• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 3 di 17 PrimoPrimo 1234513 ... UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 31 fino 45 di 242
  1. #31
    tarabramanu
    Ospite non registrato
    Originariamente postato da brina_84
    Quello delle scuole di specializzazione è un altro punto importante...sono tutte a pagamento, non è giusto, è estremamente discriminatorio! per i medici non è così', magari non ti pagano o ti pagano una miseria, ma almeno non devi rimetterci tu; perchè per gli psicologici non esistono scuole di specializzazione pubbliche?
    Ciao!
    In molti casi gli stessi docenti universitari presiedono o sono membri delle stesse scuole di specializzazione.
    Poi credo che i costi per sostenere tali scuole, nel caso fossero pubbliche e "gratuite" per modo di dire, siano troppo elevati in relazione alla quantità.
    Ci sono scuole "Statali" che magari costano meno, ma sono pur sempre a pagamento.
    Il mio timore é quello di vedermi costretto a scegliere una scuola magari più economica ma che non riflette la mia scelta effettiva.
    Inoltre non dimentichiamo che anche il materiale didattico, i seminari e le analisi didattiche sono a spese dello specializzando e per finire...Il tirocinio é gratuito!!!
    Mi unisco alla domanda di Brina _84, perché non so se ho risposto in modo esauriente.

  2. #32
    psicosarix
    Ospite non registrato
    Originariamente postato da tarabramanu
    Ciao!
    [...] Mi unisco alla domanda di Brina _84, perché non so se ho risposto in modo esauriente.

    ciao ,
    sarò breve perchè siamo ot ...

    mi sembra che questo argomento vi interessi molto e mi sembra ottimo , mi pare di capire che vorreste delle scuole di specializzazione in psicoterapia pubbliche ... il che secondo me sarebbe giustissimo!!!
    allora ... magari potreste aprire un thread sul tema e sentire cosa ne pensano i colleghi che vogliono intaprendere (o già l'hanno intrapresa) questa strada e pensare delle soluzioni da proporre all'ordine per modificare la situazione ... secondo me avreste moltissime adesioni!!!


  3. #33
    gimanana
    Ospite non registrato
    cosa ne sapete del concorso per giudici onorari minorili?

  4. #34
    Partecipante L'avatar di Trottola65
    Data registrazione
    27-11-2006
    Messaggi
    53
    Scusate, non vorrei sembrarvi antipatica, ma mi piacerebbe che la discussione rimanesse focalizzata sul tema della professione dello psicologo, anche perchè mi pare che ci siano già diverse discussioni aperte sulle scuole di specializzazione!
    Accipicchia, ci sarà pure qualcuno che vuole fare "solo" lo psicologo!. Io ci sono!
    Mai come ora sono convinta di voler cercare di essere una brava psicologa... e mai come ora sono convinta di non voler diventare psicoterapeuta...col tempo poi chissà!.
    Detto questo, dobbiamo cercare di arginare questo dilagante pensiero dell'esubero degli psicologi...sarà pur vero, come credo sia vero anche per altre professioni. Un esempio su tutti: a Como ci sono circa 1200 avvocati per meno di centomila abitanti (se non erro)...saranno mica tutti in tribunale!.
    Allora la questione è tentare di proporsi in maniera propositiva, magari in una specifica nicchia della professione (il profilo professionale di cui parlava psicosarix)...anche perchè con i tempi che concorrono, credo che le persone stiano cominciando a capire che c'è bisogno dello psicologo, più di quanto non si pensi!

  5. #35
    tarabramanu
    Ospite non registrato
    Ciao a tutti!
    Dunque, rimanendo in tema vorrei accennare sinteticamente quanto sostenuto dai nostri rappresentanti dell'Ordine al Convegno Regionale (Piemonte) del 3 Marzo.

    In relazione allo "Psicologo di Base" o "Psicologo" sostengono che esso debba:
    1) Funzionare come cerniera tra privato e sociale
    2) Sganciarsi dalla "sola" caratterizzazione clinica o terapeutica
    3) Accentuare l'ottica preventiva

    La soluzione per loro é:
    1) Ampliamento dei Campi di Applicazione
    2) Costruzione di competenze specifiche
    3) L'autopromozione della propria figura
    4) Tutela della professione
    5) Ritagliarsi attività riservate

    L'Ordine vorrebbe:
    1) Istituzione di un Ordine Nazionale
    2) Riforma del Corso di Laurea
    3) La professione annoverata come "professione sanitaria"????

