza
    provincia di Varese
    Messaggi
    1,480
    Originariamente postato da tarabramanu
    Ciao!
    Mi pare di capire che sei abbastanza entusiasta di quet'approccio.
    L'affermazione finale che hai riportato é inequivocabile...Credo che ciò debba valere per qualsiasi approccio e spero che valga effettivamente anche per questo.
    Non avendo frequentato la scuola non posso dire se le parole sono confermate dai fatti...Posso dire che l'Istituto Rocca-Stendoro é molto "giovane" in senso professionale e quindi confermo che teoricamente offre molte più possibilità di iniziativa e crescita rispetto ad altre "scuole" già veterane.
    So che quest'approccio (rappresentato dall'Istituto) ha ricevuto conferme, riconoscimenti ed attenzioni.
    E' un'approccio (ed é una scuola) in via di sviluppo che probabilmente offre più possibilità di inserimento ai neofiti...Ovviamente secondo un'ottica meritoria s'intende!
    L'approccio in sé é valido...Una riserva che mi sento di fare in merito é che ho il timore che sia un pò riduzionistico per la metodologia che utilizza; per contro invece, é molto meno sfumato degli altri approcci psicodinamici ed é molto più diretto.
    Se non sei entusiasta dell'interpretazione analitica, in effetti questa metodologia potrebbe calzare a pennello, anche perché offre delle "griglie" esplicative che difficilmente si ritrovano in altri apprrocci psicodinamici...
    Permettimi una domanda...Hai intenzione di specializzarti in quest'ambito?
    Sì...ho proprio intenzione di specializzarmi in questo ambito...credo davvero sia una buona scelta.
    Tu, che hai fatto lì il tirocinio, cosa farai?

  8. #8
    tarabramanu
    Ospite non registrato
    Originariamente postato da pimo_eli
    Sì...ho proprio intenzione di specializzarmi in questo ambito...credo davvero sia una buona scelta.
    Tu, che hai fatto lì il tirocinio, cosa farai?
    Ciao!
    Sinceramente non ho ancora un'idea precisa ma non nego che lascio una "finestra aperta" su questo tipo di approccio.
    Logisticamente mi creerebbe non pochi problemi frequentare e svolgare tirocinio a Milano però non é l'ostacolo più importante.
    In un certo senso ti invidio per la tua sicurezza...E poi quell'Istituto offre delle agevolazioni e possibilità di collaborazioni per quanto mi risulta.

    Sempre parlando delle mie personali impressioni sulla P.I., credo che tale tecnica possa essere più efficace se compresa all'interno di altre tecniche psicodinamiche, ovvero credo che posa essere usata in modo "strategico" e "contestualmente" a momenti particolari di un percorso terapeutico e non in senso assoluto.
    Questo discorso vale in fondo per qualsiasi impostazione terapeutica, ma resto sempre un pò scettico davanti alle estrapolazioni di tecniche particolari utilizzate in modo esclusivo tra le quali la P.I..
    In un certo senso credo molto di più nell'efficacia di approcci integrati come ad esempio la Psicoterapia Comparata (premetto che ne ho una conoscenza molto superficiale), che in teoria dovrebbero adattarsi all'utente.
    Per contro, apprezzo la P.I. perché offrendo una "fotografia" delle dinamiche interne dell'utente permette al terapeuta di lavorare bypassando complicati sistemi interpretativi.
    Tu ti sei già isritta?

  9. #9
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di pimo_eli
    Data registrazione
    06-06-2006
    Residenza
    provincia di Varese
    Messaggi
    1,480
    Originariamente postato da tarabramanu
    Ciao!
    Sinceramente non ho ancora un'idea precisa ma non nego che lascio una "finestra aperta" su questo tipo di approccio.
    Logisticamente mi creerebbe non pochi problemi frequentare e svolgare tirocinio a Milano però non é l'ostacolo più importante.
    In un certo senso ti invidio per la tua sicurezza...E poi quell'Istituto offre delle agevolazioni e possibilità di collaborazioni per quanto mi risulta.

    Sempre parlando delle mie personali impressioni sulla P.I., credo che tale tecnica possa essere più efficace se compresa all'interno di altre tecniche psicodinamiche, ovvero credo che posa essere usata in modo "strategico" e "contestualmente" a momenti particolari di un percorso terapeutico e non in senso assoluto.
    Questo discorso vale in fondo per qualsiasi impostazione terapeutica, ma resto sempre un pò scettico davanti alle estrapolazioni di tecniche particolari utilizzate in modo esclusivo tra le quali la P.I..
    In un certo senso credo molto di più nell'efficacia di approcci integrati come ad esempio la Psicoterapia Comparata (premetto che ne ho una conoscenza molto superficiale), che in teoria dovrebbero adattarsi all'utente.
    Per contro, apprezzo la P.I. perché offrendo una "fotografia" delle dinamiche interne dell'utente permette al terapeuta di lavorare bypassando complicati sistemi interpretativi.
    Tu ti sei già isritta?
    No non ancora, sto frequentando un master quest'anno e onestamente non mi andava di sovrapporre due scuole, né per l'impegno considerevole né per il costo. Ho però già presentato il curriculum vitae ed ora apsetto che mi contattino per un colloquio...speriamo in bene!

