• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 5 di 5
  1. #1
    Partecipante Esperto L'avatar di silviats
    Data registrazione
    06-11-2004
    Residenza
    trieste
    Messaggi
    431

    approccio a tutto campo

    ciao a tutti,

    vorrei un consiglio sulla scuola di specializzazione, posto che non credo molto nella dinamica classica, quale tipo di scuola secondo voi mi permetterebbe di spaziare come casistica e possibilità di intervento se aprissi uno studio mio?

    nel senso, la sistemica prepara per lavorare esclusivamente sulla famiglai, l'infant observation sui bimbi piccoli etc... c'è qualche approccio che permetta di lavorare con adulti, bambini, anziani, disabili etc senza essere eccessivamente settoriale?

    grazie!

  2. #2
    Postatore OGM L'avatar di willy61
    Data registrazione
    20-09-2004
    Residenza
    Albino (BG)
    Messaggi
    4,192
    Blog Entries
    281
    Ogni scuola di psicoterapia ti prepara per poter lavorare su chiunque ti chieda aiuto. Certo, alcuni settori, o alcuni disturbi, o alcuni gruppi di persone verranno trattati più approfonditamente, in funzione dell'indirizzo teorico della scuola. Ma, ad esempio, un mio ex docente (sistemico) è un ottimo terapeuta individuale. La mia attuale psicoanalista si è specializzata in psicoterapia infantile...
    Non è la corrente teorica a are psicoterapia, è lo/la psicoterapeuta. La sua storia, la sua esperienza.

    Quindi scegli la scuola che senti più "tua", senza fretta, perché è una di quelle cose che ti cambiano e ti formano la vita. Poi applicherai quel che hai imparato ai contesti che ti capiteranno sotto mano, o a quelli che sceglierai tu.

    Buona vita

    Guglielmo
    Dott. Guglielmo Rottigni
    Ordine Psicologi Lombardia n° 10126

  3. #3
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di el loco
    Data registrazione
    24-08-2004
    Residenza
    Lecce - Milano - Parma- Figline
    Messaggi
    1,032
    Blog Entries
    8
    ve la butto lì... approccio diciamo comprendente, allargante, ampliare. Magari non la cura ma il contesto. Credo sia interessante. Lo è.

    "... per favore Dio, per favore Knut Hamsun, non abbandonatemi adesso." (J. Fante)



    http://youtube.com/watch?v=jjXyqcx-mYY

  4. #4
    Ciao! Io frequento l'Istituto di Psicologia Clinica Rocca-Stendoro che utilizza una metodologia (procedura immaginativa) utilizzabile in diversi ambiti e con diversi tipi di utenza.
    Puoi dare un'occhio al sito: www.rocca-stendoro.it

  5. #5
    Partecipante Esperto L'avatar di Santiago
    Data registrazione
    27-03-2004
    Messaggi
    471
    La terapia sistemica non permette di lavorare esclusivamente sulla famiglia. La terapia della famiglia è una tecnica, sicuramente maggiormente padroneggiata nell'ambito della teoria sistemica, ma oramai parzialmente diffusa anche in altri orientamenti. A quel che ne so io poi l'infant research non è un orientamento teorico e tanto meno una tecnica terapeutica: è semplicemente un indirizzo di ricerca guidato da un retroterra teorico di stampo psicoanalitico.
    Come dice Willy ogni scuola di psicoterapia, sulla carta, ti prepara a lavorare con ogni tipo di utenza, a meno che sia chiaramente specificato dallo statuo della scuola stessa. Poi ovviamente ogni scuola e ogni orientamento hanno fatto "più pratica" con patologie differenti.
    L'unica cosa su cu sento di soffermarmi è sulla verifica empirica del trattamento psicoterapico: al di là di quanto solitamente si sente sussurare non esistono terapie egemonizzanti. La scelta, a mio modo di vedere, dovrebbe vertere sulla compatibilità tra il nostro pensiero sulla cura e sui capisaldi epistemologici della teoria su cui vogliamo formarci: la discrepanza è fertilità... ma entro certi limiti...

    Santiago
    "Soltanto i pesci non sanno che è acqua quella in cui nuotano, così gli uomini sono incapaci di vedere i sistemi di relazione che li sostengono" L. Hoffmann

Privacy Policy