    Secondo l'Ordine i problemi sono i seguenti:
    1) La domanda sociale esiste ma la risposta é stereotipata e rigida
    2) Marginalità della professione (dall'esterno)
    3) Sottovalutazione della professione (dall'esterno)
    4) Usi e abusi della professione
    5) Attività predatorie nei confronti delle conoscenze da noi prodotte da parte di altre comunità scientifico-professionali

    Ora, se vi accontentate di questo schema approssimativo (teorico e di belle parole) prodotto dai nostri "diretti rappresentanti" noi potremmo partire da esso per iniziare a dare un ordine ai nostri pensieri. Almeno sappiamo in cosa siamo d'accordo e su cosa invece dissentiamo almeno in linea teorica...
    Che ne dite?

  6. #36
    Partecipante Assiduo L'avatar di Dottoressina
    Data registrazione
    31-10-2006
    Residenza
    Caserta
    Messaggi
    218

    Psicologo e basta!!!

    Ho aperto una nuova discussione ma ho sbagliato.... in realtà volevo rispondere su questo forum.

  7. #37
    psicosarix
    Ospite non registrato
    ottimo spunto tarabramanu , grazie!
    sai dove si potrebbe trovare il materiale di cui ci fai il riassunto per poterci fare un'idea più approfondita?
    concordo con te quando dici "belle parole " e tremo soprattutto quando leggo:

    "La soluzione per loro é:
    [...]
    2) Costruzione di competenze specifiche"[...]
    ma cosa significa? ma quante ne dobbiamo avere ancora?
    io posso "tollerare" che si parli di un corso di perfezionamento, di un master, di formazione e approfondimento attraverso corsi, seminari ecc ... che comunque sono cose che fanno parte di ogni professione ... ma non possono chiederci di studiare e studiare e studiare ancora ... anche io come Trottola65 vorrei fare "solo" la psicologa .

    Originariamente postato da Trottola65
    [...]
    Accipicchia, ci sarà pure qualcuno che vuole fare "solo" lo psicologo!. Io ci sono!
    Mai come ora sono convinta di voler cercare di essere una brava psicologa... e mai come ora sono convinta di non voler diventare psicoterapeuta[...]

  8. #38
    Partecipante Assiduo L'avatar di sirena281181
    Data registrazione
    10-03-2007
    Residenza
    (CR)
    Messaggi
    148
    Ciao a tutti!
    torno per un attimo alla questione "psicologo di base"... a me non sembra un'idea e una dicitura malvagia!!!
    Accompagno spesso i miei nonni da vari medici (sia di base che specialisti) e vi assicuro che è impressionante quanto NON ascoltino i loro pazienti... quando nella maggior parte dei casi i pazienti cercano solo qualcuno che le stia a sentire!!! inoltre, i medici sono, ancora oggi, pressochè venerati!!! voglio dire che è difficile che una persona con magari non troppa istruzione o cultura decida personalmente di andare da uno psicologo... però, se in un paese avessimo ambulatorio del medico di base con a fianco quello dello psicologo di base (ok, situazione utopistica, ma concedetemela), magari non sarebbe così difficile avere pazienti... e le persone avrebbero meno diffidenza nei nostri confronti... (vedi, "curiamo i pazzi") certo, ne perderemmo magari in professionalità, ma io preferirei avere pazienti e un po' meno professionalità, che professionalità e niente pazienti!!!
    va beh, tanto questa proposta la vedo moooooooooooooolto lontana dall'essere realizzata
    ciao
    VOLERE E' POTERE