  10. #10
    tarabramanu
    Ospite non registrato
    Originariamente postato da pimo_eli
    No non ancora, sto frequentando un master quest'anno e onestamente non mi andava di sovrapporre due scuole, né per l'impegno considerevole né per il costo. Ho però già presentato il curriculum vitae ed ora apsetto che mi contattino per un colloquio...speriamo in bene!
    Allora non posso che dirti..."in bocca al lupo!!!" e credo che se vedono che sei entusiasta e realmente interessata, non dovrebbero farti tanti problemi.
    In cosa ti stai "masterizzando", se posso chiedere?

  11. #11
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di pimo_eli
    Data registrazione
    06-06-2006
    Residenza
    provincia di Varese
    Messaggi
    1,480
    Originariamente postato da tarabramanu
    Allora non posso che dirti..."in bocca al lupo!!!" e credo che se vedono che sei entusiasta e realmente interessata, non dovrebbero farti tanti problemi.
    In cosa ti stai "masterizzando", se posso chiedere?
    Mi sto masterizzando in neuropsicologia clinica, mentre l'anno scorso ho fatto un corso di perfezionamento un po' più specifico, era solo sulla psicopatologia dell'apprendimento, molto interessante. E' che questi corsi danno tante informazioni e offrono molte conoscenze, ma poi alla fine serve anche in affiancamento una conoscenza della psicologia del profondo, di tipo dinamico, ma che ovviamente non sia troppo di tipo analitico. Come puoi vedere il mio "punto di partenza" è abbastanza cognitivo, ma non troppo cognitivo. Non so se sono stata abbastanza chiara. Proprio per questa mia visione della psicologia e del mondo della psicoterapia, credo che questa scuola di specialità possa essermi utile. So che trattano anche argomenti come la neuropsicanalisi, argomento non molto toccato da tantissime altre scuole.

  12. #12
    tarabramanu
    Ospite non registrato
    Ciao!
    Penso di aver capito cosa intendi...però nel mio caso sono ancora pervaso dal dubbio amletico:"Cognitivismo o Psicodinamica???"...E sto cercando di capirne di più.
    Visto che hai citato "neuropsicoanalisi"...Ne ho sentito parlare ma non ne so niente.
    Mi potresti illuminare brevemente in proposito?

  13. #13
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di pimo_eli
    Data registrazione
    06-06-2006
    Residenza
    provincia di Varese
    Messaggi
    1,480
    Originariamente postato da tarabramanu
    Ciao!
    Penso di aver capito cosa intendi...però nel mio caso sono ancora pervaso dal dubbio amletico:"Cognitivismo o Psicodinamica???"...E sto cercando di capirne di più.
    Visto che hai citato "neuropsicoanalisi"...Ne ho sentito parlare ma non ne so niente.
    Mi potresti illuminare brevemente in proposito?
    Secondo me potresti leggere un libro bellissimo che si intitola "il cervello e il mondo interno" di Solms. E' spiegato benissimo.
    Cmq è un po' l'unione della psicologia del profondo a quello che sono le neuroscienze e la neuropsicologia. Prima semrava fossero due strade che non potessero unirsi, ora invece sembrerebbe non essere più così.....

    prova a leggere questo vecchio 3d
    http://www.opsonline.it/forum/showth...threadid=29640

  14. #14
    tarabramanu
    Ospite non registrato
    Grazie mille per la documentazione!
    Sarà senz'altro molto interessante anche perché sono tra coloro che non credono necessariamente nel dualismo nel sistema "mente-cervello" ma semmai nella loro reciproca influenza, al di sopra della quale secondo me ci saranno sempre la soggettività e la volontà umane...Se un giorno la neuropsicoanalisi diventasse "pratica" ed applicabile...Chissà cosa direbbe Freud, se fosse ancora vivo, ed i suoi detrattori di allora e di oggi ma soprattutto la "psicosomatica" diventerebbe la nuova frontiera della psicologia!...Vabbé...Perdonami questo piccolo delirio!
    Allora ti auguro nuovamente un "in bocca al lupo" per la scuola di specializzazione e teniamoci aggiornati ok?...Chissà che magari non ci si veda un giorno all'Istituto Rocca Stendoro o ad una presentazione dei loro libri senza conoscere le nostre rispettive identità...!

  15. #15
    Partecipante L'avatar di giulioli
    Data registrazione
    25-07-2005
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    33

    chiarificazioni

    Ciao io non conosco affatto questo aproccio. Non è che mi fareste un pò di chiarezza e magari consigliarmi qualcosa in rete da visitare? Grazie

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo

Privacy Policy