  9. #39
    tarabramanu
    Ospite non registrato
    Ciao a tutti!
    Rispondo a Psicosarix dicendo che sinceramente non so dove sia possibile reparire il materiale cui ho fatto riferimento nel mio precedente msg...Era un convegno e non so se siano stati redatti varbali reperibili e non so dove reperire le fonti citate anche se erano oggetto di studi statistici, frutto di almeno 3 ricerche completate a livello nazionale e regionale (Lombardia).
    Premetto che gli oratori non hanno perso molto tempo ad approfondire tali aspetti ed anche la mia attenzione era oscillante nel selezionare info rilevanti.
    Gli oratori hanno fornito una panoramica generale rimanendo abbastanza evasivi...Per quanto riguarda le "competenze specifiche" cui hai accennato, credo che la loro intenzione sia quella di stilare semplicemente una lista formale!!!! Non tanto quella di creare ulteriori momenti di formazione, che, come hai fatto notare, alla fine si traducono in master, specializzazioni e quant'altro...Poi, per rendere lo scenario ancora più incoraggiante, ribattono in modo ossessivo sulla necessità di svincolarci dallo stereotipo clinico ma indicano come condizione necessaria, proprio in ambito clinico, quella di dovere "fare i conti" sempre e comunque con le neuroscienze...ma dove ci portano le neuroscienze, se non al paradigma medico?...E' per quello che per me la situazione non é chiara, ma neanche lo é per loro...

    Per rispondere a Sirena 281181, anche se può sembrare strano, ribadisco che il bacino di utenza più lusinghiero nei nostri confronti é proprio quello composto da quella fascia di popolazione "più umile", perché, stando alle statistiche:"il titolo di studio più elevato influenza in modo negativo l'opinione riguardo alla psicologia (e di conseguenza su chi la esercita)"...E questo mi irrita non poco...Perché é come dire che sappiamo fare leva sulla credulità altrui alla stregua di cartomanti e fattucchiere...E inoltre comincio a credere che tutto ciò sia vero, perché di commenti poco lusinghieri nei confronti del nostro ruolo da parte di altre figure professionali più o meno qualificate con le quali sono venuto a contatto in diversi contesti, ne ho sentiti non pochi...

  10. #40
    Partecipante Esperto L'avatar di brina_84
    Data registrazione
    06-12-2006
    Messaggi
    279
    tarabramanu, per quanto è mia esperienza personale, non credo di far leva solo sulle cosiddette persone "umili", perchè come hai detto tu, loro hanno per lo più una concezione distorta del nostro mestiere, mentre le persone che hanno studiato, preferibilmente non materie scientifiche però , capiscono il nostro ruolo e la necessità della nostra figura anche in contesti diversi da quelli terapeutici, ad esempio all'interno di aziende.

  11. #41
    tarabramanu
    Ospite non registrato
    Originariamente postato da brina_84
    tarabramanu, per quanto è mia esperienza personale, non credo di far leva solo sulle cosiddette persone "umili", perchè come hai detto tu, loro hanno per lo più una concezione distorta del nostro mestiere, mentre le persone che hanno studiato, preferibilmente non materie scientifiche però , capiscono il nostro ruolo e la necessità della nostra figura anche in contesti diversi da quelli terapeutici, ad esempio all'interno di aziende.
    Ciao Brina_84
    Infatti io ho citato statistiche e considerazioni presentate dall'Ordine stesso contestualmente alla dimensione clinica...(premetto che il termine "umile" non é stato usato in senso dispregiativo ma per semplificare il msg) e mi fa piacere il fatto che ci sia qualcuno che possa testimoniare in senso opposto ai risultati generalizzati di una statistica il cui movente é già di per sé irritante: che cosa si doveva dedurre?...Io ho fatto la mia deduzione...
    Riguardo alla dimensione delle organizzazioni non ho esperienza neanche indiretta e presumo che vi siano altri meccanismi.
    Circa la sottovalutazione della nostra professione, invece ho riportato una considerazione maturata in base alla mia piccola e personale esperienza; le figure professionali cui mi riferisco sono quelle impegnate principalmente nel settore sanitario ma non sono le uniche...E' nel mio interesse scoprire altre opinioni ed esperienze che disconfermino il mio "pessimismo"...Grazie per la tua disconferma!

  12. #42
    Partecipante Esperto L'avatar di brina_84
    Data registrazione
    06-12-2006
    Messaggi
    279
    Mi fa piacere averti dato una speranza , era questo il mio intento
    Lo so che nel nostro ambito ci buttiamo sempre giù, perciò anche qst piccole cose possono servire, ihihihi
    A presto

  13. #43
    psicosarix
    Ospite non registrato
    Originariamente postato da sirena281181
    [...]ne perderemmo magari in professionalità, ma io preferirei avere pazienti e un po' meno professionalità, che professionalità e niente pazienti!!! [...]
    ciao
    naturlamente immagino che non lo pensia davvero e che parli cos' proprio perchè coem tutti noi vorresti un lavoro ed inq uesta aottica ti capisco benissimo ... però generale non posso concordare con te è proprio perchè la nostra professione è considerata a bassa professionalità che siamo in questa situazione ... noi abbiamo bisogno di alta professionalità per avere i pazienti/clienti ... le persone, se devono mettere se stesse in mano a qualcuno, vogliono delle sicurezze, vogliono un'alta professionalità ... la psicologia in Italia non è vista come una scienza che dà delle certezze è vista come una sorta di "filosofia" e lo psicologo (quando non è identificato col "medico dei matti") è identificato come "uno che ascolta" e questo dà un'idea di bassa professionalità!!!
    noi sappiamo che la psicologia e lo psicologo sono molto di più, ma dobbiamo farlo capire agli altri!!!


    grazie tarabramanu ... speriamo di essere sulla strada giusta ... se per "competenze specifiche" intendono una lista formale io sono con loro! il master magari me lo faccio lo stesso, ma almeno per scelta e non per obbligo

    io invece di psicologo di base proporrei:

    - psicologo consulente
    - psicologo generale


    brutti


  14. #44
    Partecipante Assiduo L'avatar di sirena281181
    Data registrazione
    10-03-2007
    Residenza
    (CR)
    Messaggi
    148
    [QUOTE][i]naturlamente immagino che non lo pensia davvero e che parli cos' proprio perchè coem tutti noi vorresti un lavoro ed inq uesta aottica ti capisco benissimo ... però generale non posso concordare con te è proprio perchè la nostra professione è considerata a bassa professionalità che siamo in questa situazione ... noi abbiamo bisogno di alta professionalità per avere i pazienti/clienti ...


    Perdonami, non mi sono espressa bene... con "bassa professionalità" non intendevo "scarse capacità o scarsa formazione"... però porsi in modo "umano" come fa il medico di base e non come fa il mega luminare, magari potrebbe aiutare ad avvicinare fasce più larghe di popolazione, che ancora oggi vedono lo psicologo solo come medico dei matti o interpretatore di sogni... poi, venendo in contatto diretto capiranno che abbiamo anche noi il nostro perchè e meritiamo di essere venerati tanto quanto i medici
    Scherzi a parte, magari dico stupidate, sono solo neolaureata per ora e non ancora in contatto col mondo reale

    Cmq questo forum mi sta aiutando molto a chiarire le mie confuse idee... grazie a tutti
    Ultima modifica di sirena281181 : 22-03-2007 alle ore 22.29.13
    VOLERE E' POTERE

  15. #45
    psicosarix
    Ospite non registrato
    Originariamente postato da sirena281181

    Perdonami, non mi sono espressa bene... con "bassa professionalità" non intendevo "scarse capacità o scarsa formazione"... però porsi in modo "umano" come fa il medico di base e non come fa il mega luminare, [...]
    non ti preoccupare alle volte si va così veloci sulla tastiera che si fa un po' di confusione ... guarda solo il mio post precedente ...

    ... è vero che alcuni colleghi fanno cadere il loro sapere dal cielo ... ma secondo me è proprio perchè si atteggiano a "medici della mente" ... penso che andando avanti nel tuo percorso scoprirai che molti di noi sono persone molto umane ... il problema è che le persone non sanno abbastanza bene chi siamo e quale sarebbe il nostro lavoro e così spesso hanno delle pretese incomprensibili nei nostri confronti ... tipo che capiamo tutto di loro in 4 secondi e gli risolviamo il problema in 2 minuti ... o che abbiamo immediatamente la soluzione bella e pronta per qualsiasi cosa ... mah!

    Ultima modifica di psicosarix : 23-03-2007 alle ore 01.32.20

Pagina 3 di 17 PrimoPrimo 1234513 ... UltimoUltimo

Privacy Policy